giovedì 13 febbraio 2014

Dimmi con chi dormi









Non date retta a tutti sti articoli, per piacere.
Avete presente, no? Ci schiaffano 6 posizioni, tu ti riconosci in una e tho! Pronto il tuo profilo.
Maddechè.
Io in una notte le faccio tutte!! Da qui si evince che ho una personalità alquanto complicata.
A pancia in su, a pancia in giù, in posizione fetale, a braccia aperte, a gambe chiuse, a pugni stretti...
È una piaga, lo so. Soprattutto per chi mi sta vicino. Un minuto di raccoglimento per il povero Santo che divide il letto con me tutte le notti da diciassette anni. Poraccio. Che vita.
Perché io so' agitata pure lì. Sì, dormo. Ma mentre dormo mi muovo, giro, vago in modalità supersminchio. Se dormissi in un letto di sette metri per otto, io in capo a una notte lo girerei tutto. Garantito al limoncello.
Stai serena che io lo faccio cm per cm manco dovessi cercà un tesoro. E ogni mattina, il letto, è un campo di battaglia. Soprattutto dalla mia parte. 
Il Santo invece no. Lui dorme bellino, composto, non fa una piega. Mantiene il suo aplomb anche mentre dorme. E meno male perché a differenza di me, lui è quasi un metro e novanta e mi ritroverei schiacciata una mattina sì e una pure.
Io invece dormo a uomo di vitruvio.
A pelle d'orso.
A X.
A Y.
A K.
Spalancata come una finestra.
O attorcigliata come un tortellino.
A volte, mi racconta, stranamente mi trova supina, dritta dritta, tutta composta, con le braccia conserte tipo morta. Roba che se mi metti un fiore tra le mani, Tim Burton mi scrittura subito per un film.
Un'ora dopo ho la gamba piegata sopra un braccio, la testa girata come le bimbetta dell'esorcista e i piedi girati al contrario.
Praticamente sono un film dell'orrore.
Comunque mi muovo molto, anche se raramente faccio incubi. E menomale. Lui se ne accorge perché a quel punto parlo nel sonno. O piango. O mi lamento. Allora mi sveglia “Simo...”
“Oh...eh? Che è?”
“Stavi sognando...chiaccheri...maremma maiala sono le tre...”
“Ah...e che dicevo?”
“Cazzo ne so, dormi.”
Cioè, non mi sta neppure attento. Voglio dire, potrei anche dare dei numeri vincenti.
A quanto pare invece do i numeri e basta.
Comunque dai, non sono troppo agitata. No, no, tolgo solo le federe dai cuscini.
Avete letto bene. Un numero che manco Houdini. Ora potete vantarvi di conoscermi.
O se vado a letto coi calzini la mattina ho i piedi nudi. Ndo cazzo sono i calzini? Quasi sotto al materasso.
Potete ben capire che non sono mai potuta essere una di quelle donne che va a letto coi bigodini, perché sicuramente li avrei sparati tipo proiettili e li avrei ritrovati in culo al gatto a mo' di supposta.
Spalmarmi una crema ricca e nutriente?
La mattina il lenzuolo sembrerebbe la sacra sindone.
Le forcine per mantenere la piega?
Me le ritroverei in bocca a mo' di apparecchio.
E quando una donna è così, c'è da aver paura. Perché vai a letto tranquillo e ti alzi con un occhio nero.
Sì. Purtroppo capita.
Altro minuto di raccoglimento per il Santo. O pagategli un viaggio per andare il più possibile lontano da me.
C'è stata una notte in cui, presa dalla foga delle prove del balletto, in cui ho dormito ancora più agitata. Vojo dì, ci sta l'adrenalina dell'evento, no?
Dadaumpa qui, dadaumpa là, fatto sta che mi son girata di scatto e Sbam! Legnata in mezzo al naso al poro cristo accanto a me. Di man rovescio, proprio.
“Oioi...oioi”
Cioè, tu dormi tranquillo e t'arriva na mazzata sul naso. Così. A notte fonda.
Ogni uomo desidera fare questa esperienza almeno una volta nella vita. Alla seconda non ci arriva perché ti uccide, ovvio. A meno che non sia un Santo, con una missione da svolgere o una croce da portare.
Io sarò la sua croce, che vi devo dire.
Però non è che quelli che fabbricano la biancheria vogliono bene ai tipi come me.
Parliamoci chiaro, le coperte, per me, sono sempre troppo corte. I piumoni troppo piccoli. I cuscini troppo pochi. I lenzuoli poco elastici. Ma ti pare che io non possa tirare un lenzuolo senza scoperchiare il Santo? Cioè, a me la mia metà non basta.
Sant'Andrea negli anni ha provato con grafici, disegnini, lezioni al piccì ed esempi pratici.
“Bella de papà: quando vuoi girarti alza la coperta, girati e ricopriti. Così, vedi? Non è difficile. Guarda se lo facessi io”
L'ha fatto. E se dovesse succedere stanotte vi saluto adesso, perché morirei assiderata.
Nonostante ciò continuo a scoprire l'omo santo perché io quando mi giro mi arrotolo tipo bozzolo. Tipo cannolo.
Tipo mummia.
Andrea la mattina per capire ndo cazzo sono, prende un lembo, tira, e io srotolandomi appaio.
In tutta la mia folgorante bellezza.
A volte c'ho delle piaghe sulle guance che sembrano cicatrici. Rambo, paro paro.
Per non parlare di quando vado a letto. Le donne dei film si siedono composte, finiscono di spalmarsi la crema idratante sul viso, scuotono un pochino i piedi per togliere le ciabatte e si adagiano accanto al marito.
Andrea quando entro in camera assume un' espressione di terrore e dice una preghierina, non vi dico altro. Agguanta il lembi della coperta e mi fa “Ecco il terremoto. Dio, dammi la forza, ti prego” e il Signore lo asseconda, eh?
Perché io non mi adagio. Mi tuffo. E nel letto spesso ci entro carponi. Perché, soprattutto d'inverno, il mio posto è là, accanto a lui, portatore sano di calore per i miei amatissimi, dolcissimi piedini di fata. Perché il posto dei piedi delle donne non sono nei decolletè di Prada, sono tra le cosce ignude del marito. Ditelo alle vostre figlie. Un uomo che ti ama, non ti paga un paio di sandali gioiello di Dolce e Gabbana. No. Ti permette di infilare i tuoi bastoncini findus tra le cosce. Quello è amore vero.
E di sbavare sulla sua maglietta, se necessario.
Quindi, cari i miei scienziati/psicologi, i test vanno cambiati.
Non più Dimmi come dormi e ti dirò chi sei.
Ma Dimmi con chi dormi e ti dirò come sei.
Nel mio caso, vista la dinamica, la risposta sarebbe: fortunata.

E voi? Dormite tranquilli?





23 commenti:

  1. noo, io non sono proprio così agitata. tanto che spesso mi addormento in una posizione e al risveglio sono ancora così. forse è perchè il sonno è tanto e vado in coma profondo una volta tirate su le coperte. però una-due sgomitate al poro cristo di fianco le ho date pure io, nel tempo. nell'occhio e sul naso. concordo con la posizione: piedi congelati tra le tue cosce. ma anche dormire abbracciati tutta la notte non è male. forse lo fa x tenermi ferma?
    marta

    RispondiElimina
    Risposte
    1. correggo l'errore di battitura : piedi congelati tra le SUE cosce.

      Elimina
    2. ah ah ah può essere! Io di norma, dormo un po' agitatina. Poi ci sono quelle notti in cui mi muovo meno e in quelle in cui mi muovo di più. Però MAI, ripeto MAI mi sono addormentata in una posizione mantenendola fino alla mattina. Se dovesse accadere, il Santo dovrebbe chiamare il medico legale! :-D

      Elimina
  2. Ahahahah! MERAVIGLIOSA! :)
    Nel mio caso, io sono Sfortunata, ma contenta...nel senso che l'uomo con cui dormo si agita un pò come te, palpa e addirittura MORDE. Poi la mattina, nulla...il vuoto nella sua mente. Arriverà il giorno in cui mi vendicherò, lo giuro :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. vabbè, il palpamento è insito nell'uomo, lo sappiamo, nevvero? Ma pure i morsi :-D fai bene a vendicarti!

      Elimina
  3. oddio ma sono io! ahahahah
    io di notte, in ordine di frequenza:
    - russo (ho la deviazione del setto nasale, mica è colpa mia eh! :D ),
    - parlo (una notte ho svegliato mio marito prendendogli il braccio e dicendogli "dobbiamo cercare i disegni della superstrada!" O_____O),
    - digrigno i denti (c'ho provato a mettere il bite, ma la mattina me lo ritrovo o sotto l'ascella o ai piedi del letto)
    e quando mi rigiro nel letto a volte salto, oltre ovviamente a rubare le coperte al povero consorte...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ecco, hai fatto bene a citare tutto.
      Io non russo e nemmeno il Santo. Lui, se particolarmente stanco, può avere il respiro un po' più pesante, ma forse anche grazie al fatto che non fuma, non russa. Io nemmeno, ogni tanto però vado in apnea, quindi faccio dei versi. Ma è difficile. Il fare discorsi strani senza ricordarseli è prerogativa di Alice :-) Il salto mentre mi giro invece mi manca!

      Elimina
  4. Io in posizione fetale, mentre mio marito dorme a mo' di salma: pancia in su e braccia incrociate sul petto...allegro vero?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. uahuahhahahhahahah!!! Uno spettacolo!!

      Elimina
  5. Mi unisco al gruppo delle agitate!Però il mio compagno di notte...RIDE!°__°

    RispondiElimina
  6. Oddio come ti capisco! Faccio più attività fisica nel sonno che palestra!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. sarà per quello che la mattina mi alzo col mal di schiena? :-D

      Elimina
  7. Ti dico solo che mio marito ancora racconta di quando una notte, dormendo, mi sono messa seduta sul letto ed ho esclamato "E' ufficiale sono una deficiente!" e mi sono rimessa giù a ronfare come se nulla fosse! Lui terrorizzato non ha più dormito e la cosa bella che la mattina me lo ricordavo perfettamente!!! Della serie "esci da questo corpo"...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. uahuahahhahahhauaahah!!! No, ma mi fate morì!

      Elimina
  8. io mi muovo poco posso andare a letto con le forcine nei capelli ma tanto la messa in piega se ne va comunque...mio marito è tranquillo ma ogni tanto sorpresa: se ho il raffreddore emetto strani suoni tra il russare e il chiacchericcio...spesso lo sveglio e magari si trasferisce sul divano :O

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io vado sul divano quando mi sento male, per non disturbarlo. E lui fa uguale. Penso sia positivo rendersi conto di rompere le balle! :-D

      Elimina
  9. ahahahhah, Simo, sei una forza della natura (in tutti i sensi!)

    In ogni caso se prima di leggere questo post mi avessero chiesto: "Secondo te come dorme la Fruzzetti?" sappi che avrei risposto correttamente! :D :D :D

    BaSci

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Insomma via, non ti racconto niente di nuovo!!!
      Mannaggiaaaaa!! :-D

      Elimina
    2. ...diciamo che mi sarei sorpreso di più per una frase del tipo:
      "Vado a letto a piedi nudi e mi ritrovo coi calzini"!
      :D :D :D

      Elimina
  10. Santo, Santoooo, Santo è il Sign....macchè, Andrea!!!!
    Urca.
    Te non stai buona manco quandi dormi.
    Non gli si può nemmeno suggerire di anestetizzarti...
    Mi sa che sei più agitata da addormentata che da sveglia!
    Idea!
    Potrebbe non farti dormire! Ahahahah! :-D
    Ma se porta pazienza da 17 anni, vuol fire cge dietro ogni pugno addormentato c'è una carezza! ♥
    Baciotti.
    Nunzia
    PS.
    Anch'io credo che il vero sia permetterci di scaldarci i piedini gelati tra le loro gambe.
    ;-)

    RispondiElimina
  11. diciamo che si! dormo abbastanza tranquilla nonostante mio figlio di 18 mesi che si gira e rigira e ci costringe in un angolino,,, altro che posizioni dell'amore!!!! :)
    complimenti, adoro il tuo blog e come scrivi
    Pamela

    RispondiElimina
  12. Hahahhaahhaha! ho appena scoperto il tuo blog , ma con questo racconto mi hai conquistata! Inizio a seguiti perché sono sicura che ci sarà da ridere! ;)

    RispondiElimina

Nel frattempo, visto il periodo, vuoi una tazza di thè?

LinkWithin

Related Posts with Thumbnails