giovedì 12 novembre 2015

Pilates: questa disciplina non s'ha da fare


                                                                                     Foto da: http://www.oriente-occidente.it/


Tu, donna o uomo che mi stai leggendo, fai Pilates?
Bene, sappi che ti stimo tantissimo. E ti invidio. Ma tanto. Sei probabilmente una persona calma, riflessiva ed equilibrata.
Io no, infatti ieri ho avuto l'ennesima sconfitta.
Per via degli incastri sminchiati della giornata, ieri sera mi sono ritrovata a scegliere il corso di Pilates per non saltare la palestra a metà settimana. Per me era la prima volta e come tutte le prime volte parto piuttosto convinta e positiva per alcuni punti. Punto primo: per alcuni fastidi che ho alla schiena Pilates me lo hanno consigliato in dodicimila quindi ero carica. Punto secondo: la coach che insegna Pilates è la stessa che insegna il mio corso di Total Body quindi una persona preparatissima, che conosco, che adoro, che mi fa divertire e che sa il fatto suo. Ero in una botte di ferro. Punto terzo: se lo fanno in tanti deve essere ganzo abbestia per forza.
Punto quattro: mi sono addormentata.
Giuro.
Allora: Pilates è una disciplina bellissima, a mio avviso, ma che non possono fare tutti. O quantomeno, per farlo, ti deve piacere, perché se non ti piace lo fai male e se lo fai male non sudi e se non sudi vuol dire che lo fai male. Non se ne esce.
È una questione anche di passione, secondo me. Se una cosa mi piace e voglio farla non ce n'è, io la imparo. Ho imparato a cucire a macchina seguendo mia madre, ma più che altro spinta dalla passione. Così come ho imparato a dipingere, disegnare, fare dolci, scrivere e pure alcuni lavoretti di muratura per la passione che ho verso casa mia. E per Pilates io la passione non ce l'ho. Non è scattato il colpo di fulmine, non è la disciplina che fa per me. Semplicemente.
Una delle maggiori difficoltà che ho incontrato sono state la respirazione e la concentrazione. Siamo stati un'ora a inspirare...espirare...inspirare...espirare...inspirare...espirare. E niente dopo due volte ho cominciato:
-a canticchiare una canzone
-grattarmi il naso
-pensare “Tho! Guarda che bella tonalità di arancio la maglietta di quella lì!Chissà dove l'avrà comprata.”
-pensare di farmi fare il doppione del cd che stavamo ascoltando.
-pensare: Concentrati Simo. Concentrati concentrati concentrati concentrati...E questa unghia scheggiata? Quando me la sono rotta, maledizione?
-pensare: Devo stare zitta devo stare zitta devo stare zitta devo stare zitta devo stare zitta... “Ehm, scusate, ma a voi non ghiacciano i piedi?”
-fare mentalmente la lista della spesa di stamani “Allora...il latte, i biscotti, lo scottex...a proposito di scottex, dove l'ho messi i buoni sconto? Vuoi vedere che l'ho persi? Ma no, li ho messi in borsa. Sì, ma quale borsa avevo l'ultima volta? Quella nera? Mmh...forse sono nella tasca interna dove ho messo pure il numero di telefono del medico per mamma. Oddio! Non avrò mica perso pure quello! Mi' madre m'ammazza!”
“Simo, stai respirando male.”
Cazzo, non sto proprio respirando, ho trattenuto il fiato inorridita dall'avere perso un numero di telefono importante. Voi non potete capire, è na tragedia!
Insomma, un gran casino. Non riesco a fare miei tutti i punti principali di questa disciplina, tipo: (fonte wikipedia)
*La concentrazione: massima attenzione e concentrazione in ogni esercizio, la mente deve essere il supervisore per ogni singola parte del corpo.
Bene, non vorrei dirlo, ma il mio unico neurone fa già fatica a gestirsi da solo figuriamoci il resto del corpo.
*Il controllo: controllo su ogni parte del corpo, non si devono effettuare movimenti sconsiderati e trascurati
Odio ribadire un concetto ma ho fatto esattamente questo. E di gesti sconsiderati sono la campionessa, scusate se è poco.
*Il baricentro: visto come centro di forza e di controllo di tutto il corpo.
Io non ho un baricentro, io ho un gran casino. Roba che quando ho provato a fare il test alla Wii Balance mi è stato risposto "Smettete di fare i cretini e montate uno alla volta.
*La fluidità:questo principio è la sintesi di tutti i concetti precedenti.
Risposta di Simo: non pervenuta.
*La precisione: ogni movimento deve avvicinarsi alla perfezione, un lavoro a circuito chiuso dove l'insegnante deve avere continui feedback dall'allievo.
Non so voi, ma la prima parte del discorso a me spaventa da matti.
*La respirazione deve essere sempre ben controllata.
Allora procuratemi un cecchino che mi punti un fucile in mezzo alla fronte, perché solo sotto minaccia forse ce la faccio.

Insomma, come avrete capito, la respirazione va a farsi fottere, la testa pure e, principalmente, mi annoio a morte. I movimenti lenti, di concentrazione, di sforzo anche, non fanno per me. Quelle tre volte alla settimana che vado in palestra io ho bisogno di sudare copiosamente saltellando come una gazzella a ritmo di musica. Io mi scarico solo se duro fatica, se mi muovo, e soprattutto se rido e chiacchero. Da questo si evince che Pilates è l'ultima cosa che posso fare. Ho sbadigliato diciotto volte e non ho fatto NULLA di quello che mi è stato chiesto. E quel poco che ho fatto l'ho fatto MALE.
Me ne sono resa conto subito e se ne sono resi conti pure gli altri perché quella accanto a me faceva la spia alla maestra:
“Eh, ma lei sta respirando male! Guarda che devi fare così! Ci credo che non provi fatica, stai sbagliando tutto! Coach, guarda? Vedi che fa il movimento sbagliato?”
Ora. Già l'approccio non è stato idilliaco. Già che respiro a cazzo di cane di mio e dovresti sentirmi la notte quando rantolo con la bocca spalancata e la bava alla bocca e quindi mi ci vorrebbero diecimila lezioni per imparare a farlo bene. Già non mi sta piacendo con questi movimenti lenti che non faccio manco la mattina appena sveglia per stirarmi. Già con questo inspira ed espira che sembriamo tutte in sala parto pronte a sparare il pupo nelle mani dell'ostetrica, mi sento deficiente. Già non riesco a concentrarmi perché sto pensando a come ucciderti senza lasciare tracce se continui a rompermi le palle, voglio dire... stai zitta. Chetati. Concentrati per i cazzi tuoi. Non fare la spia che poi non sei figlia di Maria, non sei figlia di Gesù e domani non piove più. Eh.
Quindi, fatto così, non mi serve a niente. Per avere benefici dovrei eseguirlo correttamente ed essere predisposta a collaborare. Ma io non ragiono di testa, ragiono col core e il core mi dice che sono una persona casinista, inquieta e con problemi di concentrazione (soprattutto se una cosa non mi piace). Mi hanno pure detto che non solo mi farebbe bene alla schiena, ma anche alla mente perché imparerei a gestire la respirazione (fondamentale per un buon equilibrio psicofisico) e le mie emozioni. Peccato che per fare tutte ste cose io mi rompa semplicemente i coglioni. Bon.
Ovvio che è una tacca su “Le cose che non mi riescono,” e non ne vado certo fiera, ma ho fatto pace col cervello da un po' e riconosco i miei limiti.
In breve: se mi dovessero consigliare questa disciplina per i problemi di schiena che ho, il mio approccio sarebbe lo stesso come se dovessi prendere una medicina: non mi piace ma devo farlo.
E chissà perché mi viene in mente una supposta.


16 commenti:

  1. Io ho fatto pilates, e devo dire mi piaceva da matti...
    Mmm avevo scritto un commento lunghissimo, quasi quasi ne faccio un post :)
    Comunque ho scritto al passato, quindi si capisce com'è andata a finire :D

    Maira

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io ho visto le persone intorno a me e l'ho viste concentrate e motivate. E questo ha fatto sì che mi sentissi ancora di più un pesce fuor d'acqua. Ripeto: a me farebbe BENISSIMO, ma non riesco e trovo assurdo obbligarmi a fare una cosa in cui non mi sento a mio agio.

      Elimina
  2. Di solito si fa palestra per salute non per divertimento, capisco che pilates é noioso ma fatto come si deve fa bene. Simona te sei un vulcano attivo per forza non ti piace.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Infatti vado a correre per salute (vedi post precedenti) e in palestra sia per salute che per divertimento. L'ho scritto anche io e lo so che se fatto bene è una manna e so anche che mi farebbe benissimo. Se hai una ricetta per farmelo anche piacere, ti prego di dirmela :-D

      Elimina
    2. Simo la ricetta non c'è ! Se vuoi farlo per la tua salute lo fai e basta altrimenti fai altro ! Puoi alternare ogni tanto.

      Elimina
    3. è quello che sto tentando di dire da stamattina

      Elimina
  3. Ero scettica pure io, abituata a nuotare figuriamoci il Pilates...invece l'ho scoperto questa estate ed è stato colpo di fulmine...e son mica tanto concentrata e equilibrata, fidati...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono contenta per te. Il colpo di fulmine a me è mancato, forse mi ci innamorerò piano piano ;-)

      Elimina
  4. Ahhh... mi chiedevo se avrei mai potuto fare un corso di pilates. Ora lo so : NO NO NO E ANCORA NO!! Grazie Simo, sei stata esaustiva! :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. no no no Annamaria, faresti un grosso errore. Non lo sai finché non provi, magari ti piace! Provalo almeno una volta poi mi sai dire.

      Elimina
  5. sembri me,quando mia sorella mi ha iscritto a una seduta di yoga meditativo! di sera alle 9 d'inverno io mi sono addormentata dopo 5 minuti..forse ho anche russato!
    Proprio non fa per me!

    RispondiElimina
  6. La zumba. Divertente e scarica un sacco ;-))) (anche a me cade la palpebra con yoga e pilates...)

    RispondiElimina
  7. Ogni tuo post vale dieci lezioni di Pilates :-D
    P.s.: io sono come te :-)

    RispondiElimina
  8. E FINALMENTEEEE!! E non ce la facevo piu' a sentir magnificare il magnificissimo PILATES! Mi annoio, mi distraggo, mi piglia il freddo e tutto quello che hai detto te. AAAAhhhh che liberazione. (Vale anche per lo yoga ma non lo dico perché mi vergogno)

    RispondiElimina
  9. Ma noooooo......pilates è quella disciplina che quando la fai per le prime due-tre settimane poi non ti muovi più per due giorni perché i muscoli si sono atrofizzati!!! Certo...il mal di schiena però è passato!!!
    Mi sono iscritta in palestra stamattina.....mi sfiderò alla grande se riuscirò ad andarci 3 volte alla settimana!!!!
    Prima lezione di pilates stamani: non mi sento le gambe e dire che faccio già zumba!!!
    Barbara

    RispondiElimina
  10. ahahah..grazie sei stata utilissima con questo post!!!
    http://www.gruppocmservizi.it

    RispondiElimina

Nel frattempo, visto il periodo, vuoi una tazza di thè?

LinkWithin

Related Posts with Thumbnails