Biscotti


*****************************
Biscotti e mini tartellette al mais



Ieri, mentre mettevo a posto in dispensa, ho rigirato tra le mani un pacchetto di farina di mais che stava sulla mensola da Natale.E' una farina molto rustica macinata con mulino a pietra che viene nientepopòdimenochè dalla Garfagnana.Na robina rustica e buona, dono della mia capa insieme al mio pacco di Natale.



E' che in casa nostra la polenta piace solo fritta. Ma io fritta non la volevo fa'. Oh, quando mi impunto, mi impunto. Allora mi cerco delle ricette alternative per utilizzarla. Incappo in mille ricette, ma quella che mi colpisce di più è una ricetta dolce: i biscotti!
M'è partito l'embolo. Farò i biscotti al mais. Piacciono a noi i biscotti al mais? E che ne so? Bisogna provare.
Ora. Qui c'è un problema. In corso d'opera della ricetta che ho visto, mi sono resa conto che c'era qualcosa che non quadrava. Proprio no. La pasta era troppo secca, si sentiva troppo il burro e non c'era verso di far stare compatta la pasta. Sapete quando un sesto senso ci bussa alla spalla e ci dice "C'è qualcosa che non torna..." tipo Jessica Fletcher quando si aggira tra cadaveri e lenzuoli bianchi. Poi avevo il diavoletto sulla spalla sinistra che mi diceva "Ma che minchia stai facendo? E tu ti fidi ancora delle ricette in rete? Ma lo vedi che la pasta non regge?" dall'altra avevo l'angioletto che invece mi diceva "Calma, Simo. Ce la puoi fare. Manca solo qualcosina. Concentrati. Te che faresti?"
Allora con uno sputo ho buttato di sotto il diavolo e ho deciso di dar retta all'angioletto.
Quindi la ricetta che andrete a leggere è una mia personalissima interpretazione della frolla al mais, che vi permetterà di fare dei biscotti, crostatine e tartellette veramente, ma veramente buonissimi.

Cosa vi serve:

200 gr di  farina di mais
130 gr di farina 00
130 gr di burro
100 gr di zucchero
1 uovo
4 cucchiai  di latte
scorza grattugiata di un limone
un pizzico di aroma di vaniglia
Per la farcitura 
marmellata ai gusti che preferite
cioccolato fondente da fondere

Cosa dovete fare:

Accendete il forno e portatelo a 180°.
Poi in una ciotola mischiate le due farine nelle quali aggiungerete il burro (fuso o morbido), il latte, l'uovo e lo zucchero. A questo punto finite con l'aggiunta della scorza grattugiata del limone e con l'aroma di vaniglia. Trasferite tutto sul piano di lavoro e impastate cantando. Quando la vostra palla di frolla sarà omogenea, profumata  e compatta, potete tornare bambini e prendere gli stampini per i biscotti.
Stendete la pasta col mattarello ( e che ve lo devo dire io?) e fate i vostri biscotti. Io ho usato metà pasta per fare  i biscotti a forma di farfalla (per Alice) e metà pasta per delle tartellette alla frutta (per Andrea).
Sì, il Santo adora la frolla con  frutta in ogni sua forma. Che ci dobbiamo fare.
Insomma, fatevi i biscottini, non troppo sottili eh? che questi son buoni un po' rustici, e infornateli. Tempo 15/20 minuti e son pronti. Una volta sfornati  li ho decorati con della cioccolata fondente. Non vi dico il casino che ho fatto con la sac à poche, ma mi sentivo troppo pasticcera!







Per le tartellette ho fatto gli stampi con un bicchiere, l'ho adagiati dentro i pirottini da muffin e aiutandomi con le dita ho formato una scodellina, dentro la quale ho messo un cucchiaino di marmellata: pesca, ciliegia e albicocca, perché a me oltre a piacermi profumato mi piace colorato.
Anche queste 15/20 minuti e son pronte.

Allora. A parte che tutte ste tartellette mignon coloratissime sono una gioia per gli occhi, a parte che questi biscottoni variegati al cioccolato ti fanno subito salire un litro di acquolina in bocca, devo dire che il gusto è troppo buono. Per esempio i biscotti scricchiolano. Sono dolci ma non troppo, morbidi ma scrocchiarelli, perché la farina è macinata grossa. Se siete amanti di biscotti integrali o ai cereali perché vi piace sentirli sgranocchiare sotto i denti, fidatevi, fatevi questi biscotti, sono la fine del mondo.
L'ha detto pure Alice!E se lo dice lei...
Pure le tartellette hanno un sapore più rustico. Si sente subito che è una frolla più corposa, più spessa, più grezza e non stuccano come può succedere con una frolla troppo burrosa.




Ecco fatto. Finito di illustrarvi la mia ricetta. No, perché davvero questa è saltata fuori facendo delle modifiche dettate dalla fantasia e dal buon senso.

La classica fortuna del principiante ;-)




Altri tipi di tartellette le trovi qui.

***********************************************
LO STECCO BISCOTTO!

 
Devo essere sincera: questo post  non doveva essere pubblicato per il semplice motivo che questi biscottoni sono stati cucinati solo per coccola. Mi spiego: ieri Alice era molto stanca, vuoi per il compito di chimica della mattina che le ha impegnato mazzi e mazzi di neuroni, vuoi per le due ore di ginnastica, vuoi perché da due mesi a questa parte si porta dietro un fastidio al piede e ancora non abbiamo visto la luce in fondo al tunnel, vuoi perché anche lei, come tutte noi donnine, è vittima degli ormoni, fatto sta che ieri era un po' giù. E quando una è giù, cosa c'è di meglio che pasticciare in cucina con mammà con in sottofondo un cd natalizio? Dite che c'è qualcosa di meglio? Non lo voglio sapè. Comunque. 
Ci voleva qualcosa di colorato, divertente ma soprattutto facile ed ecco che mi viene in mente di aver visto dei biscottoni simpatici e cioccolatosi sulla rivista Fior Fiore in Cucina (Lo so, sembrano post pubblicitari, ma vi giuro che non lo sono. Ma mi dicono che bisogna sempre citare la fonte. Manco mi pagassero, maremma cucinata!)
Insomma, fidatevi perchè oltre a essere buoni e cioccolatosi, si prestano anche allo stecchino, che vojo dì, soprattutto se si hanno bimbi sono troppo simpatici e bellini. E  come dolcetti natalizi sono perfetti.
Non solo: con un po' di fortuna non dovete nemmeno uscire per reperire gli ingredienti. Ergo: ricetta semplice, di quelle che piacciono a me,  alla portata di tutte le mamme e tutti i bambini.

Cosa vi serve: 
140 g di farina 00
250 g di zucchero
2 uova
120 g di burro
50 g di cacao amaro in polvere
200 g di cioccolato fondente
Mezzo cucchiaino di lievito per dolci
1 bustina di vanillina
Un pizzico di sale 
Smarties o pastigline colorate 
Stecchini da gelato o da spiedino

Cosa dovete fare: 
Accendete intanto il forno a 160°.
Setacciate la farina con il cacao e il lievito. Mescolate il tutto e aggiungete il pizzico di sale. A questo punto fate sciogliere in un tegamino tutto il burro e metà dose della stecca di cioccolato fondente (100 g).
Sbattete a parte le uova con lo zucchero fino a che non diventa bello spumoso, poi aggiungere il burro e il cioccolato fuso.
A questo impasto, poco alla volta, aggiungete la miscela di farina, cacao e lievito. Aggiungere poi la vanillina. 
Tagliate grossolanamente con il coltello la rimanente stecca di cioccolato fondente e aggiungetela all'impasto.
Rivestite una placca di carta da forno e aiutandovi con un cucchiao prelevate un po' di impasto, andare a formare delle palline e schiacciatele un po' al centro (l'impasto sarà un po' appiccicaticcio ma è così che deve essere. n.d.r.)  Attenzione: le palline tenderanno a ingrossare e schiacciarsi quindi non mettetele troppo ravvicinate. Infilate il bastoncino e guarnitele con le pastigline colorate (o anche con altro, frutta secca, palline argentate di zucchero...fate voi). Premete un po' le pastigline per farle affondare nell'impasto e infornate per 15 minuti.
Attenzione un' altra volta, perché passato questo tempo vi sembreranno sempre moscetti o crudi, ma come tutti i biscotti è un tranello: induriranno raffreddandosi. E saranno favolosi, croccantelli fuori e morbidosi dentro.
L'impasto è per circa 18 biscottoni e la grandezza la potete regolare come vi pare e piace. 

 






 Potete farci dei sacchettini o confezionarli dentro una scatolina per regalarli a Natale o magnarveli tutti voi.


  



E niente, buon appetito ma soprattutto buon divertimento!


***************************************************************

Biscotti all'avena e cioccolato fondente




 Se amate i biscotti ai cereali un po' salatini tipo i Digestive o i Gran Cereali del Mulino di Banderas, non potete non provare questi. Velocissimi, golosissimi e semplicissimi da fare. Lo sapete, se per una ricetta devo impiegare più di venti minuti la scarto a priori quindi questi fanno al caso mio. E poi sono croccanti, saporiti e dal gusto pieno. In poche parole: li dovete prova'.



Cosa vi serve:

175 g di burro
125 g di zucchero
1 tuorlo
175 g di farina
1 cucchiaino di bicarbonato di sodio
1 pizzico di sale
80 g di fiocchi d'avena
110 g di cioccolato fondente tagliato a pezzettini

Procedimento:
Accendete il forno  a 190° (170° ventilato).
Sbattete il burro con lo zucchero finché il composto è morbido e cremoso. Poi incorporate il tuorlo e mescolare bene.
In un'altra ciotola setacciate la farina, il bicarbonato, il sale e aggiungete il tutto al composto sopra.
Infine unite l'avena e il cioccolato tagliuzzato.
A questo punto la ricetta originale (dalla rivista 'Delizie al forno fatte in casa') prevede che tutto il composto venga fatto riposare in frigo per 20 minuti. Bene, io non l'ho fatto e sono venuti buonissimi lo stesso, quindi fate voi, come volete.
Una volta pronto il tutto, rivestite la placca con la carta  da forno e formate delle piccole palline (o mucchietti) che andrete poi a schiacciare un pochino. Distanziateli mi raccomando e non fateli troppo grossi che poi lievitano e crescono che è una bellezza.
Poi in forno per circa 15 minuti finché non saranno dorati. (come per tutti i biscotti toglieteli quando sono ancora molli perché poi ghiacciando si induriscono.)
Buon tè o buona merenda!





5 commenti:

  1. Ooooh! Che bell'aspetto che c'hanno 'sti dolcini qua...
    Darei anche un morso al monitor...
    Brava la mia tesorina-cuoca...altro che minchia-blogger! ^_____^
    Baciotti con l'acquolina!
    Nunzia

    RispondiElimina
  2. che meraviglia di dolcini <3
    che bei colori, che bei nastrini, ma non è che nella craftroom c'hai messo pure il forno?
    baci amò

    RispondiElimina
  3. Spettacolari! Il fatto che i biscotti siano bastardi e sembrano sempre crudi,inveve so cotti...questa cosa a me frega sempre,uffa!

    RispondiElimina
  4. Perché avendo due femminucce in casa ke almeno almeno due,tre pure quattro volte al mese si sentono cosi giú io te copio la ricetta...!

    RispondiElimina
  5. Ma quante cose meravigliose e buone!!!
    Mi sono segnata tutte le ricette e quegli stecco biscotti li vedo perfetti per il prossimo compleanno di mio figlio da regalare agli amichetti.
    Grazie!!!

    RispondiElimina

Nel frattempo, visto il periodo, vuoi una tazza di thè?

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.

LinkWithin

Related Posts with Thumbnails