sabato 23 ottobre 2010

L'EMBOLO CREATIVO





Mia madre è una creativa, io ve lo dico. L’ho scoperto quando avevo circa 8 anni, dopo che mamma con una scatola da imballo di un elettrodomestico mi ci costruì l’appartamento di Barbie. Lo ricordo come se fosse ora.Una figata pazzesca.

Io sono una creativa, vi dico anche questo. Mia madre l’ha scoperto quando avevo circa 15 anni, dopo che son tornata a casa con un lavoretto di legno fatto con le mie mani e un 10 come voto.

Avevo costruito una bara.

Avete letto bene. Una bara. Il professore quel giorno ci dette un pezzo di legno e disse “Fatemi vedere cosa sapete fare con questo”. Quella che io chiamai ‘la sfida di Geppetto’.

Mentre i miei compagni tutti fieri tiravano fuori tavoli, sedie , comò e letti per bambole, io in quattro e qauttr’otto feci un esagono allungato, tagliai una piccola croce, l’attaccai sopra in rilievo e in mezz’ora la consegnai al professore. Lì per lì mi parve che si toccò un filino, ma poi scoppiò in una gran risata e mi diede un dieci per la genialità dell’esecuzione. In casa mia sta ‘genialata’ non fu apprezzata tanto. Venne prima nascosta in un cassetto e poi fatta sparire, ma come tutti gli aneddoti strani 'sta cosa è rimasta nella storia.

Quindi, cosa può succedere se io e mia madre facciamo shopping in un negozio di hobby e bricolage? Na strage.E cosa può succedere con due creative come noi? Che partiamo per comprare una cosa e torniamo a casa con un’altra. Come è già ricapitato.

Partiamo mercoledì mattina con l’idea di mia madre “Simo, mi devi portare a comprare la striscia adesiva come c’hai te in cucina. La voglio anch’io. Poi la mettiamo insieme, va bene?”

Dopo essere sembrate due geometri svampiti (abbiamo preso col metro da sarta le misure delle pareti e dei punti scoperti) siamo partite alla volta del grande magazzino FaiDaTe.

“Vè vè mamma, le strisce”

“La voglio con i limoni”

“Mmh…non la vedo”

“Manco io”

“Aspè andiamo a vedere quaggiù…”

“Vai pure Simo, ora arrivo”

“Ma che palle!”

“Simo!Siamo in un negozio!E poi ti ho detto che arrivo, che motivo c’è di arrabbiarsi?!”

Effettivamente posso essere fraintesa. Ma davvero c’ho due palle in mano meravigliose. Le sventolo vicino all’orecchio ballicchiando come la ballerina di Siviglia e mia madre è subito vicino a me. “Nooooo!!Ganze!”

Erano semplicemente delle palle di plastica trasparenti che tu potevi dipingere/farci il decoupage/ farci il decoupage+dipingerle/attaccarci la stoffa…insomma ci potevi fa quello che te pare. Ora che ci penso puoi anche attaccarle ai laccetti anteriori dei jeans.Magari domattina in ufficio, così il tuo capo capisce che non è giornata. Tanto per dirne una.

Lì esposto c’era un esempio e imitando Jessica Fletcher e Miss Marple ci siamo messe (con tanto di lente di ingrandimento) a spulciare ste palle per carpirne la fattura e il procedimento.

“Secondo me sipoffà”

“Anche secondo me”

“Qui io farei così, perché cosà non mi piace”

“Io invece guarda farò così perché secondo me è più d’effetto”

“Prendiamole ora che sennò non facciamo in tempo per Natale”

“Certo, controlliamo che non siano rotte però. Scusi?Commessa? Posso controllare?”

“Che cosa?”

“Che qualcuno non abbia rotto le palle” Mi correggo “Che non siano rotte, voglio dire, le posso scartare un attimo?”

Ci siamo messe a trafficare con ste palle di varie misure e la striscia adesiva era solo un ricordo. Anzi, manco quello. Poi, come guidate dallo spirito di Giovanni Muciaccia, ci siamo dirette verso i fogli decorativi per il decoupage.

“Dai mamma, guarda che belline queste tegoline!”

“Davvero. Ma tu sapevi fare il decoupage, vero?”

“Sì, insomma c’ho provato anni fa, mi riesce abbastanzina, ma sulle tegole non ho ancora provato”

Dio, come mi piace sta cosa!Sarà perché la tegola comunque richiama la casa, ma sento che sono portata per il decoupage sulla tegola. Sììììì!!!Cioè perché non l’ho capito prima? Che faccio a fare la commessa? Io devo dedicarmi a questa cosa!Questo è il mio futuro!

Sono tentata di chiamare il ragazzo e farmi caricare una cinquantina di tegole manco dovessi costruirci una cascina, quando mia madre mi ferma.

“Tesorodimammatua, se non hai mai provato, che le compri a fare tutte ste tegole? Fai prima una prova, no?”

“E ‘ndo la faccio? Mi metto un bengala a mo’ di supposta e mi sparo sul tetto?Non ho una tegola, io!”

“Te no, ma babbo fuori in un angolino ha delle tegole, ne sono certa”

“Mamma, cosa ci fanno delle tegole in un angolo del tuo giardino, di grazia?”

“Non nel giardino di Grazia, nel nostro ti ho detto. E che ci fanno? Possono servire, no?”

“Eccerto!Metti che arriva la Befana ‘mbriaca, incespica un attimo e te ne fa fuori una decina”

“Io proverei con queste, poi fai te. Oh ma guarda anche le palle di polisterolooooo!!!”

Ma non voleva la striscia? A vederci sembra che ce la siamo sniffata.

Compriamo dei fogli decorativi, due pennelli nuovi (“che chissà gli altri come sono sciupati”)dei brillantini e della colla apposta. Il resto no, abbiamo tutto. Soprattutto mamma ha tutto, perché quando le parte l’embolo della creatività non ce n’è. In una settimana è capace di dipingere un quadro, cucirti un tailleur, decorarti una brocca, fare un centro all’uncinetto e ricoprirti la casa di stencil.

L’accompagno a casa e subito vado da babbino mio “Babbo, mi servono due tegole”

“Due regole?Figlia mia, mi sembra un po’ tardino. Ormai sei formata”

Niente panico. C’è la televisione talmente alta che la palazzina di fronte è sul terrazzo a vedersi il telegiornale di casa nostra.

“Babbo abbassa il televisore…bravo…mi servono due tegole”

“Ah. Due tegole. E a che ti servono?Ti piove in casa?”

“Devo dipingerle”

“Ahhhh!!!!Ma come quelle che fanno vedere in tivùùùù!!!Simoncina, io le tegole te le do, ma non sono proprio uguali. Quelle da dipingere son leggere e piccoline,invece queste…tho!piglia!”

Caz-zo. Sono 56 kg l’una. Sono delle vere e proprie tegole, di casa di babbo o di nonno, chissà.

E proverò con queste!A farle con l’altre son bravi tutti!Oddio, son pese assatanate, anche un po’ volgarotte, ma io le abbellirò!Sìììììì!

“Vuoi anche questa?”

E mi son presa pure un embrice (o tegola romana).E’ un po’ malmessa, sporca, scantucciata e col muschio ma io vedo OLTRE e me la immagino diversa.

Son quattro giorni che trascuro un po’ il blog e voi, ma ecco che vi presento i miei lavori. Siete pronti? Mario, parti con le diapositive.

Prima:


Durante (notare l'ordine sul mio tavolo da lavoro)
Dopo. Il fiocco a Sant'Andrea non piace (e visto che mi ha trapanato le tegole per appenderle devo sentire la sua campana), ad Alice invece piace (e visto che mi ha scattato alcune foto devo sentire la sua campana), io non so (e visto che le metto qui, chiedo a voi)

Decoupage e acrilico su tegola
Embrice di Benvenuto, nel senso: non è che lo tiri in capo a tua suocera appena viene a farti visita, ma nel senso che nella targhetta bianca puoi scriverci Benvenuto e attaccarlo fuori. Faccio per dì.

Prima:due mezze-palle vuote.


Durante: notare quanto so' figa col mio camice da lavoro. Mi manca solo il numero e sembro un ergastolano.



Mezza palla decorata all'interno con colori acrilici e decoupage













Mezza palla decorata all'esterno con colori acrilici e decoupage




Dopo: palla finita e ricomposta con effetto 3D del ponticello sulla baita.




Ecco, questo è il frutto del mio neurone creativo. Okay, se ero brava avevo una bancarella. Non si può avere tutto nella vita.
Mario, puoi spegnere, grazie.
p.s. Se rimango senza lavoro mi metto a fare le palleeeee!!!Oltre che romperle, ovvio.

38 commenti:

  1. Caspita...sono senza parole..ma sei bravissimissima a dipingere!!!!
    a sai fare davvero tutto!!
    I miei complimenti!!!
    Amelie

    RispondiElimina
  2. Eh ciao...che spettacolo.........!!!!!!!...me e te ci avranno diviso alla nascita...ma forse anche le nostre mamme sono state divise alla nascita... O_O

    Comunque la tegolona rettangolare mi piace un sacco!!...te la vego a rubà..

    Buon weekend!

    RispondiElimina
  3. Ehmmmmmmm scusa??? Ammappalo quanto sei brava, l'embrice di benvenuto è a dir poco stupenda!!!!
    E bbbbrava la mia simoncina....sei proprio un artista.
    Ciao buona domenica Leti

    RispondiElimina
  4. caspita ma sei bravissima, sai cosa penso non mi aspettavo che avevi questa vena "artistica"!!!!!!!!!!! un saluto.

    RispondiElimina
  5. Ah ah ah!Sono una donna piena di sorprese. Come l'ovetto kinder. Ecco.
    (Nartro paragone no?)

    RispondiElimina
  6. Che sono bellissime te l'ho gia detto... poi ci hai messo anche le palle :-)! Voglio dire, queste sono una sorpresa, non le avevo ancora viste, stupendissimo l'effetto 3D!!
    Quasi quasi regalo alla mia mamma tutto il set per il decoupage: sulla mensola della stanza di Leti (che prima era la mia) ho tre bottiglie dipinte da lei che sono una più bella dell'altra! Simoncina, sei proprio bella e brava!!

    RispondiElimina
  7. Simo fantastica, sei veramente Super Brava super creativa, super figa aggiungo!
    Una bomba!
    bacio
    chiara

    RispondiElimina
  8. al posto del caffè posso avere una di quelle bellissime palle di natale?

    RispondiElimina
  9. <CHe figata.....ops scusa il termine, ma davvero ci sta stavolta, bellissssssssssssimi lavori e che bel racconto, tu e tua mamma in giro per i grandi magazzini del fai da te

    RispondiElimina
  10. cmq Simo lasciatelo dire, quando si clikka sul tuo blog sembra di entrare davvero dentro una casa...la carta da parati anni '70...la cassetta delle poste nel caso volessimo lasciarti qualche dono o lettera!!!e poi di buono c'è che si respira sempre tanta allegria ed entusiasmo...davvero complimenti...ah e complimenti per l'embolo di chiunque esso sia ;-)

    RispondiElimina
  11. ma che spettacolo Simo!!!!!!
    troppo belle le palle :D
    oddio, anche le tegole sono fichissime..ma preferisco le palle di natale :D
    bacione

    RispondiElimina
  12. Primo, sei bravissima e i tuoi lavori sono una meraviglia!
    Secondo, la voglio anche io una mamma che si interessi di creativitàààààà, la mia non comprende che vuol dire spendere per il proprio hobby!!!!!!
    Bravissima ancora!
    cri

    RispondiElimina
  13. ohi Simo, sono bellissime.. per il fiocco io sarei d'accordo con Sant'Andrea... ma come si fa a contraddire gli occhietti dolci di Alice??
    Comunque sei veramente brava!! ;)
    bacioooo...

    RispondiElimina
  14. Se eri bravaaaaaaaaaaaaa? No stai scherzando vero come al solito! SEI UN MITO non brava e basta. Quelle tegole sono meravigliose meravigliose meravigliose. Altro che vena, te c'hai l'arteria creativa. Compliments tesò, sempre di più ^__^
    E ora, se ti va di fare un giochino passa a dare un'occhiatina da me ;)
    Besos

    RispondiElimina
  15. bravissima e divertentissima!

    RispondiElimina
  16. Simo, ma sono bellissimeeeeeeeeeeeeeeee!!!Sia le tegole che le palle!!!!Io ho sempre tante idee, ma sono proprio negata!!!!Se mi chiedi di fare una linea dritta esce l'elettrocardiogramma di Galeazzi mentre urla "Campioni del mondo". Belle belle bellissimeeeeeeeeeeeeee

    RispondiElimina
  17. Mizzica! Simoncina, sei bravissimissimissima! Amò più che un ergastolano sembri una bimba, ma hai la lingua in concentrazione o sbaglio? (stesso mio atteggiamento di quando sono tutta presa) ihihihih

    Tesò davvero complimentissimi, brava brava brava...
    per il fiocco puoi fà un mese e un mese ^___^
    Ti voglio benissimo

    RispondiElimina
  18. Cara, tu colori tutto quello che tocchi, dalle tegole alla nostra vita!!!
    Mimmo

    RispondiElimina
  19. complimenti per la tua manualita'....non sapevo fossi cosi' brava.
    ma quante doti nascoste hai........

    RispondiElimina
  20. Simooo, è tutto bellissimoo :)
    x il fiocco do ragione a S.Andrea e anke ad Alice :P nel senso ke lascerei solo il fiocco fatto con nastrino bianco :)
    xkè alla tegola "innevata" non aggiungi anke un pò di neve di "stamperia"? avresti l'effetto 3D :P xò vanno benissimo anke così ;) sei bravissimaaaa
    un abbraccio
    -Lucy-

    RispondiElimina
  21. Ok io voglio la tegola romana e una palla per l'albero.
    Tu hai sbagliato mestiere tesoro!
    Io penavo di essere BRAVINA.
    Tu sei GANZISSIMA!

    RispondiElimina
  22. Grazie bimbi ma davvero basta un po' d'ingegno, niente di più.Sto prendendo atto dei suggerimenti,e creerò.
    Qua piove, Andrea gioca a nascondino con Ali e un'amichetta e io...non ve lo posso dì. :-)
    (boccamiastattezzitta)

    RispondiElimina
  23. Ma che brava che sei Simo!!! Cioè, geniale lo sapevo, ma davvero davvero sei proprio anche bravissima a dipingere!

    RispondiElimina
  24. Maroooooo non ci credo...non ci credo mica che le hai fatte tu...sono troppo belle...confessa, hai fatto finta di dipingerle mentre Alice ti fotografava ma erano già decorate ^_^

    Non è vero non basta un po' di'ignegno...anche io sono "creativa" ma proprio a dipingere non so bona...al massimo faccio le lucine per l'albero di natale!

    RispondiElimina
  25. .... una donna dalle mille sorprese!!! Complimenti, io ti consiglieri di addobbarci il tuo albero di Natale con quelle palle.... sarebbe semplicemente favoloso!!!!

    RispondiElimina
  26. Grazie, ma ora il caffè no...
    Comunque, sono a rimasta a bocca aperta per la tua creatività e la tua manualità, sei veramente molto molto brava!
    Ciao!

    RispondiElimina
  27. ...eh no, amica mia, così non va!!!!...ma che vuoi rubarmi il lavoro!!!! sei bravissima, hai una bella manualità e immagino cosa sarebbe averti ai miei corsi...da morire dal ridere sotto al tavolo!!!..peccato siamo troppo distanti!
    bacioni ciao
    Patrizia Milana

    RispondiElimina
  28. Complimenti bellissime cose...sei molto brava...continua cosi e non ci sara per nessunooo...un abbraccio
    Arthur

    RispondiElimina
  29. Patrizia?Ma stai a scherzà??Per arrivare al tuo livello bisogna essere dei maestri!Comunque mi inchino ai tuoi complimenti e sì, ci verrei volentieri a tuoi corsi.
    Siete troppobbbuoni.
    Le palle per l'albero? Sapete che ora siamo nella fase di "Simo, mi fai due palle così?!"
    O_o

    RispondiElimina
  30. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  31. Che brava Simo!!!!!!
    Anche io dipingo ma sulle palle non deve essere tanto facile....
    tu sei bravissima... complimenti!!!!
    Un abbraccio
    GIAINA

    RispondiElimina
  32. meravigliosamente meraviglioso..
    sei bravissimaaaaaaaaaaaaaaaa :)

    complimenti

    RispondiElimina
  33. Ciao Simo!
    Mi lasci veramente a bocca aperta per le meraviglie che hai realizzato.
    Le tegole sono fantastiche e il fiocco non mi dispiace proprio!
    E le palle...che dire delle palle...Che sei un genio!!!^___^
    Hai veramente una marcia in più!Sei un mito! E il tuo entusiasmo è contagioso...ciò voglia anche io di imparare il decoupageeeeeeeee!
    Ma temo di avere due mani sinistre per sta cosa( e non sono mancina!!!)...ma un giorno ci proverò...magari dopo un trapianto di mano destra artistica!
    Mi inchino al tuo genio e alla tua manualità!
    Un bacio.
    Nunzia
    PS.
    Simoncinaaaaa...cosa ci tieni nascosto, che già diverse volte ti trovo a dì "bocca mia statte zitta"???? EEEEEEEHHHH!

    RispondiElimina
  34. ma sticavoli, sei brava! io che mentre leggevo (oltre a ridere) mi immaginavo un risultato catastrofico!!!!!
    brelle belle!

    RispondiElimina
  35. ragazza dalle mille doti... quasi quasi ti sposerei ;)

    baciuzzi tesò

    RispondiElimina
  36. Bravissima! a me piace molto la tegola n.2 (com'è che si chiama?) e la palla effetto 3D è spettacolare! Per il fiocco sulla tegola n.1 non saprei nemmeno io...ma forse che stona un po' è la location! Vedere la neve con sfondo praticello verde e sole che spacca fa un po' strano...

    RispondiElimina
  37. Dlin Dlon, comunicazione di servizio... è gradita la vostra presenza sul mio blog per ritirare una cosina... ;)

    RispondiElimina
  38. ...wow....resto a bocca aperta...meravigliose creazioni!!!!

    RispondiElimina

Nel frattempo, visto il periodo, vuoi una tazza di thè?

LinkWithin

Related Posts with Thumbnails