martedì 30 settembre 2014

Pechino Express: dico la mia.


                                                                          Foto: Pechino Express


Io guardo Pechino Express. Rimango affascinata dai luoghi dove non andrei nemmeno mi pagassero. Aspè, magari se mi pagassero profumatamente anche sì. Insomma io, checché ne dicano i miei amici (i quali sostengono che io lì me la caverei alla grande perché sono una tipa sveglia, coraggiosa e molto incosciente), io sono sicura che a Pechino Express camperei sì e no tre giorni per poi morire schiacciata da un furgone o di dissenteria.
Io lo so. Io mi conosco. Sono da bosco e da riviera ma col timer. Qualche giorno passi, di più, muoio. Infatti il Santo, saputo questo, son giorni che tenta di organizzarmi un viaggio in quei posti lì. E mi maledico per questo poco spirito di adattamento, per questa chiusura mentale che fa sì che io non possa godere in futuro di meraviglie simili. E quindi niente, mi guardo Pechino Express sul divano, che fa molto paracula, lo so, ma non sognando di essere lì e nemmeno di fare un'esperienza simile (bensì sono sicura che sia un arricchimento grandissimo) ma per vedere determinati personaggi alle prese con questa grande avventura.
Mi diverto con poco, lo ammetto. Mi difendo dichiarando che c'è gente che guarda Uomini&Donne, vostro onore.
Obiezione accolta.
E i personaggi, quest'anno, adoro. Classificati con nomi improbabili e scontati che anche mi'nonna dopo tre bicchieri di vodka sarebbe stata capace di trovarne di meglio, ma vediamoli nel dettaglio:

Le cougar: Eva Grimaldi e Roberta Garzia.

 Eva: Quella che è stata un'icona di bellezza anni '90 alla 'Se ti trovo te sdrumo', oggi si presenta con occhi spiritati e un cespo di capelli che pare un nido di cicogna. Non antipatica, no, ma un filino lontana da quel sex symbol che ci ha propinato per anni. Non so se è merito (colpa?) dei tanti interventi di lifting ma quando parla sembra abbia una nespola incastonata in un molare. E sì, senza un po' di trucco che le camuffa quell'aria spiritata perfetta per poltergeist, non se po' guardà.
Roberta: L'unica, a mio avviso, che prima di interagire con il popolo in questione si fa due domande e si dà due risposte. Conosce usi della Malesia, costumi della Birmania, abitudini degli indonesiani ma ha qualche difficoltà a insegnare a Eva Grimaldi come si chiede gentilmente un pernottamento aggratisse. Infatti quest'ultima si è presa un rutto in faccia a diecimila decibel che pare le abbia fatto uno shatush naturale verde acido.

I coreografi: Alessandra Celentano e Corrado Giordani.


Mentre la prima la conosco per la sua simpatia e gioia dimostrata per quei disgraziati capitati nelle sue grinfie ad Amici, Corrado (mea culpa) io nemmeno sapevo chi fosse. Questo fa di me una persona molto ignorante per quanto riguarda la danza ma se mi vedeste ballare non sareste poi così sorpresi di questa mia mancanza. Abbiamo capito che la Celentano, per farla sta' un po' calmina sarebbe bene piantarla in Asia come un tubero e lasciarla a maturare lì. Facile fare la ganza dietro la scrivania e rompere le palle con sto collo del piede. Fatti otto km a piedi con un'umidità che pare di essere al rettilario di Pistoia, mangia il riso con le mosche sopra, dormi su di un tavolaccio, poi vedi che stressi di meno quei poveri disgraziati su una disciplina in cui ti vanti di essere la meglio. Se così fosse ogni sera daresti uno spettacolino e coi proventi ti ci pagheresti una suite.
Corrado mi pare sopporti e supporti il tutto anche se ho il sospetto che dentro al turbante nasconda una pistola e che non abbia paura a usarla qualora la Celentano smatti di brutto. Comunque li soprannominerei 'Due turbanti e una capanna'.

I fratelli: Clemente e Paolo Maccaro.

Il primo è un rapper, il secondo il fratello del rapper (in realtà è musicista pure lui).
Lo ammetto, sono stati eliminati ma a me piacevano un mucchio. Grande spirito competitivo, semplicità e una simpatia travolgente, hanno fatto sì che i due fratelli conquistassero gli italiani. Be' sì, lo dico io, ma credo sia così. Forse grazie ai tatuaggi con le facce degli animaletti, forse grazie a quell'aria da bambino che non gliel'ho detto mai ma io ci andavo matta. Non lo so. Fatto sta che la Celentano (che si scagli su di lei la stagione delle piogge) me li ha eliminati. Propongo uno sciopero della fame collettivo e una raccolta di firme per far rientrare in gara i due fratelli. Piuttosto, per fare spazio, buttate via le canottierine delle Immigrate e il turbante di Aladdin della Celentano.

I benestanti: Sofia Odescalchi e Uberto Marchesi.

Già il cognome di lei e il nome di lui ti fanno capire che potrebbero essere figli solo di Naomo.
Qui il soprannome (cambiato dopo un iniziale 'I Ricchi') ha danneggiato irreversibilmente sta coppia di damerini. Viaggi in un paese ndo moiono di fame e dici “Salve, ha mica una stanza per noi? No money”
“Chi siete?”
“I ricchi”
Pare che gli epiteti più gentili siano da scegliere tra 'Vaiammorìammazzato', 'Assorata' e 'ammammata'. Ovvio che gente abituata al caviale, alle cifre sugli asciugamani e all'autista, non possa trovarsi bene a mangiare scarafaggi, pulirsi il deretano con carta di giornale e fare l'autostop su strade polverose. Ed altrettanto ovvio che, vista la loro attitudine, siano stati fatti fuori alla prima puntata. Che, vojo di', è già tanto.

I coinquilini: Stefano e Alessandro.


Io spero e prego pure accendendo un lumino che questi due rimangano fino alla fine. Sono fuori come dei lampioni. Talmente assurdi e surreali che mi chiedo dove siano stati fino ad ora. Come dite? Non è un caso che possano piacermi? Evabbè, sarà il feeling che vi devo dire.


Gli sposini: La Pina e il consorte.


Non me ne voglia la Pina, ma non si porta molto bene i suoi quarantaquattro anni. Il consorte sembra moooolto mooolto più giovane, anche se in realtà lui ne ha trentotto. Quindi lui di una certa età che ne dimostra meno e lei di una certa età che ne dimostra di più, il divario ottico tra la coppia sembra di millemila anni. Nonostante la Pina arranchi spesso nelle prove per la sua totale inattitudine allo sport (sua stessa ammissione) ne apprezzo da tempo la tenacia e la schiettezza. A volte uno su mille ce la fa: quella è la Pina. In quanto a lui lo vedo talmente innamorato che qualsiasi cosa io dica mi sembrerebbe di sminuirlo. Che vissero felici e contenti.



Le cattive: Angelina e Antonella Ventura.


Vostro onore, mi scuso per la mia ignoranza sempre più palese ma io conoscevo ste due come conosco l'astrofisica e le particelle atomiche. Lo so, sono ignorante e stasera mi punirò col cilicio ma l'ho conosciute solo grazie (grazie?) a questa trasmissione. Devo dire che Angelina a me piace. Pare Costantino (il conduttore ndr) in versione femminile, lo dicono tutti del resto. Sagace, ironica e cattiva quanto basta. L'altra, quando ho letto Antonella ho avuto paura che fosse la Elia, quando ho letto Ventura ho temuto che fosse Simona, quando ho visto Antonella Ventura, prima ho detto “Chi cazz'è?” poi ho avuto la conferma che potrebbe essere un misto delle due al netto della simpatia (se mai ci fosse). Mi dicono che ha vinto un programma ma non ho il coraggio di indagare quale sia. Mi riservo il diritto di starmene in silenzio. Cosa che consiglierei spesso anche a lei perché quando parla è così simpatica che le infilerei due banane nelle gengive.

Le Immigrate: Romina e Mariana.


Anche qua, signori miei, ma che nome gli avete affibbiato? Non potevate semplicemente chiamarle 'Le modelle'? Visto che lo fanno di professione? Non potevate chiamarle 'Le belle figheire'? Visto che lo sono? Non potevate chiamarle 'Le due oche che rinchiuderei volentieri nel pollaio e butterei via la chiave'? Visto che invece di parlare starnazzano come se non ci fosse un domani? Capitemi: non è invidia. È che proprio non le reggo. Quando saltellano con quei gridolini a bimbeminchia, quando fanno il broncio a cucciolino, quando ti perforano il timpano con quegli acuti isterici, io non chiedo pietà, io chiedo un lanciafiamme. Subito.
Lo so. Obiezione, vostro onore. Obiezione accolta, che l'ultima dichiarazione non venga messa agli atti. Posso dire solo un'ultima cosa? Mariana, molti anni fa, era la protagonista di Anche i ricchi piangono. Bene, a vedere questa Mariana in televisione, piangono anche i poveracci, per dire.

Gli eterosessuali: Luca Betti e Michael Lewis.


Ora, se c'è qualcosa di più inutile in questo programma oltre alla presenza del beauty case della Grimaldi, è questo nome affibbiato a due gnocchi che mangeresti non solo il giovedì ma anche tutti gli altri giorni della settimana. Io dico: c'è bisogno di specificarlo? Basta guardarli per far partire l'ormone. Ci son state donne che prima della messa in onda incatenavano le ovaie imbizzarrite. Perché lì, signori miei, stavano a petto nudo un giorno sì e uno pure.
Il caro Betti con quella barbetta che ogni volta che si rade, una donna in età fertile muore, non ha bisogno santoddio di avere l'etichetta sul petto 'Eterosessuale'. Solo un uomo può pensare di affibbiare un nomignolo così riduttivo a un esemplare di maschio che è il Betti. Ma lo avete sorpreso a darsi le cremine? A farsi le sopracciglia ad ali di gabbiano? Avete sicuramente visto l'uccello sbagliato, signori miei.
E Michael? Che se di viso può esserci qualcosa da obiettare, basta che si tolga la maglietta per rimangiarsi tutto e chiedere anche una punizione. Lui non ha una semplice tartaruga, lui ha Donatello, Raffaello, Michelangelo e Leonardo tutte insieme, che più ninja non si può. Lui non ha gli addominali, ha una tavoletta di kinder cereali di un metro per due. Ha una pancia talmente piatta e scolpita che sopra ci puoi apparecchiare e c'hai pure i sottobicchieri già incastonati.
Ma cosa chiami Eterosessuali. Chiamali I belli, Gli gnocchi, Gli sciancapassere, ma non Eterosessuali, che per noi donne è un nome superfluo come un pelo spuntato su uno stinco a febbraio. Comunque sono stati eliminati e i miei estrogeni mi dicono che la trasmissione non ha più un senso in questa vita.

Vostro onore, prima della sentenza vorrei dire  che quello che ho dichiarato è frutto solo del mio gusto personale e pertanto non punibile per legge. Perché se quella è uguale per tutti, i gusti (fortunatamente) anche no.





15 commenti:

  1. Ciao! Guardo anch'io Pechino e mi piace. Mi piace come viene presentato, e mi piace vedere luoghi dove non andrei mai.
    E vedere non solo paesaggi da cartolina, ma piccoli villaggi, gente normale...Vedere come vive, dove abita, cosa mangia.
    Penso che sia un reality carino. Ciaoooooo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. sì, infatti, anche quell'aspetto è molto bello. Comunque io e te, mi par di aver capito, lì mai ;-)

      Elimina
  2. ...ma chi è tutta questa gente???? Se solo riuscissi ad impadronirmi del telecomando...ma devo vincere su una gnappetta di 4 anni che vuole vedere le winx e su un giuggiolone di 40 che vuole vedere le partite...sono in minoranza!!!

    RispondiElimina
  3. Che ridere :D
    Guarda, sarò controtendente ma non guardo mai le tartarughe... Guardo i visi e le mani... E devo dire che il viso di Michael Lewis mi piace, invece a te no... E' proprio vero, i gusti sono gusti :)

    Maira

    RispondiElimina
    Risposte
    1. te lo cedo volentieri auuahahhahahha!!!

      Elimina
  4. anche io lo seguo!!! e da ieri serea sono in crisi pura: rivoglio i fratelli!!!!se fai petizione ti seguo:
    sposini 44 e 38 anni?o cavolo se ci avessi scommesso avrei socuramente perso
    dai che sett prox arriva in fretta..moh spero che le modelle se ne escano però..ecchecavoloooo

    un abbraccio
    Paola

    RispondiElimina
  5. I gusti sono come il buco del.......Ognuno ha il suo!

    RispondiElimina
  6. Mi hai fatto troppo ridere. Io vorrei vedere questa trasmissione con te accanto. Ne ho sempre sentito parlare ma mai vista. davvero....bello qs post.
    Mi serviva....

    RispondiElimina
  7. Ti lovvo!!!! non devo darti un mio parere perché praticamente hai scritto parola per parola tutto quello che ho pensato guardando questo programma che seguo sin dalla prima stagione dove il conduttore era Emanuele Filiberto di Savoia (ma Costantino è centomilavolte meglio!).

    RispondiElimina
  8. Io ti adoro, sto ridendo come una scema da dieci minuti!! Sono d'accordo su tutto!! E mi sono pure informata sui gossip (il marito della Pina 38 anni? Io non credevo arrivasse a 30.... e Antonella Ventura che programma ha vinto?? Mah)

    RispondiElimina
  9. Ommamia!!! Piegato in due dalle risate che mi stanno prendendo per matto!!!
    Il pezzo dei due figaccioni, poi, è stratosferico!!!!
    "Ovaie incatenate" "Tavoletta Kinder un metro per due" ....ma come te vengono!!!!

    ahahahahahahahah
    :)))))))))))

    RispondiElimina
  10. Io lo seguo in streaming, nessuno in casa lo può vedere..chissà perchè!!!!
    Le Coaguar mi sono simpatiche, una sbadata, l'altra coi piedi per terra.
    La Celentano è abbastanza provata, però è brava e combattiva.
    I Fratelli sono simpatici, non pensavo fossero usciti, non ho ancora visto la quarta puntata.
    I Benestanti....potevano starsene a casa, non hanno apportato nessun vantaggio al programma.
    Le Cattive, che sono tutto fuorchè cattive.....non sapevo chi fossero e non lo so ancora.
    I Coinquilini, gli ultimi arrivati, sono fuori come un balcone, ma tosti tosti.
    Le Immigrate....insipide.
    Gli Eterosessuali, per fortuna che dicono che sono etero......
    Io adoro la Pina, una persona sensibile e gentile. Pensavo che avesse più di 44 anni, porella, li porta malino.
    I posti sono incantevoli, ma ciò che mangiano....sarei morta di fame dopo tre giorni.

    RispondiElimina
  11. Eccomi qui arrivo a darti delle news (nel caso tu davvero non le sapessi) :)
    Le Cattive: Angelina è un transessuale e Antonella ha vinto l'edizione italiana di 4 matrimoni.

    Sì lo so non avresti dormito senza queste notizie :P

    RispondiElimina
  12. Lo seguo anch'io ... dalla prima edizione. Il lunedì del resto in casa non ci sono per nessuno. Mio marito lo sa il lunedì i bimbi sono tutti suoi perché io devo vedere il mio programma preferito.
    Leggendo il tuo articolo devo dire che hai azzeccato tutto ciò che penso ed ho pensato anch'io .... quelli che si meritano di vincere sono sicuramente e senza dubbio I COINQUILINI.
    Sono strepitosi e non riesco a piangere dal ridere alle loro battute. FORMIDABILI!!!!!

    RispondiElimina

Nel frattempo, visto il periodo, vuoi una tazza di thè?

LinkWithin

Related Posts with Thumbnails