martedì 16 giugno 2020

LE PRINCIPESSE DISNEY (secondo me)


BIANCANEVE: non la posso vedere. Vi giuro. Con quel vestitino, i capelli tutti fatti, le sue movenze soavi, anche quando impugna il mocio. Scopa con gli uccelli intorno, gli scoiattoli sul davanzale e 7 uomini in casa. Freud ci sarebbe diventato matto. Cucina e lava per quei 7 nanerottoli cantando giuliva come se tutto ciò fosse divertente. Questa sgobba ed è felice. È moscia, sottomessa, si porta la mano al cuore... ma mettitela al portafoglio e comprati un folletto, dai retta a me. Ingorda di mele, aspetta il principe azzurro che la salvi; probabilmente Giorgio Mastrota con la nuova batteria di pentole col fondo alto 1 cm.
CENERENTOLA: eccone un'altra. Una vita passata tra la cenere e a subire angherie dalle arpie delle sorellastre. La parola 'resilienza' è nata con lei. Le pestano i piedi e lei chiede scusa, la trattano demmerda e lei serve loro la colazione a letto senza nemmeno un pochino di Guttalax, la fanno sentire brutta, inetta e fuori luogo e lei non fa una piega laddove noi avremmo preso a sprangate il ciuffo cotonato di Genoveffa. Cenerentola è un cattivissimo esempio di sottomissione. Anche lei per uscire da 'sta vita grama, aspetta il principe azzurro. Lui arriva con un paio di scarpe nuove e lei lì non capisce più nulla. Cenerentola è Anne Hathaway 'Dammi una gonna di tulle, un paio di Chanel e sono perdutamente tua'.
ARIEL: Ariel è una tronista di Uomini e Donne: pur di uscire in esterna col figo di turno, rinuncia a tutto, pure alla voce. Ariel è una bella statuina, il massimo per l'uomo gretto e maschilista: la tengo perché è figa, ma soprattutto muta. La sua, una storia già vista: si sacrifica per l'uomo che ama perdendo voce e dignità, poi alla fine arriva un'altra (alla quale ha donato lei stessa in tempi non sospetti) che con un incantesimo lo ipnotizza fino a sposarselo. Anche qui vuoi che Eric non sia un principe (figo) con un castello sul mare? Sai che esterne in quella terrazza. E Tina Cipollari muta.
AURORA: Questa dorme, io ve lo dico. Ed è anche rintronata forte. Anni e anni a dirle 'Guarda, fammi un piacere, non ti avvicinare a un arcolaio che me mori' e lei che fa appena uscita dalla casetta? Trova un arcolaio e dice 'Toh! Ma tocchiamolo un po'!' Allora sei scema, ma abbi pazienza. Vissuta nel bosco con tre zitelle, anche lei aspetta il principe azzurro che deve rompere l'incantesimo e poi come Biancaneve insegna "Auroretta bella, te devi sdraia' sul letto e aspetta' che il principe te baci, sperando che non abbia mangiato la zuppa de cipolle e vivrete felici e contenti." Comunque lei quindici anni di quarantena e manco un capello fuori posto, magra e bellissima; noi dopo due mesi la ricrescita, sette chili e i peli che manco le mangrovie. Aurore', mo te ce mando.
YASMINE: Yasmine è una che ti controlla i messaggi su WhatsApp. È una che al tuo 'Ti fidi di me?' ti risponde 'Colcazzo!' e non sale sul tuo tappeto volante in modo ingenuo come avrebbero fatto quell'altre. Questa come animale domestico non ha un gatto, un canarino o un chihuahua; questa ha una tigre del Bengala. Questa se je gira il cazzo te fa a brandelli le mutande. Diffidente di natura se gli dici che sei Alì il Principe Ababua, lei ti guarda sospettosa bofonchiando "A me pari un morto de fame..."
Yasmine è una donna indipendente: ha già un regno, è già ricca e non le serve certo un principe su un elefante per essere felice. In realtà lei puntava al genio, ma come tutti gli uomini alla frase 'Avrei tre desideri...' Puff! Sparito!
BELLE: Qua poche chiacchiere, Belle è acculturata. Belle è la classica donna che, in fatto di uomini, guarda la sostanza. Piuttosto lo prende brutto, ma intelligente. Belle è una che prenderebbe a sassate i tronisti, ma si innamorerebbe di Angela. Piero Angela. Belle è una grammarnazi, potrebbe fare l'editor di professione o frequentare salotti letterari: puntigliosa, precisina e cagacazzi, probabilmente è nata ad agosto, ed è della Vergine. Se la vuoi conquistare puoi anche puzzare come una fogna di Calcutta, ma se citi Proust o Schopenhauer, è tua. La porti a casa che è una meraviglia, anche senza baguette.
RAPUNZEL: Una delle mie preferite. Grossi problemi a gestire i capelli, ma brandisce padelle come Uma Thurman brandisce la scimitarra. Inizialmente pare furba: 'uso un uomo per uscire dalla mia prigionia', ma poi come tutte noi ci si innamora. Non posso biasimarla: Eugene è il mio personaggio maschile preferito Disney; figo, ironico, paziente, scapestrato e per niente incline alla calzamaglia azzurra 70 denari. Lei, una volta uscita dalla torre, si pente. Poi è felice. Poi è triste. Poi è euforica. Poi è addolorata. Poi allegra. Il tutto nel giro di dieci minuti. Rapunzel è una di noi: in perenne lotta con la chioma e simpaticamente bipolare come noi in fase premestruale.
Alla fine si taglia i capelli e lui manco se ne accorge.
Storia già vista.
ELSA: Riassunto: Simpatica come una cistite, sculetta come Belen. Elsa grida al mondo 'Io so' io e voi non siete un cazzo.' Algida, fredda e severa, si atteggia a primadonna manco ce l'avesse solo lei. Scaglia lame di ghiaccio a chiunque le si avvicini con la frase paracula 'Ma non sei tu, sono io. Lo faccio per proteggerti' quando in realtà pensa "Non sei alla mia altezza, ne devi mangiare di cereali cara mia." Ha avuto un'infanzia difficile, isolata dagli amichetti dell'asilo ai quali lanciava anatemi e fiocchi di neve. Ripudia la sorella con una scusa, ma in realtà le stava sui coglioni con quel petulante 'Giochiamo? Giochiamo? Eh? Giochiamo?' Poi ce credo che scappi de casa.
ANNA: Si sveglia la mattina tipo noi: con la bava e i capelli a sminchio. Pensa di essere innamorata di uno, non capendo che in realtà è uno stronzo. Pensa che sua sorella la odi, non capendo che in realtà la sta proteggendo. Pensa che un venditore di ghiaccio voglia aiutarla, non capendo che tutto è finalizzato a fargli assaggiare il suo polaretto. Insomma, non è che Anna sia molto sveglia. Ah sì, pensa che Olaf sia un pupazzo di neve che parla, non capendo che probabilmente è la roba bianca che sniffa con la pergamena arrotolata.
MERIDA: e qui chiudo in bellezza. La mia preferita in assoluto. Merida non ha bisogno di principi, a lei proprio fottesega. Su' madre gliene vuole appioppare tre e lei, imbracciando un arco, risponde 'Se mi devo sposare, allora sposo me stessa!' e centra il bersaglio che manco un cecchino. Coraggiosa, impavida, perennemente controcorrente. Porta avanti le sue idee, non si piega alle regole di famiglia, cavalca il cavallo a rotta de collo e non oscilla nemmeno un pochetto. Capelli in autogestione e si strappa le vesti bofonchiando imprecazioni come noi a fine serata quando ci togliamo il reggiseno o il tacco 12.
Non cede nemmeno davanti a tre pretendenti venuti per conoscerla; li guarda annoiata e pensa 'E io dovrei confondermi con questi qui? Piuttosto me la metto sotto sale.' Merida è così: una donna realizzata che non ha bisogno di principi azzurri per risolvere la sua vita. Siate impavide. Siate Merida.
Poi vabbè, cerca di fa' fori su' madre, ma sono dettagli.

Nessun commento:

Posta un commento

Nel frattempo, visto il periodo, vuoi una tazza di thè?

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.

LinkWithin

Related Posts with Thumbnails