lunedì 12 maggio 2014

Il Jane Austen tea Party

 


Come avrete notato sono stata un po' assente. Ma solo perché c'avevo da organizzà un evento.
A casa mia.
Nel mio giardino.
Circa una quarantina di persone invitate.
Con l'idea di fare tutto da me.
In poche parole: volevo morire di morte lenta e dolorosa.
Invece è stato un successone.
Ma partiamo dall'inizio.
Io, il Santo e Alice da non molto partecipiamo ai Tea Party organizzati e curati da Annie (la sua insegnante di inglese) e Bruna, sua amica da una vita, nonché donna con forte spirito organizzativo.
In parole povere (detto anche 'ma parla come magni') chiunque voglia promuovere la cultura inglese e/o condividere qualsiasi forma d'arte (che può spaziare dalla scrittura alla letteratura in generale, dalla pittura al corso di ceramica, e chi più ne ha più ne metta,) può chiedere di organizzare un Tea Party. Tu metti a disposizione la location ed eventualmente cosa vuoi promuovere e loro organizzano il tutto.
In occasione dell'ultimo tea party ci è partito l'embolo.
“Sentite Bruna e Annie, pensavo: io e il Santo vorremmo...come dire...be' sì, fare un Tea Party nel nostro giardino, che dite?”
“Perfect!”
“Fabulous!” queste già mi partono con l'inglese che come sapete mi vien facile come tenere un discorso sull'astrofisica.
“Vuoi promuovere il tuo libro?”
Il mio libro? Ah sì, ho scritto un libro. E quindi presa dall'entusiasmo ho risposto “Ma anche no!”
“No?”
“Ma noooo! Ma vi pare che invito gente a casa mi per parlare del mio libro? Piuttosto potremmo far vedere le foto dei nostri viaggi in Inghilterra, quando siamo stati a visitare i luoghi di...”
“Jane Austen!”
Lo abbiamo detto all'unisono. Un lampo, un guizzo, un'idea geniale presa davanti a un tè con intorno decine di persone, ma in quel momento c'eravamo solo io, Andrea, Bruna e Annie.
L'idea ha preso forma in una maniera allucinante e Andrea (sicuramente sotto l'effetto di psicofarmaci) ha proposto: “Sarebbe bello accogliere gli ospiti in costume”
In costume?
Lì per lì ho pensato volesse fare il remake di Baywatch e già stavo telefonando a un chirurgo plastico per rifarmi una quinta di tette, (perché è l'unica cosa che mi differenzia da Pamela Anderson, poi per il resto siamo ugualissime, sia chiaro.) Poi mi son detta: non può essere quel costume perché noi non abbiamo manco una piscina e sinceramente non so se reggerei di vedere il Santo con la capigliatura di David Hasselhoff.
“Costume di quei tempi???”
“Sì, ma forse non è una buona id...”
“Ma è fantastico!!” troppo tardi, ciccio. Ormai è andata. Lo sai che se mi metti in testa una cosa la devi considerare già fatta e non puoi tornare indietro. Tipo quella volta che mi hai detto “Potremmo sposarc...”
“Ho già chiamato il prete. C'aspetta il 27 settembre alle quattro. Puntuali.”
Insomma, per farla breve (ma breve non sarà) la location per il Jane Austen Tea Party è stato il nostro giardino e son partiti i preparativi da parte di Annie e Bruna. Ma anche noi ci abbiamo messo del nostro, troppo facile chiedere alle Tea Ladies 'ok fate tutto voi'. Io non ci riesco, devo essere parte attiva, mettere le mani in pasta e ficcare il naso in tutto. Immaginatemi a ottant'anni, gobba e curiosa che spettegolo sui vicini. Ma non sono adorabile?
Abbiamo proposto a tutti di venire vestiti in costume e ho temuto risposte tipo:
“Piuttosto mi rinchiudo le dita nello sportello del suv.”
“Piuttosto organizzo una crociera di tre settimane solo con mia suocera”
“Piuttosto mi prendo a martellate le gengive.”
Invece via, anche se all'inizio quasi tutti hanno detto “Ma sei pazza? Assolutamente no!” poi è andata bene. Non so, forse trascinati da me, dal mio entusiasmo, dalle mie doti di convincimento o dalle mie minacce, ci hanno ripensato. E non solo hanno accettato ma son volate frasi come:
“Oddio non ho il vestito adatto!Devo ASSOLUTAMENTE trovarlo!”
“Presto! Un cappellino e un ventaglio!”
“Se non trovo il vestito piuttosto non vengo. Voglio vestirmi!”
“Se riesco vengo in carrozza!”
Insomma la voglia di vestirsi si è allargata come un virus e ha contagiato un po' tutti. E chi non era vestito quasi si è sentito più a disagio di chi lo era. E ho detto tutto.
Il mio vestito e quello di Alice, manco a dirlo, me li ha fatti quella santa donna di mia madre che, armata di foglio e lapis, si è fatta uno schizzo degli abiti visti su internet con una tale scioltezza che sembrava un pittore francese a Montmatre. Taglio qui, cucio là, stringo qui, allargo là, fai na giravolta falla nartra volta, tho! Eccoti il vestito. Ualà, eccheccevò? Valentino ha da tremà.
Andrea, il mio amatissimo Darcy, l'ho rivestito io acquistando una camicia pescata con una botta di cu fortuna, trasformandola (quando si dice avere l'occhio lungo) in una camicia d'epoca, e anche il resto è stato riadattato e convertito. Perché comprare o noleggiare tutto sarebbe stato troppo facile, nevvero?
Con le Tea ladies abbiamo deciso l'apparecchiatura, la scenografia, mi hanno proposto delle cose fighissime che noi abbiamo accettato e io ne ho proposte altre che loro hanno accolto con entusiasmo. Ho/abbiamo cercato materiale, fatto foto, stampato roba, scovato oggetti. Siamo una squadra fortissimi, non c'è che dire.
Alle quattro era tutto pronto. La mia camera da letto era stata adibita a camerino/guardaroba e pareva di essere dietro le quinte di un teatro. Cappellini, ventagli, guanti di pizzo e donne sull'orlo di una crisi di risate. Non ci siamo fatte prendere nemmeno dall'isteria allo strappo di un nastro o al salto di un bottone, perché avevamo la costumista: la mi' mamma, che armata di ago e filo e una pazienza che manco Giobbe, ha risistemato vestiti e cappelli in fase di vestizione.
Io ero pronta ad accogliere tutti con la classe e la finezza tipica di quei tempi.
“Signoraaa!!! ma che piacere!! venga!Attenta allo scalino che sennò mi si pianta nella siepe!”
“Salve!!sono Simona, la padrona di casa!Ti piace il vestito? Lo so pare una camicia da notte, mi ci manca il pitale e poi siamo a posto. Gradisci un biscottino?”
“Ciao!Ma che bello questo fiore! Ho sempre amato le camelie!Ah. È una petunia. Certo. - da segnare sull'agenda: fare un corso accelerato con Luca Sardella- Ma grazie!”
Annie e Bruna si sono mosse come formichine laboriose destreggiandosi con gli interventi, il catering, l'intrattenimento e un certo aplomb inglese che da me ovviamente non sarebbe mai arrivato.
Andrea invece è stato un perfettissimo Darcy, non solo per l'aspetto e le basette lunghe ma si è prestato a qualsiasi cosa la mia mente contorta gli abbia suggerito, senza fare una piega. E, conoscendo il suo carattere piuttosto schivo e concreto, direi che stata una dimostrazione d'amore più di un anello, più di una serenata, più di cento tavole sparecchiate. E se era già Santo e Beato, dopo questa cosa  lo trovate alla destra del Padre.
Alice invece ha aiutato fin dalla mattina, ha trasportato sedie, chiuso e aperto tavolini, aiutato ad allestire i drappi sulla siepe, pulito, apparecchiato e sparecchiato con una cura fantastica. Ci teneva più di me che tutto fosse perfetto, e quest'ansia le ha fatto avere uno scatto isterico di circa cinque secondi in cui ho temuto che mi si trasformasse nella bambina dell'esorcista. Poi è entrata totalmente nella parte, al punto che ieri sera mi ha detto “Madre, io mi ritiro nella mia stanza. Voi quando vi coricate?” Io ho preso il pitale di cui sopra e l'ho seguita.
Gli invitati all'evento sono stati fantastici, si sono lasciati travolgere e non sconvolgere dalla pazzia della sottoscritta e hanno scattato credo 9876 foto a testa. Tutto per poi ricattarmi, sono certa.
Roba che se questa cosa arriva agli assistenti sociali, ci levano la figliola.
Roba che ho sentito mia madre rispondere alla domanda 'ma quella è sua figlia?' “Chi, quella che sta correndo sguaiata reggendosi il vestito e che, ommioddio! ha appena detto una parolaccia? No no, non so chi sia...”
Roba che, dopo questa performance, ho un futuro. Sì, alla neuro.
Ci sono state tante risate, interventi interessanti, miliardi di foto e un divertimento unico, coinvolgente e sì, pure godereccio. Il banchetto del cibo era strafavolso con dolci uno più buono dell'altro che, per inciso, sono stati portati dagli invitati. Ognuno ha avuto una parte, un ruolo e tutti hanno partecipato entusiasti. Non solo: era presente la sorella di Greta Scacchi, l'attrice, che saputo della cosa è stata lietissima di partecipare e ha pure usato il mio cesso! e un operatore di un canale della tv regionale che ha ripreso in cielo in terra, in ogni luogo e in tutti i laghi e ha intervistato la sottoscritta, Annie e Bruna per un filmato che forse andrà in onda. Ora come ora sto cercando di contattare la Tomponzi Investigazioni per cercare di trovare qualche scheletro nell'armadio, qualche segreto importante con cui ricattare l'operatore perché non venga mandato in onda il filmato. Col culo che ho, non avrà precedenti, sarà un cittadino modello, un padre esemplare e a capo pure di missioni umanitarie, per cui temo che il video possa essere divulgato.
L'evento comunque è riuscito bene, talmente bene, che qualcuno ha perfino azzardato un “Sembra un film!” e una signora, presentatasi al cancello del giardino, è rimasta allibita e immobile.
“Signora, ma...cerca qualcuno?”
“Sì, ma mi sa che ho sbagliato. Scusi scusi non voglio disturbare, vedo che c'è un matrimonio in corso!”
Un matrimonio. Facciamo un evento in giardino e da quanto ci riesce bene lo scambiano per un matrimonio. Nella prossima vita voglio fare la wedding planner.
Prima delle foto chiuderei con i ringraziamenti.
Ringrazio tutti quelli che hanno partecipato e che si sono prestati a questa folle anche se bellissima idea.
Ringrazio chi mi ha portato i regali, che ho accolto con sincero stupore e chi mi ha donato i fiori. Bellissimi tutti e in particolare un grazie a Vanna che addirittura, per me, solo per me, si è fatta arrivare le rose Austin direttamente dall'Inghilterra e me l'ha confezionate con una cura e una maestria certosina, perché anche la ricerca della stoffa ha avuto un suo perché.
Ringrazio chi mi ha lasciato la sua mail per far sì che io mandi tutto sto pappiè.
Ringrazio la mia amica Samantha che non solo si è lasciata travolgere da questa cosa, ma è stata parte attiva anche nella preparazione dell'evento fornendomi materiale e chicche culinarie: ha fatto dei cup cakes con la silhouette di Jane Austen. C'ha perso un giorno, la pazienza e mazzi di neuroni ma son venuti 'na favola!
Ringrazio: Sarah per la lettura in inglese di un brano tratto da Orgoglio e Pregiudizio, Vanna per averci trasmesso la sua passione per la musica e ricordato che anche Jane la amava, Silvia per averci reso partecipi dell'affascinante mondo dei cavalli e dell'abbigliamento di quel tempo in questo campo, Laura per aver riassunto anche con spunti personali la vita di Jane Austen, Naibì per averci illustrato gli abiti d'epoca, i tessuti e la moda, e infine Leila per averci presentato la Fondazione Cerratelli. E qui ringrazio di cuore Diego Fiorini che ci ha permesso di esporre per l'occasione due cappelli di scena usati per La Bohème di Puccini con la regia di Franco Zeffirelli del 1983 e per Il signor Bruschino di Rossini del 1978. Vi consiglio un giro sul sito per apprezzare questa grande sartoria che ha collaborato per la realizzazione di costumi che hanno contribuito a rendere famose moltissime opere e che hanno solcato teatri come il Metropolitan di New York, il Royal Opera House Covent Graden di Londra, senza dimenticare i più famosi teatri italiani.
Infine un ringraziamento alle preziose Annie e Bruna, che con divertimento, passione, grazia e dedizione organizzano splendidi Tea Party per il solo piacere di divulgare e promuovere la cultura inglese, ma non solo. Si tratta proprio del piacere di condividere esperienze, foto, arte e dello splendido tè con chi apprezza lo stile english. Il tutto condito con simpatia, disponibilità e cordialità molto british!





 







 



























Ah, poi un po' del libro si è parlato. 
Mi hanno incastrato.



26 commenti:

  1. non sai quanto mi sarebbe piaciuto esserci...
    e mi toccherà pure farmi una cultura sulla Jane... mica posso sfigurare alla prossima occasione! :DDD

    Brava Simo, Stupenda Alice, Meraviglioso il Santo!
    Stracomplimentissimissimissimissimi a tutti! <3<3<3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. e no, non puoi sfigurare! Bella lei!

      Elimina
  2. oddio che belle che siete. e che bella giornata/bella idea. avrei voluto esserci anch'io. magari solo x vestirmi così (e mangiare un pò di dolcetti, che non guasta mail). e l'altalena con i fiori....quasi quasi il dondolo nel giardino di papà lo addobbo così. marta

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, potresti, mi hanno detto che è molto romantico oltre che colorato.Grazie Marta.

      Elimina
  3. Che bello Simo, mi sono incantata a guardare le foto, "una mise en place" in perfetto stile inglese, mi hai morire quando parli di Alice...ma quello che mi piace di più sono gli sguardi tra te e Andrea....si legge tutto l'amore che vi unisce....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. una mise che? Amò, t'amo quando sei così tecnica! <3

      Elimina
  4. Bellissimi siete SImo:) Tutti sorridenti!!
    Alice è perfetta, lei sembra inglese davvero <3
    che atmosfera...
    e l'altalena??No dico, ne vogliamo parlare? Fantastica!


    M'hai fatto troppo ridere con la storia del pitale

    RispondiElimina
    Risposte
    1. l'altalena l'ho addobbata ioooooo!!!!

      Elimina
  5. Meravigliosa! Ma lo sai che ho scoperto che c'è pure un' associazione su JaneAusten?!?!
    E sai pure che io non ho mai letto un suo libro uno, mai?!?!
    Ok. porgo le mani. te bacchettale!
    ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ora vado a vedè, brava!

      Elimina
    2. la conosco, grazie a loro mi sono ordinata la biografia di costance hill :-)

      Elimina
  6. Ma sembra di essere in un telefilm americano dove si organizzano eventi e feste a tema...
    Un sogno...

    Bravissimi

    Maira

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, la soddisfazione che tutto sia riuscito è immensa. E ci siamo divertiti molto a preparare, cosa da non sottovalutare :-)

      Elimina
  7. Ely mi ha suggerito di venire qui....avevo bisogno di un momento di relax di sorridere e riposarmi. Ho trovato tutto nel tuo caos io ho trovato la tranquillità. Continua sempre da neuro come dici tu cosi io mi rilasso, si vede che sono più matta di un cavallo.
    Un abbraccio forte Jane e ciaoooooooo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non potrei non essere da neuro ormai è assodato e sono irrecuperabile! Grazie Edvige di essere passata.

      Elimina
  8. Sono passata di qui perché dalle foto su Facebook non avevo colto pienamente e...non ci piove, siete la famiglia più fica della blogsfera!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Davvero? Ma troppa grazia!
      Tenchiù Lara!

      Elimina
  9. Arrivo da fb e dal consiglio di Ely :)
    Caspita che bell'idea e quanto siete tutti bellissimi......Bravissima!
    Un bacio grande :)

    RispondiElimina
  10. Sono commossa ... tu sei una realizzatrice di sogni!!!!!
    un abbraccio grandissimo
    dida

    RispondiElimina
  11. Oh signur!!!!! Ma questa e' una favola!!!! Se avevo minimamente il sentore di quello che stavi facendo, mi autoinvitavo!!!! STUPENDO!!!!!! STUPENDO!!!!!! STUPENDO!!!!

    RispondiElimina
  12. Belli belli belli. E' la prima volta che commento ma mi sono letta l'intero blog nell'ultimo mese.. Questa festa è veramente mitica.
    Ilenia

    RispondiElimina
  13. racconto divertentissimo e foto da sballo!!! sei magnifica!!

    RispondiElimina
  14. M E R A V I G L I A
    Ma che figata l'idea e il giardino e i costumi e gli addobbi e le tazzine, nastri pizzi, cappellini...
    E le foto, stupende!
    Dai che alla fine da un'idea folle ai visto che esperienza hai tirato fuori e che ricordi ti sei portata a casa!
    Brava Simo! :_)))

    RispondiElimina
  15. Sei una continua sorpresa!!!!
    Bellissimo questo tea party! Il Santo, troppo forte, per non parlare di Alice, perfetta!

    RispondiElimina
  16. ... organizzai degli eventi favolosi e mai una volta che inviti!!!!! Egoista!!!!
    Comunque complimenti, proprio un bellissimo party...

    RispondiElimina
  17. Fantastic!!!!
    A, Ct

    RispondiElimina

Nel frattempo, visto il periodo, vuoi una tazza di thè?

LinkWithin

Related Posts with Thumbnails