martedì 21 ottobre 2014

Il reggiseno del vero amore





Sì, avete letto bene: il reggiseno che si sgancia da solo, solamente se c'è vero amore.
Che questa frase a me ricorda molto Shrek, tipo bacio del vero amore, quelle robe lì.
Ora vi spiego: praticamente hai su questo reggiseno che contiene un dispositivo proprio all'altezza del cuore ed è collegato al cellulare tramite un'App. L'App riceve l'impulso che il tuo cuore batte forte (ergo: sei innamorata) e si sgancia da solo offrendo le tue poppe al fortunato.
Ora, avrei da dire giusto due o tre cosette su questa roba.
Cominciamo col dire che io per esempio avrei un casino di difficoltà, perché se il Santo mi zompa addosso dopo una serata in cui siamo usciti, io dentro al reggiseno c'ho 3 kg di cotone. Il tubino nero sennò mi torna male sul davanti, capisci? Quindi metto il ripieno e il mio cuore non capta una beata minchia, quindi hai voglia di pastrugnare.
Poi: metti che una esce con uno sgorbio ma l'ultima volta che ha visto un uccello è stato nell'83 durante Super Quark nella puntata dedicata alle quaglie,  e le partono comunque le fregole. Ovvio che non è innamorata, le è solo partito l'ormone. Metti che a casa di lui, sul più bello, parta sulla televisione a 85 pollici la pubblicità della nuova borsa di Hermés con uno sconto stratosferico. Roba che bisogna approfittare subito sennò quando la ripigli a quel prezzo. Ecco, caro il mio sgorbio, in quel frangente il reggiseno non si sgancia, parte proprio a mo' di razzo e ti prende in pieno sulle gengive, io te lo dico. Una donna davanti a uno sconto di una borsa firmata non solo si innamora ma va in fibrillazione, quindi il cuore ha circa 8000 battiti al minuto e no, non è amore. Almeno non per te. Per la borsa. Quindi sta cosa, cari scienziati, è poco gestibile.
Poi ci può essere che il lui in questione ti scopra subito, del tipo “Andiamo a casa mia?” Con tanto di occhiolino. E se lui somiglia vagamente a uno spogliarellista, a te si sgancia non solo il reggiseno ma pure le mutande e non è bello che lui ti faccia “No, guarda, non ci siamo capiti. Ti porto solo ad assaggiare la parmigiana di mi' madre”. Immaginate la figura di merda. Così, scoperta subito. Ennò.
Poi c'è un'altra questione: togliete la poesia del momento. Cioè, è bello spogliarsi no? Anche se non sei Kim Basinger e non hai uno straccio di veneziana. E lasciarsi spogliare, ovvio. A meno che tu non abbia a che fare con un uomo che per sganciarti il reggiseno impiega lo stesso tempo che impiego io a risolvere un'espressione matematica, direi che fa tutto parte del gioco. Ci sono uomini così esperti che addirittura sganciano il reggiseno con uno schioccar di dita, con un click, manco tu fossi un link su Facebook. Poi ti tagga e ti condivide pure. Quindi in questo frangente è pure inutile.
Ci sono casi in cui non si sgancia per nulla, perché magari il gancino è arrugginito o al momento dell'attacco lo hai agganciato alla trina invece che nell'apposito buchetto. In quel caso l'uomo può andare in tilt e preso dalla passione te lo tira su e te lo sfila dalla testa. A volte lo fa con talmente tanta foga che rischia di strapparti testa e capelli, ma son rischi che per amore si corrono volentieri.
Devi solo assicurarti di togliere lo scalpo dal tappeto prima che il gatto tenti di accoppiarcisi.
Altra scena: lui sa che indossi sta minchiata e va sul sicuro. Sa che sei innamorata e che il tuo reggiseno si aprirà come le acque davanti a Mosè. L'aria nella stanza è talmente calda che pare di stare all'inferno, lui ti si struscia addosso, annaspa nemmeno fosse asmatico ma il tuo reggiseno non intende aprirsi. Tu preghi che si apra. La finestra. Preghi che si apra la finestra con una folata di vento perché rischiate di morì di caldo. Non solo: ti viene in mente che in una stanza assolata con 45 gradi all'ombra stesa sul letto è figa solo la Bellucci nella pubblicità del profumo di Dolce & Gabbana. Te no. A te si appiccicano i capelli alle tempie e i peli del pube ti si arricciano che pare tu stia partorendo Riccardo Cocciante.
Comunque.
“Embè?” fa lui, leggermente scocciato.
“No, ma ora s'apre” fai tu come se fossi a teatro e aspettassi di vedere il sipario spalancarsi.
“Si sgancia da solo se sei innamorata!” continua lui con fare accusatorio mentre la passione scema. Tu nel frattempo dai un'occhiata nei bassifondi e ti accorgi che non scema solo quella.
“Ma no! Si sarà inceppato. Ma ti pare!?” Provi a difenderti.
“Aveva ragione lui quando mi diceva che non sei innamorata di me!”
“Lui, chi?”
“Mio fratello!”
SDENG! Aperto. Poppe al vento come se non ci fosse un domani. Se pronunciava anche il nome pure i lacci delle mutande si aprivano scodinzolando come cagnolini. E ti scoprono. Perché al cuore non si comanda.
No, ma vi rendete conto che prova d'amore è questa qui? Non c'è macchina della verità che tenga. Se sei innamorata non ti si aprono solo le gambe ma ti si deve aprì pure il reggiseno con un botto. Roba che se lui è troppo vicino gli cavi gli occhi.
Tutto questo con un cellulare e un'App che se per caso ti si inceppa, minimo ti esplode addosso come un petardo.
“Allora, Mario? Luisa è innamorata?”
“Non so, è saltata in aria.”
Vorrei terminare dicendo che Meg Ryan ci ha insegnato che alcune donne fingono l'orgasmo talmente bene da meritare un premio Oscar e qua, scienziati puppologi, vi illudete che questo aggeggio si sganci solo se il cuore dice che è amore vero.
Mapperpiacere. Voi non avete idea, ma non avete idea, di cosa può arrivare a farvi credere una donna, soprattutto quando ha un uomo infoiato davanti.
Una donna, spogliata all'improvviso, senza quel necessario avvertimento di accoppiamento che torna sempre utile soprattutto nei mesi invernali, è capace di farvi credere che i peli che vedete sulle sue gambe non sono altro che un effetto ottico in 3D dovuto ai vostri neuroni specchio, e non una foresta di mangrovie da abbattere con la motosega.
E se una donna è capace di questo, il dispositivo dell'amore vero se lo mette in bocca, lo mastica e vi ci fa un origami a forma di M.
M di Minchioni.






12 commenti:

  1. Guardando l'inizio del video, mi sono accorto che l'aggeggio è stato inventato in Giappone. Fidati, Simo, questo spiega tutto :D

    RispondiElimina
  2. Ahahah che conclusione col botto! xD
    Comunque sto coso è pieno di difetti. Cioè, se uno ti fa lo scherzone di farti Buuu! da dietro la porta tu che fai? Tette al vento? Spettacolo! Inizierò a spaventare donzelle sperando abbiano il reggiseno del vero amore.

    RispondiElimina
  3. sei un capolavoro Simo ahahahahahhhhh

    RispondiElimina
  4. Moio Simo!!!! Già mi immagino file di reggiseni che saltano via come trappole per topi alla prima di 50 sfumature di grigio !!!!!!!!!!! Sei una forza!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahahhahahhah!!! non ci avevo pensato, sarà così senz'altro!

      Elimina
  5. Hahaha... Ti prego sto morendo in ufficio!!!

    Maira

    RispondiElimina
  6. Ho una sister che abita in Giappone. Che dici gliene commissioniamo uno da provare?

    RispondiElimina
  7. è tutto il giorno che mi chiedo come potrebbe fare a portare una cosa del genere una tachicardica...troppe domande esistenziali difficili mi fanno porre i tuoi post ;-)

    RispondiElimina
  8. La battuta su Riccardo Cocciante è da premio Pulitzer. :D Grandissima :)
    Cmq bel post, ma è anche troppo facile prendere per i fondelli i giapponesi. :) Ricordo un mio articolo in cui parlavo di una artista nipponica che costruiva dei diorama utilizzando calchi della sua gigina (l'avevo chiamato "L’artista giapponese amante dei paesi bassi" )... :D :D :D Potremmo campare di post sul Giappone per tutto il resto della nostra vita!
    Finito su questo blog per caso... rimasto soddisfatto :)

    RispondiElimina
  9. Ti adoro! Mi fai sempre morire dal ridere!

    ...Ma una volta non bastava osservare il viso? Quelle cose tipo rossore, fronte sudata, occhio lucido, sguardo languido??

    RispondiElimina

Nel frattempo, visto il periodo, vuoi una tazza di thè?

LinkWithin

Related Posts with Thumbnails