domenica 17 ottobre 2010

LE COMICHE



Infatti. Proprio le comiche, perché se vi dico cosa è successo c’è da schiantà da ride. Non ci credete? Okay, faccio una prova:

La Simo la potete trovare in libreria.

Non vi suscita niente sta notizia?

A bhè, se pensate che io sia lì a comprare un libro…Riproviamo.

La Simo la potete trovare in libreria perché un suo testo è in un libro, questo:


Io dico che avete riso. Ve l’avevo detto. Della serie “UUHUHAAHUHHAA!!Ma quante minchiate dice la Simo!!”

Ma è la verità.

Forse è meglio se vi racconto tutto dall’inizio.Esattamente un anno fa, Patty (una delle mie primissime lettrici) mi contatta via mail e mi scrive na roba del genere, che riassumo così:

“Mi piace come scrivi STOP Anche a me piace scrivere STOP Sto scrivendo un libro insieme a un’amica STOP mi piacerebbe che tu mi scrivessi un testo da inserire nel libro STOP”

Non erano nemmeno due mesi che avevo il blog e lei mi chiede una partecipazione. No, non avevo chiesto nulla a Padre Pio. Giuro. All’inizio ho anche pensato che avesse sbagliato indirizzo, invece lei mi tranquillizza e per dimostrarmi che ero proprio io quella che cercava fa addirittura un copia-incolla di un mio post e lo mette sul suo blog invitando gente a sedersi sul mio divano. Io nei tre giorni seguenti ho una sorta di paresi facciale con tanto di sorriso ebete. Qualcuno, in quei giorni, mi ha chiesto “Hai preso il tetano?” Fate voi. Sono sorpresa da questa generosità, non ci so’ abituata, e la Patty la conosco poco, ma quel poco che conosco mi piace tanto (la frase in corsivo può sembrare lievemente paracula, ma è la verità). La Patty, che chiamarla così mi ricorda l’occhialuta del magico mondo, ha una sensibilità fuori dal comune e una caparbietà nell’inseguire i propri sogni davvero invidiabile.Devo imparare da lei. Io sta caparbietà non ce l’ho. Quando, nella mia preghierina della sera, chiedo uno stacco di coscia alla Belen o una quinta alla Anderson, mica sono convincente, mica sono caparbia nella mia richiesta. Invece dovrei insistere e crederci veramente e battere lì finchè non mi sveglio una mattina con due meloni al posto delle tette.

Nella mail mi racconta che lei e una collega stanno scrivendo un libro ‘Comiche in cassa’, una sorta di racconti e aneddoti che si svolgono all’interno di un supermercato dove loro lavorano realmente. Porelle.L’idea mi solletica, è divertente e io mi sento di farne parte a tutti gli effetti, visto il lavoro che svolgo.Porella pure a me.La Patty mi chiede “Noi raccontiamo dei clienti, tu Simo mettiti dall’altra parte. Che ne pensi di noi cassiere?” E chi non si è trovato almeno una volta nella vita a pensare a ste donne mentre sono in coda alla cassa? E lì è nato il mio contributo. Ho scritto il testo di getto (chevvelodicoaffà) l’ho spedito alla Patty, lei ha approvato e poi...ci siamo perse un po’ di vista.Ovvio, due cuori e uno scanner. Ogni tanto la Patty mi scriveva “Scusa Simo, non sono più presente sul tuo blog, ma sto scrivendo il libro” e io le lanciavo virtualmente le vitamine al grido di “Non preoccuparti di farmi visitaaaaa!!SCRIVI!” e incrociavo le dita per lei, per questo sogno nel cassetto, per questo progetto che aveva nel cuore da un’infinità di tempo. Devo dire che non solo ho incrociato le dita ma mi sono pure incrociata tutta che manco un maestro di yoga. Na roba mai vista. E poi mi aggiornava sulla revisione, la ricerca di un editore, la speranza. Qui ho acceso anche un cero, per le mie scrittrici. E un bel giorno, finalmente, arriva la lieta notizia “Mi pubblicano il libro, Simo!” e son stata felice. Per lei. Perché davvero il mio contributo è una caccolina nel mare, in confronto al loro lavoro. Abbiamo esultato “pappappero” e ho aspettato trepidante il libro. L’ho letto in poco tempo, curiosa come una scimmia alla quale viene detto “Indovina se hai vinto un casco di banane o una cassa di noccioline” e mi è piaciuto tanto, perché è ironico, divertente e semplice e sapete quanto io ami la semplicità. E ci sono pure affezionata perché so quanta fatica c’è dietro, e quanto Patrizia e Alessandra tenessero a questo progetto. E poi leggendo quegli aneddoti non possiamo fare a meno di riconoscerci magari il nostro vicino (A-I-U-T-O) o nostra nonna (Mayday-Mayday!!!)al supermercato e non possiamo non notare quanta verità ci sia in quelle pagine. La lettura è impreziosita (Dio, sembro una che vende lapislazzuli su Mediashopping!) da vignette disegnate personalmente da Alessandra e devo dire che alcune son veramente geniali.Brave Patty&Ale, che il Signore vi benedica.Sono strafelice per voi e molto onorata di aver partecipato con il mio contributo e qualche pirla di saggezza.E Grazie di aver permesso a una pazza come me di partecipare alla stesura del libro.

Ovviamente l’arrivo del libro ha suscitato in casa mia varie reazioni:

1)

“Mamma guarda, in questo libro ci sono anch’io!”

Mia madre mi strappa il libro di mano, legge i nomi e mi fa “Il tuo nome d’arte adesso è Patrizia Catenuto? Come mai proprio Patrizia?In onore della zia?”

“Mamma, quella cosa rosa era il mio dito indice puntato a pag.163. Me lo ridai? Non è un segnalibro”

2)

“Amore è uscito il libro!Vè vè, ci sono anch’io!”

“In prima pagina?”

“No.Ad essere sinceri nell’ultima”

“Ah”

Quando si dice chiudere in bellezza.

3)

“Alice, guarda. Un’amica di mamma ha scritto un libro, ma ci sono anch’io!”

“Che amica?”

“Patrizia”

“La conosco?”

“No”

“Come ce l’ha i capelli?”

“Bhè…non lo so”

“Quanto è alta?”

“Bho”

“Ha gli occhi azzurri?”

“Non saprei”

“Mamma, ma non hai detto che è amica tua?”

Valle a spiegare come funziona un blog.

E ora, visto che è pubblicato, posso mettere on line quello che è stato in archivio un intero anno.

Okay, non è che è migliorato come il vino, che più sta lì, più diventa buono.Ma tant'è.

Vi ricordate la domanda di Patty? “Simo, mi scrivi come vedi noi cassiere?”

E che non glielo dico?

La Cassiera Bradypus:

la cassiera Bradypus, come dice il nome stesso, ha una vaga somiglianza con il lento animale. Passa gli articoli sul rullo come se fosse un bradipo che si è sparato in endovena tre flebo di camomilla. Nel tempo che intercorre dal primo oggetto poggiato sul rullo e l’emissione dello scontrino, potrei benissimo diventare nonna. Vorrei suggerirle di accelerare ma il tempo che intercorre dalla mia richiesta alla sua risposta potrei essere invecchiata così tanto che mi ci vorrebbe una badante.Vorrei anche aiutarla a contare i soldi del resto che mi deve, ma il tempo che intercorre dal mio calcolo mentale alla sua mano che cerca gli spiccioli nel cassetto..sarei già andata dal creatore.

La Cazziera:
dicesi cazziera la cassiera sempre incazzata. La riconoscete subito perché non parla, ringhia. Con l’espressione degna di un giocatore degli All Blacks e la sigla decisa di Rambo 2 la vendetta, scaglia gli oggetti sul fondo della cassa come se fosse merce scaduta e di poco conto. La cazziera si riconosce perché dice ‘Arriverderci!’ ma intende ‘Speriamo di no’, dice ‘Buona giornata’ ma intende ‘vai a morì ammazzato’, dice…eh...spesso non dice un bel niente. Ma in compenso vi fa un ruggito, che il leone della Metro Goldwyn Mayer le fa una pippa.

La Cassiera post mortem:
questa effettivamente fa un po’ impressione e generalmente è prossima alla pensione.Sembra viva ma potrebbe non esserlo.Ha un colorito malsano e l'espressione degna di un cane lasciato sul ciglio della Salerno-Reggio Calabria il 15 d'agosto.Pessimista di natura e vittima del sistema e della sua stessa vita,risponde a monosillabi o abbassando il capo come gli animaletti delle auto degli anni ‘'70. Non fate l'errore di domandarle "Come va?" perché la risposta potrebbe essere una delle tre:
-"Come vuole che vada? Si tira a campà"
-"Potrebbe andare meglio,ma a parte una colica renale, il femore andato, la miopia che avanza e l'artrite, direi benino"
-"Male. Io invece lei la vedo in forma.Ma stia attenta, perché oggi sta bene, domani chissà!"
Oltre a darle lì per lì due schiaffi, sì, potete toccare ferro.

La Cassiera Alternativa:
la cassiera alternativa non è colei che si alterna. No, è quella che vuole stare un po’ fuori dal gruppo, probabilmente perché è fuori e basta. La cassiera in questione spesso è giovanissima, al suo primo impiego e deve 'imparare'un po’ di regole. Per esempio evitare di far scoppiare le bolle del chewing gum in faccia ai clienti, o togliersi almeno il piercing al sopracciglio o quello sotto il mento. Ci son persone molto sensibili e se durante un "Ottantasetteuroeventiquattro" si intravede la lancia di Orzowei che ti sei piantata nella lingua, non è molto carino.Ho visto vecchiette sbiancare per questo.Poi in genere sbuffano un po’,non hanno pazienza, smanettano gli oggetti con noncuranza mettendo in bella vista il loro drago tatuato sul polso.Possono incutere un po’ di soggezione, ma a un occhio più attento, magari di una madre, fanno anche tanta tenerezza.

Poi ci sono le cassiere brave, carine, gentili e pazienti, e non sono manco rare.Ma essendo così professionalmente perfette, mica c'è gusto a scriverci qualcosa!

A questo punto, che dire? Accattateve 'illo! E non lo dico per me (perché io dalla vendita di questo libro non ci piglio manco un centesimo), ma perché almeno la prossima volta che andate a fare la spesa sapete con chi avete a che fare. E vi siete fatti due sane e belle risate.


Piesse:devo dirvi la verità, vedere la mia casa su un libro vero, mi fa una certa impressione.

Piesse2: e aver scritto un testo senza parolacce, me ne fa ancora di più.

40 commenti:

  1. Grandissima Simoncina mia (mo parlo come tua madre?!?!)Per Natale lo regalo a Mamma, anche lei al negozio sai quante ne sente!!!(x es: voglio una maglia accoltellata=maglia a collo alto)
    Tivititibi!!!!

    RispondiElimina
  2. Mitica Simooooooo!!!
    Ma che bell'idea le tue amiche e che grande cuore il tuo a dare un pezzo di te!
    Guarda sono felice per te manco fosse merito mio...quando si dice che non ho tutte le rotelle a posto!!!
    Stappiamo gli spumanti e prometto che se lo trovo in libreria me lo piglio sicuro...così anche io ho un pezzetto di te con me!
    E due risate in più non fanno mai male!
    E dopo questa doppia ripassata di melassa ti lascio che sennò divento troppo appiccicosa e ottengo l'effetto opposto...repulsione!^____^
    Bacio bacio.
    Nunzia

    RispondiElimina
  3. <3 ti stimo sorella <3 !!! (<- non so come si fanno i cuoricini nei commenti, ma quegli sgorbietti lì li vorebbero essere ;P) Complimentissimi a te e alle compari (La PAtty, e non quella del mondo di.. e l'Ale!!!) Un bacione grosso a voi!!!

    PS: ottimo regalo per mia sorella che ha sempore sognato di fare la cassiera perchè quando la merce passa fa biip! biip! :D)

    PPS: siiimo simooo mondo fantastico, simoo simooo e comodissimo...simo siiiimooo sempre ogni ggiorno diiii piùùù)

    RispondiElimina
  4. lo sapevo che prima o poi cara simonetta avresti fatto boooommmmmmmmm!!!!!!!!!!
    sei troppo troppo avantii!!!!!!
    fai schiatta' almeno ci facciamo 2 risate a sto mondo de merd!!!!
    smuakkkkkkkkkkkkkkkkkkkkkkkkk

    RispondiElimina
  5. Ma quanta soddisfazione mi date? Siete troppo careeee!!! E...no non posso dire niente, bocca mia statte zitta :-)
    Ma davvero il merito è tutto loro, son proprio carucce!
    Zebrina non mi parlà di segni e simboli perché anch'io non ci sto a capì niente, ma il tuo messaggio è arrivato :-D

    RispondiElimina
  6. Simo ma tu sei una forza e leggerti è un vero spasso te l'ho sempre detto!!! Io TI ADORO.
    Complimenti!!!!

    RispondiElimina
  7. e questo è solo l'inizio...ti auguro di riuscire a pubblicare un libro tutto tuo...e allora si che ci sara' da ridere!!!!buona settimana Simo!!!!!

    RispondiElimina
  8. Ammapate oh...ma allora sei famosa?!?!?!

    M I T T I C A!!

    RispondiElimina
  9. Sono felice felice felice, complimenti a te, tesoro, e complimenti a chi ha caparbiamente inseguito i suoi sogni... ma che forza abbiamo, che forza SIAMO noi donne?? Adesso vogliamo un libro tutto made in Simo!!!!

    RispondiElimina
  10. Che bello, complimenti davvero a te e alle due caparbie scrittici-cassiere!
    Lo comprerò. Ai libri non riesco a resistere.

    RispondiElimina
  11. Innanzitutto piacere di conoscerti! Scopro per caso il tuo blog ma mi è piaciuto tanto, ma così tanto che mi segno tra i tuoi sostenitori e metto il tuo blog tra i miei preferiti! ...E poi complimenti per il libro! Bellissimo post questo e sono felice che hai accettato di scrivere quel testo perchè a mio parere, i tuoi post sono molto divertenti, mettono allegria e buon umore! Un abbraccio.

    RispondiElimina
  12. Brava Simo!!! Soprattutto che difficile tenere questo segreto per più di un anno!! Adesso io aspetto il Tuo di Libro! Sappi che me lo comprerei ad occhi chiusi!! Ti adoro!

    RispondiElimina
  13. Sei veramente troppo brava!!! Penso che un libro lo dovresti scrivere anche te, simpatica ironica e brillante nella scrittura. Bacioni Simona

    RispondiElimina
  14. complimeti, l'intervista, ora un libro, allora sei diventata importante!!!!!!!!!!!!, secondo me lo dovresti scrivere tu, dall'inizio alla fine...........

    RispondiElimina
  15. Aleeee ohohhhhh, aleeee ohohhhh ^_________^ Grande Simoncina, voglio sperare che sia solo l'inzio perchè al posto tuo penserei davvero a scriverlo un libro. Andrebbe a rubaaaaaaaaaaaa. Ma poi me lo fai anche l'autografo? Un bacione stelluzza bedda, complimenti <3 :X <3

    RispondiElimina
  16. grande Simona!!!!

    sono felicissima! ti leggerò sicuramente :)

    un bacione

    RispondiElimina
  17. Simo sei una grande! intervista, libro ormai sei lanciatissima! io se fossi in te e sapessi scrivere come te ci farei davvero un pensierino al libro tutto mio.
    baci e buona settimana
    Dori

    RispondiElimina
  18. Famosa? Un mio libro? Siete pazzi? Ah no, ma forse ho capito male, è na barzelletta, vero??
    Troppobbbuoni tesori, troppo buoni.
    Non saprei manco da dove comincià,
    ma magari questo è l'inizio chi lo sa (e v'ho fatto pure la rima)
    Comunque sareste i primi a saperlo... :-D

    RispondiElimina
  19. Cara Simona, grazie di cuore per i tuoi meravigliosi post che, potrebbero essere contenuti in un libro di sicuro successo, ma preferisci condividerli gratuitamente.
    Con riferimento alle autrici del libro, è giusto che traggano dal libro eventuali soddisfazioni economiche che non riescono ad avere dall'attuale lavoro. Io impartirei lezioni gratuite di vela se avessi avuto altra fonte di finanziamento.
    Mimmo

    RispondiElimina
  20. ma fantastico!!! una risata tira l'altra!!!

    RispondiElimina
  21. Ciao!
    Non ti conoscevo...sono nuovissimissima del mondo dei blogger, ma grazie ad un link di note di cioccolato sono capitata qui...
    beh,bellissima scoperta!
    Leggo del tuo traguardo e partecipo insieme a tutte per congratularmi con te!
    Davvero simpatiche le battute e il tuo modo di scrivere.
    ^_^
    A presto!

    RispondiElimina
  22. GRAZIEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEE
    Eccomi la Patty del libro e Grazie a Simo per i suoi splendidi post, ovviamente questo post lo inserirò in qualsiasi mio sito, blog fb insomma come diciamo noi in sicilia " u mpicu ugni egghiè" lo appiccico in qualsiasi post.
    Per chi è interessato al libro lo potrebbe acquistare anche tramite me.
    Pagamento posta pay
    Spedizione direttamente a casa
    e spese di spedizione GRATIS
    ah per i primi 5 anche un omaggio!!
    So fare gli affari??? ah ah ah Vi aspetto

    RispondiElimina
  23. Ma sei diventata una STAR…prima l’intervista, ora questo, sei lanciata verso il mondo degli scrittori a pieno titolo! Sono felice per te e te lo meriti davvero! Un bacino.

    RispondiElimina
  24. Ciao Simona,
    ho letto del tuo blog su facebook e mi sto facendo quattro risate .... perchè io sono una cassiera ligure... ti segnalo il mio blog se vuoi conoscere la vita di noi povere maltrattate giaina2010.blogspot.com.... non sono molto pratica per quanto riguarda l'abbellimento del blog quindi è un pò "povero" di gadget ma i contenuti sono reali.....e mi farebbe piacere ricevere commenti e consigli
    Complimenti ancora e ciao
    Giaina

    RispondiElimina
  25. Come direbbe Homer Simpson M-I-T-I-C-O (A)!!!!!

    RispondiElimina
  26. Simooo complimentissimi x il tuo contributo al libro :) :) e complimenti anke a Patrizia e Alessandra ke l'hanno pubblicato (e anke scritto ovviamente) :P
    Braveeeeeeeeeeeee
    P.S= ovviamente mi hai fatto morire dal ridere :D

    RispondiElimina
  27. Ahahahhaahha a parte farmi sbragare il tuo racconto delle cassiere.. riesco a rovare un pò di serietà (quasi del tutto persa) per farti i complimenti per la pubblicazione del tuo racconto sul libro di Patty ed Ale...deve essere stata proprio una bella emozione.. ma te la meriti.. giusto su un libro simile dovevi finire.. ma non in senso dispregiativo.. che a rileggere mi sembra quello il senso..aahhahah (e non mi va di cancellare.. io son spontanea.. scrivo ciò che mi passa in testa).. Comunque dove eravamo rimaste?? boh.. ah si..si.. che secondo me.. tu dovresi proprio puibblicare tutti i post del tuo blog.. e farci una raccolta.. che dovresti inviare ad un editore.. coglione chi non capirebbe che sei la pollastrella dalle monete d'oro tu!! ahahaahahaha E' un complimento sai??? il tuo libro son convinta andrebbe a ruba... fa sbragare dalla sedia anche il più musone!!!!Insomma per ribadirti cara Simo.. che la tua è una dote naturale.. che dovresti far conoscere di più!!!!Un abbraccione forte forte.. .-)

    RispondiElimina
  28. MITICA mia...ho sempre creduto nella tua ironia e nel tuo saper scrivere! (ma questo lo sai, non faccio altro che ripetertelo a go go!)
    CHE FIGATAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAA

    RispondiElimina
  29. Ehy...ma di queste cassiere ne ho almeno una per tipo come colleghe!!!!
    Fantastico!!! se mi metterò a ridere all'improvviso in cassa ripensando a quello che ho appena letto istituirò un nuovo tipo di cassiera:"la cassiera ridens"!!!Bravisssssima!!!
    **Katia**

    RispondiElimina
  30. Io di che colore ha i capelli la Patty lo so, mi ha mandato una foto :-)
    Come te, la conosco soltanto virtualmente. Come te, ho avuto l'onore di scrivere un pezzo per "Comiche in cassa".
    Come te, non ho guadagnato un centesimo in tutto ciò, ma la soddisfazione di poter dire: in questo libro ci sono anch'io non ha prezzo.
    Come te, auguro a Patty il meglio del meglio.
    Noi due abbiamo tantissime cose in comune, eppure non ci conosciamo nemmeno. Hai ragione tu: vaglielo un po' a spiegare come funziona a chi non ha un blog!
    Felice di conoscerti, "collega".
    Luana

    RispondiElimina
  31. Benvenute alle nuoveeee!!!
    E Grazie ancora ciccini, ma davvero mi sopravvalutate...
    Come sempre rimango indietro come la coda del maiale (che è rosa appunto) e mi son persa una bella iniziativa. Ve pareva?
    Accipicchia.

    RispondiElimina
  32. Simo, ti avevo scritto un commento, ma non è comparso... :-(
    Vabbè, dicevo solo che... tra un po' sei una VIP!!! ^__^
    Bacioni!

    RispondiElimina
  33. E'solo la prima volta purtroppo che passo da qui ma tanti tanti tanti complimenti sinceri per questa cosa, la trovo meravigliosa :*

    RispondiElimina
  34. Posso dire che sono fiera di te e del tuo modo di essere?
    You are DE BEST!

    RispondiElimina
  35. ARGHHHHHHHHHH.. CI RIPROVO PER L'ENNESIMA VOLTA!!
    Ho provato a scrivere un commento ma mi da sempre errore.. cassaaarola!!!
    Cmque
    BRAVISSIMA LA NOSTRA VIP SIMO!!... Attendiamo un tuo libro, o meglio qualcosa di innovativo!!

    E poi... che bello leggere il post sul nostro raduno.. davvero sempre meraviglioso rivederci tutte!!

    Un bacione.. e che internet me la mandi buona!!

    RispondiElimina
  36. Grazie Simo per il commento!!!
    Leggere i tuoi post mi ha divertito da matti e adesso chi ti molla più... Bravissima!!!!!!

    RispondiElimina
  37. MA CHE BELLISSIMO!!!!! BRAVA BRAVA BRAVA!!!!!! UN BACIO GRANDE

    RispondiElimina

Nel frattempo, visto il periodo, vuoi una tazza di thè?

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.

LinkWithin

Related Posts with Thumbnails