lunedì 11 ottobre 2010

QUANDO LA GATTA NON C'E' I TOPI MANGIANO







E non solo mangiano, ma sporcano. Ma partiamo dall’inizio. Sono stata due giorni a Milano con le mie amatissime amiche (ricordate le TMT? Loro.) da sola senza la Top-family, come tradizione vuole. E anche se sono abituata (anzi spero di riuscire a postare la gita con le foto) venerdì ho detto in un impeto “Amore, domani parto. Sarai SOLO con la bimba…ma non sei triste che per due giorni non ci vediamo?”

Lui non mi ha risposto. Era troppo intento a mettere gli striscioni e stappare lo spumante. Chevvelodicoaffà. Poi presa dalla responsabilità che mi contraddistingue ho cominciato:

“Allora, i panni stirati sono qua, questi invece non li prendete perché son sempre da stirare, in frigo c’è del sugo, fatemi almeno la lavatrice dei bianchi che sennò in bagno manco c’entriamo, c’è da pagare una bolletta se fai in tempo sennò lascia stare che faccio io, Alice ha da finire matematica e deve scrivere un raccontino per italiano, se ce la fai falle ripassare le tabelline, se cerchi la padella grande è dentro il forno, l’olio non lo buttare, ci ho fatto solo una frittura, è finito lo scottex, puoi usare i tovaglioli di carta, quelli bianchi però perché quelli belli colorati son da mettere con la tovaglia arancio, ma vai a fare la spesa sabato? Ricordati il sapone della lavastoviglie, appproposito la lavastoviglie è da svuotare, se vuoi, sennò lascia stare….”

“Hai finito?”

“No. Alice? Alice? Aliiiiiiiii???”

Alice è seduta per terra che guarda le tele con le cuffie “Eh, mamma?” chiede alzando una cuffia.

“Se cerchi la tuta grigia è nel cassetto, ma la maglia rosa è…”

“Sì mamma, okay” riabbassa la cuffia e si rimette a guardare la tele.

“Simo, stai tranquilla, non è la prima volta che rimaniamo da soli due giorni.”

“Lo so, ma devo fare la parte della madre premurosa”

“Hai da dirmi altro?

“Sì. Fate come ve pare”

Ecco. L’ho detto C’ho provato ma non mi è riuscito. Ho provato a pretendere che tutto filasse liscio e che mi lasciassero tutto in ordine e bello lindo, ma sono poco credibile. Non sono capace di lasciare compiti, tendo sempre a dire “L’importante è che stiate bene, poi al mio ritorno ci penso io”

E loro sono bravissimi. Bravissimi a prendermi in parola.

Ho avuto un vago sentore di cosa mi aspettasse alla prima telefonata a casa.

Ore 13.30

“Ciao amoreeee!!!Che fate? Avete appena mangiato? Che bravi. Che t’ha fatto babbo di buono? Patatine fritte? Che buone! Quante ne ha fatte, una decina? No? Mezzo pacco da 1 kg? E ve le siete magnate tutte? Ottimo.”

Ore 21.30

“Tesorinaaaaaa!!!Bella de mamma! Che fai, giochi? No? Stai mangiando ancora? Come dici? E’ la terza barretta di cioccolato? Ah. E che t’ha fatto babbo di buono stasera? Ancora patatine fritte? L’altro mezzo kg, ho capito. Perfetto. Toglietemi una curiosità: le tende di cucina, son sempre bianche? Ah sì? Bene. Ma almeno la porta della zona notte è chiusa? Sì aspetto…ah è aperta? Fantastico. E la cucina? Dimmi un po’ dimmi un po’, è sempre azzurra e lucida? No? Ora è grigia e unta? Perfetto.”

Il bello è che non posso nemmeno dire niente, perché Sant’Andrea in quanto Santo è venuto a prendermi a Milano sciroppandosi tre ore all’andata e tre al ritorno (con me che, voglio dire, ti allevio anche la giornata con la mia gnoccaggine). Quindi, che pretendo porelli?

Quando ieri sera ho aperto la porta pensavo di aver sbagliato ed essere entrata al McDonalds. C’era un odore di fritto allucinante, le mie piantine di pothos erano unte come filetti di tonno e le mie paperelle da collezione avevano tutte il capo chino. Ma mica l’ho comprate così. Ieri sera stavano a vomità. Non dico niente e anzi esordisco con “Mmmhh che bel profumino genuino!”

“Mi dispiace per l’odore, ma stamani sono partito presto, un po' ho aperto ma poi ho dovuto richiudere”

“Certo amò, che problema c’è?” Mi sbaglio o il divano è giallo ocra?

“Uh, si vede che avete mangiato, guarda quanti piatti!Bravi bravi, di appetito vi voglio!”

C’è una colonna di piatti e tegami nell’acquaio alta quanto me. Ma sono mie tutte ste stoviglie? Cioè, possiedo tutti questi piatti? Che novità.

“Anche i piatti, guarda non ho fatto in tempo, ieri sera eravamo stanchi…”

“Tranquillo amore, li faccio io, anzi no, li metto in lavastoviglie, figurati. Vado un attimo a spogliarmi…ah, vedo che te, Alicetta, hai dormito con babbo eh? Mattacchioni!Bravi bravi che vi siete fatti le coccole!”

Il letto pare sia stato risucchiato da un orco, masticato e poi risputato.

“Mamma, non l’abbiamo rifatto perché ci siamo svegliati presto, e poi tanto ora andiamo a letto di nuovo, no?”

Eccerto, non fa una piega. Questa è filosofia. Infatti mi verrebbe da dire “Che mangiamo a fare? Tanto poi ricaghiamo tutto”

E penso che sia filosofia giapponese, imparata in questi due giorni dalla mia famiglia. Da cosa lo capisco? Perché pur avendo una scarpiera dietro la porta, in un angolo sono accorpate almeno 6 paia di scarpe. Si spazia tra ciabattine di Hello Kitty e scarpe da lavoro maschili. Roba che non si vede manco all’entrata della casa di Sampei.

Ho il terrore di entrare in bagno e invece quello è stranamente in ordine. Ma si sono almeno lavati?

Mi è cascato l’occhio sui panni da stirare e ho notato che la piramide di Cheope ha avuto uno smottamento, segno che qualcosa si son messi. Ancora da stirare. Spero abbiano prelevato solo un paio di calzini rimasto lì accidentalmente. La mia cucina mi chiamava a gran voce “Ti prego levami sta patina di unto col Topexan”, il tavolo intonava una canzone di Biagio Antonacci “Liberatemiiiii!!Liberatelooo!!!”, e il divano tremava dal freddo perché il copridivano era da tutte le parti, tranne che là sopra.

Quindi ora mi metto la fascia nei capelli e il grembiule e per due giorni avrò da fare giusto un filino.

“Simo, dì la verità, quanto è bello il profumo di casa nostra?”

Uuuaccchhhhh! (conato di vomito) “Sì, caro, davvero. Non c’è niente di più bello. Troppo delizioso questo sentore, così fine, quasi francese. Cosa è, Eau de pomme de terre?”

27 commenti:

  1. Ahahahah... tu mi farai morire prima o poi!
    ;)

    RispondiElimina
  2. mamma mia, che ti tocca fare per 2 giorni di vacanza!!!!!!!!!!!!!!!
    stai calma è rilassati.....buon lavoro.

    RispondiElimina
  3. In fondo, in fondo, in fondo, in fondo, in fondo.....t'è andata bene!

    RispondiElimina
  4. Simo mi ha fatto morire dalle risate con la frase "Che mangiamo a fare? Tanto poi ricaghiamo tutto"...
    come sei fiscale...che vuoi che siano un pò di unto, un bell'odorino di fritto...cataste di piatti scorchi...quant'è bella la famiglia!!! ;)

    RispondiElimina
  5. Mi fai schiantare...la citazione colta a Sampei poi trovo che sia moooolto chic ^_^
    comunque pensa positivo....poteva andarti peggio...tu ora non ci credi, ma poteva...fidati!!!

    RispondiElimina
  6. dimenticavo...devi poi consiederare che tu ti sei goduta ben DUE (dico DUE) giorni di gironzolate, chiacchierate, spettegulez, shopping e affini con le amiche!!! ste cose poi si pagano ^____^

    RispondiElimina
  7. ma quanto ti è mancata casetta tua?

    un bacione Simo bella :)

    RispondiElimina
  8. ah, casa dolce casa! sono tutti uguali non ti preoccupare, sei in buonissima compagnia ;-)
    ciao Dori

    RispondiElimina
  9. Spettacolo! Come sempre.

    Il tavolo intonava una canzone di Biagio Antonacci “Liberatemiiiii!!Liberatelooo!!!”.

    Andrea, Alice e Simo... la mia sit-com preferita! :-)

    Alla prossima, ciaooo

    RispondiElimina
  10. "Che mangiamo a fare? Tanto poi ricaghiamo tutto"!!! ti giuro la rivenderei a Luttazzi!!! :)

    RispondiElimina
  11. aahahahah Simo, come ti capisco!! alla fine i miei uomini hanno cambiato di nuovo programma e sono stati in casa per la famosa"serata tra uomini" (capisciammè)... e quando sono entrata in casa (ho finito di sistemare a sera tarda, con Tommy aggrappato ad una gamba) Mirko ha pure avuto il coraggio di dire che ci aveva messo 1 ora a sistemare in giro!!! Evvabbè...

    RispondiElimina
  12. Chiamala vacanza...e per fortuna erano solo due giorni...Cosa c'è di più bello che tornare a casa propria e vedere che nulla è cambiato...

    RispondiElimina
  13. Me so sganasciata da le risate.........!!!!!!!! Ciao, Simonetta ..

    RispondiElimina
  14. Ciao Simo!
    Dai, fammi un caffè così la casa cambia odore!AH AH AH AH AH!!!!
    Evvabbè, si sono un po' lasciati andare...ma sennò Mastrolindo che ce sta a fa'???
    E' anche vero che mica pulisce lui....
    Comunque sono con Andrew e Alice: io adoro le patate fritte, sono trooooppo buone!!!
    (Che infame di amica, eh! ;P)
    Bacio.
    Nunzia

    RispondiElimina
  15. fantastica quella filosofia di vita!! Che rifacciamo a fare il letto tanto lo disfiamo di nuovo!!!c'ha ragione lei!!!
    bacio....

    RispondiElimina
  16. Simo che te devo dì...cosa non si fa per stare sole due giorni.
    Alice è una grande, sarà una super dunnina come la mamma...
    Dopo aver sistemato il tutto pensi di andare anche in palestra?
    basetti

    RispondiElimina
  17. Eh no niente caffè, mo me fai mezzo kg di patate fritte!

    RispondiElimina
  18. Sono in ufficio a tentare di trattenere il rpimo sorriso della giornata.
    mi spiace per casa tua ma...GRAZIE! Ne avevo bisogno.

    RispondiElimina
  19. ecco, mi hai fatto spaccare tutte le labbra a forza di ridere.... già sono raffreddata....

    RispondiElimina
  20. dai.. poteva andare molto peggio!!!! :):):)

    RispondiElimina
  21. Non ti dico come ho trovato la casa io dopo aver partorito il secondo figlio ed aver lasciato a casa 3 giorni soli mio marito e figlia all'epoca 3enne..lei ormai era diventata rasta e con i vestitini luridi, giochi ovunque, piatti di 3 giorni da lavare...un cesso!! e fortuna che dicono che le puerpere dovrebbero riposarsi...

    RispondiElimina
  22. anf pant anf pant!!Cenerentola mi fa una pippa!
    Riuscite sempre a consolarmi, sapete?
    Per avere più sprint mi ci vorrebbe una colonna sonora adeguata. Suggerimenti?
    :-D
    Vorrei sapè cosa intendete con 'molto peggio'.
    Ommaigod.

    RispondiElimina
  23. Troppo bello questo post. I maschi??? Mah...il mio maritino fa il possibile, ma il bucato, se io non ci penso, resta steso tutta una settimana ahahahaha!!!

    RispondiElimina
  24. Beh, hai ri-scoperto piatti e stoviglie, che non ricordavi di avere. T'è proprio andata bene, eh?
    :)

    RispondiElimina
  25. la prossima volta che hai in programma di andare via ti consiglio di "smontare un po' di cose" a mo' di....trasloco!!!"....grande simoooo!!

    RispondiElimina
  26. Daiii, finalmente una casa un po' vissuta!!!Quanti chili ha preso Alice in questi due giorni?

    RispondiElimina
  27. AH AH AH cosa me le lavo a fare le mutande tanto poi le risporco...

    p.s. ed eventualmente le rigiro...

    RispondiElimina

Nel frattempo, visto il periodo, vuoi una tazza di thè?

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.

LinkWithin

Related Posts with Thumbnails