mercoledì 28 marzo 2012

LA PAGELLA DI BABY SIMO


Ieri stavo pensando (che già il fatto che io pensi è qualcosa di miracoloso) che Alice (scolasticamente parlando) per alcune cose ha preso da me. Per esempio il disegno, poi...il disegno, poi...sì bhè il disegno, e poi...il disegno.

Questo per farvi capire in che condizioni versavo io a scuola. Invece lei è brava in tutto, più che altro si impegna, anche se ovviamente ha le sue materie preferite. Ma io non è che ero dura eh? No no. Volevo fa' come mi pare. Sai la novità.

Mi piace italiano? Okay, scrivo un tema dove non mi bastano otto fogli protocollo. Oh che bei voti a italiano!I miei temi venivano letti in classe.

Matematica? A parte il fatto che per me la matematica è un'opinione. Comunque. Che brutta la matematica, non mi garba e non mi è mai garbata. E quindi anche no. Un sei non l'ho mai visto in tre anni. Un sei. Figuriamoci di più.

Arte (o disegno o Artistica) ohhhh che bellezzaaaa!!Dei disegni e delle robe fantastiche!Il mio battistero di Pisa fatto a china è rimasto appeso in classe per molto, molto tempo. Ero artista dentro, abbestia. A Montmatre dovevo sta', altro che scuola.

Inglese? Cioè, io già ci do di italiano, non capisco perché devo imparà un'altra lingua. La povera professoressa Rosanna una volta è svenuta in classe:avevo tradotto Martin Luther King in 'Il Re Martin Lutero'. Poraccia.

Tecnica: cosa me ne frega a me di come è composto il legno o la carta, cioè mica c'ho da mettere su una cartiera. Quindi pffff!! che palle. Però la mia centrale idroelettrica con tutte le lampadine funzionanti che pareva un plastico di Vespa ebbe un enorme successo. Cioè, ero brava come Geppetto o Archimede ma a livello pratico, la teoria lasciava un po' a desiderare. Ergo: braccia tolte all'agricoltura.

Religione: non me lo ricordo, ci tiravamo le cimose.Ma tanto non avevo idea di farmi suora.

Storia e geografia. Anche qui, andavo a gusti. Mi piace la Lombardia? La studio: 8. Non mi piace la Toscana? Non la studio: 5. Cioè, se mi entrava nelle grazie bene, sennò era un casino.

L'impero romano? Ganzo! 7 e mezzo! Il medioevo? 'L'alunna, chiamata per l'interrogazione, si giustifica dicendo “Ieri non ho potuto studiare perché mi è morta la nonna”. Presumibilmente la stessa nonna che è morta anche il mese scorso, quello prima, quello prima ancora e pure l'anno scorso'.

Musica: col flauto ero brava, manco il pifferaio magico, guardate. Il problema era la teoria. Ai compiti (con la prof che batteva una manina sull'altra come se fosse la Rottermaier “Ta-ta-ta-ta-ta”) mi sarebbero servite due nacchere per accompagnarla, perché di più non comprendevo. Ero più alla “Datemi uno strumento e vi suonerò il mondo”.

Educazione fisica. Scarsissima nella coordinazione (vi vorrei ricordare che inciampo pure adesso nelle ciabatte) arrivavo comunque a fare dei numeri giocando sull'istinto, o sul culo se vogliamo. Come in tutti gli anni in cui ho giocato a pallavolo. Giocavo d'istinto, di pancia, di cuore, la tecnica magari non era perfetta, ma sono riuscita comunque a togliermi delle soddisfazioni. Tutto questo ha fatto in modo che mi chiamassero “Martello senza cervello”.

Diciamo che ero già pittoresca a quell'età. Anche un po' naif. Un' artista pazza incompresa, ecco. Creatività la parola d'ordine. Perché più di lì non arrivo manco ora.

E me ne sto rendendo conto anche adesso che ho una macchina fotografica nuova (Una Nikon regalata dal Santo e Alice) con la quale scatto delle foto, così, in modo istintivo, come mi gira, come mi va e parlando con quelli del mestiere mi fanno “Che obiettivo hai usato? Huhauah hjjsijshhs hhdijshhhsdbv hdsjidjhbsb jhdjkijdjds?” Questo è quello che comprendo dopo, perché io quando parlano il fotografese non capisco un cazzo. E la mia risposta è “Bho!Ho scattato la foto, spippolando un po' sulla macchina...non va bene?” Ed è ovvio che non va bene.Mi toccherà studiare il libriccino. Che se mi conosco un poco, giacerà intonso nella scatolina.Io smanetto che fo' prima.

Vabbè, che ci vogliamo fare, lo dicono anche le mamme delle mie amiche che sono strana.

Voi a scuola andavate bene? Le vostre materie preferite?

Astenersi secchioni, plis!

47 commenti:

  1. "Martello senza cervello" è leggendaria, me la rivendo.
    Nel mio piccolo faccio un lavoro dove per legge è solo necessario "saper leggere e scrivere", così narra un Regio Decreto del 1931 mai abrogato.
    Quindi...
    Per fortuna c'era lei che aveva studiato e quindi mai un anno senza borse di studio dei ragazzi.
    Se no erano guai.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No, ma secondo me è l'approccio. Alice ha un grande senso del dovere (per ora!) quindi si impegna anche in cose che non le piacciono ovviamente. Io no. Non mi piace, non la faccio. E questo comportamento purtroppo non è stato corretto fin da subito. Diciamo che ci siamo impegnati al massimo per far sì che la scuola le piacesse e la prendesse seriamente (ma come parlo?) :-D

      Elimina
  2. Simo, mi astengo.
    Pero' ti faccio notare che da geppetto e archimede, sei passata direttamente a McGyver!
    sono soddisfazioni!!
    ;-) baci

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sei una secchiona!!! :-D Sgamata!

      Elimina
  3. Ma coooooome, dunque mi devo astenere?
    Vabbè, diciamo la verità, io secchiona non ero, ma mi ci chiamavano.
    Troppo facile, gli altri erano talmente scarsi che bastava dire la tabellina del due ed eri secchiona! (spero che nessun mio ex compagno legga...ma di che mi preoccupo...mica sanno leggere! ^____^)
    Però leggendo il tuo post mi sono resa conto di essere l'altra faccia della medaglia!
    Tu artista, io no!
    Tu no alla matematica, io sì!
    Italiano mi piaceva il giusto: dammi la vita degli autori e m'incantavo...dammi da scrivere un tema e faticavo a scrivere una pagina. Perchè scrivere quando puoi raccontare? ^____^
    Lo so, ora ho cambiato punto di vista...e si vede dai miei commenti, vero?
    Disegno a mano libero...mi riesce bene solo lo Smile!
    Dammi riga e squadra e ti faccio delle proiezioni che manco al cinema!
    E poi ginnastica!
    Adorooo! Certo, mai stata smilza manco in pancia della mamma, ma mi divertivo un sacco! E all'epoca di Mimì Ayuhara...giocavo a pallavolo con le catene ai polsi pure io!
    Dovevi vedere l'insegnante di ginnastica quanti nomi ci mandava preoccupata che ci sfasciassimo i polsi! Masssssìììì, dovevo diventare campionessa io...ahahahah!
    Inglese...ecco lì c'era tanta voglia di conoscerla, ma poca voglia di parlarla...dura trovare una mediazione tra le due voglie! per cui so dire 10 parole in croce...le altre le mimo!
    Al liceo invece ho scoperto la mia materia preferita: filosofia!
    Guarda, tornerei indietro solo per rifarla...ma era merito dell'insegnante...
    Che ho parlato troppo?
    Okay, la smetto sennò faccio un post nel post!
    ^_____^
    Baciotti tesoro!
    Nunzia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. 'faccio delle proiezioni che manco al cinema!'
      Ora moio! :-DDDDDDD

      Elimina
    2. meravigliose le tue proiezioni, nunzia!!
      :-DDD

      Elimina
  4. ahahah!! la cimosa, che ricordi :D a parte il fatto che a geografia odiavo la Campania e l'avrei anche cancellata dalla cartina con la suddetta cimosa... alla fine di ogni pagella si leggeva la fatidica frase "è dotata ma disturba i compagni, distraendo tutta l'intera classe durante le lezioni" ... che colpa ho io se ero un filino leader LOL

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, come quella 'E' intelligente ma non si applica'
      Ecco, abbiamo già una brava a filosofia, una disturbatrice... :-)

      Elimina
    2. in quarta liceo sono stata rimandata a settembre a filosofia XD

      Elimina
    3. Nuooooooo!!!Vai a ripetizioni da Nunzia!Non studiate niente, ma in compenso vi divertite!Fra tutte e due mi fate morì!

      Elimina
  5. Dunque, la storia la odiavo, in educazione fisica avevo la leggerezza di un elefante, in educazione artistica disegnavo come mio figlio disegna adesso (ha 2 anni e mezzo) però in testa le idee ci sono e di belle, è solo l'atto di metterle sul foglio che mi frega, se avessi potuto disegnare col cervello avrei preso 10 e lode, per il resto me la cavavo con sufficenza, al massimo con 8, più non facevo perchè la volontà non ci arrivava. Forse sono l'unica o comunque una tra le poche che non rimpiange i tempi scolastici, anzi, se tornassi adesso indietro nel tempo, mi sparerei!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io magari continuerei ancora un po',però chissà...il problema è che quando cominci ad avere l'indipendenza economica, l'idea di rimetterti sui libri poi non ti viene...

      Elimina
  6. io andavo benissimo in artistica, tecnica,matematica e scienze. In italiano...andavo..storia anche, geografia la studiavo perchè dovevo!:P

    religione ..giocavamo a carte, musica ci sputacchiavamo con la roteazione del tubo della pianoletta a bocca...che manca??
    educazione fisica?? beh, ero la classica cicciottella che si muoveva bene 9!:D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. roteazione del tubo della chèèèèè??? ma che schifino!Detto con amore eh?? <3

      Elimina
  7. Simo, mi hai descritta!!! Anch'io studiavo solo quello che mi piaceva, idem per l'inglese!!! La materia preferita era la stenografia (Metodo Cima.... azz, ancora mi ricordo il nome!!! ;-)))) )tutti quei segnetti mi affascinavano, era come imparare una nuova lingua, peccato che in pagella figurava con un bel 10 e sotto, al nome Fisica, un 3!! Facevo ragioneria e vorrei sapere (ancora)a cosa cazzo serve la Fisica a una che lavorerà in un ufficio....!!! Mah!!!
    Un abbraccio fortissimo!! Betta

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' vero!Quando ero piccola potevi fare il corso di dattilografa!Dattilografa. Ma vi rendete conto dove siamo arrivati?Se ci penso mi sento male...

      Elimina
  8. Simo, mi hai fatto morire dal ridere! Io adoravo l'italiano, nel senso, come te, che facevo bellissimi temi in cui la prof., che mi odiva, non riusciva a darmi meno di otto...figuriamoci se mi avesse amata! Ma questo per ragioni politiche. Lei pendeva dalla tonaca del prete ed io all'ora di religione facevo di tutto per farmi buttare fuori dalla classe, visto che a quel tempo non si poteva scegliere. Un odio atavico verso la matematica che credo proprio di avere nel DNA, quindi non la studiavo, quindi non capivo e il mio odio cresceva. Ottimo per ed. artistica, fisica e tecnica perchè mi piacevano quindi non mi creavano ansia o fatica, come per la storia e la geografia, anche antologia e grammatica che mi venivano naturali.
    Non male il francese, unica lingua che avevamo.
    Per il resto ero una tipa strana, un po' fuori dalle righe e con la lingua lunga, che odiava le ingiustizie e faceva il difensore delle cause perse...insomma, alcuni prof ganzi mi amavano, gli altri mi odiavano!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tipa strana un po' fuori dalle righe...batti il 5!!

      Elimina
  9. anche io mi astengo...
    ma peccato che nessun insegnante ti abbia mai invitata a cogliere i legami tra la matematica e l'arte/musica... magari ti sarebbe stata simpatica anche lei!
    Nel tempo mi sono arresa però al fatto che io e gli strumenti musicali siamo su due mondi diversi. All'epoca me la cavavo bene con la musica a scuola solo perchè facevo lezioni di pianoforte... per 4 anni... ora non ricordo più nulla.

    RispondiElimina
  10. io ero (e sono) sempre stata convinta sostenitrice del gruppo che dice: studio quello che mi piace. il resto non mi interessa. e , soprattutto, non mi piace dover studiare x essere poi interrogata. io studio x il mio piacere, non per fare vedere agli altri quanto sono brava (insomma, le gare, di qualsiasi tipo, con la giuria che ti giudica alla fine, non mi piacciono)
    non so se esista una scuola che non ti fa fare i compiti in classe e non ti interroga. ma x me sarebbe stata perfetta.
    sono + per le cose pratiche, la teoria non mi si confà.
    mi piace dipingere, ma non so niente della storia della pittura.
    mi piace suonare la chitarra. ma non so leggere le partiture (ed è un casino, quando devi farlo)
    un pò ti somiglio, mi sa.
    ciao marta

    RispondiElimina
  11. tutto quello che sono stata io....l'ho è ora mia figlia in prima media...anzi nella prima classe della scuola secondaria di primo grado....( sembra un processo!!!!) e per quanto mi ci riconosco.....
    ohrrrrabbbbia!!!!!non c'ha voglia come sua madre!!!!!
    sopravvissuta con decoro alle medie ( e qui lo posso dire perchè ai miei tempi si chiamavano così)al liceo non ce la facevo proprio....e allora perchè non ho fatto la parrucchiera???? o l'estetista?????
    perchè avevo fratelli secchioni e mica potevo sfigurare.....così mi sono sfigurata l'adolescenza!!!!
    Ma son qua tutta intera e tutto sommato il liceo mi ha aiutata dopo...perchè ho continuato pure dopo a studiare....mica potevo sfigurare!!!!
    chi la dura la vince.....forse!!!
    Pat

    RispondiElimina
    Risposte
    1. no no vince, vince!Testarda da paura, eh?!

      Elimina
  12. anche per me la matematica era un'opinione, infatti non son d'accordo con 5\6 teoremi , ma checevoifa'... il tema in classe d'italiano ricordo che mi piaceva talmente tanto che se la traccia ispirava finivo il mio e scrivevo qualche rigo, su richiesta , anche per i compagin di banco... per il resto odiavo la chimica , ma credo che posso dare piu' di una colpa alla prof , quando ha scoperto in consiglio di classe che nelle altre materie andavo bene è rimasta di stucco eheheh ;P
    ciao!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io anche su 7/8, ne vogliamo parlare?? ;-)

      Elimina
  13. diciamo che mi semi-astengo perchè le materie che mi piacevano le studiavo tanto ma matematica non l'ho mai capita, che è un eufemismo per dire che ero un capra e mi faceva vomitare e ginnastica...ti dico solo che ancora adesso sono zero e la mia cyclette funge da armadio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non lo dire a me.Il prof di mate quando mia mamma andava ai colloqui gli diceva "Può andare oltre signora, cosa vuole che le dica. Na tragedia" O.O

      Elimina
  14. ahahahah, confesso che gli alunni come te sono quelli ai quali mi affeziono di più ♥ e , ovviamente, quelli a cui do di più il tormento ;-P!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh ma io mica avevo i professori come te, bella de zia!

      Elimina
  15. A me m'ha salvato l'amore per la lettura, siccome non sento seguire le lezioni a scuola è sempre stato faticoso...
    Italiano: niente male, mi piaceva anche se non facevo temi da pubblicazione. Inglese: scritto, niente male, orale alla meno peggio per il problema di cui sopra. Matematica: fino alla seconda liceo, non malaccio ma l'ultimo triennio tra trigonometria e integrali l'ho passato nel buio completo. Latino: grazie a una prof eccezionale il quarto anno ero un fenomeno, per il resto niente male. Filosofia, chimica, fisica: mai pervenuti al mio cervello. Disegno e tecnica: quanto mi piacevano! Musica: un motivetto al flauto e basta. Ginnastica: disastro totale, odiavo la pallavolo e si giocava solo a quello, non ero capace in niente e ricordo quelle ore con ODIO!!!!!!
    Vai Alice, facci sognareeeeeeeeeeee........:)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io invece l'ho amata alla follia, nonostante abbia iniziato tardi ;-)

      Elimina
  16. solo una domanda....il Veneto ti piaceva e l'hai studiato? Hai preso almeno 6 nell'interrogazione? Se sì ti dico la mia pagella, altrimenti ciccia! :o))))
    cri

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi piaceva da matti!!
      Ho vinto quaccheccosa???

      Elimina
  17. Me la sono sempre cavata piuttosto bene... fino a che non ho incontrato il latino: il 4 me lo sono portato avanti fino alla maturita' e ringrazio ancora che quell'anno sia uscita matematica! Filosofia mi piaceva, ma odiavo la prof. che si era convinta che fossi depressa... mapperfavore!Era solo che lei mi deprimeva! Non ho un cenno di arte (purtroppo)nel sangue, per cui sono il tuo esatto oppposto. Dai Simo che ci completiamo!!! :D Martina

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma che completiamo!Voi siete mooooolto meglio ( in tutto) di me!

      Elimina
  18. dunque io sono un po' atipica... fino alla 2^ media ero una secchioncella... poi ho scoperto l'altra metà del cielo e... apriti cielo!!! Chi pensava allo studio quando c'erano 2 occhi neri, blu, verdi, nocciola... a cui pensare??? Per l'immensa gioia di mamma e suore! :D Ho sempre amato la matematica e le lingue (qui le battute si sprecano! :P) ma l'italiano NO! L'ho sempre odiato, come la storia e la geografia... Ho fatto un paio di anni di liceo scientifico giusto x appurare che odiavo anke il latino! Poi ho cambiato scuola e le antike passioni sopite (x lo studio, quelle x i ragazzi sono sempre state tutt'altro ke sopite! :P) sono rinate. L'inglese è stato tutto... infatti ora sono un'infermiera (INDISPENSABILE sapere l'inglese! :P) e amo iaggiare quindi senza inglese 'nsepò! :D concludendo: studentessa discreta, una gran casinista (alle elementari ho fatto parlare una compagna che non parlava da mesi - forse x la disperazione di farmi tacere! :D) e ben disposta verso il rossimo! :P

    RispondiElimina
  19. Ah dimenticavo, ero esonaerata da ginnastica, le uniche 2 volte che l'ho fatta mi sono sfracellata le ossa e il disegno/tecnica/ed. artistica erano un'incognita... Molto brava in teoria 'na chiavica in pratica... Non parliamo di musica... l'insegnante delle medie (suora) non voleva darmi la sufficienza e mia madre: "Suora se la promuove le prometto che non la iscrivo al conservatorio!" (da qualcuno devo pur aver preso??? :P

    RispondiElimina
  20. Disegno tutta la vita!!!!!!! Io adoro tutto quello che è arte e architettura e quindi vai di artistico e Università (mancavano dieci esami alla meta sigh!!!!!) ma ero bravissima anche di italiano (bastava non dare temi "politici" perchè ero un pò troppo a sinistra e vai di protocolli e le frasi dei miei temi venivano prese a modello nei cartelloni degli scioperi) Matematica... ecco ...anche no... proprio noooooooo..... e geografia non ne parliamo
    Forse è per questo che ti adoro perchè anche tu sei un pò borderline come me (sai noi artisti siamo parecchio strani)
    Mi ricordo un anno in terza liceo che per non farmi rimandare di matematica durante la riunione generale con i professori ho fatto e detto tanto che la prof dopo mezzora è uscita commossa dall'aula e non mi ha rimandato...... Dovrei scrivere un post sui miei anni al liceo... dio quanto mi sono divertita... un giorno ti racconterò di quando io e una mia compagna di classe abbiamo chiuso nel bagno la ruffiana dei proff. e abbiamo posizionato il tubo di plastica collegato al lavandino esattamente sopra al bagno...... Ero un pò "teppa" da giovane... vabbè!!!!!!

    RispondiElimina
  21. italiano si
    storia no
    geografia si
    disegno ni
    religione .....................
    inglese si
    matematica assolutamente no!
    musica ni
    Anche il mio libricino Nikon giace nella borsetta, ma il mio clik arriva ovunque ;)

    RispondiElimina
  22. Non sono brava in disegno, anche ora gli alberi li disegna meglio giulia che ha tre anni...matematica, chimica, fisica, algebra oscillavano tra il 3 e il 4. Biologia, nc. La prof stronzissima sul compito una volta mi ci disegnò una bomba che esplodeva e sotto la scritta: BOOM!HAI FATTO LA BOTTA! Giuro, m'ha segnato.
    Inglese e Italiano 7-9. Ah, che liceo ho frequentato? Scientifico indirizzo chimico-biologico: non capivo un cazzo nemmeno all'epoca!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Amò, non dire così, tu sei completa! ;-)Hai una laurea in mammologia che non ce n'è!

      Elimina
  23. Vale parlare delle Elementari?Si? Bè allora ti dirò che avevo un maestro 'Patriota'.Al mattino,dopo l'appello, ci faceva cantare L'Inno di Mameli sull'attenti ed anche Tapun,Tapun(canto degli Alpini).Son venuta sù 'tutta carabiniera'(anche il babbo lo era).Sò esperienze che lasciano il segno infatti chi ti vado a sposare?Un carabiniere dirai;eh no......un maestro di musica,e dagli coi cori Alpini!Kiss,kiss.Iris

    RispondiElimina

Nel frattempo, visto il periodo, vuoi una tazza di thè?

LinkWithin

Related Posts with Thumbnails