venerdì 19 aprile 2013

Cronaca di un libro pubblicato





Possono essere dette un sacco di cose all'annuncio di aver pubblicato un libro.
Alcune di queste fanno proprio piacere, tipo un'amica che:
“Anna...ehm...ho pubblicato un libro”
“Ahahahahahahahahah!!! Ma non dire cazzate!!!” e mi ha dato una spinta che manca poco finisco nel cassetto dell'immondizia. Io adoro ste cose, perché se mai ce ne fosse il bisogno, mi riportano subito coi piedi per terra.
Perché non è che questa cosa io l'avessi detta ai quattro venti.Seeeee.Del mio progetto ne erano a conoscenza sì e no sei persone, alcune delle quali per fattori logistici.Amo l'effetto sorpresa, che vi devo dire. Ora, per esempio, lo dico.
Dopo aver pubblicato il post precedente ho chiamato mia madre.
“Dimmi tuttoooooo!!!” A casa di mamma hanno la visione di chiamata e lei sa già che sono io, questo mi scoraggia da farle gli scherzi, mi scoprirebbe subito.
“Come va?”
“Ma come come va? Ci siamo sentite ieri sera. Bene!”
“Ah, okay”
“Ti senti bene? Ti sento strana”
“C'ho da dirti una cosa...” e ho immaginato mia madre pensare le seguenti cose:
  • è incinta di tre gemelli.Mia figlia è sempre stata un casino con gli ormoni.
  • Emigra nella sua amata Inghilterra per fare l'allevatrice di pecore e passerò la mia vecchiaia a studiare un minimo l'inglese per poter fare bella figura quando andrò a trovarla.
  • Ha stirato una vecchietta sulle strisce e cerca un testimone che la scagioni: me.
  • Ha lasciato un'impronta del ferro da stiro sulla camicia preferita di Andrea e devo vedere se nell'armadio ne ho una uguale di mio marito da darle, prima che il suo se ne accorga.
"Mamma, ho pubblicato un libro"
“Eeeehhhhhh????”
“Ho pubblicato un libro”
“Ho sentito benissimo, non sono sorda”
“Ah. Bene”
“Che libro?”
No, ma io la amo. Ne ho scritto uno, perdio!Non dieci.
“Mamma, come che libro. Quel libro!”
“Ahhhhh queeeeeeello!Pensavo tu ne avessi scritto un altro...Brava!Bravissima tesoroooo!!Eh, lo dicevo io. Sì sì.E...potrei averlo, ora che è tutto sistemato?”
“Ehm...per ora è un e-book”
“Un echè?”
“Un e-book, cioè lo devi scaricare per leggerlo di nuovo, mamma. Questo funziona così. Un libro digitale”
“Ah. Scaricare. Sì, certo, digitale.Uno lo compra e lo legge al pc. Mmh, bello. Molto interessante...”
“Ma hai capito?”
“No. Ma non importa!L'importante è che capisca tu come funziona, no?” Poi ho cominciato a dirle come funziona e lei mi zittiva con complimenti (ma quanto è grande l'amore di una mamma?) continuando a dire “Sì sì, perfetto...Benissimo!...Ma pensa te!...Fantastico...Figurati se io non lo compro subito! E che ci vuole!...Senti una cosa...come si accende il computer di tuo fratello?”

Poi l'ho detto a mia suocera:
“Si ricorda che le parlai di quella storia...sì ecco, l'ho pubblicato!E' un e-book però. Si acquista su Amazon e si può leggere sul Kindle”
“Kinder?”
Seee vabbè, ciao Rosa. Avrà pensato di trovarmi in libreria tra una barretta ai cereali e a un ovetto bianco e rosso.
E' appena cominciata questa avventura e già mi sto facendo delle risate. Inutile dire che le mie amiche più care, le mie comari e chi mi segue (belle de zia Simo!) sono felicissime per me e qualcuna s'è anche commossa!Sì, okay, avevamo gli ormoni a palla, ma son dettagli, giusto?
Sto pensando...io son qua che ve lo dico e ve lo spiego ma non mi sono svegliata una mattina e mi son detta “Lo pubblico”. No. Tutto è partito da una mia cara amica, Barbara D.B. (alla quale va il primo grazie) che un giorno m'ha chiamato e mi ha detto: “Sai cosa stavo pensando?”
“Che dovremmo portare le bimbe a prendere un gelato?”
“No, che dovresti pubblicare un e-book”
E da lì mi ha messo un tarlo, una pulce nell'orecchio che è rimasta in letargo (sta povera pulce) fino a che a primavera non s'è destata e mi ha detto “Abbella, io mi so' rotta di sta' qua dentro” e allora ho cominciato a elaborare l'idea. Presa dall'entusiasmo gliel'ho detto e lei, visto il tempo che era passato, mi ha cazziato dicendomi “Come sei sveglia!Le prendi al volo!”
Oh, io le cose le devo metabolizzare, c'ho i miei tempi. Ma in quei mesi di decantazione mi mancava la scintilla che facesse partire tutto, e quella scintilla è stata involontariamente e incosapevolmente... Nunzia (alla quale va il mio secondo grazie), che mi ha dato il la, che mi ha consigliato di non fare alcune cose e quindi di conseguenza di farne altre. E mi ha spinto senza volerlo e senza saperlo in questa direzione, e mi ha messo sulla buona strada, quando stavo per fare una cazzata. Eh sì, signori miei. E' stata come quei preti che rimettono sulla retta via i delinquetelli di quartiere.Ci mancava che mi dicesse “Dimmi figliola, quanto hai peccato?” ed eravamo a posto.
E poi c'è il terzo grazie. Immenso.Immensissimo. Che va a Valerio (questo Valerio) che ha permesso che il libro venga letto sul web. No, perché a voi pare facile. C'hai un testo salvato su word, fai un copia incolla, lo carichi da qualche parte e diventa un-book. Manco per questa ceppa. Se poi vi chiamate Simo, allora il problema è veramente grosso. Io (che come Cocciante in Margherita, non posso stare ferma con le mani nelle mani) ho fatto un casino col testo che non potete capì. Tipo che ho smanettato così bene che a un certo punto mi si sono sminchiati i capitoli, i paragrafi gli a capo, e tutto il cucuzzaro. Perché l'impaginazione di un testo su word non è detto che vada bene per un kindle. In poche parole: il caos. C'erano punti e numeri che pareva d'essere alla rubrica della Settimana Enigmistica 'Unisci i puntini', e sarebbe venuta fuori la mia faccia alla vista di quello che avevo combinato. Ora, per farvi capire, immaginatevi la scena.
Io (con i capelli a nido di poiana, le occhiaie e i nervi a fior di pelle) che entro nel suo ufficio con il mio piccì e un kindle, glieli piazzo davanti, lo guardo dritto nelle pupille e gli faccio con gli occhi iniettati di sangue “Vedi questo testo nel mio piccì? Bene. Deve finire dentro al kindle e diventare un e-book!!”
Lui non fa una piega. E allora io proseguo “Ho provato in tutti i modi ma non c'è stato verso. Ho pure pregato in sanscrito, in aramaico antico, ho acceso un cero e per finire, per far attraversare il testo da una parte all'altra senza sminchiamenti, ho pure usato uno sgabello , una frusta e un cerchio ma evidentemente non siamo al circo Togni e questi non sono tigri. Ti prego AIUTAMI”
Dio, che tristezza!
Lui, dopo dieci secondi nei quali ha pensato “Era meglio se quel giorno rimanevo a casa malato”, mi ha detto tre parole magiche “Non c'è problema”
A quel punto commossa e con gli occhi pieni di lacrime come se avessi visto un pacco regalo per me con 100 paia di scarpe, ho dato tutto in mano a lui. Ero così contenta che gli avrei dato pure le chiavi di casa e il codice del bancomat.
Lui, molto professionalmente, mi ha impaginato il testo per trasformarlo in e-book. Okay, lo fa di mestiere, cioè vorrei vedere lui a disossare un prosciutto o ad arrotare un' affettatrice, eh. Però vi dico: se avete bisogno di impaginare correttamente un testo, sia cartaceo che digitale, se avete bisogno di convertire vari formati, se vi serve qualsiasi lavoro di grafica, bhè contattatemi che vi indirizzo a lui e avrete, in breve tempo, tutto quello che vi serve.
E per finire (ma non per questo meno importante) Grazie a tutti voi, a chi mi legge qui, a chi l'ha già acquistato (lo hanno già letto!Incredibile), a chi mi ha contattato in privato per farmi i complimenti, a chi mi ha fatto già una recensione (bellissima!) su Amazon e a chi me la farà, e a chi lo acquisterà in futuro.
Cioè, son tre giorni che dico grazie, io vorrei fare di più. Per me è una cosa totalmente nuova...ma ganzissima!!
Speriamo che il lupo crepi.
E se non crepa ci penso io a prenderlo a mazzate!




33 commenti:

  1. Hop Hop, vado subito ad acquistarlo...arrivo sulla scrivania e accendo il Kindle! :*
    Complimenti Simo!!!
    Francesca

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie tesora!!! Hop hop è bellissima, mi sembravi a cavallo!!

      Elimina
  2. ahahaahahahahahahaahaha, credo che la prima impressione:
    "hai pubblicato un libro?!?! Che cavolo stai dicendo!??!??O_o" è quella che abbiamo avuto tutti..anche se adir la verità..io ho sempre pensato che avresti pubblicato un libro...ma di minchiate però!
    Aspetto pure quello :P
    Nel frattempo....rubo il kindle a Valerio che io non ce l'ho! ahahahahahahaah
    Un bacio!
    #valeriosantosubito

    RispondiElimina
    Risposte
    1. eh sì, la reazione di tutti è stata un po' questa. Adoroooo!! :-D

      Elimina
  3. io devo prima trovare qualcuno che abbia il kindle, poi me lo faccio comprare. marta

    RispondiElimina
  4. Ciao, io ti seguo sempre anche se in silenzio... il libro l'ho appena scaricato su kindle e ora... me lo leggo! Complimenti!! ^^

    RispondiElimina
  5. sei troppo forte Simo, sto immaginando i volti di tua madre e tua suocera, quando gli dice dell'E-book, e tutti i punti interrogativi nella loro testa...quando acquisto il kindle lo scarico...francesca

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Francesca, sì ti puoi immaginare, il divertimento è anche questo :-D

      Elimina
  6. Ahahaha sei troppo forte! Io per ora non ho l'e-book, se mai arriverò ad averne uno leggero il tuo libro!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, chissà, magari te lo regalano per il prossimo compleanno ;-)

      Elimina
  7. Bella, Simo' Sto già al 12%.
    Che poi non ho mai capito perché 'stocavolo de chindol nun te mette le paggggine, ma la percentuale! Me ricorda tanto 'na persona... :D :D :D

    Mi è piaciuto da subito e...chissà com'è ti immaginavo nelle vesti della protagonista! :))))

    Aho, se amate la Simo compratelo! E pure se non l'amate. :)))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bella zio!Sono contentissima che ti piaccia! Aho, grazie!!

      Elimina
  8. Grazie per la dritta di Valerio, se proprio proprio non trovo l'editore ideale, forse c'è forse non c'è boh, mi butto anch'io sul self publishing e sfanculo tutti. Però ho sempre avuto una gran fifa di fare casino col trasferimento da word a quella roba lì, no anzi sono sicura che farei un danno epocale. Intanto ci sono autori che hanno cominciato come te, e poi trac l'editore ganzo ha visto le vendite e ha proposto un mega contrattone e sia mai che capita pure a te? Enjoy te lo auguro
    Sandra

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sandra, se hai bisogno contattami pure che ti spedisco da Valerio. La questione degli editori è un po' spinosa. Potrei dirne tante ma non mi sembra il momento. Amazon permette di fare una bella cosa investendo su noi stessi, tutto qui. Io ci sto provando e mi diverto. E' una cosa nuova, a me sconosciuta, che sto prendendo con entusiasmo, come tutte le cose che faccio :-)

      Elimina
  9. ^_____^
    Mi manca solo il collarino bianco su camicetta nera, vero? ^_____^
    E' solo che mi tocca di badarti...qualche volta...perchè te sei troppo buona!
    E ti ringrazio per le tue parole, ma davvero non ho fatto nulla, se non cercare di esserti amica.
    Sono stra-orgogliosa di te!
    E poi quando scrivi ti adoro ancora di più!
    Baciotti tesorina!!!! ♥
    Nunzia
    PS.
    Adooooooooooooro la tua mamma!!!
    ^_____^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche io sono stra-orgogliosa di te!

      Elimina
  10. Ciao Simo, caspita non passo da un po' e che ti trovo??? Una fantastica notizia... che mi ha aperto gli occhi e chissà forse anche qualche idea! Ma questa è un'altra storia. Tantissimi complimentoni, brava. Tullia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. eh, qui basta assentarsi un attimo che qualcosa ti combino!Grazie Tully!

      Elimina
  11. m'hai fatto morì!
    petta che riprovo và!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ce la puoi fareeeeeeeeeeeeeee!!!!!!!!!!! :-D

      Elimina
  12. Che bellezza Simo... evvivaaaaa!!!!!
    Io non vedo l'ora di leggerlo sto' libro... ma prima devo capire se posso scaricarlo nel kobo! ;) Aspetta e spera, che prima o poi ci arrivo :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, puoi scaricarlo su Kobo, ma fai con calma tanto non scappa ;-)

      Elimina
  13. Senti io il Kinder non ce l'ho....vengo da te e me lo leggi sul divano come mi hai promesso..va bene? Anch'io orgogliosaaa!!! Dopo il calendario ci stava...che anno che è questo per te....!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dai sì, tipo badante o dama di compagnia!!

      Elimina
  14. io lo sapevo che prima o poi scrivevi un libro, l'ho capito sin dal primo post che ho letto sul tuo blog.......è per altre cose che la mia chiaroveggenza va a....farsi....... benedire

    RispondiElimina
  15. Ciao, bello questo blog, mi ritrovo in tante cose che hai detto. E poi sono veneta e le foto che hai pubblicato su Dolo e Venezia le adoro! Un grosso abbraccio! Ho preso il tuo libro ^_^

    RispondiElimina
  16. Beh che bello che è il tuo libro... lo sto leggendo... sentivo di dovertelo dire!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille Elisabetta, grazie grazie!!

      Elimina
  17. ..ciao Simo....ormai nessuno ti fermerà....hai davvero un bel gruppo e questo non è poco credimi!!! .....ti ho già detto privatamente che loro sono la tua forza!!! per poter emergere in qualsiasi cosa...............non lo si fa mai in solitudine!

    Un abbraccio grande!!!

    Laura S.

    RispondiElimina

Nel frattempo, visto il periodo, vuoi una tazza di thè?

LinkWithin

Related Posts with Thumbnails