lunedì 28 maggio 2012

E tu ce l'hai un' Isabella?


“Non ci credo!”
“Maddaiiiiii!!!”
Bacio. Bacio.
“Ma guarda teeee!!Quanti anni sono passati?”
“Tanti!”
“Te lo dico io. Venti!”
E sì, son passati vent'anni e chi ti rivedo? Isabella. No, ma è uguale. Oddio, quasi uguale. Ora è magrissima, capello corto sbarazzino, due buchi per ogni orecchio, e meno tette di me (evviva!) Per dirvi su cosa mi soffermo... ma Dio come sono contenta di rivederla!Dai, pare ieri che sgambettavamo in palestra.
“Ma che fai te ora?”
“Oh, lavoro per la ditta del mio babbo.Prima mi ha fatto laureare, poi m'ha voluto con se. Lo sai no, com'era il mio babbo. Ma dimmi, te che fai ora?”
“Cosa facevo vent'anni fa? La commessa. Anche adesso, praticamente non ho mai smesso. Fedele alla professione, ah ah ah!!”
Che cazzo c'ho da ride non lo so manco io.
“Brava!Spostiamoci un po' che qui c'è casino”
In effetti siamo in una piazza gremita di gente, c'è uno col microfono che fa fischiare le casse, bambini di ogni età in ogni dove e nonne sull'orlo di una crisi di nervi.
“Insomma” prosegue lei “se ci siamo riconosciute vuol dire che non siamo cambiate molto, no?”
“Eh già, raccontiamocelo, và”
Ora arriva. No, perché poi i discorsi finiscono e ci si arriva. E lei non lo sa, potrebbe schiattare qui su questa piazza, pora Isabella.
“Oddio, guarda, io non ho più rivisto nessuno. Te?”
“No, io qualcuno. Ma come stai bene mora!”
“Hai visto? Volevo cambiare”
Arriva. Arriva.
“Ma dimmi un po'...come mai sei qui? Hai figli dunque”
Fuochino.
“Sì, una. Fa la prima media”
“La prima media?? Mammamia, hai iniziato presto eh? Io mi son lasciata dopo undici anni di fidanzamento. Ma sto bene. Ora sto bene”
Ecco ecco, ci siamo.
“Ottimo. Ti vedo che stai bene, guardati lì”
“Sei sola?”
Eccoallà. “Sì, ma sta per arrivare mio marito.Indovina chi è”
“Bho!E che ne so! Ti vedo dopo vent'anni!”
“Andrea. Quell'Andrea
Lei fa quell'espressione ganza di strabuzzare gli occhi e spingere le spalle in avanti.
“Non ci credo!”
“Credici”
“Madonnaaaa!!Bravi!Di questi tempi con tutte le...coppie...bla bla bla...lasciati....bla bla bla...matrimonio...bla bla bla...diventare mamma...bla bla bla....”
Io mica la ascolto. C'ho un flash back che mi catapulta in una luminosissima palestra. E la vedo. Anzi li vedo. Prima lei, che lamentosa come una mocciosa di tre anni, zoppica verso la panchina.
Fa le smorfie mentre i riccioli biondi, sfuggiti dalle mollette, le incorniciano il viso (argh!) grazioso.
Poi vedo lui. Quello che diventerà il Santo. “Problemi?” le domanda posando un pallone nella cesta.
“Credo di essermi stirata...”
Certo, come no.
“Addirittura” Lui si avvicina alla panchina, dove lei si è distesa languidamente, manco aspettasse il Botticelli per un ritratto.
“Fammi vedere. Dov'è che ti fa male?”
“Qui...uh!!” lei sospira e si lamenta come se stesse girando un film porno.
Questo è troppo. Okay, io e il coach non stiamo insieme, ma siamo nella fase del “Fatti i cazzi tuoi”, forse ci piacciamo, forse no, è da vedere e verificare, però diciamo che l'ho prenotato, okay?
Cioè, se una cosa la prenoto, vuol dire che mi piace e che prima o poi me la prendo. Vatti a cercare altra mercanzia, santoiddio!
“Mi ci vorrebbe un massaggio credo...no?”
“Vediamo. Tira su la tuta”
Non li posso vedere. Lei sdraiata sulla panchina col respiro sincopato mentre lui, con mezzo busto sopra di lei, le massaggia un polpaccio regalandole un sorriso rassicurante. E' sempre stato un signore. E più lui la tocca, più lei si lamenta. Ma mica di dolore.
“Qui...qui...uhh!...ahhh!..”
Ora vado lì e le do una testata. I suoi riccioli biondi glieli tatuo in fronte, poi vedi come è sempre pettinata.
“Non è uno strappo” lui si muove sicuro sul suo polpaccio, le mani e i muscoli delle braccia che si tendono ad ogni movimento “No, non è uno strappo...”
Infatti. Uno strappo se vuole glielo faccio vedere io. Le strapperei le unghie con le pinzette una ad una. E lì non ti possono mica massaggiare.
“...sarai affaticata.”
Mentre lui massaggia, lei, come me, segue i suoi muscoli e i suoi movimenti e poi, audace, poggia la sua mano sul suo avambraccio sussurrando “Più piano...ahh!...mi fai male...”
Questo è troppo.
“Ehy mister!Qua ci ghiacciamo!Possiamo dire BASTA al riscaldamento?”
“No. Tre serie di trenta addominali”
“Ma non HAI finito?”
“No, che non ho finito” lui mi guarda e scorgo un lampo malizioso nei suoi occhi.
Ricordo di averne fatte 120 di addominali, con una verve allucinante. Sembravo dopata. Come sembravo dopata tutte le volte che lei si strappava. Quando una contrattura a una spalla, quando alla coscia, quando alla caviglia, e quel bisogno impellente del massaggino. Praticamente era una chiavica.O faceva finta di esserlo. No, magari lo era, perché era sempre in panchina, mentre io (ammazzarsi di addominali sarà servito a qualcosa, no?) ero titolare. E dove stava lei in panchina? Accanto a lui, te pareva? Aveva un debole, inutile negarlo, ma io non ero gelosa a quel tempo. Oh no. L'avrei impiccata con la rete da pallavolo, ma così, per scherzo.
“....bla bla bla...invece mia sorella tre gemelli...bla bla bla...”
Che cazzo sta dicendo?
“....bla bla bla....ma il marito l'aiuta...bla bla bla...ma Andrea non c'è?”
Alt. Ha detto Andrea?
Di colpo c'è di nuovo lei, davanti a me. Dio, com'è cambiata! Però è sempre bellina. E ha sempre quell'aria da finta tonta, che però adesso le dona. Davvero.
“Andrea? Sì, dovrebbe essere qui tra una mezz'oretta. Tempo di uscire dal lavoro.”
“Mi farebbe piacere rivederlo!”
Ettecredo.
“Se ci perdiamo di vista, cercami così lo saluto!”
“Certo. Come no. Te lo mando, guarda!” Anzi, gli un TomTom così ti trova meglio.
“Allora dai, vado che ho lasciato il gruppo di amici, ma guarda, sono lì” Bacio bacio.
“Isa, mi ha fatto troppo piacere rivederti!Davvero.”
Ecco. Vent'anni fa ho rischiato di affogarla sotto la doccia, oggi no. Le avrei voluto chiedere se è campata meglio con tutti quei massaggi, ma poi mica avrebbe capito. Perché la gelosia era di allora, perché anche lei aveva vent'anni e gli ormoni le schizzavano fuori dai pori, perché ora sarebbe veramente sciocco (ma come parlo?) essere gelosa di una cosa del genere, non è nemmeno una ex.Vojo dì, cerchiamo di non essere ridicole.La gelosia ossessiva, fatta di scenate e rinfacciamenti del passato, è una cosa che non mi appartiene.
Però quando il Santo è arrivato, vestito di scuro, con gli occhiali alla Man in black, col suo incedere sicuro e quell'altezza che fa mezza bellezza, ho cercato lei con gli occhi e ho pensato “Se lo vede, oggigiorno sviene e pretende la respirazione bocca a bocca". Ed è ovvio che solo io lo vedo così, altrimenti non l'avrei sposato. Agli occhi degli altri magari non è tutto sto splendore.Ma alla fine:chi se ne fotte degli altri. Tuttavia  lei potrebbe avere i  miei stessi gusti, come vent'anni fa. E quindi ero tentata di scarruffare il Santo, obbligarlo a indossare delle pantofole, una maglietta sdrucita e fargli bere una betoniera di birra per far sì che gli venisse pure la pancia. Un Homer de noattri, praticamente.Cosa non si fa con la fantasia.
“Ciao amò!Tu sapessi chi c'è!”
“Chi c'è?”
“Isabella!”
“Isabella?” Lo amo quando non si ricorda una beata fava. Soprattutto in questo caso.
“Isabella XXXXX!”
“Dai!”
“Tho!”
“Sta bene?” mi chiede sorridendo e baciandomi sul collo. E sento che ci ride, sul mio collo.
“Vedi questo ombrello?Vuoi che ti dica per filo e per segno dove te lo ficco?”
“Ovvia, ho chiesto se sta bene.”
“Sta bene, sta bene. E non vede l'ora di vederti”
“Immagino” Il Santo alza un po' la testa e si guarda in giro. “L'ho vista!”
“Dove?”
“Laggiù in fondo!...Però!”
“Sempre bellina, vero?”
“Più che bellina. E' meglio ora di vent'anni fa”
“Ora non esagerà!” cos'è sto calore? Mi stanno fumando le orecchie? Accipicchia, dev'essere l'influenza. E' tremenda quest'anno!
“No, davvero. Ma pensa te...bei fianchi...”
“Andrea?” quando lo chiamo col nome di battesimo, farebbe bene a cercarsi un avvocato.
“Sì?”
“Lo sapevo che dovevo prenderla a craniate vent'anni fa. Lo sapevo. E poi dici sempre che sei orbo, e ora la vedi laggiù. Ma dove laggiù?”
“Là, vicino alle scale. Guarda, quarant'anni li porta proprio bene. E che gambe!”
Avvocato divorzista, per la precisione.
Guardo laggiù, vicino alle scale dove dice lui. E vedo una signora, probabilmente una nonna, dai fianchi larghi, con una gonna che le sfiora il ginocchio. E vedo anche le gambe, fasciate da un paio di gambaletti color cammello morto. Sexy abbestia.
“Scemo. Allora non l'hai vista”
“No, e ti pare che la riconoscerei? Andiamo, và!”
Se ero un pesce ero morta da mo'. Perché come abbocco io, non abbocca nessuno.
E voi, ce l'avete un' Isabella da prendere eventualmente a testate?




45 commenti:

  1. Eccerto che ce l'ho un'Isabella da prendere a testate, e come ce la prenderei anche volentieri...
    Comunque ti stimo moltissimo, non avrei saputo fare di meglio!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. e cosa avrei dovuto fare? cavolicchi eravamo due giovincelle!

      Elimina
  2. scommetto che a Isabella hai detto del blog!! ah ah ah ah me lo immagino!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Figurati!Ma lo sai che fuori casa non mi viene da parlare del blog? guarda, è strana sta cosa, ci dovrei scrivere un post...
      mumble...mumble...

      Elimina
    2. ahahah parlare del blog fuori casa per me invece è una cosa inversa, perché essendo spesso collegato al mio profilo privato, dove ci sono i miei amici e conscenti, sono loro a dirmi: ho letto quella cosa che hai scritto eh (*segue commento*) :-P

      Elimina
  3. no, non cel'ho. l'ho impiccata qualche anno fa.
    ahahahah Simo!! mi fai morire!!

    RispondiElimina
  4. Io non so perché... sento che alle "risate sul collo" a me sarebbe partito un cazzotto allo stomaco, altro che minacce con l'ombrello...ma io non sono per niente gelosa né vendicativa, no no... u_u

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E non ho un'Isabella. Non ancora. Le conviene non esistere però. Sempre perché non sono né gelosa né vendicativa.

      Elimina
    2. No, dai, non siamo mica all'asilo! :-D Invece a me piace quando mi ride sul collo, in genere è perché ridiamo di una cosa che sappiamo solo noi, o perché spesso dopo la risata segue un bacio. Siamo fatti così, rinco, probabilmente!

      Elimina
    3. Sì sì...ovvio. Capisco perfettamente. Però a me la piccola e istantanea vendetta penso che sarebbe partita! (della serie "non t'azzardare!") :-p

      Elimina
  5. Ciao Simo :) io quando Gabri parla di una sua ex dico che è scomparsa,finita in quel buco nero, per influsso del mio pensiero.. sono potente eh ?:*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il buco nero del cesso, immagino! :-D

      Elimina
    2. quello che si meritano va :D

      Elimina
  6. Ma dimmi chi non ce l'ha un Isabella...chi l'ha già fatta fuori!!!
    Comunque vuoi mettere la soddisfazione nel dirle di te ed Andrea???
    Sei sempre una grande!!!Ciao baci leti

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Evabbè, e che le dovevo dire? Lei sapeva (e poi ha saputo) che all'epoca c'era del tenero, ma magari non si immaginava fino ad adesso.Che coppia monotona che siamo! :-D

      Elimina
  7. io ce l'ho, e l'ho fatta fuori.
    Metaforicamente s'intende.

    Aveva fatto finta di non vedere me, per finire casualmente tra le braccia di lui.
    No dico... ah ah ah.
    Ti ammazzo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il finale del tuo commento mi fa schiantàààà!!!

      Elimina
  8. Simò ma lo sai che forse a suo tempo sono stata io Isabella?
    O meglio ho conosciuto mio marito mentre c'era una che gli faceva il filo.....
    Battute piccanti,lei faceva a lui,d'avanti a me!!
    Alta un barattolo e mezzo (e sono stata buona) mora,occhi scuri,super ma proprio super truccata ed un pò "cicia"......
    Arrivo io portata da lui,ci siamo conosciuti in pista,ovviamente tutti e due motociclisti,tipo film,insomma arrivo io,l'opposto di lei.....
    Un metro e 74,alta,bionda,occhi azzurri e per niente "cicia" e pure motociclista come lui!!
    Insomma per fattela breve,ha scelto me!!
    Pensa che portava pure sfiga,ogni volta che ne parlavamo succedeva qualcosa di brutto!!
    E all'ora damose na grattata!!
    Che dici mi avrà vista come Isabella,o forse pure io l'ha vedevo così......
    Baci
    Sabry!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No, ma toccate pure ferro! Bello però anche il tuo incontro!Dici che ha scelto te: graziealcà!Dalla tua descrizione sei una gnocca da paura!Ti piace vincere facile? Ponzi ponzi pom pom pò!

      Elimina
    2. ahahahah fantastica :D ti piace vincere facileee!

      Elimina
  9. Mi sa che ognuna di noi c'ha la sua Isabella. Io a dire il vero ne ho un paio, una Luisa e una Lisa. Mi viene ancora il sangue caldo se le incrocio...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Infatti,anche secondo me ognuna ha la sua Isabella.
      A parte Nunzia ;-)

      Elimina
  10. Ciao Simo.
    Questo post è spettacolare! :-D
    Io però non ce l'ho mai avuta un'Isabella.
    Sarò anomala...ho avuto altre situazioni, ma non un'Isabella.
    Devo ammettere che sono gelosa il giusto (almeno questo è quello che penso) e finchè mio marito mi stuzzica, facendo commentini su ogni "gnocca" che incontriamo con quel suo sorriso biricchino, credo di poter stare tranquilla...col mattarello nascosto dietro la schiena, pronto all'uso, ma tranquilla.
    ^______^
    Un bacio.
    Nunzia
    PS.
    Te l'ho mai detto che scrivi da Dio?
    E che ti adoro?
    E che adoro il tuo blog?
    ♥♥♥

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non ce l'hai? Guarda, ti do la mia!Oppure facciamo il nuovo slogan "Adotta una Isabella!" :-D
      Sì sì m'hai detto tutto <3

      Elimina
  11. Se di Isabella ne avessi solo una sarebbe tutto più facile XD
    Ecco Simo, tu hai un Santo, io ho un Angelo, di nome e di fatto, non è ancora al livello del tuo maritozzo, ma lavora sodo per raggiungerlo. E in più mettici che è alto, biondo, con due occhi azzurri che mi trasformano lo stomaco in un budino budinoso e fa il militare. Come attira lui sciami di ragazze quando è in divisa manco Raul Bova quando faceva Ultimo.
    Per la serie, lui ha la divisa, ma io sono appostata sempre alle spalle con un fucile puntato sulle palle di ormoni femminili che gli ronzano intorno.
    No, non sono gelosa, ma prevenire è meglio che curare XD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti aspetta una vita dura, lo sai? Ma ne vale la pena ;-)

      Elimina
  12. non ci crederai ma ho incorntrato la mia Isabella proprio l'altro giorno, dove lavoro... io con la divisa, accaldata, con i capeli da lavare e con un pomeriggio di lavor non proprio soft... lei bellissima! Ma bella davvero! Con i capelli perfetti, magra, easy ma ricercata... quando ci siamo salutate mi dice: "mi ha fattopiacere rivederti" e io cosa rispondo: "GRAZIE!" :D se non è Isabella questa nn so cosa lo sia... :D

    RispondiElimina
  13. io credo di non averla...o magari l'ho fatta fuori ;)

    RispondiElimina
  14. Le mie Isabelle sono più recenti :-S

    Cmq, ti sei levata una bella soddisfazione, eh?? :)

    RispondiElimina
  15. nemmeno io ho l'isabella. ho avuto questa fortuna. altrimenti non saprei come comportarmi in caso di incontro. e ammetto di essere GE LO SIS SI MA. lui non è un figo nel senso classico del termine, è uno normale che si mischia tra la folla, ma per me è comunque l'uomo + bello del mondo (quando glielo dico mi dice che forse mi servono un paio d'occhiali x vederci meglio). in ogni caso se capitasse che una ci provasse, non avrebbe vita lunga (lei, non lui. mica è colpa sua se è bellissimo e tutte lo vogliono. però me lo sono accapparrato io. )
    adesso ti lascio. che qua con il terremoto continua a ballare tutto. marta

    RispondiElimina
  16. Wau sei troppo forte!! noi non abbiamo l'isabella.. meno male!!
    Mi sono immaginata tutta la scena.. sei troppo brava a raccontare..

    RispondiElimina
  17. Quanto sei divertente :D ahahah
    Beh, non c'è un Isabella per me, perché la mia relazione è ancora abbastanza giovane e perché io tutte le tizie con cui ha contatti non le conosco e non c'è una reale guerra tra di noi.
    Anche se magari, senza che io ne sia a conoscenza, c'è qualcuna che vorrebbe allungare le mani...
    Boh, arrivo come cappuccetto rosso in queste cose... me ne accorgo quando il pericolo è scampato e non mi sono resa conto di nulla :-P

    RispondiElimina
  18. Ciao piacere di conoscerti sono mamma di due gemelle se vuoi venirmi a trovare nel mio blog ti aspetto, ciao ciao

    RispondiElimina
  19. oh mio dio simo ma come fai? ma come fai a farmi sempre schiatta' dalle risate! ma.. per la prenotazione del santo, che avevi mnica lasciato un acconto??? hahahah
    oooh isabella, gia' il nome mi dice.. "simpatia" mh!!!
    ah, tieniti pronta, non so perche' ma mi sa che qualcuna si sloghera' una caviglia cadendo dal tacco 12............
    ma tanto tu sei super simo.. che devi teme'?!
    e il asnto? un grande, che fascino! ops, mi sono slogata il polso scrivendo..... hahahahahha smuack

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non fare la furbinaaaaaaaaa!!! Sei proprio una peste! <3

      Elimina
  20. La mia Isabella è la moglie del tizio che frequento... ce l'avrò sempre tra i maroni... :(
    P.S. Il tizio NON si chiama Andrea, per tua e mia tranquillità :)

    RispondiElimina
  21. bhuahahhahaaa meno male che esisti...
    un' Isabella nun ce l'ho...ma proprio ieri ho rivisto io il mio ex, dopo 20 anni "VENTI"...vale uguale???:D

    RispondiElimina
  22. Ciao sono Isabella !! ahahah nel senso che ho sposato il ragazzo che tanti anni fa piaceva ad una mia amica. e le piaceva tanto..io cercavo anche di portare a conclusioni.
    beh l amica non c'è lo più .. ma che gnocco di marito mi sono sposata!!!! bacii

    RispondiElimina
    Risposte
    1. pare la storia di 2 mie amiche (che ovviamente adesso non si parlano più). e per me è sempre un problema..chi invito al mio compleanno? al picnic? alla cena "solo donne?". ogni volta mi tocca invitare una sì e l'altra no. x non creare litigi e malumori da entrambe le parti. e quando mi sposerò, quello sì che sarà un casino: io le voglio tutte e due come testimoni, quindi.....
      ciao. marta

      Elimina
    2. E lo sapevo che spuntava fuori un'Isabella! :-D
      Sake non ti aspetta una decisione facile :-/

      Elimina
  23. :*DDD Grazie Simo... mi fai spisciare addosso e dovrò fare l'abbonamento ad una nota marca di assorbenti per colpa tua... :DDDDD

    Ma Andrea dov'è? Sta lì?! :DDD

    Scherzi a parte, ebbene sì, ce l'ho avuta pure io un'Isabella nel passato... solo che allora l'ha avuta vinta lei... ma dopo TRE soli anni, ho goduto io, quando si sono lasciati!
    Bè, non è che poi il "lui" in questione si sia messo con me anche perchè nel frattempo non sono stata a piangermi addosso ma mi sono guardata intorno e ne ho accalappiato uno trentamila volte meglio... però... la diavoletta che sta in me se l'è risa, eccome! ^________^

    Ohi... poi ciò non toglie che io e lei si sia ancora amiche eh?! :DDDDD

    RispondiElimina
  24. Ullallà ma qui è meglio di Beautiful!!

    RispondiElimina

Nel frattempo, visto il periodo, vuoi una tazza di thè?

LinkWithin

Related Posts with Thumbnails