giovedì 24 maggio 2012

Scones di patate (con l'aiuto del pubblico)







Ci sono giorni in cui ho un po' più di tempo.
Ho detto che ho un po' di tempo? Pietosa bugia.
Insomma, ieri sera, visto che mi erano saltate alcune cose, potevo dedicarmi con calma alla preparazione della cena. E mi è venuta in mente una ricetta che volevo provare tempo fa. Gli scones di patate. Dicono che sia una ricetta scozzese, ganzo no?
Pensando di dare chissà quale notizia, avverto pure il Santo durante la nostra consueta telefonata quotidiana.
“Amò, tu sapessi che cosa faccio stasera!Ti preparo una ricettina nuova nuova scozzese!Non sei contento?”
“Mmh...farò tardi”
“Nooooo!!Perché? Hai qualche intoppo?”
“No, ma trovare un kilt da queste parti è un po' un casino”
Cioè, tu ti prodighi in qualcosa di strano e lui fa il comico. Mi sono aspettata fino alla fine di vederlo sbucare dal giardino vestito alla William Wallace. Che poi si sa, il kilt va indossato senza mutande, quindi figurati se io penso a cucinà. Vojo dì.
Comunque. Mi metto a smanettare al piccì per trovare questa ricetta e trovo una cosa come 56 ricette diverse, più o meno con gli stessi ingredienti, ma con pesi diversi. Sennò pesi uguali ma ingredienti diversi. Sennò stessi ingredienti, stessi pesi, ma cottura diversa. In poche parole:
non c'ho capito un cazzo.
Facendo brevemente un controllo incrociato, moltiplicato per due, con la radice quadrata del risultato, diviso per sette, ambarabà ciccì e coccò, mi rendo conto quali sono gli ingredienti base. Tutto il resto, come direbbe Califano, è noia.
Ok. Ho gli ingredienti in casa.Ed è ottimo, perché non ho assolutamente voglia di uscire.
Però.
Però noto che non viene specificato il tipo di lievito.
Io userei quello di birra, ma mi si dice che non deve lievitare.
Allora userei quello per dolci, ma mi si dice che è piatto salato.
Sto per chiedere la grazia a Padre Pio dallo sconforto, quando la genialata si impossessa di me.
Domando alle mie amiche foodblogger su FB.
Ora. Cioè, pareva una genialata. Ma quelle lì mi hanno fatto impazzire.
Le ho amate alla follia perché pareva che fossero lì ad aspettare me. Tipo le comari con la seggiolina fuori dalla porta, no?
Infatti appena lancio l'SOS si sono sperticate nei consigli.
Alla mia domanda “Per questa ricetta quale lievito devo usare?” si sono prodigate...a prendermi principalmente per il culo. No, ma le amo.
Sandra ed Eleonora cercano di depistarmi suggerendo del lievito per dolci.Io ci casco abbestia e liquidandole con un “Vi amo” sono tentata di chiuderla lì. Ho la soluzione in pugno.
Poi arriva trotterellando SimoPellegrina che mi consiglia quello per piadine.
Piadine? Devo fare degli scones scozzesi, non ci devo mettere dentro la mortadella!
Poi si intrufola con mio grande piacere Anna “Se è un dolce metti quello per dolci, se è salato metti il lievito di birra”
Eccola. La genia. E secondo lei io non ci arrivo? Secondo lei io ho spippolato alla rinfusa mezz'ora per poi chiedere quello che saprebbe anche un bambino? No, ma ditemi voi queste food blogger!
Poi arriva l'altra, Morena “No, guarda, io ci metterei il bicarbonato”
Eccoallà. Se prima avevo un mare di dubbi, ora c'ho un oceano di pensieri sminchiati a riguardo.
Poi le Re Magie del cibo, visto che io continuavo a dire “Vi pregooooo!!Mi state confondendo, che devo mettere allora?” si sono messe a parlare e consultarsi tra di loro. Lì, in mia presenza. E io che seguivo tutta sta conversazione buona buona con i gomiti poggiati al tavolo e lo sguardo sul monitor. A volte alzavo la mano, ma niente, loro continuavano. “Che le facciamo usare?”
“Guarda io userei quello istantaneo”
“No, ma non va bene. Ti ricordi quando l'hai usato per la ricetta della pizza?Eh”
“Ma se ci mettesse il bicarbonato?”
“Ma cosa dici?!Mannò”
e io con la manina alzata “scusate...”
“Guarda, bisogna vedere che ricetta è.”
Niente. Non posso intervenire.
“Ho guardato anch'io, dicono di mettere il cremor tartaro...”
Cremor che? No, bambine, qui non ci siamo. Il solo nome di sta roba mi fa schifo perché mi ricorda il dentista, non cominciamo. Il cremor tartaro lo dai a tua sorella. Ma chi è che inventa sti nomi? Ve prego. Provo a rifiutarmi a non usare sto cremor tartaro “Ma io non vogl...”
Niente. Imperterrite loro. Parli di cibo ed entrano in un'altra dimensione.
“Vediamo che lievito ha...”
e a quel punto mi hanno pure interrogata.
“Che lievito hai?”
Oh, mi hanno chiamato in causa! Sì sono pronta “Ho il...” mi blocco. Non posso fare pubblicità occulta. Cioè non posso dire la marca e allora che posso dire?Mmhh...
“Muoviti!” mi incita Anna “Su su che ho ancora cinque minuti liberi!Lesta!”
Ommioddio! Che ansia! Ma come si fa a cucinà così? Oddio devo fare presto sennò la Anna mi svampa signò. Entro in cabina, indosso le cuffie come al Rischiatutto e provo a indovinare “Ho quello argento, va bene?”
“No!”
“Blu?” ritento.
“No!”
“Marrone, nero, leopardato, che cazzo di colore devo dì? Stiamo giocando a Strega comanda color?”
“Giallo!”
“Rosso!”
Queste non solo danno i numeri, ma sparano colori in modalità minchia.
Anna, stizzita come se stesse parlando con una bambina di tre anni se ne esce con un “Ussignur!Guarda ti mando una foto!” che suonava come “Ora ti faccio un disegnino!”
E sì, l'ha fatto. Ha scattato la foto al lievito e me l'ha sbattuto in bacheca, così, in bella vista. Io, che avevo paura della pubblicità occulta.
“Ci arrestanoooooo!!” Ommioddio. Però ho capito quale lievito devo usare per fare i miei scones di patata.
Non sono inesperta, è che mi disegnano così.
La ricetta l'ho presa QUI, va bene? Non conosco l'autrice, non ho conoscevo il sito. Ho preso tutti gli ingredienti citati, ma la ricetta non è mia, chiaro? Non l'ho inventata io, ci siamo? L'ho presa da questo sito, mi è piaciuta e l'ho rifatta cambiando solo qualcosina, okay? Posso continuare?
Bene.
Ingredienti:
310 gr di farina 0
4 patate medie
30 gr di burro
2 cucchiaini di zucchero
1 uovo sbattuto
185 ml di latte
3 cucchiai di parmigiano grattugiato
2 cucchiaini di lievito istantaneo per pizze e torte salate
sale e pepe q.b.

Procedimento (facile facile)
Lessate le patate e una volta fredde (ma anche no) schiacciatele a purea.
Aggiungete alla purea lo zucchero, il burro, l'uovo sbattuto, il latte e due cucchiai di parmigiano grattugiato.
Mescolate alla farina il lievito e incorporate il tutto nell'impasto appena fatto.
Lavorate un po' con la forchetta e poi con le mani. Io per esempio ho trasferito tutto sul piano di lavoro. Se è troppo asciutto o troppo liquido aggiustate di latte o farina, Vedete voi.
A questo punto la lavorate come fareste con una palla di pasta per pizza. Quando vi sembra bellina la stendete un po' col mattarello. Ma non troppo, la sfoglia deve essere abbastanza alta, da 1,5 cm a 2. A questo punto, tornando bambini, prendete un bicchiere e fate le formine come all'asilo, creando tanti dischetti, che andrete poi ad adagiare sulla teglia ricoperta dalla carta da forno. A questo punto spennellate con un po' di latte, aggiungete sopra i dischetti una manciatina di parmigiano grattato e infornate a 210/ 220 fino a che non si formeranno dei paninetti dorati.
Noi tra ieri sera e oggi ne abbiamo mangiati 16, secondo voi son buoni?
Inutile dire che questa ricetta e questo post lo dedico alle mie specialose  tutor di ieri, perché senza i loro suggerimenti sul lievito, a quest'ora coi miei scones ci potevi giocare a frisbee.
Grazie bimbe, m'avete fatto morì :-D
Dicevo...per la prossima ricetta...chiedo a voi???







43 commenti:

  1. sembrano ottimi ....brava ci ruberai il mestiere ahahahah

    RispondiElimina
  2. Mi hai fatto morir dal ridere!!! Mi sono immagginata "le comari" a discutere!! Ahahahah! Mi sono persa il post...altrimenti sarei subentrata anche io a far parte del gruppetto! Ihihihih!!!
    Comunque sei anche un'ottima fotografa...so gelosa!
    So du anni che c'ho er blogghe e sto imparando ora a fotografà (con risultati a volte duludenti ma sodettagli!)...e mo arriva questa e me ruba er mestiere!!
    Ecco, hai fatto uscire la romana che è in me....:P

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No, ma è merito della macchina, davvero!L'unico problema è che le foto in questo formato mi escono un filino,son diventata A Casa di Sim! :-D
      La prossima volta devo centrare meglio il nome.

      Elimina
  3. Tu me fai morì! La ricetta passa in secondo piano, te la dimentichi quando inizi a leggere quello che scrivi e come lo scrivi. Comunque, interessanti anche gli scones!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mooolto interessanti e poi visto come sono facili?
      Sennò non li facevo io!

      Elimina
  4. Ahah sei troppo simpatica! Sono morto dal ridere con quell' ''Ambaraba ciccì coccoò'' xD Comunque sembrano davvero invitanti brava ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Perché non mi vedi quando mi conto sulle dita... :-D

      Elimina
  5. sei incredibile simo..ogni volta che ci sei di mezzo tu qui mi prendono per matta..mi vedono scompisciare dalle risate..è proprio uno spasso passare qui!! e poicome mi son divertita ieri sera..diciamocelo..c'abbiamo giocato un pò..pensa se ti facevo comparire anche il bicarbonato d'ammonio..ahaha!! comunque sia..stupendi gli scones e voglia di provarli!! allaprossima ricetta..tu chiedi, che facciamo un pò di caciara!!!ahahha!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. il bicarbonato d'ammonio?ma è quello che se lo annusi ti stende? No, ma allora ditelo!
      Anche io mi sono divertita, è stato ganzo. Certo è, che a una certa età, ci si diverte con poco, nevvero? Adorooooooo!!!

      Elimina
  6. Simo, mi hai fatto morire dalle risate...
    Ieri mi sono accorta di averti persa in mezzo alle mille modifiche al google reader e ad una certe mi viene in mente: "Oh ma i post di Simona non me li legge più???" :D me ne sono accorta subito, non c'è dovuto passare tanto, sei una di quelle blogger che si riconosce anche senza guardare l'intestazione ( leggo i miei blog preferiti dal google reader, dove tutti i post sono messi insieme, schematicamente, all'interno dell'interfaccia di google) :D
    Ieri avevo intravisto il tuo appello su FB ma non sono ferrata in argomento, quindi ho glissato... mi sono persa tutto il discorso seguente però, sarebbe stato uno spasso :-P

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Praticamente hai fatto come me,hai guardato e basta senza intervenire :-D
      Sai che non ho capito molto del discorso di Google reader? Ma non m'importa, l'importante è che tu mi abbia ritrovato!Bella lei! <3

      Elimina
  7. Se ti può far piacere io ho seguito il dibattito su facebook e mi sono sperticata di risate.
    ...ma non ho alzato la mano...ecchescherziamo?!?!?
    Ma dunque 'ste cose qua, 'sti scones si mangiano così, semplici, con un contorno di insalata o pomodori? O vanno tagliati tipo tigelle e farcite ocn affettati?
    No, perchè ora sono curiosa e vorrei provarle. Io adoro le papate in tutte le cotture. Solo crude mi fan schifo.
    Tesora, tu mi fai morire!
    Ti adoro !
    ^_____^
    Nunzia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Adori le PAPATE? Per esempio...sto Benedetto XVI come lo vedi? uhauhauhahhahha!!!Ma quanto ti adoro? Secondo me li puoi anche farcire con affettati. Noi li abbiamo usati per accompagnare la bresaola con rucola e parmigiano (daje).Erano ancora caldi e non ti dico. Insomma al posto del pane o come crocchettine se fai magari una cena in piedi. Se li provi poi dimmelo. Caldi sono stupendi, freddi meno. Oggi li ho scaldati nel tostapane e sembravano appena fatti!

      Elimina
  8. ....anche la fotografia del lievito dovevi pubblicare....così siamo sicure pure noi!!!!!
    Brava cuoca Simo.
    Pat

    RispondiElimina
  9. e me lo sono perso...meno male che fai i riassunti;)))
    Fino a una settimana fa non sapevo nemmeno dell'esistenza di questi scones, poi traac nel giro di qualche giorno me li vedo cucinati in tv da quella che fa i menu ed erano blu 0_0 e te ci fai pure un post...ora sono incuriosita abbestia!Ci proverò!
    Ciao Tesora
    P.s. a me la stellina???ahahahha

    RispondiElimina
    Risposte
    1. l'hai perso perché non abbiamo la stellina!huahuahha!!!Provali, poi mi dirai!
      bacio a te cocchina!

      Elimina
  10. ehi ehi, la fotografia del lievito l'ho pubblicata ioooooo. Io sono la comare con la sediolina rossa fuori dalla porta della Simo.
    A me sta storia della consultazione è piaciuta molto.
    E la ripeterei.
    Comunqueeeeeeee fra un pòòòòòòòòòòòòò vado a Edimburgoooooo e la mi faccio dare la ricetta completa, lievito e tuttoooooo....
    Ecco...
    un bacione alla più simpatica nofoodblogger del web.
    Anna

    RispondiElimina
    Risposte
    1. non ho finito scusa....
      che ora può essere considerata una foodblogger a tutti gli effetti...
      Ecco
      Ciao

      Elimina
    2. Anna, la tua foto ha fatto la differenza :-D Grazie cara, ti ho rubato dei preziosissimi minuti. Non sono una foodblogger!Maròòòòòòòòòò!!!!!!!!

      Elimina
  11. Sei M. I. T. I. C. A. !!!!!
    Li ho sempre guardati incuriosita anche io sti scones, e visto quanto ti son venuti belli, e senza dubbio buoni, li proveró a fare anche io!!
    Bacio grande cara!!!

    RispondiElimina
  12. u signor posso mai leggere alle 10.30 di mattina sto post?? SI è APERTA UNA VORAGINE NEL MIO STOMACO.. aiutooo ;)

    RispondiElimina
  13. insomma una goduria all'ennesiam potenza, figa sei come sempre ^^ e i tuoi post sono uno spasso
    evvai simoooooooooooo

    RispondiElimina
  14. Ma dai.... li faccio stasera!!!!

    RispondiElimina
  15. Per prima cosa sono rimasta senza parole alla vista della prima foto di questi scones...mai sentiti nominare (visto la mia cultura come food-blogger???)...quella crosticina formaggiosa li sopra oserei dire che e' quasi luciferina perche' non si puo' resistere a una corsticina cosi'.
    Poi sono rimasta senza fiato dopo la lettura....al punto cremor tartaro mi sono letteralmente piegata in due immaginandoti sconvolta a leggere i discorsi assurdi che delle food-blogger possono fare a proposito di lievito.
    Certo tu hai toccato un tasto delicatissimo, il lievito, una cosa di primaria importanza per una food-blogger :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non immaginarmi...ERO sconvolta! Devo assolutamente prendere lezioni private sul lievito!

      Elimina
  16. ma senza di noi icchè tu faresti!!!! e noi senza di te...perse! ti lovvo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Come voi nessuno mai...ahuahuahhahha!!!

      Elimina
  17. Secondo me saresti una grande food blogger...dai facci un pensierinooo
    smakkkkkkkk meravigliosa!!!

    RispondiElimina
  18. Mannòòòòòòòò!!!io mi diletto, mica voglio diventar matta! :-D

    RispondiElimina
  19. ho il tuo permesso di copiarti la ricetta e provare a farli? (non ho un blog, nè sono su FB , quindi in teoria non lo saprebbe nessuno - vedi tuo post della settimana scorsa relativo al problema "prendo una ricetta da internet senza sapere di chi è"). fammi sapere. altrimenti mi tocca comprarmi un libro di ricette. marta

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma certo!E vorrei anche vedè!Anzi, dopo ti voglio qui così mi dici se ti sono piaciuti! :-D

      Elimina
  20. Ahahah sei troppo forte!!!
    Comunque sembrano davvero buonissime!!! Brava!!!

    RispondiElimina
  21. Sarà che siamo omonime ma mi stai troppo simpatica! Sono diventata tua sostenitrice ;)

    RispondiElimina
  22. Simo, t'ho riservato due premi, vieni a ritirarli se ti fa piacere!!
    Bacione!!

    RispondiElimina

Nel frattempo, visto il periodo, vuoi una tazza di thè?

LinkWithin

Related Posts with Thumbnails