venerdì 1 marzo 2013

E' stato bello finché è durato




Orbene.
Mercoledì, che era il mio giorno di festa, avevo preso due impegni a dir poco fantastici. Provate a indovinare. Cioè, una c'ha il giorno libero e minimo si prenota un massaggio e una sauna, vero?
Come no. Io mi son prenotata per due ecografie. Ma pensa te che culo. Due in una. Ciù is megl che uan.
Una era per il problema dell'insufficienza venosa, ricordate? E infatti io sta visita me la son fatta in una bella clinichina, bellina bellina, dove ti accolgono in livrea, dove lo poltrone sono rivestite di pelle umana e dove una visita costa quanto un suv.
Fortuna vuole che io abbia l'assicurazione/convenzione/cazzivari e quindi veramente con una sciocchezza, ta dà, c'ho la mia bella ecografia.
Il medico mi accoglie con un sopracciglio alzato come per dire “E mo' questa crede di avere un'insufficienza venosa?”
E infatti mi chiede “Perché (di grazia) fa l'ecodoppler?”
“Eh, perché? Perché...me l' ha consigliata il medico. Vede...ho dolore qui, ho un gonfiore...”
“Si stenda. Si stenda che vediamo”
Mi stendo sul lettino chiedendomi con orrore “Ommioddio, ma mi sono almeno depilata?” e poi mi ricordo che sì, mi son depilata due giorni prima sotto la doccia.Meno male, cioè ce lo vedete sto poveromo a fare un'eco districandosi tra le mangrovie?
Lui mi passa sto pistolino su tutta la lunghezza, mi dice di trattenere la pancia come se stessi al gabinetto, me le piega, me le stira e poi si concentra sui piedi. Sui piedi? Cazzo c'entrano i piedi?
Li tocca, li guarda e li massaggia come un feticista.Poi mi chiede di alzarmi, di salire su uno sgabello e mi riguarda i piedi, davanti, dietro, a destra, a sinistra, di sguincio e di traverso.
Vabbè, lasciamolo fare.
Poi prende in mano i miei stivaletti e ho pensato “Se li avvicina troppo al viso rischia di morire” e mi chiede “Questi sono nuovi?”
“Sì, abbastanza. Carini, vero?” cinguetto. Ho trovato un appassionato di scarpe!Yes!
“Peccato”
“Prego?”
“No, è che avevo bisogno di vedere le scarpe che porta abitualmente.”
Devo essere onesta. Da lì ho cominciato vagamente a capire quale sia il mio problema.
“Si rivesta pure”
Mentre armeggio con le calze, i jeans e gli stivaletti lui fa la diagnosi.
“Senta: la sua circolazione è perfetta”
Per-fet-ta!!
“Il dolore che lei avverte può dipendere da alcune cose: una ciste, che lei non ha. Da una cattiva circolazione, che lei non ha. Dalla cellulite, che lei non ha”
Ha detto che non ho la cellulite???
“Quindi sicuramente è il piede che...”
Ma davvero ha detto che non ho la cellulite? L'avete sentito anche voi?
“...tuttavia consiglierei un plantare...”
“Un plantare?”
“Esattamente. Un plantare...”
Ma chi se ne fotte del plantare!NON HO LA CELLULITE!! E non lo sta dicendo il Santo sotto tortura, lo dice quest'omino qua, che mi dicono sia anche parecchio bravo. O che gioia!O che gaudio!Perché io valgo!Ah ah ah !!Quanto so' giovane!!E figa, diciamocelo. Mi spiace per voi ma è così.
“...ha capito?”
No, non ho capito una fava. Ero troppo presa dalla bellissima notizia che non ho la cellulite.
“Insomma...”
“Lei avverte dolore perché, avendo l'alluce valgo, il suo piede ha una torsione innaturale. Il peso del corpo non è bilanciato bene e bla bla bla...bla bla bla... bla bla bla...”
Dio, è magnifico, ho due gambe che manco Belen Rodriguez.Guardate qua.Guardate qua....cazzo, lo sapevo, non dovevo farlo, non dovevo guardarmi, dovevo crogiolarmi nell'illusione, accarezzare quella splendida idea, farmi avvolgere dalla lieta notizia. E invece no. E confermo ciò che ho sempre pensato: io ce l'ho la cellulite.
“Dottore?”
“Sì?”
“Non vorrei contraddirla, ma io ce l'ho la cellulite. Guardi” e mi strizzo l'interno coscia.
Lui mi guarda, con quella compassione che in genere riserviamo ai deficienti. C'è mancato poco che scuotesse anche il capo “Ha mai visto la vera cellulite?”
“Perché, non è questa?”
“Ma no. Lei ha due gambe asciutte, magre, quella che ha lei nell'interno coscia è fisiologica. Quanti anni ha...?” sbircia la cartella “...quaranta. Non si lamenti per niente, magari è un po' di ritenzione idrica, ma si ritenga fortunata”
Fortunata. Son qui per un plantare, oggi ho un'altra ecografia e lui dice fortunata. Però con la mente mi faccio un giro nella clinica, vedo chi c'è ricoverato e mi esce ad alta voce un “Sì, sono fortunata. Molto”
Infatti son quasi contenta oh!Ho una circolazione perfetta manco ci fosse un vigile a gestirmela, quella che io chiamo cellulite per un medico è una situazione fisiologica, e invece di imbottirmi di medicinali devo solo indossare un plantare. Sono orgogliosa di me.
Però devo essere onesta. In quel momento, in quei trenta secondi che sono passati dalla sua informazione alla mia constatazione, sono stata in paradiso. Ho visto pure Enrico Brignano con la tazzina di caffè.
Per quei trenta secondi io c'ho creduto.
Ed è stato bellissimo.





16 commenti:

  1. Questa è stata molto divertente, ma sai quando si dà un dito si rischia il braccio: la seconda eco com'è andata?
    Ciao, buon we.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Poteva andare meglio ma non lamentiamoci!

      Elimina
  2. Ahahahhahah!
    Sei troppo buffa, mi fai schiantare!
    Già mi immagino il dottore a cercare di riportarti coi piedi per terra per ascoltare la diagnosi...uhauahuauauh!
    Mi raccomando...resta coi piedi per terra e non cominciare a girare con la minigonna giro-passera per far vedere le gambe: ricordati che fuori è ancora freschino...^________^
    Un bacio, mia cara amica strafiga!
    Nunzia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io strafiga?Amò, prenota anche te una visita...dall'oculista!!

      Elimina
  3. Mi cara, a parte la cellulite che sei l'unica a non avere, sono dieci anni che porto il plantare (tacchi solo in occasioni speciali) e mi è venuto fuori anche l'alluce valgo, tanto per gradire, oltre che ho lasciato il flamenco per ovvie ragioni: un consiglio, comprati il distanziatore del dottor Schols, quello di silicone, ti troverai una favola e ti blocca anche il processo di distorsione dell'alluce, a me ha cambiato la vita, tanto costa 5 euro: evita i tacchi alti tutto il giorno, i piedi ti ringrazieranno!! lo so, sono i problemi che cominciano a 40 anni, io ne ho 45 per cui so come ci si sente, non ti abbattere ;) e comunque beata che non hai la cellulite!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo dice lui che non ce l'ho!Ho appena scritto che io ce l'ho, la vedo,ma diciamo che me ne frega il giusto.Grazie dei consigli!

      Elimina
  4. Noi uomini abbiamo un altro problemino...
    Intendo la pancetta; e non mi riferisco al bacon.
    No, mi riferisco a certe sporgenze (da intendere nel senso buono) che sembrano salvagenti del porto di Amburgo o eventualmente, di quelli di Liverpool.
    Ciao e... salutone!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma la pancetta è bellinaaaa!!!No??? ;-)

      Elimina
  5. Dicono che gli uomini non la vedano (la cellulite). Aparte che sono un po' tonti, ma mica ciechi. E comunque, anche se non la vedessero, la vedo io e mi fa robrezzo. Quindi, nel dubbio, io pedalo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Diciamo che la vedono quando gli pare!Io trattengo acqua che manco un cammello e devo dire la verità, a 25 anni non ce l'avevo per 1000 motivi. Ora un po' sì. Ovvio che c'è di peggio, ma c'è anche di meglio.Ma poi alla fine, chi se ne frega, nevvero? :-D

      Elimina
  6. ahahahah, lo dico sempre io che la più grande idea di Dio è stata metterci il sedere dietro, in modo che non ce lo potessimo guardare :-D

    RispondiElimina
  7. eh eh ah ah ih ih! Mi hai fatta divertire un mondo, mi sono immaginata la scena e poi, dai, NON la hai la cellulite!!!
    baci e fusa
    Paty

    RispondiElimina
  8. La pancetta bellina?
    Ma ho letto bene... no, perchè ho dei dubbi...
    Simo, che dire? Santa subito!

    RispondiElimina

Nel frattempo, visto il periodo, vuoi una tazza di thè?

LinkWithin

Related Posts with Thumbnails