giovedì 10 aprile 2014

Chi fa da sé fa per tre

Salve, qui è lo spirito di Simo che vi parla. Perché non ci sono più. Svampata. Cotta. Esaurita.
Il perché è presto detto: ho finito un lavoretto (lavoretto è un parolone, mi sono giocata mazzi e mazzi di neuroni specchio) che avevo iniziato un anno e mezzo fa. Quando si dice fare le cose velocemente. Ma a quel tempo, evidentemente, non ero ancora pronta.
Ma partiamo dall'inizio. Diciamo che mi piacerebbe avere un blog che tenesse sempre una certa linea, tipo post regolari, sempre di interesse comune, che vanno al di là di quello che mi accade e che combino. Invece no. Il mio blog è sminchiato come me, mi rispecchia e io non riesco a vivere una cosa e scriverne un'altra. Tutto questo per dire che siccome abbiamo 'dei lavori' in corso che riguardano il giardino vi dovete sorbire tutto il work in progress. E che volte fare, sono limitata.
Il giardino non verrà stravolto. Il giardino avrà una fantastica miglioria, quel tipo di lavoro e progetto che tanti di noi sospirano con un "Sì, magari un giorno faremo..." Ecco, sì, quel giorno è arrivato. Dopo anni. Ma è questo il bello di un progetto, no? C'è voluto tempo, impegno, denaro, decisioni, scelte, cazzi&mazzi ma alla fine ce l'abbiamo fatta.
Ma ovviamente è presto per parlarne.
Fregati, eh?
Ma guardate che vi faccio vedere un'altra cosa bellina.
Ora, pensate un attimo a me, che so che tra poco il mio giardino risplenderà ancora di più. Chiedo: secondo voi io sto con le mani in mano? Secondo voi io non posso essere parte attiva del progetto e fare e disfare su nomi cose animali e città? Infatti sono stata molto attiva, talmente attiva che mi aggiravo tra gli arnesi dei muratori curiosa come una scimmia e gira che ti rigira mi sono pure tagliata con un ferro arrugginito. Morale: antitetanica e antibiotici. Un genio.
Allora mi son detta: se non posso usare la betoniera (che vi giuro ha un fascino incredibile quel coso che gira e vomita calcina) sarà meglio che mi metta a fare le cosine proprio da donna. E quindi ho deciso di rinnovare/foderare/ la parure per il mio salottino da giardino. Che, una volta finito, farà bella mostra di sé con tutto il cucuzzaro che stiamo organizzando.
Quindi, armata di tanta voglia di volontà e un'idea precisa in mente, me ne sono andata al mercato a comprarmi due metri di stoffa. Sì, solo due metri, il resto lo avevo già e ce l'ho adattato.
Sono stata due giorni a misurare, tagliare, cucire, assemblare e a fine serata avevo più fili addosso io di qualsiasi sarto in tutta Italia.
Ho foderato tutte le sedute, i cuscini, e ho rifinito di trina la tovaglietta con la mia scoppiettante macchina da cucire Ikea. Il tutto è double face, sennò sarebbe stato troppo facile! Eh.






Ma non è finita, perché il pezzo forte c'ha da arrivare. 
Vi dico: prendete qualche scampolo di stoffa tutta diversa e tagliatela  a quadretti di 11 cm per 11 cm, diciamo 150 quadretti. Che volete che sia.


Assemblatele tutte, divertendovi anche a mo' di puzzle, e poi smadonnate perché alcune stoffe non vanno per niente bene visto che la texure è diversa e quindi cercate altre stoffe, misurate, ritagliate e guardate di nuovo. E poi non vi sembra ancora come la volevate e allora ci vuole stoffa più scura che dia un guizzo, un tocco di colore forte al tutto.


Quando alla fine vi sembra che sia accettabile, tracannate una vodka per affrontare quello che viene dopo. Armatevi di tanta pazienza, accendete un cero a Padre Pio e cominciate a imbastire A MANO tutti i pezzi. Cuciti uno per uno. Uno attaccato all'altro, cercando  di non sminchiare troppo il disegno che vi eravate prefissati. Dopo 8 ore passate alla macchina da cucire, con il piedino che dà gas che manco un pilota di formula uno e nella testa il TRRRRRR!!! del motore, avrete questo risultato:
una coperta/plaid/tovaglia patchwork.
In compenso non avrete più neuroni, ma son dettagli. Volete mettere la soddisfazione?






La mia parure (quanto fa figo chiamarla Parure?)


In finale apro parentesi ( se amate cimentarvi in questi lavoretti e siete alle prime armi, questa macchina da cucire vi può bastare. Io non mi sono mai pentita. Chiusa parentesi)
Detto questo: il patchwork non è venuto precisissimo ma quando ho risposto alla domanda "Simo, sai dov'è il trapano?" con "È nella vasca da bagno" ho deciso di porre fine a questo lavoro per non giocarmi il poco cervello che mi è rimasto.
P.S. consigliatelo come passatempo alla vostra peggior nemica. Dopo vi amerà ancora di più.




41 commenti:

  1. Me lo ricordo il patchwork incompiuto!
    Lo volevi usare come tovaglia con il set da pic-nic che avete regalato al Santo!!! Wow ti sarai bruciata i neuroni ma vuoi mettere???
    semprepiùbravalamiaSimo ;)

    RispondiElimina
  2. Infatti! Guarda che cosa c'è nella foto sotto al tavolino? Il cestino! :-D ma che memoria oh!

    RispondiElimina
  3. Ma cosa vuoi che siano una manciata di neuroni in cambio di questa parure favolosa? sei stata bravizzzzzzima... un mostro di bravura, ecco! ;) (Simoooooo ti lovvoooooo)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Diciamo che sono un mostro e basta, famo prima!!! :-D

      Elimina
  4. Bellissima davvero questa P A R U R E (massì dai, scriviamolo bello grande!)...
    Smack!

    Maira

    RispondiElimina
  5. ho una serie di stoffe da assemblare insieme per fare una copertina patchwork.... giuro che prima di morire lo faccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Una sola parola Bussola: AUGURI!!! :-D

      Elimina
  6. Risposte
    1. no, non esageriamo, diciamo che ci provo e a volte riesco, altre no...

      Elimina
  7. scusa,ma a me la vodka non piace e sono fedele a S. Rita. Va bene uguale????

    RispondiElimina
  8. Simo sei un vulcano di idee, che poi metti in pratica , belli cuscini e coperta tutto fare, ma bello anche il giardino con i suoi fiori

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, e sì, ho sempre qualcosa che mi frulla in testa. No, ma immaginati che vita fa il poro Santo auahuahhahahah!!!!

      Elimina
  9. Quindi questi giardini qua, tutti belli ecc ecc, non esistono solo sulle riviste, ma anche nella realtà. Ok, vado a suicidarmi

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ma vaaaaaaaaaaaaa!!!Abbiamo un giardino e lo curiamo, tutto qua. Ma ti pare? :-D

      Elimina
  10. te l'ho scritto anche su fb, bravissimitica!!! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. bravissimitica è bellino! uahuahhaha!!!

      Elimina
  11. cioè mi hai aperto un mondo: Ikea vende le macchine da cucire?
    Ogni volta me la faccio prestare da mia madre (che abita a 30 km da casa mia)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. oh sì, e ne vale la pena se non hai grosse pretese di cucito.

      Elimina
  12. Bravissima Simoooooo!
    Davvero non avrei abbastanza neuroni per fare un lavoro così...a malapenabne ho uno e lo conservo con riguardo. ;-)
    La tovaglia è bellissima, ma guardando le varie stoffine di cui è composta...l'immagine. ..
    Può essere cge salti fuori davvero la giguea di Padre Pio????
    Ahahahah! :-D
    Baciotto.
    Nunzia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Azz...devo smettere di commentare col cellulare. ..
      scrivo che sembro avere dei cortocircuiti letterali. :-(
      Ti scrivo la traduzione? ;-)

      Elimina
    2. No, ti capisco al volo :-D

      Elimina
  13. Wow è fantastica!!!!!complimenti complimentoni!!!!!Stefania (Antonio E Stefania di fb)

    RispondiElimina
  14. io non saprei nemmeno da dove cominciare... forse riuscirei ad accostare i quadrotti per abbinare i colori, ma bòna lè! :DDD
    tutti i miei complimenti carissima e taaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaanta voglia di correre all'Ikea a comprare la macchinetta che già adocchiai tempo fa.... :*))))

    ma poi... me lo fai te il corso di cucito? ^^

    baci!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. come t'ho detto di là...ma sei matta?? :-D :-D

      Elimina
  15. proprio pochi giorni fa all'ikea di Pisa ho visto la macchina da cucire e un pensierino sull'acquisto stavo iniziando a formularlo quando"qualcuno" che era con me mi ha fatto presente che sembrava la macchina da cucire giocattolo che ci regalavano da piccine....ma se te dici che invece è una figata mi fido ciecamente!!! quindi...a breve nuova scusa per tornare dalle tue parti a prenderla!! un girino all'ikea è sempre tempo speso bene ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Brava, sarà un bell'acquisto. Ripeto e lo ripeterò all'infinito: per iniziare e per fare lavoretti senza pretese è l'ideale. Ritengo assurdo spendere grosse cifre (perché le macchine professionali costano un botto) per chi è alle prime armi. È come dare una Ferrari a chi ha appena preso la patente. Non la si sfrutterebbe nemmeno tutta nella sua interezza. Poi per acquistare quelle strong c'è tempo. Questa per fare pratica, fare due lavoretti e prenderci la mano secondo me è l'ideale. E il prezzo è accessibile per un arnese che comunque cuce alla perfezione. Fammi sapè!

      Elimina
  16. .... mi fai venire una voglia di comprare questa macchinetta che tu non hai idea..... Diavolo tentatore ... ma soprattutto diavolo di sarta!!!!.... effettivamente ci dice un casino con il tuo giardino..... Complimenti!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il diavolo veste Simo! uahuahahhah!! Ikea dovrebbe darmi la percentuale! no, ma davvero, prendila, è maneggevole ;-)

      Elimina
  17. Che bella la tua P-A-R-U-R-E !!!!! Già te l'avevo detto, belle stoffe e bellissimi gli abbinamenti, sarà un meraviglioso giardino colorato. Io la macchina per cucire ce l'ho,i neuroni necessari si, la fantasia anche ma ho pure 11 gatti....sai quanto durerebbero quei bei cuscini da me ? Cesj

    RispondiElimina
    Risposte
    1. 11 gatti? Ah. Okay. Torna al prossimo post, sarai più fortunata :-D

      Elimina
  18. Ma bravissima Simo, la tua super parure mi piace tantissimo ! Io sono negata per taglio e cucito ma adoro questo genere di cose. P.s. il tuo giardino ha un vero tocco british, oh yes :)

    Dani

    RispondiElimina
  19. Wow mi piace tantissimo! Sei una donna vulcanica e creativa, bellissimo il tuo giardino e quella panchina è tanto romantica,notte Enrica

    RispondiElimina
  20. Ciao, so che non mi conosci, ma io ti seguo sempre, sei TROPPO divertente. Spero non ti dispiaccia se ti ho nominato, l'iniziativa è carina!
    http://www.wondernonna.it/la-poesia-che-mi-piace/

    RispondiElimina
  21. Simo, mi garba molto il tuo set da giardino e poi quella copertina...ma sotto com'è????
    Brava, bravissima!
    barbara
    http://fili-di-parole.over-blog.it/

    RispondiElimina
  22. Beh, per una pasticciona come me, quella coperta lì è un capolavoro, pure di pazienza eh. Che io di pazienza ne ho ben poca, anche se son nonna.
    Insomma, tutto questo per dirti che ti leggo così volentieri, sempre, che... ecco, non smettere mai di essere quella che sei. Il blog va benissimo così, sei una forza!
    PS - Pure il mio blog non è regolare, e - figurati - non insegna un bel niente, son solo chiacchiere. Ma un bel chissenefrega ce lo vogliamo mettere?

    RispondiElimina
  23. è stupenda!!!
    http://www.gruppocmservizi.it

    RispondiElimina

Nel frattempo, visto il periodo, vuoi una tazza di thè?

LinkWithin

Related Posts with Thumbnails