sabato 16 gennaio 2010

CHI SEMINA SEGRETI...RACCOGLIE!

Attenzione. Il contenuto di questo post, può suscitare in persone deboli di cuore, un’emozione e una sorpresa pericolose alla salute.

Ho una notizia da darvi: faccio una raccolta!!! Che sorpresona eh?Dite la verità, non ve l’aspettavate. Sì, sì, aspetto due minuti, vi do il tempo di accasciarvi sulla sedia, sventolarvi con l’ultimo numero di Topolino e prendere un bicchier d’acqua. Come dite? Non era una sorpresa?

Accipicchia!Ci tenevo a sorprendervi!E' che non riesco a tenermi un segreto, ma più che altro non riesco a non condividere le cose, e infatti dopo l’idea partorita dalla mente fervida di Pagnottella, è partito tutto un tramestio che non so manco da che parte comincià. L’idea mi è piaciuta subito, il fatto di raccogliere tutti insieme i nostri segreti e le nostre esperienze, mi garba troppo. E visto come avete partecipato al post precedente, presumo sia piaciuto anche a voi. Io mi son divertita da morì. E quindi, sotto la guida del mio Tutor Cepu, ho deciso di provare.

Pensate che sia stato facile per me? Son tre giorni che ho mal di testa, fate voi. Pagnottella, figlia segreta di Bill Gates e informata che manco un tecnico della Nasa, mi indica i passaggi:

“Vai alla pagina, clicca col tasto destro, poi passa sopra, tasto sinistro, clicca il logo, vai su layout, riclicca a destra, vai alla pagina, metti l’indirizzo, riclicca qua, metti là, fai una giravolta, falla ‘nartra vorta…” e intanto la mia espressione era quella di un cane bastonato.

Per il bloggers che vorranno partecipare, è tutto più immediato, ma mi piacerebbe (visto che qui con me ci sono delle fantastiche persone che non hanno un blog, ma che mi hanno accompagnato per mano in questa pazza avventura del blog, come Pica, Chicca,Cate, Sary, Miriam e tutti gli altri miei ragazzi) che partecipassero anche chi non ha un blog, chi mi legge e non commenta, chi ha voglia di condividere due segretucci, farsi due risate e…insomma è aperto a tutti. Chi non ha un blog può mandarmi tutto via e-mail che poi ci penso io a pubblicarlo e metterlo nella raccolta.

Può essere qualsiasi tipo di segreto e così su due piedi (numero 39) mi viene in mente che potremmo sentirne delle belle dalle bloggers che parlano di cucina e magari scopriremo che prima di imparare a cucinare hanno bruciato chessò la frittata di patate o magari ci svelano che per far gonfiare i dolci li riempiono di elio…

Questo è il logo* della raccolta 'I segreti di Pulcinella' con tanto di Topa…emh..Topolina.Perché questo titolo? Ci sembrava azzeccato, soprattutto perché è un idiotismo (e se lo faccio io cosa poteva essere sennò?) e poi perché è un finto segreto, qualcosa che già qualcuno sa, insomma si spiattella il giusto...ma chi volesse saperne di più ecco qua.

Le regole sono sempre le stesse:






1) Postare un vostro segretuccio, o più d’uno, (Sappiate che più ne mettete meglio è, ma poi presumo che dovrete correre dal parroco del vostro paese).


2) Salvare la foto del logo del concorso che trovate qui, postarla nel proprio blog con il link a questa pagina,se volete potete metterla anche nella layout, ma non è mica obbligatorio.(sicuramente avete capito. Io no, ma sono fiduciosa.Andiamo avanti)


3) Lasciate il link del vostro segretuccio come commento a questa pagina (così poi io arrivo, lo prendo e lo metto nella cartelletta.Cartelletta?No, dai li metto qua sotto man mano)


Ma poteva finire qui? Certo che no! Ormai lanciatissima grazie al mio embolo impazzito, vi comunico che ci saranno dei vincitori (che proclamerete voi stessi attraverso una votazione.Il Grande Fratello ci fa una pippa)

Verrà premiato:

-il segreto culinario più interessante

-il segreto più simpatico

-il segreto baby (che non è un piccolo segreto, ma riguarda voi quando eravate bambini)

La raccolta termina il 31 Marzo e (come canta Celentano) c’è sempre un motivo.

E’ il giorno del mio compleanno e invece di ricevere il regalo, sono io che lo faccio a voi, spedendo ai tre vincitori qualcosa fatto con le mie mani (Rossella per favore non ridere).

Nel frattempo ho sequestrato Giovanni Muciaccia.

L’idea di fare qualcosa con Voi mi entusiasma una cifra.

Voi che dite? Ce la farò?

Un Grazie anticipato a chi vorrà partecipare a questa iniziativa (sembra il discorso del direttore della Pam per la raccolta dei generi alimentari) e se non siete come Bea che la notte le porta consiglio, e avete già esaurito i vostri segreti, col vostro permesso li posso estrapolare dai commenti pervenuti nel post precedente.

Per ora vi saluto e vado a prendere un Aulin perchè mi sembra di averci il cervello più grosso della scatola cranica come i doberman.

Piesse:mercoledì è stato così bello che mi è frullata in testa un'altra idea...

Piesse 2 la vendetta:*Il logo è stato creato da Pagnottella.E lei ha creato un mostro.

-------------------------------------------------------------

(Avvertiamo la gentile clientela che i segreti dei 'non blogger' verranno pubblicati su questa pagina per mancanza di link.I blogger, è ovvio, avranno il link che rimanderà al proprio blog col segretuccio.)

Stanno partecipando alla raccolta:

1)I segreti di Chicca:

-Una volta ho assaggiato una caccolina(ora solo al pensiero mi sento male)

-Sono stata bocciata per ben 2 volte all'esame teorico per la patente(alla fine l'ho presa al cepu)

-Mi lavavo un piede solo al giorno.

-Picchiavo mia sorella di mezzo e appena la vedevo piangere,mi sputavo nelle mani e mi appiccicavo gli sputi sotto gli occhi e correvo da mia madre e raccontavo che ero stata picchiata da mia sorella,così lei prendeva doppia rata di botte!

-All'asilo saltavo quotidianamente sulla pancia di una bimba finchè non mi dava la sua merenda(poi mi hanno mandata via per questo...)

2)Qui il segreto di Erica.

3)I segreti di Cate:

- da piccola odiavo dover condividere le tic-tac con i miei compagni delle elementari e così le ciucciavo tutte e le rimettevo nella scatoletta. Poi le offrivo più volentieri :-)
- anch'io uso i reggiseni rinforzati, in memoria del mio seno tg 3, che ci ha lasciati soli dopo l'allattamento;
- ho paura di guidare se in auto con me c'è un passeggero...
- quand'ero piccola costringevo la mia sorellina (amica, ma è come fossimo sorelle) a recitare con me il rosario. di nascosto sotto una coperta (oddio, mi spavento da sola di questa mia rivelazione!!)

da piccola improvvisavo con pezzettini di stoffa avanzati dalle creazioni della mia mamma (faceva la sarta) dei vestitini per le barbie. Li pinzavo con la cucitrice ed erano una schifezza (e lo sapevo bene), ma li facevo poco prima che una mia amichetta venisse a giocare a casa mia e la convincevo sempre che erano bellissimi e li scambiavo con i suoi (originali e perfetti)!!

- sono insieme a mio marito da 12 anni, ma fino a qualche anno fa (prima della convivenza) non sapeva che di notte portavo l'apparecchio mobile per i denti! Gliel'ho sempre nascosto perchè mi vergognavo!!

Così di notte dormo con i tappi nelle orecchie (perchè lui russa) e con l'apparecchio ai denti! e d'estate se entra in camera della luce metto pure una mascherina per gli occhi!! praticamente contro ogni tentazione!!!

4) I segreti di Veronica

-Da piccola mi sono infilata una ruota di un comioncino delle sorpresine Kinder da montare in una narice...non ricordo se dx o sx...credo sia poco significativo..(o magari per questo non rientro nelle regole del concorso??!!).in poche parole avendo capito alla perfezione le istruzioni per montare il camioncino il posto per la quarta ruota era esattamente nel mio naso...ebbene si dopo questa manovra la ruota rimase dentro il mio naso per mesi e mesi..era il mio sogreto, solo il mio..i miei videro che dal niente iniziai a respirare a male...è come se respirassi con una sola narice...ma dai!!!!...dal dottore per un controllino???...ma no...mia madre mi stressava con questo "soffia bene il nasino"...brava davvero con queste richieste... con questa rotellina dentro!!!...poi dopo davvero tanto tempo, non la sentivo neanche più io con il mio ditino da quanto era salita in alto,usci per miracolo..

5) Qui i segreti di Chiara

6 )I segreti di Sary:

- a 6 anni HO RUBATO. ero al supermercato con mia madre e le avevo chiesto se potevo prendere un MARS. Lei mi disse di no perchè era quasi ora di cena, così io lo presi e lo misi in tasca con nonchalance. Un anno dopo, alla prima confessione lo dissi al prete. Fu l'unica volta che rubai qualcosa e mi sentivo già dannata.
- a 7 anni, insieme alle mie amiche, mangiavo il gelato mischiato con la terra del giardino perchè così durava di più;
- a 17 anni durante una serata di sincere confidenze con una mia amica, mi sono inventata di sana pianta il mio primo bacio, che non era ancora avvenuto perché mi sentivo “fuori tempo”;
- il mio pigiama preferito ha 15 anni, è di flanella e ha un buco che non cucio perché sono affezionata anche a quello;
- sono dipendente dal pane;
- quando guardo Grey’s anatomy piango come una fontana con tanto di singhiozzi e il mio ragazzo ormai fa finta di nulla;
- un sacco di volte invece di andare a nuoto, sono andata a fare compere autoconvincendomi che ero a nuoto.

- per attirare l’attenzione un ragazzo di cui a 19 ero pazzamente innamorata (e che non mi filava di striscio), ho mandato un sms fingendo poi di aver sbagliato destinatario pur che mi rispondesse qualcosa, anche solo “ok”.

Infatti mi rispose “ok”.

7)I segreti di Paola:

- da piccola, mia madre mi dava in mano dei cataloghi da sfogliare x farmi star tranquilla, io infatti ne mangiavo le pagine...
- da piccola ho "assaggiato" un bicchiere di plastica e la mia madrina, dopo avermi fatto sputazzare bene il tutto, si è messa ad incollare i pezzettini con lo scotch x paura che avessi ingoiato q.cosa...
- ho dormito con la "barriera" (quei ferri x non cadere dal letto) fino a grandicella, dopo che mia madre mi aveva trovato una volta a dormire con il corpo sul letto e la testa sul tappeto...
- parlo (o almeno, parlavo) nel sonno, a volte solo sfarfugliate senza senso, altre discorsi veri e propri...tant'è che ai tempi, la mi mamma, entrava in camera e mi diceva "...cosa?", e io iniziavo a blaterare...finché una notte non ho urlato (sempre nel sonno!) una bella parolaccia...e non mi ha più interrogata!!
- da adolescente spendevo la paghetta in un ristorante accanto alla stazione, il sabato pomeriggio, solo per vedere un ragazzetto scendere dal treno e salire sull'auto del papà (mi sto ancora auto-flagellando x punizione!)
- Questa la pika già la sa...alla tenera età di 30 anni, cioè l'anno scorso, ho incontrato il mio calciatore preferito in un autosilo e l'ho pedinato in auto x scoprire dove abitava...peccato che si è fermato in un ristorante!!!!! (ma da buon sherlock holmes l'ho scoperto lo stesso...tiè!)

8) I segreti di Miriam

-Anni fa, ho dato sonoramente dello STRONZO, al padre del mio ragazzo per telefono, non sapendo che era suo padre. Lo avevo preso per il mio ragazzo, che mi faceva sempre degli scherzi camuffando la voce.
E il bello è che prima di allora, non avevo mai neanche conosciuto ( ancora ) i suoi genitori.
Figura di merda!
-Quest'estate, in vacanza vedo in un negozio di souvenir, chincaglierie giapponesi varie, e la Tour Eiffel.
E, rivolgendomi alla mia amica con tono saccente, le dico:" ma che buffonata! vendere in un negozio giapponese il modellino della Tour Eiffel. Uno se lo va a comprare a Parigi no? Che vergogna! Questi giapponesi sono proprio caduti in basso" e la mia amica mi guarda compassionevole e dice:" amica, questa è la torre di Tokyo! Andiamo a visitarla domani".
Altra figura di merda!
-Quando vado al cinema, l'amica di cui sopra, deve scegliere sempre il film che fa per me, perchè mi viene l'ansia pure con Sherlok Holmes.
E' rimasto poco da vedere, in effetti. Film d'animazione, commediucce romantiche, film d'animazione.......
Una volta ho voluto vedere a tutti i costi "Il Sesto Senso".
Comodamente a casa mia, l'ho guardato più o meno così:
Mandavo avanti le scene per sapere cosa mi aspettava, poi tornavo indietro, e le rivedevo ma senz'audio, perchè pure la musica mi faceva fare la cacca sotto!
Eeh....lo so....sò psicolabile....lo so!

9) Qui i segreti di Bea.

10) Qui i segreti di Amelie

11) I segreti di Pica

- Da piccola ho baciato uno scarafaggio. Si, di quelli carini, piccoli, panciuti e lucidi lucidi. Ci giocavo sempre, gli costruivo le casette con i rametti e le foglie, e gli scavavo i sentierini. Poi un giorno nel tentativo di dare un bacetto a uno di loro (mi ci affezionavo pure) questo mi è finito in bocca. Non c’è che dire, è stato proprio un bacio appassionato.

- Da bambina giocavo con i robot e le macchinine di mio fratello, e davo a lui le mie bambole. Le bambole non mi sono mai piaciute, e quando qualcuno me le regalava io gli tagliavo mani, piedi e capelli.

- Però la mia prima vera amica del cuore è stata una bambola a grandezza umana di nome Rossana. Io avrò avuto circa 5 anni e lei era alta come una bambina vera, ed è rimasta mia amica solo fino a quando non l’ho superata in altezza. A quel punto m’è stata sulle palle, l’ho abbandonata non so dove e forse le ho tagliato i capelli a spazzola.

- Quando mia mamma mi vestiva da femminuccia con la gonnellina e i fiocchettini in testa io mi divertivo a fare versacci e boccacce più assurde per sembrare un maschiaccio.

- Una volta, sempre da piccola, ho ingoiato una cerniera. Mi si era staccata, e non so cosa stessi tentando di fare, fatto sta che mi è finita in bocca e l’ho mandata giù. Così i miei genitori mi hanno portato al Pronto Soccorso e il medico mi ha dato una purga e mi ha spiegato da dove mi sarebbe uscita la cerniera. E infatti il giorno dopo l’ho ritrovata. Magia, apparizioni, sparizioni…

- Da ragazzina tenevo un diario dove scrivevo tutto quello che mi passava per la testa (ma proprio tutto) al punto che dopo, per paura che mia madre lo trovasse e lo leggesse, davo fuoco alle pagine più segrete.

- Verso gli 8 anni mi divertivo a schiacciare le lumache vive.

- Da ‘grande’ invece, se le trovavo sul balcone, gli costruivo una casetta e gli davo da mangiare foglie di insalata fresche e acqua tutti i giorni. E gli davo pure un nome. L’ultima ad esempio si chiamava Chioccy, e l'ho incontrata l'anno scorso. Ora vive serena nei boschi Vercellesi.


12) I segreti di Tiziano

1) avevo 12 anni,era l'estate del 1986,c'erano i mondiali di calcio in Messico quelli vinti dall'Argentina di Maradona

per intenderci e io ho rischiato seriamente di dare fuoco a casa mia.
C'era in giro una bottiglia di alcool o di spirito se preferite chiamarlo così e io molto candidamente mi sono messo
a giochicchiare vicino a questa bottiglia con un fiammifero acceso. Volevo vedere se la fiamma del fiammifero
avvicinandosi a qualche goccia o a qualche vaporino dell'alcol sarebbe diventata più grande e più viva...
Accadde l'inevitabile. La bottiglia scoppiò come una bomba e la porta della camera dei miei prese fuoco
all'istante. Fortunamente mia madre cominciò a gridare e accorsero dei vicini che riuscirono a fermare quel
principio d'incedio prima che creasse danni irreparabili. Alla fine dovemmo solo sostituire la porta della camera.
Ovviamente passato il momento di panico cominciarono a farmi il terzo grado per capire cosa fosse successo.
E io ero più omertoso di Totò Riina quando è stato arrestato. Fatto sta che una vicina impicciona accorsa alle urla
di mia mamma si abbassa e raccoglie l'arma del delitto,il fiammifero. E con uno sguardo trionfante neanche fosse
Hercule Poirot lo fa vedere a tutti i presenti. A quel punto ero con le spalle al muro. Non potevo più negare l'evidenza.
Ma non ho mai rivelato a nessuno nemmeno sotto tortura quel particolare decisivo che volevo solo vedere la fiammella
più vivida... Dopo 24 anni ci voleva A CASA DI SIMO per farmi liberare da questo peso opprimente...

2) Sempre quando ero ragazzino avevo sentito dire che i gatti hanno sette vite e soprattutto che se cadono anche
da molti metri di altezza non si fanno assolutamente niente.
Preso da un'irresistibile curiosità e scettico peggio di San Tommaso decisi che dovevo provare a sperimentare questa cosa.
Presi la mia gatta di allora che si chiamava Pandina (proprio come l'utilitaria della FIAT tanto in voga in quegli anni) e la
buttai giù dal balcone! Considerate dall'altezza di un primo piano... La gatta effettivamente atterrò abbastanza dolcemente al suolo
e dopo essersi un attimo stiracchiata ritornò alla sua normale routine senza fare una piega.
Unica controindicazione per diversi mesi dopo questo episodio quando cercavo di prenderla in braccio non so come
mai scappava a gambe levate... Soprattutto se eravamo nelle vicinanze del balcone...

3)Veniamo a tempi più recenti. Estate 2009. Decido di fare il Cammino di Santiago.
E riesco a farlo tutto dalla partenza al confine con la Francia a Saint Jean Pie du Port fino ad arrivare a Santiago
di Compostella e poi ancora fino a Finisterra sull'oceano Atlantico. Per un totale di circa 900 Km a piedi
in poco più di un mese. Un'esperienza dura e faticosa sia dal punto di vista mentale che fisico ma allo stesso
tempo bellissima e indimenticabile. Che mi ha dato tantissimo. Mi ha anche fatto trovare l'amore.
Sul cammino ho infatti conosciuto una pellegrina romana,è nata una bella storia tra noi e adesso dopo più di sei mesi
ci stiamo ancora frequentando con una certa assiduità compatibilmente con la grande distanza visto e considerato
che io vivo vicino a Milano. E staremo a vedere come andrà a finire...
Ma il mio segreto è un altro. Come ho fatto ad incontrarla...
Praticamente nella prima parte del mio Cammino avevo passato tantissimo tempo con una ragazza polacca
che parlava benissimo in italiano. Sarà stata la particolarità della situazione,lo stare a stretto contatto per molti giorni,
e non so come mi sono preso una bella cotta per lei. Fatto sta che arriviamo a soli 100 km da Santiago dopo più di venti
giorni di cammino e mi dico " Tizi non puoi non dirle niente! Rischi di rovinare un po' tutto quello di buono che
hai fatto in queste lunghe giornate a camminare. Non devi arrivare alla meta di Santiago con questo peso
di non dirle cosa provi per lei"...
Potete immaginare come è andata a finire. Ho preso il 2 di Picche più grande della mia vita!!!!!
A quel punto non potevo più continuare a camminare con lei e sono partito da solo neanche
fossi Forrest Gump! Quel giorno fatidico dopo aver preso il due di picche e averla lasciata per la sua strada
ho camminato da solo come un forsennato per ben 48 km!!!!!!!! Ma siccome il Cammino come la vita ti sorprende
sempre. Per uno strano incrocio di coincidenze proprio il giorno dopo ecco che ti riincontro la bella pellegrina romana
che avevo già conosciuto di sfuggita qualche giorno prima. Da cosa nasce cosa. Arrivo a Santiago con lei.
E qualche giorno dopo poi è scattata la scintilla. Ma nessuno fino ad oggi,a parte ovviamente la polacca stessa,
conosce il vero motivo di quella mia marcia solitaria e inarrestabile che mi ha portato alla fine tra le sue braccia.

4) Ho ancora un segreto ed è forse il più eclatante visto che riguarda la nostra padrona di casa in persona.
La mitica Simona!!!! Dovete sapere che il sottoscritto ha avuto il privilegio di conoscerla e di frequentarla assiduamente
per un'intera settimana durante la famosa esperienza nella giuria del ROMA FICTION FEST nel Luglio 2007.
Andate a rileggervi il bellissimo post della nostra Simo quando racconta di questa esperienza.
Per farla breve eravamo in 45 fedeli lettori scelti in tutti Italia dalla redazione di TV SORRISI E CANZONI ospiti
a Roma per una settimana come membri della giuria del primo RFF. In pratica quando sono arrivato a Roma,
era una domenica sera,non conoscevo nessuno dei miei compagni di avventura. Ero in clamoroso ritardo e in
albergo non c'era già più nessuno degli altri giurati. Quindi mi reco da solo in zona Via Veneto verso la pizzeria
che ci era stata indicata come ritrovo per tutti. Quando arrivo c'è una fila di persone che chiaccherano tra di loro
e che si stanno apprestando ad entrare nel locale. Erano gli altri giurati .
Mi accodo e comincio a scambiare qualche parola con qualcuno di loro.
Quando entriamo in pizzeria alcuni tavoli erano già occupati. L'occhio mi cade subito su un tavolino da quattro
occupato da quattro donzelle. In particolare una delle quattro ha un'abito da sera lungo e nero.
Assomiglia vagamente ad Anna Kanakis. Poi sento per caso che qualcuno la chiama " la pisana"...
Ebbene si cara Simo il mio ultimo segreto è che quella prima sera a Roma non ti ho mai detto che eri decisamente
la giurata più affascinante di tutto il Roma Fiction Fest!

(Postilla di Simo : "Tiziano vai dall'oculista. Ma da uno bravo")


13) I segreti di Calendula

-quando ero ragazzina mi sono presa una cotta tremenda per il presentatore Mauro Serio, e saputo che era sposato ho pianto per moltissimi giorni... che scema,

-da piccola in casa di amici di famiglia ho rubato dei giochini della figlia che mi piacevano tantissimo

-alle elementari ho mentito alla mia compagna che mi aveva prestato Pollyanna, dicendo che il libro mi era piaciuto tantissimo e in realtà non l'ho mai letto....

-un segreto segretissimo è che ho avuto moltissime avventure amorose, e nessuno ne è a conoscenza

14) I segreti di Micaela

-Sono incapace alla guida e prima di andare da qualche parte devo accertarmi che la strada non sia “brutta” e se per caso trovo una deviazione per lavori in corso vado in panico perché non so più dove andare

-Odio lavare la macchina e se non ci pensa mio marito per me può restare così com’è! Mi sono pure portata la busta per buttare l’immondizia che produco

Ho paura dello scarico del bagno… quando ero piccola aprivo la porta, spegnevo la luce, scaricavo e scappavo… adesso mi tappo le orecchie!! E ho paura che sotto il letto ci sia qualcosa infatti prima di mettermi a letto guardo sempre… non si sa mai…

-Quando lavo i calzini di mio marito non riesco poi a riabbinarli, perdo la pazienza e alla fine mi avanzano sempre calzini spaiati che ovviamente abbino a caso sperando che non se ne accorga….

-Una volta (ero alle prime armi) avevo ospiti a casa e dovevo fare i bocconcini di pollo (quelli infarinati e poi cotti con burro e limone) e per far prima avevo infarinato i cubetti di pollo la mattina e li avevo messi in una ciotola… al momento di farli mi accorgo che erano diventati un ammasso unico… ho cercato di cuocerli alla meno peggio togliendo man mano i pezzi di massa che si erano formati e sperando che nessuna delle ragazze che avevo invitato si avvicinasse alla cucina (perché non avrebbero più mangiato per il disgusto)…

15) Qui i segreti di Elena

16) Qui i segreti di Nunzia

17) I segreti di Sonia

1. Ho sempre sognato di andare a vivere a Bologna per partecipare allo
Zecchino d'oro (come se fosse necessario...): beh, il sogno l'ho poi
realizzato, ma fuori tempo massimo, cioè a 18 anni!!
2. A sei anni cantavo in una radio privata di Napoli, Radio Antenna Capri (che
chissà se esiste ancora) e al culmine della mia carriera mi sono esibita sul
palco alla mostra d'Oltremare a Napoli con la canzoncina 'La pulce', mentre la
presentatrice chiamandomi esclamava: 'Ma è proprio una pulce!', perchè ero la
più piccola... La canzoncina aveva circa tre strofe che si ripetevano diverse
volte e io non sapendo quando fermarmi le ripetevo all'infinito, finchè non mi
hanno strappato il microfono... La carriera è stata poi definitivamente
stroncata da mia madre che non ha voluto comprare un'enciclopedia per farmi
partecipare ad un concorso canoro in televisione...
3. A nove anni giocavo a Goldrake (era appena uscito in tv) aprendo a metà la
poltrona-letto appena acquistata dai miei, in modo da utilizzare le gambe del
letto come leve per lanciare 'Alabarda spaziale' e 'Lame rotanti', il tutto
accompagnato dalla maschera di cartone con tanto di corna gialle regalata dal
Corriere dei piccoli...
4. Mi divertivo a mettere il sale al posto dello zucchero nel caffè di papà
solo per il gusto di vederlo sputare l'orrido intruglio e bestemmiare in
turco... Ovviamente negavo la premeditazione...
5. Quando mia nonna si metteva in terrazza a prendere il sole, aspettavo che
si addormentasse per appoggiarle un pettine sulla schiena sempre nerissima,
sperando che le si facesse il segno...
6. Qualche anno fa ho deciso di partecipare al rito del 'lavaggio
dell'intestino' organizzato da una scuola di yoga che frequentavo allora,
sparandomi con convinzione diverse bicchierate di acqua calda salata, mentre
facevo con gli altri svariate asana in un bellissimo giardino sui colli
bolognesi. L'intestino si sarà svuotato pure, ma io per poco non ci ho rimesso
le penne: ho trascorso due giorni in catalessi, per poi ritrovarmi con un bel
mal di schiena da disidratazione!!!
7. A circa dieci anni, con due amici 'complici', disturbavamo i clienti seduti
ai tavolini all'aperto del bar con che era esattamente sotto il terrazzo di
casa loro, calando gli oggetti che trovavamo, tramite una corda, nelle pietanze
che avevano sul tavolo. Appena se ne accorgevano noi tiravamo su la corda e
scappavamo.
Un giorno uno ci fregò: facendo finta di non accorgersi di nulla,
all'improvviso tirò giù la corda strappandocela con tutta forza! Non lo facemmo
mai più, e per diverso tempo rimanemmo con la paura che il gestore del bar
chiamasse i genitori dei miei amici...
8. A circa sette anni un compagno di scuola chiese a me e ad una mia amica di
'spogliarci nude' perché l'aveva visto in un film (e dire che all'epoca c'era
davvero la fascia protetta, mica come oggi!!): e noi... lo facemmo, chiedendoci
perché ci tenesse tanto... Ah, beata innocenza!!
9. La prima vacanza 'da sola', si fa per dire: noi figli dormivamo da soli in
una stanza per conto nostro, in una dependance dell'albergo, all'isola d'Elba.
Oltre a me c'erano due ragazzi, fratello e sorella. Avrò avuto nove anni e mi
vergognavo di condividere il bagno con un UOMO (di BEN dieci anni!!) e così mi
trattenni la cacca per tre giorni, al termine dei quali ero gonfia come un
palloncino, con conseguenze ancora più spiacevoli della puzza... Che vergogna!
10. Da piccola mi divertivo a lanciare a tutta velocità nell'aria, facendo
scivolare l'indice sul pollice, le caccole che mi toglievo dal naso e che
andavano a finire chissà dove... Ancora oggi quando ci pemso mi scappa da
ridere. Non vi preoccupate, non lo faccio più!
11. Alle medie leggevo di nascosto a scuola sotto il banco le copie di Cioè
delle mie amiche che potevano comprarselo, cercando di imparare tutti i segreti
del sesso per colmare quello che credevo un enorme gap che sembrava separarmi
dalle mie coetanee. In particolare cercavo di capire:
A. In che cosa consistesse esattamente un rapporto sessuale (per trovare dove
lo scrivessero esplicitamente mi sono dovuta sfogliare tutta la Selezione dal
Reader's digest che avevano a casa i miei, altro che motore di ricerca su
internet come fanno oggi i ragazzi...)
B. Se 'rapporto orale' fosse un modo forbito di chiamare il bacio... (beata
innocenza 2)
12. Sono laureata in matematica e detesto fare i conti a mente, specialmente
a richiesta. In realtà non c'è nesso tra le due cose, ma la maggioranza delle
persone si aspetta questo ed altro, tipo in pizzeria al momento di pagare il
conto: a chi chiedono di fare le divisioni? Ecco...

18) Qui i segreti di Pagnottella.

28 commenti:

  1. Ormai sei diventata un'esperta topaaaaaaaaaaaa!!!
    vedi che la diversamente tecnologica si sta tramutando in tecnoesperta ;-)
    parteciperò sicuramente, appena potrò!
    Nel frattempo spiaccico il logo nel mio blog :-)
    baci

    RispondiElimina
  2. Mi è arrivato un sms dalla mia corrispondente quotidiana, nonchè nuova amica Chicca dicendomi che la nostra Simo ci aveva "citate"!!!
    Ed eccomi qui!!
    Grandissima idea Pagnotella! E ovviamente la Topa l'ha colta al volo!! Addirittura un concorso??!! Marooooo, ora mi tocca confessarmi davvero!! Però non vale inventare storie, nèèèè??!! Vogliamo storie vere, giusto Simò???

    Ci penso e torno, okkei??

    Un abbraccio, sei forteeeeeee!!!

    RispondiElimina
  3. Una stending ovescion per Pagnottellaaaaaaaaaaaaaaaa!!!! Grandeeeee!!!
    Ok, e ora che hai creato un mostro sò cazzi nostri!!! :D
    Scherzo, naturally, è che la nostra Topa tecnologica mi fa paura, me la immagino con la faccia demoniaca di Jim Carrie in "una settimana da Dio" mentre grida "tremate, tremate, il mondo (del web) è mioooooooooooo!".
    GULP!
    Detto ciò topa del mio cuore, tu sai che delle tue istruzioni per la raccolta io non c'ho capito una mazza, ma meno male che, non avendo un blog, me la caverò con una semplice mail (e fin qui ci arrivo....)
    Ma poi come funzia, chi vota il segreto più bello?
    Opterei per far votare Alice, la voce dell'innocenza....
    Però se così fosse dovrei farmi tornare alla mente altri segreti un pò meno traumatici del bacio allo scarafaggio, se no Alice mi si sciocca e come pacco regalo mi disconnetterebbe per sempre dal tuo sito :))
    Cate hai ragione, absolutely storie vere, se nò che gusto c'è??
    Buon weekend alla Fruzzy Family e a tutto il blog!

    RispondiElimina
  4. wow che bella idea!!insomma raccontarci i nostri segreti....ne avrei parecchi da raccontare adesso mi ci metto di impegno e ne stilo un bel po:-)bacioni imma

    RispondiElimina
  5. mmmm... questo post è alquanto preoccupante... cioè sto pensando ai segreti che si possono dire... qui si rischia anche di perdere la faccia!!!

    RispondiElimina
  6. Simo... bellissima idea! Se solo avessi capito come si partecipa..! Cioè io devo fare un post nel mio blog in cui mi confesso, appiccicarci il logo e mettere il link del mio post nei commenti a questo? No aspè.. ho fatto ancora più casino! Simo vabbè famme sapè! Io comunque ci sto! Non vedo l'ora di spiattellare i miei segreti più imbarazzanti! Baci!

    RispondiElimina
  7. MiriamYimWingChun16 gennaio 2010 18:51

    Bello Fruzzettìììì.......Me piace assaje, ma ecco la domandona:" Io non ho un blog, ti devo inviare un'e-mail coi segretucci ucci ucci?'''''"
    O continuo a postare su quello precedente e tu lo estrapoli da lì?''''
    Abbi pazienza Simoncì....è che a una certa età....
    Vabbè.....lo so, il rincoglionimento che mi è intrinseco non ha età, però tu abbi pazienza lo stesso vabbè?'''''Hihihihi.....
    Baciottini.

    RispondiElimina
  8. Eccoleee!!
    A Pica, Miriam e tutto il Topocucuzzaro non blogghifero:sì una mail a me che poi a mettervi in 'prima pagina' con i blogghers ci penso io ih ih ih!!!
    Per quanto riguarda il votarsi lo farete più in qua quando dirò 'stop alle telefonate' e partite quando dirò 'via al televoto!'. A proposito Marcuzzi fatte 'n attimo da parte.Magari lo farete con un commento o con il nostro adorato sondaggio.
    Pica amoredellamammaepuredellazia vi votate tra di voi.Non è meraviglioso?Mi sto schiantando e divertendo come una bimbetta.E siete grandi, lasciatevelo dire...

    RispondiElimina
  9. Simo è bellissimaaaa..penso sia la raccolta più bella e divertente del web...daiii seguaci della topa allegeriamoci la coscenza (o coscienza)e divertiamoci un mondo!!!tu sei nà mente diabolica eh...io però vorrei sapere l' altra idea che ti frulla per la testa..sono curiosaaaaa un' anticipazione???????
    un bacione

    RispondiElimina
  10. Cara Simo, nella foto, ti trovo molto sensuale...FAI SENSO!!! ^___^
    Pagnotto

    RispondiElimina
  11. complimenti per l'ideona!!! appena capirò come fare..... a metà del tuo blog avevo più o meno la tua espressione! ;)

    RispondiElimina
  12. bravissima.... parteciperò con gioia... devo solo pensare con coSA!!!

    RispondiElimina
  13. Grassie Pica sei troppo carina, ma io non ho fatto nulla, se non fosse per la topa che m'ispira, ecco lei è la mia topa ispiratrice ^_*
    è bravissima e non si rende conto di quanto sia tecnoesperta...ormai non la ferma più nessuno, approposito Topaaaaaaaa che altra idea hai?????????????
    RAGAZZE BARRICHIAMOCI CHE TOPITOPITA' HA UN'ALTRA IDEA!!!

    RispondiElimina
  14. sei fuori come un balcone... e pagnottella ti tiene compagnia: copritevi bene, che fa freddo!
    ;)))))))))

    RispondiElimina
  15. Topì, posso votarti anche come prossima conduttrice del Grande Fratello?
    Dai, già che ci sei allargati come si deve, noooo???? ;))
    Che altra idea c'hai in testa? Dobbiamo aver paura?
    ....ariGULP! :O
    A proposito... e le faccine quando le metti nel blog?
    Dai che ce la puoi fare, su, su, se hai creato la neve dal nulla puoi fare anche quest'altro miracolo tecnologico.
    Non vedo l'ora che apri il televoto....hi hi...

    RispondiElimina
  16. Simò, abbi fede che prima o poi ce la faccio...

    RispondiElimina
  17. Rileggendo i miei segreti mi convinco sempre di più di aver bisogno di un buon psicoanalista!!!

    RispondiElimina
  18. Simo per adesso un solo segretuccio....: da piccola mi sono infilata una ruota di un comioncino delle sorpresine Kinder da montare in una narice...non ricordo se dx o sx...credo sia poco significativo..(o magari per questo non rientro nelle regole del concorso??!!).in poche parole avendo capito alla perfezione le istruzioni per montare il camioncino il posto per la quarta ruota era esattamente nel mio naso...ebbene si dopo questa manovra la ruota rimase dentro il mio naso per mesi e mesi..era il mio sogreto, solo il mio..i miei videro che dal niente iniziai a respirare a male...è come se respirassi con una sola narice...ma dai!!!!...dal dottore per un controllino???...ma no...mia madre mi stressava con questo "soffia bene il nasino"...brava davvero con queste richieste... con questa rotellina dentro!!!...poi dopo davvero tanto tempo, non la sentivo neanche più io con il mio ditino da quanto era salita in alto,usci per miracolo..per ora questo simo...che bella idea che hai avuto, appena ho un attimo di tempo vengo sempre qui a leggere i segretucci...che belli!!veronica...

    RispondiElimina
  19. simo, scusa, ma io sono al limite del ritardato su queste cose.
    non ho capito tanto bene cosa devo fare...
    quando hai un momento mi scrivi?
    e mi chiedevo pure se posso riportare le cose che ho già scritto tra i commenti nei giorni scorsi...
    ciao :-)

    RispondiElimina
  20. Mi candido a tutte e tre le categorie!!! ecco i miei tre segreti!!! Aspetto notizie!!!
    1) Una domenica a pranzo mia mamma aveva preparato i ravioli fatti in casa. Avevamo ospiti e mangiavamo in sala. Io vado a scolare la pasta. Mentre prendo la pentola giro la testa e vedo che in tv stanno intervistando il mio calciatore preferito così, guardando l'intervista scolo la pasta. Un secondo, giro la testa, stò scolando i ravioli nell'acqua sporca usata per lavare i piatti e non nello scolapasta posto nella buchetta a fianco. Panico. Una metà è salva e non sapendo che fare nascondo l'altra nel fondo della pattumiera. Mi mamma ancora non si capacità del perchè i ravioli a quel pranzo fossero così pochi!!!! Io ho provato a dirle che si erano ritirati dato che li aveva fatti lei!!!

    2) La materia in cui sono sempre riuscita bene è italiano. Ho sempre preso bei voti sia nelle interrogazioni che negli scritti. Solo una volta presi un bel 4 ad un tema. Non ho mai detto a nessuno che quella volta ho fatto una serie di errori volontari per vedere se poi rileggendolo li avrei individuati tutti... io non ci sono riuscita... ma l'insegnante si!!!!!!!

    3) Per tutte le elementari sono stata innamorata di Luca. Finita la quinta, avrei cambiato casa e quindi frequentato le medie in una scuola diversa dalla sua. Decisi così di fare qualcosa per non perderci di vista!!! L'ultimo giorno di scuola, sapendo che non lo avrei più rivisto, mi sono fatta coraggio e al momento dell'uscita gli ho dato un biglietto... poi sono corsa a perdifiato senza voltarmi!!! Il biglietto era una mappa che segnava la strada da fare dalla scuola alla mia nuova casa!!!!!!

    RispondiElimina
  21. quando ero ragazzina mi sono presa una cotta tremenda per il presentatore Mauro Serio, e saputo che era sposato ho pianto per moltissimi giorni... che scema, da piccola in casa di amici di famiglia ho rubato dei giochini della figlia che mi piacevano tantissimo, alle elementari ho mentito alla mia compagna che mi aveva prestato Pollyanna, dicendo che il libro mi era piaciuto tantissimo e in realtà non l'ho mai letto....un segreto segretissimo è che ho avuto moltissime avventure amorose, e nessuno ne è a conoscenza

    RispondiElimina
  22. Buonasera Topeeeee!!!
    Vedo che vi date da fare ;-)
    Mi sembra di essere un editore impazzito:pubblico tutto!Tutto!
    @ Calendula: benarrivata!Mi piacciono assai i tuoi segreti ;-), ma se vuoi partecipare alla raccolta,tu che hai un blog devi seguire l'iter dei blogger, ma resta il fatto che hai fatto benissimo a scriverli anche qui.(come Chiara).
    Brave!!

    Domani c'ho da raccontarvi una cosa, e non vedo l'oraaaaaaaa!!!!!!!!!!!
    Appuntamento a domani a...vediamo un pò...
    a...L'ANGOLO DEL MERCOLEDI!
    tho!mi è uscita così.

    RispondiElimina
  23. Fffatto!
    Adesso com'era? Arrivi tu e lo metti nella cartelletta?
    baci

    RispondiElimina
  24. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  25. Fatto!
    questo è il link del post!
    http://amelie-emylove.blogspot.com/2010/03/i-segreti-di-pulcinella.html

    RispondiElimina
  26. Ciao Cara ecco i miei segreti, te li posto direttamente qui:

    Sono incapace alla guida e prima di andare da qualche parte devo accertarmi che la strada non sia “brutta” e se per caso trovo una deviazione per lavori in corso vado in panico perché non so più dove andare

    Odio lavare la macchina e se non ci pensa mio marito per me può restare così com’è! Mi sono pure portata la busta per buttare l’immondizia che produco

    Ho paura dello scarico del bagno… quando ero piccola aprivo la porta, spegnevo la luce, scaricavo e scappavo… adesso mi tappo le orecchie!! E ho paura che sotto il letto ci sia qualcosa infatti prima di mettermi a letto guardo sempre… non si sa mai…

    Quando lavo i calzini di mio marito non riesco poi a riabbinarli, perdo la pazienza e alla fine mi avanzano sempre calzini spaiati che ovviamente abbino a caso sperando che non se ne accorga….

    Una volta (ero alle prime armi) avevo ospiti a casa e dovevo fare i bocconcini di pollo (quelli infarinati e poi cotti con burro e limone) e per far prima avevo infarinato i cubetti di pollo la mattina e li avevo messi in una ciotola… al momento di farli mi accorgo che erano diventati un ammasso unico… ho cercato di cuocerli alla meno peggio togliendo man mano i pezzi di massa che si erano formati e sperando che nessuna delle ragazze che avevo invitato si avvicinasse alla cucina (perché non avrebbero più mangiato per il disgusto)…

    RispondiElimina
  27. Ciao Simo, ho postato i miei tre segreti che credevo inconfessabili.
    Se vai sul mio blog http://elenabijoux.blogspot.com puoi leggerli.
    Spero di aver seguito bene tutte le regole. Se ho sbagliato qualcosa, dimmelo.
    Ciao. Elena

    RispondiElimina
  28. Ciao Simo.
    Come promesso eccomi qui a partecipare.
    Ti lascio il link dove ho postato i miei segreti:
    http://zula73-gioiellipercaso.blogspot.com/2010/03/nuovo-simpaticissimo-candy.html

    Spero che vada bene ciò che ho fatto altrimenti dimmi cosa manca.
    A presto.
    Nunzia

    RispondiElimina

Nel frattempo, visto il periodo, vuoi una tazza di thè?

LinkWithin

Related Posts with Thumbnails