sabato 2 gennaio 2010

OGNI SCARRAFONE E' BELLO A MAMMA SOJA




Ma per le feste...uno dovrebbe riposarsi, no? E cosa mi viene in mente a me di sabato mattina? Di sistemare il mio garage.E mi riesce particolarmente bene nei miei giorni di riposo.

Come quella mattina (un mercoledì mattina, il MIO mercoledì) dove mia madre mi telefonò alle 8.00

No dico, alle 8.00.

Il telefono squillò mentre mi infilavo il giacchetto e Alice chiudeva lo zaino.

“Chi cazzo è a quest’ora? Pronto!”

“Ah!Menomale ho fatto in tempo!”

“Mamma!”Mia madre che non si rende conto che magari c’ho anche il cellulare.

“Ecco sì…oggi è mercoledì”

“Ma va?” Com’è perspicace. Donna intelligentissima. Doveva chiamarsi Einstein.

“Lo so”

“Sei a casa, no?”

Avevo paura a rispondere di sì “Bhè…sì”

“Simoncina” e quando dice Simoncina so’ cazzi amari “Visto che è il tuo giorno libero, avrei da proporti una cosa. Una cosa da fare insieme io e te”

Che carinaaaa!!!Io e la mi’mamma da sole!Sììììì!!!!!!!

Allora: nei tre secondi di pausa ho pensato:

-mi vuole proporre una seduta dal parrucchiere. Usciamo e i nostri uomini non ci riconosceranno. Lei si farà rossa come la Ripa di Meana e io bionda come la Marini.

-una seduta al centro benessere con massaggio ‘sciazzu’. Vista la mia esperienza è ovvio che lo faccio per mia madre, ma una volta fuori saremo più belle un casino. Vabbè il centro benessere dovrebbe trovarsi a Lourdes, ma questo è solo un dettaglio.

-shopping sfrenato e paga lei. Massì!Compriamoci tutto!!

“Dài sì, che facciamo?”

“Io e babbo abbiamo deciso di pulire e sistemare il garage. Verresti a darci una mano visto che sei a casa?” A non fare un cazzo? (frase da leggere sul televideo di mia madre alla pagina **non ho il coraggio di dirtelo, ma tant’è**

“Devo proprio?”

“Sì, visto che c’è anche roba tua!” e c’ha rotto pure le palle (frase da leggere sul televideo di mia madre alla pagina **se non la vieni a prendere gli dò fuoco**

Allora gente,non avete idea di quanta roba si riesce ad ammucchiare nel tempo, che dico tempo, anni, che dico anni, secoli, in un garage. Alberto Angela ci farà la prossima puntata di Ulisse, fate voi.

Il femore di Cheope, in confronto a cosa ho trovato, è modernariato.

Sono arrivata dalla mi’mamma e lei da dentro casa mi ha urlato “Arriviamooooo!!!”

Ecco. Avete presente gli attori di Armageddon? La scena di loro al rallentatore che si incamminano sulla navetta ? Testa alta, petto in fuori, fieri e tronfi di fermare l’asteroide ‘mbriaco che vuole colpire il loro garage per la seconda volta. Perché dal casino che ci sarà, una prima volta l’ha colpito di sicuro.

“Sei pronta?”

Minchia, ma cosa c’è in ‘sto garage? Mi stanno spaventando.

Il mi’babbo sembrava Mario Bros.

“Ma che ti sei messo?”

“La tuta dal lavoro, così sto più comodo” Il colmo per mio padre è avere una figlia che non capisce un tubo (trova l’errore).

La mi’mamma s’era fatta la coda di cavallo. Niente di male. Se avesse i capelli lunghi però. Invece li ha corti e pareva la coda di un porcellino d’india. Tre ciuffi in croce meschati.

Sono troppo convinti.

Mia madre apre il portellone “Sì mamma, sono pronta, ma che sarà mai…..MAREMMA RIPIENA!!!!!”

Sdeng!Pattone sul capocollo “E non dire parolacce!”

“Mamma, che cazzo c’avete messo in questa stanza? I mobili delle ultime 7 edizioni del Grande Fratello?”

Il mi’ babbo con la testa in una scatola “Il tu’ fratello? No bellina, è solo roba tua!”

Okay, dov’è la telecamera? Fatemi uscire.

Abbiamo cominciato dalle scatole. Mia madre era tutta un ‘ohhhh!!!!’

“Che hai trovato? La culla di Rita Levi Montalcini? Ha fatto da poco cent’anni, spediscigliela, chissà com’è contenta.”

“Ma cosa dici? Le tue bamboleeeee! Guarda belle!”

Tengo a precisare che la mi’mamma ha una concezione tutta sua di ‘bello’. Rispettabilissima. Ma una bambola che da rosa dopo trent’anni ha il colore della pelle che si avvicina a quello di Linda Blair prima di conoscere l’esorcista, i capelli bicolore come Malgioglio, e gli occhi cerchiati di pennarello blu perché le volevo dare un’aria intellettuale e le feci gli occhiali, non mi sembra tutto ‘sto granchè.

“Mamma, via, fa cacare!”

“E parla a modo!”

“Scusa, mi stimola la defecazione, va bene?”

“Mannò, è bella per quello che rappresenta. Avrai avuto sì e no 5 anni!”

“Mamma, se a guardare quella bambola ti vengo in mente io, la cosa mi preoccupa un filino. La butti via per piacere?”

“Davvero?”

“Massì!”

“Però dispiace…Guarda questa! La cornicina della scuola!E questa? La bottiglina coi bottoni! Dài questa!Guarda!La candela di Natale! Noooooo guarda qui!La seggiolina fatta con le mollette!Noooo poi questa….dài! ma guarda!”

Avete presente un bambino a Gardaland? La mi’mamma tra le scatole, paro paro.


ILLUSTRAZIONE DEI REPERTI RINVENUTI:

-Cornicina della scuola= tre pezzi incollati, uno sbilenco, dentro c’è una foto di una bambina sorridente probabilmente ritagliata da GENTE del 1981.I ragni le hanno cacato sui denti. Però dispiace.

-Bottiglia con bottoni= bottiglia di vetro delle prime acque gassate, con una decina di bottoni appiccicati. Dovevano essere una cinquantina ma a quel tempo non usava ancora Attack e a scuola te li facevano attaccare con la Coccoina o a mali estremi, a sputo. Il disegno non è manco preciso perché io la Coccoina la sniffavo.Però dispiace.

-Candela di Natale= ridotta manco avesse attraversato duemila anni e venisse direttamente da Betlemme.Rossa per metà, a spirale, in cima la tinta scolorita e lo stoppino ciondolante che nemmeno se lo metti in un bicchiere di Viagra si ripiglia. Però dispiace.

-Seggiolina fatta con le mollette di legno= sembra ‘Ghurdin’ la seggiola di legno montabile d’Ikea per Barbie. Barbie Sfigata, s’intende. Delle cimici qui c’hanno fatto un rave. Però dispiace.

Ho chiuso gli occhi.

“Non voglio vedere niente, butta via tutto.”

“Per quello dovevi stare qui, volevo il tuo permesso”

“Ma c’è bisogno di chiederlo? Potevi farlo anche da te”

“Mannò, dispiace…”

“A chi dispiace? All’operatore ecologico che deve smaltì tutta sta roba,che deve fare 4 ore di straordinari per colpa nostra, dispiace”

“Mmhh forse hai ragione…dovevamo farlo prima”

“Quetggj…hguhgj….hdyyyd…..uudnnfjk” (saltate questa riga. E’ il mio babbo che cerca di entrare nei nostri discorsi ma lo fa con la faccia dentro gli scatoloni e non si capisce un cazzo)

“Sì, babbo, certo, come no, hai ragione te”

“Sì caro, è vero. Totalmente ragione”Non sappiamo che minchia ha detto, ma tanto conoscendo il mi’babbo la ripeterà quattro volte e alla quinta prenderà tra le mani il viso della mi’mamma, le strizzerà le guanciotte e le dirà “Non mi ascolti mai”.

Mia madre, muovendo la bocca come un pesce, gli mimerà “Me-l’hai-già-detto-4-volte-non-sono-rincoglionita-“

Mio padre gli mimerà “Non-sei-rincoglionita-ma-sei-sorda.-Segui-il-labiale”

Parla lui, parla. Che quando mio fratello una sera gli disse: “Sai babbo…ho avuto il mio primo amplesso…”

Il mi’babbo rispose “Bravo!L’ho sempre saputo che vai forte con la musica. E come si chiama la tua band?”

Alla fine ho capito che mi volevano lì non tanto per la forza fisica ( e non mi prendete per il culo, perché io sono una falsa magra su una falsa riga, sembro secca, ma son tutti muscoli.Il materassino del mare pesa più di me diciamo.Quando mangio i fagioli anche l’aria in corpo è la stessa)

Dicevamo? Ah sì, insomma carucci! Volevano il mio permesso per disfarsi delle mie bamboline, e robetta da teenagers che mia mamma aveva conservato. La roba andava messa solo un po’ in ordine, la mia roba vecchia buttata via , le biciclette accostate a modino…Via, abbiamo fatto un bel lavoro. Son contenta! Poi son rimasta a pranzo da loro. E l’ho visti proprio contenti. La loro bimbaaaaaaa!!!Che dolci!Davvero. Sono una forza. Mi guardavano sbattendo gli occhi come nei cartoni animati. Ci mancavano i cuoricini e poi eravamo a posto.

“Via basta…levatevi quell’espressione dalla faccia, mi sento cretina”

“Lo seiiiiiiiiiii” (voce fuori campo di mio fratello al cesso)

Che bella scena…Mio fratello sul water, il mi’babbo con la tuta da Mario Bros, la mi’mamma con i capelli in sciopero e io con due ragnetti in capo che si contendevano l’orecchio destro per il riposino pomeridiano.

Mia mamma si è lasciata sfuggire un “Oh…che bello…”

Quando lo dico io che ha una concezione di bello tutta sua...

14 commenti:

  1. MiriamYimWingChun2 gennaio 2010 18:08

    E brava Simoncina.
    Noi non abbiamo un garage ma una mansarda.
    Ebbene, per anni e secoli e decadi, mio padre l'ha riempita di inutiità, e come dici tu, dei reperti familiari a partire dal trisavolo in poi.
    E guai a buttarla via tutta quella roba li, perchè come diceva mio padre:" pò ssemprre servì."
    Infatti, anni dopo la sua morte, mio fratello ed io ci siamo messi di buona lena a ripulire stà mansarda e abbiamo fatto 7 volte 3 piani di scale a piedi, per donare generosamente all'immondizia, anni e anni e secoli e decadi di " pò ssemprre servì".
    E' servito infatti. All'azienda dei rifiuti solidi urbani. Abbiamo incrementato l'occupazione perchè di sicuro avranno dovuto assumere del personale per lavorare al progetto " pò ssemprre servì".
    Che ci vuoi fare mia cara.
    Pure queste 'sò soddisfazioni! Hahaha!
    Baciottini.

    RispondiElimina
  2. Che bella riunione di famiglia! Anche noi abbiamo la mansarda.. e anche noi dovremmo metterla in ordine prima che ci crolli in piano in testa.. Però, chissà come mai, quando mia mamma parte in quarta per mettere a posto, noi altri abbiamo già svariati impegni presi da un sacco di tempo.. fa te la coincidenza..!

    RispondiElimina
  3. Ciao Simo... sono tornata finalmente!!! mi mancavano i tuoi post!!! che ridere!!! il riordino del box è tutto un programma!!! anche mia mamma conserverebbe tutto!!! io sono l'opposto!!! butto tutto!!! :-) un bacione e buon anno!!!

    RispondiElimina
  4. Che bello Simo...una tenerezza...dai alla fine è stato piacevole :-)
    La descrizione della bambolina fenomenal!!!
    Anch'io ho il mio michelino: http://ilgaiomondodigaia.blogspot.com/2009/03/caccia-al-tesoro.html da quando avevo 3-4 anni, il resto dei bamboli li ho passati ai miei nipoti che in 4 e 4 8, li hanno decapitati, tagliato i capelli e incavato gli occhi...he si, volavano capire com'erano stati costruiti :-)))
    Sai che anch'io sniffavo quella colla lì? Dava di mandorle,poco mancava che l'assaggiassi...
    un bacio a te tu mamma e tu babbo :-)

    RispondiElimina
  5. ciao Simo!! è un piacere conoscerti!!! mi hai fatto fare un sacco di risate e pure ricordare un po' di robe...tipo la seggiolina fatta con le mollette...che ho fatto pure io e mi pareva già orrida negli orridi anno '80! a presto

    RispondiElimina
  6. simo sei troppo forte sn qui davanti al pc che rido pensa che io ho la cantina che è più o meno come il tuo garage...piena di giochi e di lavoretti di mio figlio (13 anni) forse mi conviene fare pulizia prima di ritrovarmi in una scenetta tipo quella che hai descritto tu!!!!!
    cmq davvero complimenti ti faccio tanti auguri ciao letizia

    RispondiElimina
  7. Allora siamo d'accordo!Tutte arruolate per la prossima pulizia!
    Va bene, no?
    Devo andare a riempire circa un centinaio di calze di befana. Secondo voi ho voglia?
    Naaaaaaaaaaaaaaaa!!!!!!!!!!!!!

    RispondiElimina
  8. ciao....sono di fretta ma ti auguro una buona giornata...
    allora sei pronta per la befana???

    RispondiElimina
  9. Simoooo....che bello sabato sera...siamo stati proprio bene...e poi la sorpresa che ci hai fatto di ely....grazie topanova!!!sei unica!!
    veronica e orazio

    RispondiElimina
  10. io lo dico che sei sprecata a scrivere solo su un blog....simoncina a quando un libro???guarda che io lo acquisto subito!!la tua ironia mi piace da morire e poi ti si legge che è un piacere!!!
    i tuoi genitori sono dei teneroni io quando aiuto mia madre finisce sempre che si litiga perche io butterei tutto lei niente quindi....un becione grande e buon inizio d'anno,imma

    RispondiElimina
  11. Mia cara le tue descrizioni sono simpaticissime e mi piace molto il tuo modo di scrivere! Felice anno nuovo!

    RispondiElimina
  12. Topa, come sempre m'hai fatto morì dal ridere! Anche perchè mi son immedesimata in quando succederà anche in casa mia! Sì perchè in garage si conservano gelosamente, in caso che io o mia sorella si diventi famose e si possano mettere all'asta certe reliquie, ogni singolo quaderno di 5 anni di scuole elementari di entrambe! Dalle prime pagine con paginate infinite di "a" in corsivo e stampatello (maiuscolo e minuscolo) alle prime espressioni con le parentesi tonde! Quasi da farci scappare la lacrimuccia!
    Comunque vglio la foto di tuo padre in tenuta super Mario bros!!!!
    Un bacio carissima

    RispondiElimina
  13. che forte che sei...
    Buon anno!!

    RispondiElimina
  14. Non ho parole, questo post m'ha fatto ridere dalla prima riga all'ultima (compresi gli spazi bianchi!), SEI UN FENOMENO!
    L'elenco dei reperti rinvenuti è meraviglioso!!
    Ma lo sai che la seggiolina con le mollette di legno l'avevo fatta anch'io?
    Ma pensa... nemmeno me la ricordavo più...
    Chissà dov'è finita? Mah...
    Sicuramente mia mamma l'avrà buttata senza chiedermi il permesso!! :))
    Quanto mi piaceva già allora pasticciare con le mani... Ogni scusa era buona per non studiare!!!
    Vado a leggermi il resto (sempre al contrario...)
    1000 bacetti

    RispondiElimina

Nel frattempo, visto il periodo, vuoi una tazza di thè?

LinkWithin

Related Posts with Thumbnails