domenica 13 marzo 2011

SEI LIDIA? (racconto tragicomico al Taste di Firenze)







Mio nonno diceva sempre “Chi si fa i cazzi propri campa cent'anni”.Da quello che è successo qualche giorno fa presumo che io camperò molto ma molto meno.

Ero su FB (visto che spesso Blogger parte di testa e non mi si connette manco a morì) e leggo uno scambio di battute tra Simona di Pellegrine Artusi e Aurelia (due food-blogger). Ovvio che se volevano farne un segreto non se lo scrivevano in bacheca ed è altrettanto ovvio che io son curiosa come una scimmia alla quale fai degli indovinelli.Tutto è partito con un “Ci vediamo sabato a Firenze?”.

Ed è finito con un “Simo, se non vieni ti prendiamo a badilate”

Che faccio, non vado? Devo dire che all'inizio non c'ho capito molto, poi mi hanno spiegato che si ritrovavano al Taste, un salone enogastronomico (è un salone enogastronomico?), meta ideale e magnifica per delle food-blogger.

Infatti.

Io che ci faccio?

Ma quello che mi ha spinto ad andare è stata l'immensa voglia di conoscere di persona queste stupende donne con le quali scambio due battute (leggasi minchiate) su FB e sui loro bellissimi blog.Sarei andata anche se mi avessero invitato a un raduno di alpini o a un ritrovo di boscaioli della Val Gardena.

Quando arrivo in stazione sono lì che mi attendono come delle zie premurose, le tre grazie. Tre perché c'è anche Cristina con la quale scatta subita un'empatia riassumibile in “Non prendiamoci troppo sul serio, che quando Dio ha distribuito il dono della tecnologia noi eravamo assenti”.

Io le trovo magnifiche:Aurelia mi accoglie come se fosse mia madre “Ti sei messa i tacchi?Male!Avrai mal di piedi fija mia, dovevi fare come me, che ti devo insegnare tutto?” La guardo e ai piedi ha delle comodissime scarpe da ginnastica che pare sia pronta a scattare per la maratona di New York insieme a Gianni Morandi. Dopo due ore l'avrei accoppata per fregargliele e mettermele ai piedi.

Cristina che è già alta quasi un metro e ottanta svettava pure lei su degli stivaletti, portati con molta disinvoltura,la stessa con la quale mi ha confidato di avere tre figli. Per il tacco e la numerosa prole le ho consegnato un Oscar come 'Mamma dell'anno'.

Simona invece era la superfashion del gruppo, sembrava fosse appena rientrata dalla notte di San Silvestro da quanto era messa bene. Con un vestitino corto e il décolleté 'vedononvedo' sembrava appena uscita da una copertina.Che trio, le ho amate da subito.

Io?Io come ero messa? Lasciamo stare.

La prima cosa che abbiamo fatto è stato prenderci un caffè insieme? Macchè.Siamo andate al cesso.Abbiamo inaugurato la nostra conoscenza dentro a un bagno pubblico. Che poesia.

Poi ci siamo dirette al Taste fidandoci del nostro TomTomAurelia che oltre a una borsa, che da quanto era pesa sembrava che dentro ci fosse un cammello morto, aveva un'altra borsettina dove dentro c'era una palla di pasta. Ora, si può andare in giro per la città con un sacchetto di pasta per pizza lievitante in mano? Sennò non era amica mia. Quello che a me pareva in tutto e per tutto un Blob color pelo di criceto, era in verità la pasta madre. Le mie cuoche mi hanno spiegato che lo devi curare, impastare, nutrire, rigirare e rinnovare almeno una volta a settimana, sennò muore.

Un tamagotchi. Paro paro.

Arrivate al taste, tre di noi hanno pagato e una no:Aurelia.Lei dice che gli hanno dato il pass, secondo me li ha minacciati di lasciare lì la pasta madre che li avrebbe divorati e fagocitati nelle prossime 24 ore.Infatti il 'figliolino' , come lo hanno soprannominato loro, è stato messo in giacenza nel guardaroba. Le persone normali ci mettono il cappotto, Aurelia la pasta per pizza.Va là.

Devo dire che i mie dubbi se essere lì o meno fosse la cosa giusta, sono svaniti una volta entrate dentro. Anche a chi è diversamente abile in cucina come me e scambia un porro per un cardo, quello che ho visto mi è piaciuto tanto tanto. Un tripudio di gusti, colori e sapori.

Per immortalare tutto sto pappiè abbiamo sguainato le macchine fotografiche. Per farlo ci abbiamo impiegato tre quarti d'ora e ce le siamo misurate manco fossimo dei tredicenni nel bagno della scuola.

“La mia è più grossa”

“Ma la mia è più lunga”

“La mia c'ha uno zoom che non ti dico”

“E' vero che farsi tante foto fa diventare ciechi?”

Al grido di “Visitiamo tutto ma intanto pensiamo dove si va a pranzare” ci siamo incamminate tra i vari stand. Cristina si è improvvisata vigile urbano e si è messa a smanettare “State sulla destraaaa!!Prima visitiamo a destraaaa!!” Roba che se ti trovava a sbirciare a sinistra venivi malamente cazziata e presa a sberle. Abbiamo cominciato a scattare foto alla rinfusa e dal casino che c'era son venute fuori un collage di facce, braccia, baffi e teste pelate. Se le vede Oliviero Toscani ci denuncia.

Abbiamo incontrato pure altri food-blogger che io non essendo del settore non conoscevo (ahimè!).

“Ciao sono Aurelia di Profumi in cucina!”

“Ma ciao!Che piacereeee!!”

“Io sono Simona di Pellegrine Artusi!”

“Piacere!Ti leggo spesso!”

“Ciao!Io sono Cristina di Le chicche di Chicca, anch'io un food blog!”

“Sì, ho presente, molto bello!”

“Piacere, sono Simo.Io invece ho un minchia-blog”

“Prego?”

Quando una è perfettamente integrata nel contesto non ce n'è.

Più tardi un'altra food-blogger (alla quale ho giustificato la definizione di minchia-blog in “Perché ci scrivo due cazzate”) mi ha rassicurato dicendo “Stai tranquilla che abbiamo bisogno anche di quella roba lì”. Mi sono sentita un genio. Senza contare che le mie preziosissime Tre Grazie mi hanno fatto pubblicità nemmeno le avessi pagate. Mi raccomandavano a chiunque capitasse nei paraggi e parlavano di me anche con gli esperti del settore, i quali ricambiavano con un sorriso di cortesia che diceva tre cose:

“Mai sentita nominare”

“Dice più parolacce di uno scaricatore di porto”

“Se cucina come parla, qua ci avvelena tutti”

Ma io le mie donne le amo, perché avevano trovato pure uno slogan “Se vuoi stare meglio e risollevarti da una giornata di merda, vai da Simo che ti passa”. Sembravano delle rappresentanti di medicinali che sponsorizzano un antidiarroico.

Non felici di cotanta allegria (vi giuro sembravamo quattro adolescenti in gita e abbiamo riso come non mai) Simona e Cristina si vanno a prendere il bicchiere per improvvisarsi sommelier.

“Ma lo reggete il vino?”

La risposta è stata “No.Ma tanto non dobbiamo guidare, siamo in treno”.

Evvai. Tempo mezz'ora e sembravano uscite dall'Oktoberfest. Si fermavano a ogni banchetto che serviva del liquido e si facevano riempire il bicchiere.Simona, grazie all'alcol ha avuto delle vampate che manco una cinquantenne in menopausa, che ha fatto sì che si sbottonasse i primi due bottoni del vestitino, per la gioia di un fotografo ventenne che con la scusa “Posso fotografarle il logo che ha appuntato sul petto?” le ha fatto un Book tettonico da riempirci 18 calendari.

Aurelia l'abbiamo persa più volte per strada visto che di secondo lavoro fa la PR e crede di conoscere tutti della blogosfera. Dico crede perché ha fatto delle figure di merda che non mi sogno manco io. “Oh ma ciaooooo!!!!” e per poco non parte in un abbraccio “Sei Lidia?”

“No”

Sta tizia a momenti impugna un crocefisso e grida “Vade retro!”

Inutile dire che è stato lo slogan di tutto il giorno. Immaginatevi la scena:due 'mbriache, una rinco e una PR per caso a chiedere a tutti “Sei Lidia?”. In fondo al salone ho visto dei carabinieri e temo siano stati chiamati per noi. Vista la capacità di riconoscere le persone di Aurelia, Simona le ha dato retta e ha chiesto a una ragazza “Ciao, scusa, sei Sara?”

La poveretta risponde “No”

“Sei sicura?Mi pari proprio Sara”. Io dico che una volta arrivate a casa non riconoscevano manco i loro mariti. Ovviamente non siamo andate a pranzo, visto che abbiamo letteralmente spolverato tutto ciò che era commestibile e anche di più. Sono arrivata ad addentare un biscotto pescato a caso per poi risputarlo quasi in capo a un vecchietto a mo' di lama. Roba che se lo becco lo stendo.

Però con le mie bimbe siamo entrate talmente in confidenza che siamo arrivate a sputarci in mano, come fanno le mamme coi bimbi piccoli “Non ti piace?Sputa qui a mamma, sputa!”. C'è mancato poco che non ci reggessimo la fronte a vicenda chine sul bidone della spazzatura, visto che la roba era tutta ottima ma abbiamo fatto una mescolanza di dolce, salato, piccante, alcolico, amaro, zuccherato, candito e fruttato che penso il mio organismo oggi debba essere resettato se non voglio che si ribelli. Sulla sera, stanche dalla camminata gastronomica,verdi in viso come Shrek dalle mille pietanze ingerite e leggermente claudicanti come giraffe zoppe per via dei tacchi, a malincuore lasciamo tutto questo splendido spettacolo. Anche per una profana come me è stato magnifico e veramente una gioia per gli occhi e per il palato.Na roba che non mi sarei mai immaginata.Bellissimo.

Di questa stupenda giornata ricorderò particolarmente:

-la lezione di cioccolato tenutaci dai Fratelli Gardini (che con la pazienza di Giobbe ci hanno tenuto a bada, facendoci assaggiare i loro fantastici cioccolatini.Agli occhi degli altri sembrava ci dessero un calmante visto che eravamo un filino su di giri, ma son dettagli)

-La compagnia e l'intrattenimento dei ragazzi della Friultrota che ci hanno deliziato con assaggini di pesce stratosferici. Giuro non saremmo più venute via. Io, che col pesce ho litigato da piccina, dopo i loro assaggi avrei chiesto di sposare Sampei. Hanno dei prodotti che sono la fine del mondo e una grandissima disponibilità. Ci siamo allontanate a malincuore (je stavamo a finì tutta la merce sul banchetto) dandoci pacche sulle spalle e dandogli il cinque. Quando si dice la confidenza.

-Cristina che assaggia qualcosa, assume le sembianze di Hulk, ruota gli occhi come un camaleonte , manca poco mi vomita addosso e sussurra “Secondo te se n'è accorta che non mi piace?”. Fantastica. C'è da dire che con Cristina, benché non ci conoscessimo proprio bene c'è stato un feeling allucinante, suggellato da un suo gesto (del quale lei probabilmente non si è nemmeno accorta).

Ho assaggiato un pezzetto di nonsochè e ho esclamato “E' al caffè.Non mi piace”, lei me l'ha tolto di mano e se l'è messo in bocca. Ecco. Io non mangio nemmeno un boccone assaggiato da mia madre. Faccio per dì.Donna stupenda.

-Simona che prende un dolce particolare, lo assaggia con classe, fa la stessa smorfia disgustata di Carla Bruni quando guarda Sarkosì nudo (“Ho sbagliatò uomò!Dio che schifezzà!), mi guarda come dire “Hai un sacchetto tipo quelli dell'Alitalia?” e con nonchalance lo lascia cadere in terra. Dopo inscena un dramma che manco Mario Merola “Nooooo!!!Mi è cadutoooo!!!Che peccatoooo!!!”

Simona, è una gran gnocca (sipoddì?), ha un sorriso che ti avvolge e ha una prontezza di battuta che nemmeno una spalla di un comico. E' come se fossimo amiche da una vita. Spesso infatti è bastato uno sguardo per esprimere lo stesso concetto, tipo: “Hai visto che capelli di merda c'ha quella là?”

-Aurelia, carica di roba come un mulo, che non si perde d'animo e intrattiene le persone come se fosse al Maurizio Costanzo Show. Ha una capacità di entrare in contatto con la gente davvero invidiabile e a parte tre o quattro sbagli (Mi pare di averla sentita esclamare “Tho!C'è anche Luca Cordero di Montezemolo!” per poi accorgersi che con quest'ultimo la persona da lei additata aveva in comune solo il naso), ha riconosciuto proprio tutti.Starebbe bene in una centrale di polizia a disegnare identikit.

-Le nostre tremila pazze foto e le nostre smorfie assurde. Roba che i nostri figli potrebbero ricattarci a vita.

Chiudo con una pirla di saggezza detta da Simona alla cassa.

“Aurelia?Mentre paghi vado a ritirare il figliolino al guardaroba!”

La cassiera l'ha guardate un po' così e mi pare di aver visto che premesse un bottone.

Simona non ha battuto ciglio e ha esclamato “Sa com'è, piangeva troppo!”

Fuori ad aspettarci c'erano i carabinieri e un'assistente sociale.

Grazie ragazze, grazie di cuore per la splendida giornata, siete megastupende e per dirla alla Eosvaldo:

VI LOVVO L'HO GIA' DETTOOOO???


62 commenti:

  1. NOOOO!!! Ma quanto siete fighissime??? E poi 'sta Lidia l'avete trovata??? ridevo da morire nell'immaginarvi!!! grande giornata!!!

    RispondiElimina
  2. ahahah!!!!! Immagino che vi siete divertite un mondo.....che bello!!!!!!!Dalle foto si vede che siete quattro belle gnocche....se pò dììì?????vabbè tanto l'ho detto......
    Ma alla fine Lidia l'avete trovata?? ahahahah!!!!!

    RispondiElimina
  3. esilarante!!!! Ogni tua giornata è una nuova avventura!!!!!!!!!!!
    baci baci
    Annamaria

    RispondiElimina
  4. ma che bellissimo racconto di una bellissima giornata!!!! che mi hai fatto sganasciare inutile che te lo dico...ma quando vieni a farti un giro da queste parti????????????

    RispondiElimina
  5. ahahahah riuscirai un giorno ad uscire di casa e rimanere calmina senza combinarne una nuova?
    secondo me te le tiri addosso da sola! ahahhahaha

    RispondiElimina
  6. ahahahahahahah!!!
    siete stupendeeeee!!!!!!!!

    RispondiElimina
  7. Fuori piove e infuria il vento? Vai sul blog della Simo che il sole lo trovi dentro! ...sempre che lo vedi perchè ti stai nel mentre rotolando dalle risate.....:o)))))
    cri

    RispondiElimina
  8. Oddio miooooo, sto piangendo dal ridere!!!!!
    Non posso dirti altro che sei fantastica e che ti LOVVO tanto.

    RispondiElimina
  9. Braveeeeeeeeeeeeeeee, che bello! Potrei dire :non vedo l'ora di conoscerti!...ma anche quello mi preoccupa!
    ahhahahhaha

    RispondiElimina
  10. Belleeeeee!
    Simo siete spettacolari!
    Dei sorrisi che raccontano chiaramente come siete state bene!
    E tu sei sempre eccezionale.
    Racconti in un modo che mi fai morì!
    Che bello!
    Mentre piango dal ridere, mi viene da dire che alla fine di Lidia nemmeno una traccia...
    Giusto?
    Vabbè...possiamo chiedere a "chi l'ha visto?"
    ...
    e poi rispondo a un tuo quesito: far troppe foto non fa diventar ciechi!;)
    Ma ti salva la vita perchè se non mettevi manco una foto una badilata ti arrivava sicuro da noiiiiiiiiii!
    Ti lovvo anche io, tesora!
    Nunzia

    RispondiElimina
  11. eh sì ci siamo divertite giusto un pelo!
    Nunzia, ma ti pare che non metto una fotina? :-D
    Cran, hai capito perché ti ho pensata tanto?
    Cri il tuo slogan mi garba assai ih ih ih!!
    Pinkina mia, fosse per me vi inviterei tutte a casa mia e ci terrei troppo a conoscervi tutti!
    Fosse mai che ce la facciamo...

    RispondiElimina
  12. wow simo mi sembrava di essere li con voi, sei stupenda e ti lovvvvvvooooooooooo
    e poi ste foto di te te l'ho gia detto che i tuoi occhi parlano di te?
    ti voglio bene ^_^

    RispondiElimina
  13. Simoooo sei stupenda!!!!! Giuro che se non scrivi un libro ti strozzo!!! è stata una giornata bellissima e questo racconto lo terrò come ricordo per tutta la vita, grazie ti lovvo a bestia. Non vedo l'ora di rivederci

    RispondiElimina
  14. Vi invidio!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

    hai partecipato al mio candy?????

    RispondiElimina
  15. noooo!!!Ci sarei voluta davvero essere...se non altro per vedervi dal vivo!!!La caduta della schifezza per terra lo devo tenere a mente per la prossima volta:FANTASTICO!!!Siete uno sballo tutte :)))

    RispondiElimina
  16. Io il tuo minchiablog lo scopro solo adesso! Ma ndo c..zo stavo? FANsfegatatafan forever!

    RispondiElimina
  17. ma che mitiche siete!
    un baciotto

    RispondiElimina
  18. Allora, per tutte le fans di Simo, e per le tre rinco, che facevano parte della mia compagnia di ieri...
    LA LYVIA CHE HO SALUTATO; ERA QUELLA GIUSTA!!!
    Non sono io ad aver sbagliato persona...era proprio la Lyvia che cercavo...hahahaha

    ma in quel momento...avevate già il bicchiere al collo, o ancora dovevate andare a prenderlo all'ingresso??? hahahaha

    Per Il resto...Simo, ti adoro!!!
    ho letto il post, ridendo e piangendo, sei unica, se non ci fossi ti dovrebbero inventare!
    Ma l'hai vista l'ultima foto...quella che c'ha fatto la "Sara" di Simona...c'è la sua amica che si scompiscia dalle risate...mi sa che ieri, abbiamo dato un gran spettacolo :))
    alla prossima Simo,
    non vedo l'ora di ridere a crepapelle, in vostra compagnia
    (Non è che ti voglio dare del voi...intendo dire, anche con l'altre due matte)
    Un bacioneeeee splendidaaaa
    P.S
    ti sei scordata di prendere i 2 kg di tette, che ti dovevo regalare....
    hahahaha

    RispondiElimina
  19. sei una scheggia impazzita! ma sei sinmpaticissima.. mi topccherà cominciare a leggerti!
    ;-)

    è stato un piacere conoscerti!

    RispondiElimina
  20. te sei fuori come un balcone..!!! bellissimo..!!! e belle anche le foto!!! insomma bello tutto via...!

    RispondiElimina
  21. Fantastica!!! Ho riso tutto il tempo continua a scrivere le minchiate così che ci vogliono ;-)
    Io sono la mamma appendi tutto (figlia nel marsupio borsa zaino vari pumini e figlia grande a seguito... più o meno una mercatara!!!) che ieri era con voi all'incontro con i food-blogger...

    RispondiElimina
  22. ahaah! che bello essere finita sul tuo blog, sei fortissima! Se penso che avrei dovuto esserci anche io nel gruppo a Taste ma poi la mia gita è saltata all'ultimo minuto... Beh, la prossima volta questo divertimento non me lo perdo di sicuro! Un abbraccio!!! Alessia

    RispondiElimina
  23. Ma che belle tutteeeee!! E che invidiaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaa!!!
    No, dopo aver letto questo tuo racconto sono davvero dispiaciuta, come avrei voluto esserci anche io.. mi sarei proprio sentita a mio agio!! ahahah si sicuramente!! ^_^

    RispondiElimina
  24. che giornata spettacolare!!!!! e che invidia!!!!
    ma il figlioletto c'era ancora al guardaroba??? o si era magnato qualcuno nel frattempo???

    RispondiElimina
  25. che giornata fantastica!!
    Ho scoperto da poco il tuo blog e già lo adoro,grande Simo!! :)

    RispondiElimina
  26. belissimeeeeeeee assolutamente da lovvare <3

    RispondiElimina
  27. Mancavo io nel quartetto!!! Ti ricordi la nostra telefonata????
    Aurelia mi ha ricordato tanto mia mamma che, una volta, ha fermato uan signora chiedendole se fosse "Maria". Al diniego della suddetta, mia mamma non si arrese e per ben 4 volte ha insistito condenddo ogni volta la richiesta di particolari su Maria, che la signora si ostinava a non avere... Alla fine ce ne siamo andate scusandoci delle errore... ma mia madre, sottovoce mi disse: "Lei dice che non è Maria...." Ho riso per tre giorni di seguito!!!
    Baciiiii

    RispondiElimina
  28. Fantastica Simo!!!!! Che invidia... e che bella giornata!!!Sto morendo dal ridere.....

    RispondiElimina
  29. ... ora ho capito che cosa stavate a fa tutte insieme... brave!!!

    RispondiElimina
  30. sarebbe bello incontrarti.....ma.....sei pazza da legare!!!!!........ forse quando ti riprenderai, ti concederò di conoscermi di persona! Natale prossimo ti regalerò una camicia di forza....decorata di nastrini e fiori però! ciao baci,Kiki

    RispondiElimina
  31. Benvenute alle nuove!A Ilaria e Gaia sarò sembrata una pazza.Rettifico:sono pazza. E' stato bello conoscervi ;-)
    Ginestra non te sta a preoccupà di dov'eri, ora siamo quiiiiiii!!(stile Carràmba, hai presente?)
    Sabrys troppo buona ^_^
    Stefania ti fischiavano le orecchie ieri?Io e la Giulia ti abbiamo rammentato, chissà perché!
    Bimbe belle grazie del vostro entusiasmo per questo nostro incontro.In cuor mio spero che ce ne siano ancora e non solo con le mie Tre Grazie!

    RispondiElimina
  32. conosco friultrota... bbbbbona la trota salmonata!

    RispondiElimina
  33. Che belle! Il vostro sorrisone smagliante mette allegria!

    RispondiElimina
  34. ma che bello e e che bel blog...se ti fa piacere da oggi hai una sostenitrice in più...passa anche tu da me se vuoi!

    RispondiElimina
  35. CIAOOOOO...
    SONO SABRINA LA SORELLA DELLA SIMO SUPER BONAZZA TETTONICA CHE E' VENUTA CON LE ALTRE SQUNTERNATE AL TASTE.... LA MI SORELLA MI AVEVA DETTO CHE SEI SIMPATICA MA... OHIOIIII MI SO PISCIATA ADDSSO DAL RIDERE.. TROPPO BELLO IL TUO RACCONTO.. TROPPO TROPPO!!!
    SONO FELICE DI "AVERTI CONOSCIUTA" ANCHE SOLO VIRTUALMENTE.. IL TUO MINCHIA BLOG E' STREPITOSO... CIAO SABRINA GIUNTI
    PS. MIA SORELLA TI ADORA E SO QUASI GELOSA!

    RispondiElimina
  36. geniale e simpatica come sempre...che belle foto!

    RispondiElimina
  37. Cara Simona...è la prima volta che ti leggo e ti ho scoperta grazie a un amico fanatico di TASTE e Food blogger...Giuro IDDDIO (ma si scriverà così...bho?) che non ho mai riso tanto immaginandovi bene nella bolgia della fiera. visto che mi ci sono fatta due giorni pieni pieni...Da ora in poi ti metto in cima alla lista delle cose da leggere per iniziare bene la giornata. Grazie di esistere!

    RispondiElimina
  38. Sto ancora ridendo mentre cerco di scrivere (si è staccata una lente a conttato, quello dell'occhio buono). Sei troppo forte e sono davvero molto felice di averti conosciuta! Concordo con le Pellegrine, circa il fatto che devi scrivere un minchia-libro. Per il minchia-buffet (necessario per la presentazione del libro) mi rendo già disponibile! Un abbraccio forte :)

    RispondiElimina
  39. Questo é il piú bel resonconto di un evento enogastronomico che abbia letto !! Enogastronomico no?....;)..
    Peccato che arrivarci da Buenos Aires a 'sti eventi é un po' dura...meno male che scrivi tu!!

    RispondiElimina
  40. Sabrina nooooo!!Macchè gelosa!Non devi esserlo ;-)Anzi, ora ho voglia di conoscere pure te!
    Chiara:due giorni pieni???Sei il mio idolo!
    QB:al minchia buffet in effetti non ci avevo pensato, ma sarà difficile perché quelli bravi pubblicano libri, mica io!Se dovesse capitare ti faccio un fischio ;-)
    Glu.fri:Buenos Aires!Orcaloca che bello!

    RispondiElimina
  41. Ciao ! minchia , ci siamo solo "sfiorate " ! Ti avessi conosciuta prima , avrei fatto carte false per essere nel vostro gruppetto . La prossima volta avvisami , che mi metto un tacco 12, e vi raggiungo !
    Mi unisco ad Anna Maria , come manovalanza , per il minchia-buffet.
    Scusa , ma perchè " minchia" me lo sottolinea sempre in rosso ? ah ah ah !
    A presto , bacio , chiara

    RispondiElimina
  42. Marcellagiorgio14 marzo 2011 22:57

    Troppo forte!
    Mezzora di puro divertimento!
    Grazie a te,al Taste ed a un amico food blogger che ti ha segnalato.
    Brava!
    Ora so dove passare 5 minuti in allegria

    RispondiElimina
  43. La prossima volta voglio venirci pure io!!!!

    RispondiElimina
  44. Eh...eh...alla fine dei due giorni in effetti ho avuto degli affetti collaterali degni di un farmaco potente, ma mi sono salvata grazie a due comodisssssime scarpe da ginnastica e l'assenza del "figliolino" che in effetti è rimasto a casa, ma quando sono tornata l'ho volato diretto nel cestino perchè a quanto pare non sono riuscita a d essere una buona mamma...magari la prossima volta lo lascio pure io al guardaroba...sta a vedè che me cresce pure a me!!!!

    RispondiElimina
  45. i resoconti delle tue trasferte mi fanno sempre morir dal ridere, meriteresti una rubrica fissa (e ben retribuita!) su qualche giornale... (a meno che tu non ce l'abbia già. non ho ancora letto tutto il blog!)

    RispondiElimina
  46. Simo sei un fenomenoooooooooo!!! e chissà che divertimento e che bella giornata! Baci Ely

    RispondiElimina
  47. Nakin, io un giornale???No no leggiti pure tutto il blog e non lo troverai, ma ti pare? :-D
    Chiara Eh se lo sapevo!
    Mamma mia qua oggi pare Novembre!

    RispondiElimina
  48. eh si! hai avuto ragione sabato a dire che hai un minchia blog :)))) e per fortuna!!!!!
    ciao simo, è stato un piacere conoscerti ed ora leggerti!
    continua così, ribadisco che "ne abbiamo davvero bisogno!"
    b

    RispondiElimina
  49. Ah ecco eri tu!Ho fatto un casino tra persone, blog e nickname che non ti dico. Anche ora non è che sto messa meglio!
    Grazie Babs!

    RispondiElimina
  50. Ma sai che leggendo avevo capito che si trattava di Babs? Sò strega. ;-) Mi son divertita un sacco a leggerti. Piacere di conoscerti. Non sono Lidia...

    RispondiElimina
  51. 'Non sono Lidia' ahahahahah!!!
    Mi fate morì ;-)

    RispondiElimina
  52. mi hai regalato un resoconto stratosferico di quella giornata che purtroppo mi son persa ma ci rifaremo!!!!!
    un bacio
    Pippi
    ;-)

    RispondiElimina
  53. Pazza per il minchia blog! dalla prima riga all'ultima di questo post e di tutti gli altri che leggerò! Ma sai che hai salvato quello che poteva essere del tutto un minchia day? Mi sento ricaricata, potere inimitabile della risata! Grazie grazie!

    RispondiElimina
  54. Non so da dove cominciare....
    1. ora ti amo anch'io, come amo tutte le persone scatenate e piene di spirito e che dicono tante, ma tante parolacce.
    2. so cosa significa andare in giro con Aurelia la toscanaccia, perchè insieme abbiamo spazzolato tutto lo spazzolabile, e dopo siamo andate anche a cena, al Salone del Gusto a Torino. Quindi so di cosa è capace la ragazza, figliolino sempre appresso poi...
    3. Sei talmente brava che d'ora in poi non solo non ti lascio più, ma al prossimo nostro incontro (fatti raccontare sempre dalla toscanaccia) sei invitata fin d'ora....

    Un abbraccio e grazie per le risate che mi hai fatto fare.
    Anna
    p.s. spero che tutti sappiano chi è Sampei...

    RispondiElimina
  55. Tesore troppo buoneeeee!!
    Io vi incontrerei tutte!
    Il minchia-day...non ci avevo pensato...geniale!
    Pippi mi è piaciuta anche la tua voce, pensa te!
    Anna tanto mi tiene aggiornata Aurelia, non ti preoccupà ;-) anch'io voglio conoscerti.
    Che belle che siete oh!

    RispondiElimina
  56. fortissimo il vostro incontro e tutto quello che avete fatto.... mi hai fatto come sempre morire dal ridere!

    RispondiElimina
  57. Sei davvero troppo simpatica!!!
    Da oggi prometto che ti seguirò assiduamente!!
    Fino all'ultimo ho sperato di poter venire anch'io ma con una bimba piccola l'organizzazione non era al top, ma il prossimo anno ci sono, dimmi che ci sei ti prego, gia mi stai simpatica!!!!!!!
    O magari anche alla fiera dell'artigianato a maggio!!!!
    Cosa ne dite?

    RispondiElimina
  58. ogni tuo articolo mette tanta allegria...forse merito del bicchiere sempre pieno!
    barbara

    RispondiElimina
  59. ma alla fine il figliolino era sano e salvo.....
    grazie per lo spasso

    RispondiElimina
  60. Non conoscevo il tuo blog...ma come ho fatto??
    Seguendo un link feisbuccaro sono arrivata qui! E non vado più via...
    Rido da dieci minuti! E non è che capiti tanto spesso :) Ora vado a zonzo sul minkia blog!
    Ciao

    RispondiElimina
  61. ha!ha!ha! che risate mi immagino la scenetta...vi site fatte riconoscere anche lì!!!!!
    Sei troppo forte SIMO!!!

    RispondiElimina

Nel frattempo, visto il periodo, vuoi una tazza di thè?

LinkWithin

Related Posts with Thumbnails