martedì 22 giugno 2010

IL CODICE DA VINCI



C’è chi è bravo con i codici e chi no. Ecco, io no. Partiamo subito col dire che sabato MadiS con questa semplice domanda “Simo, ma tu un banner ce l’hai?” ha fatto sì che mi chiedessi “Io un banner ce l’ho?” ma più che altro “Cosa è il banner?”

Appurato che non è una malattia esantematica e informatami su questa parola,anche se sentivo che c’andava di mezzo un codice, io e MadiS ci siamo messe a chattare via mail in modo compulsivo. Il succo di tutto il mio discorso si può racchiudere in “Non ce l’ho,se tu dici che mi serve mi fido, fammelo te, hai carta bianca” e il suo rassicurante “Io so farlo, stai tranquilla”.

Ho ri-dato un’occhiata al suo blog che è talmente carino e pieno di cosette per blogger che ho aggiunto subito “Se c’è da pagare manco morta”. Perché nessuno ti regala niente al giorno d’oggi.

Lei più o meno mi ha risposto “Te lo fò gratis ma non aspettarti granchè perché non sono un’esperta” Questa è MadiS. Carineria unica.Anche lei vola basso.Ma è in gamba e potrebbe anche tirarsela un filino.In quel momento ho sentito subito un' innata simpatia nei suoi confronti. Due cuori e un codice.

Comunque nel tempo che io impiegherei per fare una doccia, MadiS mi ha sfornato non uno ma ben tre banner e mi ha fatto scegliere.Io ho scelto quello che vedete in basso a destra, ma anche gli altri erano troppo bellini. Quindi se io vi sembro bugiardina quando vi dico che non so cucinare(anzi, ma quanto siete carini a farmi i complimenti?) MadiS non è da meno quando dice “Faccio cosucce, niente di che…” Non credetele, è bravissima e paziente (mi ha spiegato tutto di nuovo bensì l’avesse già fatto e io, ovviamente, non avevo capito una beata mazza).Grazie MadiS, da oggi posso dire “Io ce l’ho!” Inutile dire che quando sono arrivata a piazzarlo l’ho messo per metà. Ma nessuno se n’è accorto, vero?

Che vi devo dire. Ho problemi con i codici, gli html, i numeri e perfino ho difficoltà a premere il tasto giusto di un citofono.

Una volta l’ho fatta grossa e ci stavo per rimettere 10 euro!vabbè non sono niente, ma…insomma, mezza messa in piega mi ci viene!

Un giorno, mentre sono alla cassa dell’iper, mi cade l’occhio sui tesserini per ricaricare il cellulare. Avete presente? Quelli tutti in bella vista come cravattine nell’armadio. Agguanto con gesto felino il mio cellulare e guardo quanto c’ho. 2 euro e 37.Non male. Ma spariamoci una ricarica da 10 euro!

Prendo il tesserino e la dicitura spiega che è un modo semplice e veloce di ricaricare il cellulare. Basta che la cassiera passi il cartoncino alla cassa, te lo paghi e poi con numero sullo scontrino ti mandano i soldi sul cellulare,semplice no?

Sono uscita dall’Iper ripetendomi celapossofare celapossofare celapossofare. Il senegalese all’uscita pensava pregassi e invece dei calzini voleva vendermi un rosario.

Monto in macchina e mi dico. “Via, lo ricarico subito, così poi chiamo Andrea”

Spiego per benino lo scontrino e leggo il codice :una specie di ghkkh6657nbbb.

Mi sento rispondere “…..il codice è errato

Errato?“Come errato?” lo ridigito piano piano: ghkkh6657nbbb.

La vocetta un tantinello stronza della signorina del nastro registrato mi ripete “...il codice è errato

“Ma come errato!!!Ma non sono mica scema!!Vuoi vedere che hanno sbagliato??” Perché ovviamente mica posso sbagliare io. Cioè, a me di essere rinco non mi passa nemmeno per l’anticamera del cervello, a volte. Me lo devo tatuare sul braccio.

Mi metto seduta a modino e ridigito il codice. Quasi quasi indosso le cuffie come al gioco della ghigliottina e sto attenta. Sto digitando troppo velocemente? Allora vado piano. Ghkkh6657nbbb. La vocetta parecchio bastarda della signorina di quel cazzutissimo nastro mi ripete “Tim.Il codice è errato”

“E ma vaffanculo!!! Come Tim il codice è err…?........?.........? TIM??? Io non ho Tim. Ho Wento!!” (faccio del mio meglio per non fare troppa pubblicità)

Guardo lo scontrino che avevo GIA’PAGATO e c'è scritto che ho pagato una ricarica Tim!

Da notare: fino a quel momento avevo omesso la prima parte del messaggio registrato.

Ma come ho fatto? E ora? Ommioddio!!!Ho pagato 10 euro per una cosa che non potrò mai sfruttare!!Per punizione mi rinchiuderei le dita nella portiera, ma poi decido che se rientro all’Iper e spiego cosa è successo, magari mi aiutano. A chiamare quelli della neuro, sicuro.

Comunque ci provo.Torno dentro con la faccia attapirata e chiedo alla signorina del bancone

“Mi può aiutare?Guardi ho fatto una cavolata, non so come possa essere successo…”

Gli spiego brevemente e lei chiama il direttore. Mi spiega che avendo anche pagato la spesa e quindi la tessera col bancomat, per questioni di cassa non potevano ridarmi i soldi.

Arriva il direttore ed io a quel punto mi accascio sul bancone “Mi aiutiiii…………”

“Signora, la prego. Stia calma”

“Ma noooo!!Ho fatto una cazz..una cavolata. Un errore, ma come posso fareeee!!”

L’uomo alla porta con l’auricolare s’è messo a chiamare qualcuno, probabilmente il 113.

“La signorina mi ha spiegato, è anche vero che è un errore suo…”

Lì, m’è partito l’embolo “Errore mio??Errore mio?” Ci mancava solo che gli dicessi “Siete solo chiacchere e distintivo” e poi sembravo proprio De Niro. “Eccerto!La fate facile voi. Mettete tutte le tessere lì in bella vista, Wind, Tim, Tom e Jerry, Vodafone, Amplifon e poi la gente si imbroglia. E metteteci i cartelli a modino, no?Gli pare che devo stare attenta al rullo, ricordarmi il codice bancomat, FARMI DA SOLA le buste (mica come all’estero che c’è il ragazzetto che te le fa,tzè!) pagare,scambiare due chiacchere con la cassiera (a proposito quella della cassa 12 è anche scorbutica, se lo lasci dire), tirare fuori le chiavi della macchina, schivare tre o quattro senegalesi, manco fossi Gattuso, è regolare che una può imbrogliarsi e prendere un cartellino sbagliato, no?”

“Signora, si sente bene?”

“No. Vorrei un caffè”

“Guardi, ho capito il problema.”

“Mi può dare quella della Wento?”

“Ma quelle della Wento le diamo qui al bancone. Ma non lo vede che sottoforma di cartoncino non c’è?”

NON C’ERA NEMMENO!!! Non sono rinco. Sono OLTRE.

Ma io lo so.E’ stata la cassiera alla 12 che mi ha scioccato, brutta e antipatica come poche, con due orecchini piumati alle orecchie, che sembrava la sorella brutta di Pocahontas.

“E ora?Che si fa?” nel frattempo mi son tolta le scarpe, così, per stare più comoda. “Io le do lo scontrino e lei la tessera?Mi dà 10 euro?Gli offro una cena? La accompagno a teatro?Le vengo a pulire il cesso?” Agguanto una penna “Devo firmare un modulo? Sottoscrivere qualcosa?Un autografo?Cosa devo fare per farmi ridare 10 euro?” Mi sto quasi prostituendo.

“Un attimo…” chiama una ragazza.

“Cioè, scusi, faccio per dire…si rende conto che ci sono 10 euro nell’etere delle sue casse? Nel limbo dell’Iper? 10 euro non ancora sfruttati che chissà dove andranno a finire?”

Lui non mi sta manco ascoltando e smanetta al computer, fino a che non arriva una ragazza con una chiave. Apre un cassetto e..magia!!Una tessera Wento!!

“Tenga, ma stia più attenta la prossima volta.”

“Oh!!Grazieeee!!!Ma quanto l’ha fatta lunga SantoIddio!!!!In fin dei conti è una tesserina!Allora non le devo offrire una cena”

“No, guardi, proprio no”

“Grazieee!!!Anche qui c’è il codice vero? Ma ora mi riesce! Graziieee!!!”

Scendo dal bancone apparecchiato, nel frattempo avevo anche messo due candele, e mi dirigo alla porta . “Signoraaaaa!!!!”

“CHE C’E’?”

“Quella penna. E’ nostra. Se me la restituisce…”

“Ah, sì! Certo! Ma che birbante che è lei! Furbetto! Volevo vedere se stava attento. Comunque bel supermercato. Complimenti.” Il tipo con l’auricolare mi lancia un’occhiataccia. Che c’avrà da guardà? Mi chiedo.

Sono uscita e il senegalese voleva vendermi un paio di mutande.Ho chiesto un passamontagna ma non ce l’aveva.

Mica per fare una rapina, mi serve per la prossima volta che entro in questo posto.

Piesse: e comunque una volta arrivata a casa ho grattato il codice con la punta delle forbici e ho fatto fuori due numeri. Illeggibili.Però, improvvisandomi Dan Brown, ce l’ho fatta.

Ditemi che è successo anche a voi. Che anche voi, come me, siete OLTRE.

31 commenti:

  1. Pensa che un prof ci ha dato un codice a barre da portare all'esame. Ogni volta che facevamo un parziale, lui si presentava con un affare, tipo pistola (quel coso con cui i cassieri registrano il prezzo di quello che compri, per intenderci!) e registrava i vari voti.

    L'ho odiato per questo. Mi sono sentita come un pacco di spaghetti coop da un chilo (non proprio un chilo... ahaha!) passati alla cassa.
    ... Maledetti codici!

    RispondiElimina
  2. In questo caso io sono proprio oltre, cioè dall'altra parte della barricata perchè di ricariche ne ho vendute per anni, quindi ne ho viste di tutti i colori!!!
    Gente che arrivava col numero di casa da ricaricare, chi non sapeva il prefisso.."tanto è uguale, no??" :-)
    Una volta uno -giuro- il numero ce l'aveva TATUATO sul polso (un cretino!)!
    Però era divertente, prima di portare all'esaurimento ;-)

    PS: WOW, che banner bellissimo!! Brava Madis!

    RispondiElimina
  3. Io mi rifiuto di ammettere che sono OLTRE...
    Ma qualcuno mi spiega a cosa serve un banner?!?!?!
    E badate bene che e' solo un caso che non lo sappia.
    Qui finisce che per tenere un blog devo prendere una laurea in informatica!!!
    Non sto al passo coi tempi :-(
    Sei sempre la piu' OLTRE ooppps intendevo FORTE!
    Un abbraccio

    RispondiElimina
  4. Se sono OLTRE? Pure troppo!!! Se Simo ci stava per rimettere 10 euro, la RINCO sottoscritta ce ne rimessi 75 (no dico...75) allo sportello bancomat per ricaricare il telefonino!!! E tanto che ci vuole? Basterebbe ricordarsi il numero giusto!!! Ho sbagliato la seconda cifra del prefisso e la mia ricarica se l'è beccata chissà chi! Come regalino non c'è male ma a me è rimasta ancora il rospo in gola!!!
    Un bacioooooooooooooo

    P.S. io il banner non ce l'ho...sarà grave =)) ?

    RispondiElimina
  5. Il banner so cos'è (fisicamente), ma non so a cosa serve e non ce l'ho e per mettere quel mezzo sfondo che ho c'ho messo 2giorni e sta pure mezzo storto!Con le ricariche invece sono brava (capirai!), una volta un signore mi ha anche chiesto se lo aiutavo a fare una ricarica della vodaFOTT!Quando ho smesso di ridere l'ho aiutato!Wento è fantastico, da oggi la chiamerò così!

    RispondiElimina
  6. carissima Simo sei una forza, quel "solo chiacchiere e distintivo" mi ha fatto morire ^_^
    Il banner è molto carino e dopo se ti fa piacere lo aggiungo al mio blogghetto, complimenti alla tua amica e a te naturalmente.

    RispondiElimina
  7. Il banner è carinissimo. Io nel mio blog a malapena riesco a scrivere qualcosa... Con le ricariche non ho ancora fatto casini, perchè le faccio direttamente dal sito del gestore e lì è tutto memorizzato, non ce la posso fare a sbagliare, manco ad impegnarmi. Invece, una volta, ho sbagliato per 3 volte il codice della tessera con cui pago la spesa al supermercato (non è un bancomat, è una specie di carta di credito emessa dal supermercato, però con un codice da digitare, che ovviamente non mi ricordo), perchè la cassiera antipatica mi ha messo fretta visto che dietro di me, c'era coda alla cassa. E quando mai non c'è coda alla cassa dell'iper? Non ti dico con che aria di compassione e con che faccia soddisfatta, mi ha mandata alla cassa centrale per rifare tutte le pratiche della carta...

    RispondiElimina
  8. Il banner è molto bello! Io ce l'ho solo testo...ma come si fa a metterci un'immagine...urge passare da Creare Blog...LUI sa!
    Io il macello della ricarcia non l'ho fatto perchè:
    1. ho un incrocio fra ricaricabile e abbonamento e non ricarico quasi mai
    2. perchè preferisco farlo on line o in tabaccheria ed evitare le insidie di tessere e codici che SICURAMENTE incasinerei. Non sei sola tesoro...mica son mononeuronica per nulla!

    RispondiElimina
  9. Tu sei oltre, tu sei una pagliaccia!!!!
    Sei troooppo forte...l'ho pure scritto sul mio blog che sei trooooppo forte.
    Comunque mitica Simo è successo anche a me...io ho avuto la faccia tosta di girare per per a chiedere se qualcuno aveva bisogno di una ricarica da 10 della Tim.L'ho venduta al mio capo il giorno dopo in ufficio...l'ha fatto per ricaricare il cell di suo figlio!
    baci Simo alla Proxxxx!
    chiara

    RispondiElimina
  10. Non mi è successo ,ma ho il codice nello spazio delle monete del portafoglio.... Di solito ho vodafone, ma voglio prendere anche tim perchè parlo con la mia amica e volevo fare una tariffa speciale.... Vedremo!!!

    RispondiElimina
  11. io belo: beeeeeello il banneeeeer!!!

    RispondiElimina
  12. Simo sei fenomenale. Ma come fai a trovarti sempre in situazioni del genere…io penso che andrea morirà di risate e anche la tua bimba!

    RispondiElimina
  13. io evito i codici e risolvo il problema alla nascita!!! ih ih!!! Ricarico con il bancomat... devo solo ricordarmi il n di cellulare per non ricaricare quello di qualcun altro.... °_°
    Baci!!!

    RispondiElimina
  14. Io sono OLTRE sicuramente, nel senso che sono oltre la taglia 48... non so se vale lo stesso!
    ciao a tutte

    RispondiElimina
  15. io non sapevo neanche cosa fosse un banner... :S
    per fortuna io per il cellulare ho il contratto e non devo ricaricare.

    RispondiElimina
  16. Io so che è un banner giusto perchè adoro il pc e tutto ciò che ci si può fare!!! Io per fortuna ricarico il cell on-line.. ho sempre odiato digitare codice sul cell.. in quello mi sbaglirei!!! E te sei una forza... sei più che OLTRE!!!!! smack!!!:-DDD

    RispondiElimina
  17. Bello il banner Simo...Grande Madis..io cmq non c' è l ho..e non ho la minima idea di come si fa!!!Per quanto riguarda le ricariche io le faccio sempre col terminale e controllo il numero dieci volte perchè non me lo ricordo..una volta la stavo facendo chissà a chi menomale che il ragazzo della cartoleria era un amico che sapeva più lui il mio numero che io e m' ha detto ma il tuo non è 328 e io...si perchè???mi hai detto 320 scema..ah si??beeeneeeeee..salvata in calcio d' angolo!!
    Ah ma la sai una cosa quand' ero piccola con le amichette facevamo i codici 'ad muzzum' per vedere se ci facevano una ricarica lo stesso ahah..avevamo capito un pò come funzionavano i numeri ripetuti e le serie ecc..però non ha mai funzionato ahahah...
    più OLTRE di te non c' è nessuno grande Simo!!!Un bacione

    RispondiElimina
  18. Confesso che una cosa simile mi è capitata...ma non per 10 euri...per 50!!!!!! c'è sempre qualcuno che è più OLTRE di te ;)
    il bannerino è troppo carino ma.....a che serve un banner?!???

    RispondiElimina
  19. Banner: credo e presumo che il banner sia semplicemente una sorta di biglietto da visita del proprio blog. Tra blogger c'è chi se li scambia e vengono 'ospitati' da blog altrui.Una sorta di pubblicità, una tua finestra in altri luoghi che non sia il tuo blog, dove basta un semplice clic per aprirla. Tutto qui. Ovvio che uno non si aspetta che gli altri la prelevino. C'è e basta. E perché no, dico io?
    Per tutto apprendere tutto sto pappiè ho chiamato Bil Gheiz :-D

    RispondiElimina
  20. tesò, dici che mi devo fare un banner anch'io?!

    ma anch'io sono OLTRE... vabbò ci penserò al ritorno dal mare.
    un baciotto

    ps. però come sono belli, li voglio anch'ioooo, uff!

    RispondiElimina
  21. Lellè, io sono stata senza fino ad ora e se MadiS non me l'avesse proposto penso che ne sarei stata sprovvista a vita :-D
    Perché no? Male che vada, per quanto mi riguarda,è un soprammobile in più da spolverare in Casa di Simo, ma molto prezioso perché regalato da una donna carinissima che ha impiegato del suo tempo prezioso per fare qualcosa per Me.E non gliel'ho chiesto io :-)

    RispondiElimina
  22. Mizzica che carino, anche con la scritta "viva"! Complimenti MadiS!

    Non parliamo di ricariche telefoniche...quando digito il codice per timore di sbagliare, premo così forte i tasti che sui polpastrelli rimangono le formine...e guai se qualcuno mi parla dietro... mi isolo!!! (anche per soli 5 euri!)
    Bacilli e tivibbilli!

    E mo mi vado a slurpare quel tiramisimo ^_*

    RispondiElimina
  23. Ma Simooooo!!! Come sei carina!!! Non era proprio il caso di questo ringraziamento, mi metti in imbarassssoooo!!! ^__^

    Mi fa piacere che il bannerino piaccia, se qualcuno ne vuole uno per il proprio blog ma non sa come farlo e si accontenta di cosine semplici posso provare io...

    (con le ricariche c'è chi è messo peggio di te, mia mamma la prima volta nemmeno sapeva di dover grattare la parte argentata sulla scheda, e voleva a tutti i costi inserire il numero del codice a barreeeeee!!!)

    RispondiElimina
  24. banner? what's banner???? oddio mi fai troppo morire dal ridere! non parlarmi di ricariche... mi sembra di essere cieca ogni volta... mi sembro una vecchia di 90 anni!

    RispondiElimina
  25. massima solidarietà, da una che ha comprato un costumino (ma bello!!) per il bimbo dueenne, dicendo: "ma sì, faccio una follia!" poi a casa scopre che era 6-9 mesi.. Ed avevo anche già buttato lo scontrino..

    RispondiElimina
  26. Bellissimo questo blog! Che bel colpo averlo trovato. Non lo mollo più. baci! Ale

    RispondiElimina
  27. Oltre "OLTRE" cosa c'è? Ecco, io sono arrivata lì! ^_^ Baciiiii

    RispondiElimina
  28. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina
  29. Simo, tranquilla che non sei l'unica svampita ;)
    ti lovvo

    p.s. bellissimo il banner!!!

    RispondiElimina
  30. Figo il banner, ci sta proprio bene nel tuo blog!
    Brava Madis!!!!
    Comunque manco io sapevo cosa diavolo fosse un banner, Signur, come sono tecnologicamente indietro!!!!!
    Ma il termine "essere bannati" ha qualcosa a che fare col banner???
    Mah....mi piacerebbe che qualcuno me lo spiegasse ma so anche che non troverò risposta dato che sto commentando questo post ben 11 giorni dopo che è stato scritto, e soprattutto considerando che nel frattempo la padrona di
    casa dopo questo post ne ha scritti altri 16 circa.....
    Rimarrò a vita col mio dubbio sull'essere bannati.....

    RispondiElimina
  31. Mm.. neppure io sapevo cos'era un banner. Comunque è successo anche a me.. tranquilla.. il problema che io ho grattato via i numeri della ricarica da 30 euro regalatami al compleanno.. lì sì che tenti il suicidio..

    RispondiElimina

Nel frattempo, visto il periodo, vuoi una tazza di thè?

LinkWithin

Related Posts with Thumbnails