lunedì 14 settembre 2009

LA BELLA E LA BESTIA


Alcuni di voi si stanno chiedendo per quale motivo vengo chiamata Topanova o a volte più semplicemente Topa. Potrei vantarmi di essere più gnocca di Belen Rodriguez ma basterebbe volgere lo sguardo verso la foto a destra per far di me una stratosferica bugiarda. Quindi, ahimè,questo nome non ha niente a che vedere con la mia avvenenza, bensì a un fatto che mi è accaduto ben 2 anni fa. Dopo questo aneddoto, il mio amico Nino, mi ha affibbiato questo soprannome. Ditemi voi se tutto ciò è normale.

--------------------

Domenica sera io e la mia dolce metà ci corichiamo verso mezzanotte e mezzo. Due coccole, due bacetti, io gli dedico ‘Trottolino amoroso du du du da da da’ e lui ‘Donne du du du’. O ci decidiamo a comprare una vocale e fare un discorso di senso compiuto, o giriamo la ruota.

O più semplicemente smettiamo di bere vino a cena. Dopo aver menzionato tutte le canzoni di Sanremo dall’87 a oggi, pensiamo di darci un taglio e guardandoci negli occhi ci lanciamo un messaggio chiarissimo. Non possiamo ignorare la nostra grande passione, è lì, è palpabile. Allunghiamo le braccia consapevoli di quello che ci attende. Lui prende il suo libro dal comodino, io il mio.

Io gli faccio "E' bello il tuo libro?" ( Ken Follet, 1364 pagine, ndr)Non lo leggerei nemmeno se in cambio mi dessero le labbra della Jolie.Se mi dessero suo marito lo leggerei eccome e ci farei anche il riassunto.
"L'ho appena iniziato"
"Ah! E di cosa parla?"
"Se mi fai leggere qualche pagina, te lo dico"
"Mmhh...mi fai leggere la trama?"
"Simo, deduco invece che il libro che stai leggendo te non è granché"
"Da cosa lo hai capito? Vabbè te lo racconto a voce..."
"Zitta!!"
"Amoreee....ma che ho detto?" ho piagnucolato. Nemmeno gli avessi proposto di leggergli il libro di ricette di Suor Germana. “E poi zitta a chi??”
Andrea si rizza a sedere "Sshh!! Ho sentito un rumore"
"Doveee???"
"La'" e indica l'armadio.
Ora, lo so che la fantasia vi suggerisce la presenza di un amante, ma magari lo nasconderei in garage, nella cuccia della gatta o sul davanzale della finestra.
Ah!Ma io so cosa è. Mi alzo, vado verso l'armadio tutta incazzata e dico "Guarda che è la Minù , ha il vizio di nascondersi nell'armadio. Se mi ha impelato di nuovo gli asciugamani..."
"Minù è fuori. Ce l'ho messa io"
ECCHECCAZZOE'?? E al grido di "OH MERDA!!C'E' UNA BESTIA NELL'ARMADIO!!!"
ho fatto un salto degno della Simeoni e mi son tuffata sul letto. Ma devo aver preso male le misure perché ho incespicato, ho perso l’equilibrio e ho preso in pieno il comodino.Oddio che botta!Non ho più vent’anni.Non mi posso più permettere di sgallettare come una velina.

Andrea, dopo essersi assicurato di non essermi giocata i due unici neuroni che mi ritrovo, mi informa che la bestia (ovviamente la bella sono io) non è nell’armadio, bensì vicino all’armadio. Più precisamente nel condizionatore.

"E' qui dentro" Sentenzia reggendosi il mento con il pollice e l'indice. “Sicuramente è un topo”

La frase mi ha allarmato, ma era peggio se mi diceva “C’è una topa in camera da letto, e non sei te”.

Dieci minuti dopo la scena era questa:
tutti e due in mutande, e vi posso assicurare che faccio la mia figura (di merda, ma pur sempre una figura), io con la scopa in mano e Andrea con i guanti da giardinaggio e una piccola torcia che faceva tanto CSI. E’ ovvio che mi son munita di un’arma tante volte il topo fosse riuscito a scappare. Anche se, con la mira che mi ritrovo, non solo scappa, ma ci balla la samba in camera e ci beve pure un caffè corretto alla Sambuca.

Dentro il condizionatore non si vedeva una beata mazza ma il topo continuava a muoversi.
Andrea illuminava con gesti inconsulti e mormorava "E' qui il bastardo!" e io con la scopa di saggina lo incitavo "Uccidilo per me! Dammi questa prova d'amore, cazzo! Non voglio dormire con un topo in camera!"
"Ma se non so nemmeno come si smonta!Domani chiamiamo il caldaista e glielo facciamo smontare."
Che cosa? Domani? E’ pazzo, non può parlare seriamente. Ma non può accontentarmi e togliere quel maledetto topo?Nemmeno gli avessi chiesto di scalare l’Everest o farsi una ceretta a caldo sui polpacci. A chi devo rivolgermi per togliere adesso ‘sto topo, eh? Al pifferaio magico?

Ho preso in considerazione l'idea di dormire in cameretta con Alice, sul divano o sopra la credenza in cucina. Dentro i pensili.

Poi ho detto : aspetta un attimo. Io mi devo far intimidire da una mezzapippa di pochi centimetri che è entrato abusivamente in casa mia? In una proprietà privata? Ma come si permette? PAURA IO??? Ma paura la deve avere lui di me! Ma io lo stano e lo faccio arrosto! Lo metto nella candeggina e lo faccio diventare bianco come una cavia da laboratorio! Gli strappo i baffi uno per uno, ci infilo le perline e li rivendo alle bancarelle come braccialetti!
A un certo punto ho guardato Andrea con un’ espressione tipo Norman di Psycho e gli ho detto "Andrea, ci penso io"
Sono andata nel ripostiglio, ho preso il DDT per mosche e zanzare e son tornata in camera. Ho spruzzato mezza bomboletta di DDT nelle fessure infestando tutta la camera, ma il bastardo si muoveva ancora e allora ho detto: "Amò, preparati perché faccio una strage!"
Non ha fatto in tempo a dirmi "Che caz..." che io ormai avevo acceso il condizionatore.

...Ehm…

…Mmh….

Bè…che c’è?

Che volete sapere?

Non è successo niente di grave. Diciamo che ho contribuito a ingrandire il buco nell’ozono e che nel giro di 27 secondi pareva di essere a Chernobyl. E allora?Dovreste smetterla anche voi di usare i deodoranti spray. E allora puzziamo tutti!

Diciamo che il giramento di ventole ci ha risputato in camera tutto il DDT che avevo spruzzato. Embè? Cambiare aria fa sempre bene. E che aria.

Diciamo che ci siamo intossicati e sicuramente tra due giorni saremo pieni di pustole e croste e quando apriremo bocca faremo BBZZZZ… Che c’è di male? Uno può anche cambiare nella vita. Se Gregor Samsa una mattina si è trasformato in scarafaggio grazie alla fantasia di Kafka, perché non posso farlo io una sera grazie al DDT. Non capisco.

All’improvviso abbiamo sentito un rumore strano. Ho spento il condizionatore e ad Andrea giravano le palle come le ventole "Ma che cazzo fai? E se ora l'hai ammazzato?"
"Ma perché, lo volevi invitare a cena? Certo che l'ho ammazzato!" Obbello! Mi è venuto in mente il titolo di un film: ‘Invito a cena con delitto’.
"Ma sei cretina? E se ora è tutto sbriciolato nella ventola?"
"Ma se lo lasciavi vivo, la ventola la usava come ruota per criceti!!"

Oddio, ora che ci penso potrebbero sbattermi in galera. Ho commesso un topicidio. Premeditato per giunta. Con un buon avvocato potrei cavarmela con poco…

Mi vedo già in aula, con un bel tailleur grigio topo, un avvocato strafigo vestito di blu che scatta in piedi “Obiezione vostro onore!La mia assistita ha agito per legittima difesa!”

Che emozione!

Ho la vaga sensazione che guardare i legal thriller mi faccia avere una visione distorta della realtà.
Insomma, abbiamo dovuto chiamare comunque il caldaista per smontare e pulire il condizionatore. L’esperto mi ha detto "Signora, magari la prossima volta mi chiami prima e non faccia tutto da sola"
e io gli ho risposto "A parte il fatto che spero che non ci sia una prossima volta, e comunque io NON sapevo che dentro c'era un topo. Avevo caldo ed ho acceso il condizionatore. Semplice"
Dietro di lui Andrea s'è passato l'indice sulla gola.
"Scusi signora...lei accende il condizionatore quando fuori ci sono 14 gradi?"
"Ma se io ho caldo? Cosa ne sa lei della mia temperatura corpor…" a quel punto è intervenuto Andrea: "E' indisposta e soffre di nervi, prende dei medicinali che le danno gravi effetti collaterali. Grazie ancora" e gli allungato 70 euri. Settanta euri!!! Ci avrei comprato un paio di stivali!
Il caldaista ha detto"Solo per la chiamata ne avrei presi di meno, ma con tutta la pulizia dell'apparecchio...”
Quel topo m'è costato 70 euro. Ma porca di quella troiazza, maledetta, incartapecorita!!
Sapete quanto mi sarebbe costato lasciarlo lì a farsi i baffi suoi, e farmi aprire solo il condizionatore? 25 euro.
45 euro in più perché l'ho frantumato nella ventola! Ma porco di un topo bastar… Aspetta un attimo…

MA VUOI METTERE LA SODDISFAZIONE??

28 commenti:

  1. Miriam(YimWingChun)14 settembre 2009 13:55

    Che ridere Simo. La scena di te con la scopa in mano, speranzosa di farla pagare a Monsieur Ratatouille.....che ridereeeeee....! :D
    Comunque non avrei mai immaginato che avresti acceso il condizionatore.
    Siete troppo forti tu ed Andrea.
    Ma..la domanda sorge sponanea. In tutto sto fracasso che,sicuramente,avrete fatto, la piccola Alice dormiva tranquilla?
    Non si è alzata bofonchiando tra sè e sè....mioDDio in che famiglia sono finita?....:D
    Anche se più o meno si trova solo nel paese delle meraviglie con due genitori come voi.
    Ti voglio bene Fruzzè....
    Baciottini ini ini....

    RispondiElimina
  2. Certo che si è svegliata, ma si è anche chiusa in cameretta!!!!

    RispondiElimina
  3. ...Bambina saggiaaaa.....!

    RispondiElimina
  4. Nuooooooooooooo

    Simo, amore-mio-lo-sai-che-ti-adoro... MAAAA sai che mi è quasi venuto il vomito a leggere che hai smaciullato il topolino?????
    Lo so che sono malata, mannaggia la miseria!! Ma sarà stato un topolino di campagna, no? Mica una pantegana di quelle che ti cucinano nei ristoranti cinesi di Venezia!!!


    Echeccazzo!!!

    Loviù lo stess

    RispondiElimina
  5. Cate ma non era smaciullato...era un po' morto...un pò.
    Un pò morto qua, un pò morto là intendo.
    Magari si è suicidato.

    Non ce la fai a farmi sentire in colpa
    non quando so cosa vuol dire avere un topolino in casa senza saperlo...

    Anch'io loviù lo stess mon amur :-D

    RispondiElimina
  6. Ma dai, povera bestiolina! ;-))
    Simooooo, Nino me l'aveva accennato questo sketch, ma non sapevo i dettagli...
    In effetti il topolino tritato fa un po' senso.

    Tanti anni fa, a casa dei miei, appena sposati, c'era ospite mia nonna, che aveva il terrore dei topi. Una notte mio padre racconta di aver sentito bussare alla porta della loro camera da letto: la nonna aveva visto un topolino nel soggiorno, dove dormiva lei, e non c'era verso di tranquillizzarla.
    Così si narra che il giorno dopo i miei si fecero prestare il gatto dalla portinaia, il quale si limitò a farsi una bella dormita sul divano insieme alla nonna, guardandosi bene dal mangiare il topolino.
    Non ricordo più se riuscirono a prenderlo con una trappola per topi o se la bestiola la fece franca. Comunque era un topo di campagna che si era venuto a fare un giro in città.
    Ora chi li vede più i topi di campagna?
    Bacioni!

    RispondiElimina
  7. non ci posso credere!!!la solita scena mi è capitata settimana scorsa.mio marito in giardino che gridava:Chicca aiutamiiiiii!!!(di solito fa uccidere a me ragni ed insetti vari ed eventuali)ed io nascosta in casa che guardavo la scena dalla finestra inorridita(ho anche provato a scattare una foto ad un certo punto,ma mio marito non lo sa).. anche il cane voleva entrare perchè il topo di campagna era in realtà una pantegana(abbiamo augurato al caro vicino che non pulisce il giardino da un anno una diarrea esponenziale)..insomma alla fine l'ha ucciso con la scopa,dandogli ripetute mazzate,perchè asseriva che in passato aveva visto un documentario in cui i topi fanno finta d'essere morti,ma in realtà sono vivi e vegeti...e siccome mio marito è un pacifista di natura da una parte fare questo suo primo omicidio l'ha traumatizzato non poco..(tremava come una foglia dallo shock)sta di fatto che ha anche creduto d'avere sentito il topo in punto di morte dire:"squit"(giuro!)

    RispondiElimina
  8. Li vede la Simo!!! Secondo me i topini vanno da lei di proposito.. sfidano la sorte per il gusto di vederla arrabbiata, ma non sanno con chi hanno a che fare eh eh!!

    Evvabbè, alla fine è vero anche che non si possono ospitare, o invitare a pranzo tutti i topini del circondario, vero Simo? Era carina l'idea della tavola apparecchiata per 4 però!

    Qualche anno fa vennero quelli della disinfestazione nel condominio dove vivevo in quel periodo e ahimè, ero l'unica presente in casa alla quale poter chiedere indicazioni... Insomma ricordo che parlai con la persona + stronza del mondo: un omino che aveva capito che aveva di fronte una ragazzetta sensibile e impressionabile e che mi raccontò nel dettaglio come sarebbe avvenuta la morte delle povere bestie. Io, una volta salita in casa ho pianto come una scema per un'ora. Ma davvero, eh??!! Lo so, sono un caso patologico e come me mia madre. Infatti non avevamo noi chiamato i disinfestatori, ma sapevamo bene che nel giardino del condominio scorrazzavano topastri di dimensioni ragguardevoli. Una mattina avevo notato mia mamma che dal terrazzo stava a guardare sotto. Quando le chiesi che c'era di interessante mi mostrò una topa cicciotta che usciva dal tombino, girava per il giardino in cerca di rametti e tornava dentro. Stava facendo il nido!!!
    Pensate che mi madre fosse allarmata per questo??? Mavà!! Noi avevamo una gatta che non avrebbe mai permesso ad anima viva di entrare in casa nostra senza il suo permesso (peggio di un rot wailer, giuro)!!!

    Quindi la mia è proprio una famiglia di matti, non sono solo io!!!

    :-)

    RispondiElimina
  9. io invece i topi li mangio sono come i visitors

    RispondiElimina
  10. chi sono i deliremami?

    RispondiElimina
  11. Chiccaaaa!!!
    Meno male non sono la sola!Vedi che alla fine se non vuoi che ti entrino o ti girottolino in casa devi purtroppo agire con violenza? Ho provato ad aizzargli contro anche Minù, ma non c'è stato verso.E forse è anche peggio perchè non li ammazza, li tramortisce solo e me li lascia sullo zerbino.Ce n'è uno normale in casa mia?
    Chi sono i Delirememami:
    E' il gruppo di mio fratello. Roby è il batterista.
    Hanno all'attivo quasi sessanta concerti e hanno fatto numerose aperture-concerto (Roy Paci, Nomadi...)
    Io ho avuto occasione di sentirli live e devo dire che il cd che avevo non gli rende giustizia.
    Al di là che possano piacere o no, penso che sia da ammirare la passione e la creatività che mettono in ciò che fanno.Qualsiasi forma d'arte (che sia la pittura,la scrittura, la musica o il canto non ha importanza)è positiva, perchè ci permette di esprimerci e loro lo fanno con dei testi a mio parere 'forti' e una musicalità particolare.
    Sono ragazzi che dopo una giornata di lavoro si ritrovano per provare, comporre, cantare e suonare.
    Non so loro, ma a me è bastato vedere la grinta e la forza di mio fratello quando siede su quello sgabellino.Mi è bastato sentirlo esercitarsi in casa,farsi ballare quelle bacchette tra le dita e vederlo 'crescere' non solo musicalmente.
    Quindi per lui e per il suo gruppo il minimo che possa fare è ospitarli in casa mia.
    Mi sa però che ho toppato qualcosa perchè se ci clicco non si vede una beata mazza!
    Un bacio a te Chicca che sei sempre molto carina.

    Un grande abbraccio a Cinziella che ho disturbato mentre stava mangiando i pasticcini del suo compleanno e un grazie a Miriam che oggi mi ha risposto "Centro Assistenza, sono Miriam, in cosa posso esserle utile?" ;-)

    RispondiElimina
  12. che bello un fratello artista!e soprattutto musicista..sai che proprio per caso ho sentito un 'esibizione di un mio collega,(batterista in un gruppo jazz)con il quale lavoro ormai da diversi anni(non nel solito turno) e sul quale (e qui dico una cattiveria)non avrei scommesso una lira(pardon,un euro!)ebbene:trasfigurato,un mostro di bravura..anche mio marito che è un timidone(il mio giusto contrario)ha voluto complimentarsi con lui...quindi complimenti anche a tuo fratello!e se si dovesse esibire vicino a casa mia lo andrò sicuramente a sentire!ah,il commento anonimo sul visitors che si mangia il topo,è invece del mio collega di turno..oggi ho fatto pomeriggio e mi sono collegata,poi si vede che sono andata a fare qualcosa in corsia e quel mentecatto ha scritto la sua belinata quotidiana(scusami e scusalo..)tornata da poco a casa,scelti i vestiti per Agnese per andare a scuola domattina ed ora inizierà la lotta per non farla dormire nel lettone(ha detto che vuole le coccole la ruffianaccia!)un abbraccio e buonanotte a tutti(domattina sveglia alle 5.30):(

    RispondiElimina
  13. Sai che me lo son chiesta l'altro giorno da dove veniva il tuo soprannome? mi rammentavo vagamente le peripezie di ratatouille...sei un mito!

    RispondiElimina
  14. E' sempre bello rileggere le origini di Topanova... :)

    Forte il gruppo di tuo fratello, adoro chi crede nelle proprie passioni in modo così profondo.
    In particolare i musicisti hanno una rara capacità di trasformarsi completamente quando suonano o cantano, al punto da sembrare altre persone. Pazzesco.
    Bravi bravi!

    Un salutone a tutti, in particolare alla bella Cate che ieri è stata carinissima e mi ha chiamato per un saluto.
    Per chi non lo sapesse, lei è la nostra LEONESSA.
    Ha una grinta e un coraggio mica da ridere...
    Continua così, mi raccomando! ;)

    RispondiElimina
  15. Mi fan morir dal ridere le letterine che appaiono prima di inserire il commento.
    Vengon fuori dei termini spettacolari!
    Chissà in che lingua sono?

    Firmato: "bionser" (prima ero "regestru")

    RispondiElimina
  16. Buongiorno Topa,
    mi hai salutato stamattina via essemmessè e io vengo a salutarti quì.
    Mi son detta "chissà cosa dice di nuovo la Simo..." e quindi attendo con ansia la tua prossima ispirazione.
    Ma piove anche a Pisa?
    Qui non accenna a smettere, e mi viene in mente la Fede perchè pure a me entra l'acqua dal tetto.
    Ho tutta la casa piena di ciotole strategiche per evitare gli allagamenti.
    Signur.
    Un saluto a te e al tuo blog, bella simo che non sai altro ;))
    Alice come sta?

    PS La parolina topillica di oggì è "merinti".
    Non si finisce mai di imparare...

    RispondiElimina
  17. A Fruzzè! che dici... tu non disturbi mai!!!!

    cmq i pasticcini erano andati a male, probabilmente c'era il cugino del topo del tuo condizionatore nell'impastatore della pasticceria del supermercato... che schifezza, ragazze!!! non ci posso credere, li ho dovuti ricomprare il giorno dopo da un'altra parte.

    Che sfiga!

    RispondiElimina
  18. Buongiorno a tutti!piove anche a PisA!!!!????????Rispondo io a questa domanda:ALLORA..ieri sono andata a farmi lisciare la mia testa leonina(alias Branduardi ai tempi d'oro)perchè oggi riprendevo il master che sto facendo a Pisa e volevo essere più precisa...diciamo..quindi ieri mi sottopongo a quell'ora abbondante di stiratura e tortura e stamani!??Pisa era tipo Venezia e tutte le auto che transitavano vicino a me mi hanno inzuppata dalla testa ai piedi.Risultato?Riccioli che rinascevano,ma non morbidi..noooo...mi sembra d'avere la stoppa per togliere l'olio dal vino(che depressione).ma non finisce qui,mentre sono in clinica entro in un bagno..faccio un goccino di pipì..e quando esco,mi trovo davanti un cerbero che urla(e quando dico urla,dico urla)"non l'hai letto il biglietto bagno guasto?ora ci hai messo nella...."dicendo proprio la parola!ed io:no,scusami tanto..la porta era nascosta da quest'altra aperta..non l'ho letto..ma ho fatto solo un goccino di pipì...poi sono andata alla stazione per tornare a casa mia (finalmente),le auto hanno ripetuto la scena dell'andata..le mie scarpe facevano "sciaf sciaf",arrivo a San Rossore,chiedo ad una studentessa a che ora sarebbe passato il primo treno utile e lei arrabbiata nera mi risponde"è quello che è passato ora che in teoria avrebbe dovuto fermarsi.."che giornata è per me questa?

    RispondiElimina
  19. ohhhh finalmente so il perchè del tuo nomignolo.. anche se consideravo che Topa sta per Gnocca. e te lo sai!!!
    Grazie ancora per avermi fatto ridere fino alle lacrime..quando sono un pò giù mi rifugio qui un attimo e tutto passa!!

    RispondiElimina
  20. Chiccaaaaa!!!
    Cioè,fammi capire, te vieni a Pisa e non mi dici niente?
    Potevamo incontrarci! Un caffè, un bignè, un soufflè, un bidè, insomma potevamo prenderci qualcosa insieme, no? Come dici? Sei spaventata all'idea di conoscermi? Bè, forse c'hai ragione...io spesso mi spavento da sola davanti allo specchio... smack!

    Elisa mioamore magari potessi far passare tutto, ma mi impegnerò, quanto è vero che mi chiamo Topanova!
    Vabbè il nome nasce da lì, ma è indubbio che io sia una gran gnocca...
    (vabbè lasciatemelo almeno credere, eccheccazzo!!)

    Cinziella ti sarai consolata almeno con un mazzo di fiori, no? ;-))))

    Vado a vedere di combinare qualcosa...
    ...il novanta per cento dei casi è un guaio.

    RispondiElimina
  21. io pure sapevo "la storia" ma non tutti questi dettagli!! cavolooo!!
    che forza d'animo e ingegno topaaa!! meglio di McGayverr!! ;)
    topabaxx

    RispondiElimina
  22. Simo,a Pisa ci devo venire fino a dicembre se tutto va bene,ma mica abito tanto lontano..prendo il treno perchè la patente l'ho presa al cepu..però ci impiego un'oretta di treno,non di più..mi mescolo insieme agli studenti e faccio finta d'essere una di loro(ma chi ci crede?!)i capelli leggermente riassestati dalla piastra di mia sorella!;-))

    RispondiElimina
  23. E no,Simo..allora lo fai apposta!!!Stamani onde evitare le scene penose di ieri,sono partita per Pisa bardata come una che va a far trekking...(alle sei a casa mia pioveva)salgo in treno..e più mi avvicino a Pisa e più vedo rasserenarsi il cielo...uscita dalla clinica con un sole che spacca i sassi,che ritrovo anche qui,ora...quindi mi raccomando:il 23 devo tornare al Santa Chiara...mi informi sul tempo per evitare d'essere additata come una aliena(per non dire di peggio)in cambio ti posso offrire un caffè in quell'affollatissimo e tristissimo spaccio! ;))

    RispondiElimina
  24. Chicca...fammi pensare...il 23...
    è mercoledì!Contaci, io ti dico il tempo e tu mi offri il caffè di quel tristissimo spaccio...aspè, magari porto il thermos per due!

    RispondiElimina
  25. ok,l'hai scritto davanti a testimoni,è!?se poi non puoi,ci risono a fine mese,ma questa volta sarò a Santa croce in fossabanda!Ora vado a fare i compiti con Agnese!Baci

    RispondiElimina
  26. no, il topino no, povero....
    fosse stato un ragno, ok, ma il topino mi fa tenerezza...
    vabbé dai, sono incidenti di percorso, mi stai simpatica lo stesso... ;-)

    RispondiElimina
  27. Thanks for your share! very impressive!

    nolvadex

    RispondiElimina

Nel frattempo, visto il periodo, vuoi una tazza di thè?

LinkWithin

Related Posts with Thumbnails