mercoledì 9 settembre 2009

PER UN PUGNO DI LIBRI

Prima di tutto…

AUGURI MARIKA!!!

Oggi è il compleanno di una mia cara amica che adesso è fuori per lavoro e manco leggerà i miei auguri, ma io glieli voglio fare anche qua perché la Marika è speciale. Speciale anche perché ha inventato vari termini scritti che io uso frequentemente:

Fancù (ce la fate a tradurlo da soli?)

Loviù (l’esatto contrario)

Fanbau (se a infastidirvi è un cane)

Ti stimo un tot (quando rimane piacevolmente colpita da qualcosa)

e poi altri che adesso non mi sovvengono.

Auguri cara mia, mi sei mancata…

…cerca di tornare presto, chiaro???

Allora, per un pugno di libri…

Non so voi, ma io per decidere quali libri mettere nel mio profilo c’ho messo una settimana.

Alla richiesta ‘Libri preferiti’ ho cominciato:

“Questo, questo, poi questo….quello, questo…oh sì questo!Questo, quello lassù, questo qui, oddio questo assolutamente!Quello, quello là, questo qua…” Tutto puntando il dito verso la libreria.

La testa di Andrea ha assunto questa forma ? e mi ha domandato “Cosa stai facendo?”

“…questo, poi questo, quello,bellissimo!...scelgo i miei libri preferiti…questo…mmh questo…oh sì sì pure quello!”

“Quanti ne metti, scusa?”

“Tutti quelli che mi son piaciuti un sacco! Questo, questo…”

Andrea scorre la lista e mi dice “Sei già a 27…”

“Perché c’è un limite?”

“Bè no…ma preferiti vuol dire che ti sono piaciuti molto, in genere uno ne mette sette, otto, al massimo una decina…”

“Dieci? Dieci? Oh no! Impossibile! Ne avrò una quarantina!” E non ne ho letti cinquanta, sennò sarebbe pure facile!

E qui mi ha fatto una domanda strana: “Simo, te cosa intendi per preferiti?”

“Per preferiti intendo…” Eh!Che intendo? Intendo un sacco di cose. I miei libri preferiti sono quelli che mi hanno lasciato qualcosa. Ma non qualcosa inteso solo come profondo. Un libro che mi ha scaturito un’ emozione, una risata, divertimento puro, lacrime, commozione (spesso cerebrale) quando me lo batto sulla testa perché non ci sto capendo un cazzo. Quelli che mi fanno mormorare “Che ganzo!” “Apperò!” oppure “Sticazzi!” o “Oddio, e ora?” Insomma un libro che mi ha inchiodato lì quando invece avrei dovuto stirare, pelare le patate o girare semplicemente la frittata di zucchine.

Un libro che mi è piaciuto talmente tanto, che non vedo l’ora di consigliarlo a chiunque mi capiti a tiro, chessò al vicino che sta annaffiando la siepe “Ho finito Dieci piccoli indiani! Lo conosce? No? Lo legga! E’ ganzissimo! Arrivi in fondo e ti accorgi che non hai capito una mazza di tutto il romanzo, ed è lì il bello!Glielo racconto? Allora….” Libri così.

Tuttavia,rileggendo i miei preferiti, mi rendo conto che sono molto commerciale, ma sono libri che hanno per me un significato, spesso dovuto ad averlo letto in quel momento. In un momento particolare della mia vita, magari lo associo ad una scena, a una canzone, a una fumante tazza di thè, a un periodo, ed è bellissimo per quello. Probabilmente alcuni rileggendoli adesso avrebbero un altro sapore, diverso, ma in quel momento sono stati bellissimi. Eccome. Lascio le recensioni tecniche a chi la facoltà di farle, io un libro lo prendo per così com’è. Un libro. Mi piace farmi emozionare, incantare, divertire, piangere,riflettere e me lo godo tanto. Per ogni libro che mi è piaciuto tantissimo mi piacerebbe poterne parlare con l’autore stesso. Magari dirgli:

“Ehy lei!Ma lo sa che mi ha fatto piangere? Eh? Lo sa? Lo sa che mi son scese due lacrime alla pagina 143? E che quando ho aperto la porta al postino avevo due occhi che sembravano due pomodori pachino? Che figura ci faccio col postino? Fosse stato il fruttivendolo, ero in tema, ma il postino!Comunque grazie, soprattutto per la pagina 143”

“Senta lei!Perchè mi ha fatto credere che l’assassino era il maggiordomo, quando invece era il cugino del prozio Frank?Eh? Come crede ci sia rimasta la povera Clarisse? Ma dove le prende ‘ste trame? Le partorisce quando non ha digerito la coda alla vaccinara?Comunque complimenti, m’è piaciuto tanto. Io però l’avevo capito, tzè! Ho dovuto telefonare a Miriam Tomponzi, ma avevo capito!”

Per i film è lo stesso. Me ne sono venuti in mente 82 ma ne ho scritti pochi. Non chiedetemi il criterio (vabbè in confidenza ve lo dico. Ambarabà ciccì e coccò…)

Per preferiti intendo quei film che anche se li dovessero passare su Rai 1 dieci volte l’anno, io me li riguarderei e sarebbe come vederli la prima volta.

Film che mi fanno piangere come una cretina (e credetemi, quando ho anche le cuffie e il plaid sulle gambe sono uno spettacolo di donna)

Film che mi fanno ridere anche sul cesso durante la pausa pubblicitaria

Film che quando ho finito di vederli l’istinto sarebbe di chiamare Raffaele Morelli e prendere appuntamento per 56 sedute

Film che mannaggia non l’ho registrato perché magari se lo riguardo dall’inizio ci capisco qualcosa (vedi il Sesto Senso)

Film in cui mi dico “Ecco, lui è l’uomo che probabilmente farebbe per me” (vedi Spike di Notting Hill).

I gialli per esempio mi fanno venire fame. E’ la tensione, ovvio. Durante un film giallo sarei capace di mangiarmi un kg di pane senza battere ciglio. Quando ero piccola mia mamma mi faceva vedere i film gialli e mi metteva in mano un cantuccio di pane. Era l’unico modo di farmi mangiare.

(mi sa che Morelli lo dovrei contattare davvero) Sono pure orgogliosa di me stessa quando indovino l’assassino, anche se si tratta della fiction ‘Don Matteo’. Il fatto che nel frattempo ci sia riuscita Alice mentre stava vestendo la Barbie cantando una canzone delle Winx e dando la schiena al televisore non mi tocca per niente. Io ci prendo sempre. Dieci.

Film che so così a memoria le battute che chi mi guarda sembra che io sia in sala doppiaggio.

Film che una sera mi fanno mormorare ad Andrea “Penso di amarti più della mia stessa vita” e film che una sera mi fanno mormorare ad Andrea “Scapperei con Hugh Grant anche domattina e non mi sentirei nemmeno in colpa a lasciarti solo con la gatta”.

Film che mi fanno così piangere che sembra che mi abbiano preso a sberle le orbite, e film così divertenti che io e Andrea non riusciamo a smettere di ridere manco quando siamo a letto. Certo però che se lui in quel frangente imita ciuchino non mi aiuta per niente.

La lista potrebbe essere infinita. Chissà quali film strabelli mi son dimenticata.

Se avete qualche film che vi ha steso a tappeto o un libro che vi è rimasto nel cuore, fatemelo sapere, così magari lo guardo o lo leggo. Mi piacerebbe condividere con voi questa cosa . Oddio, l’ideale sarebbe avervi qui sul mio divano Sciatòdacs, col caffè in mano, magari ad aspettare giusto quei due, tre mesi per far sì che venga la neve e che l’atmosfera diventi più calda grazie al camino acceso. Ma siamo ancora in settembre e il massimo che posso offrirvi è una vendemmia nel fine settimana.

Se poi qualcuno di voi scrivendo la propria Top Ten me ne rammenta altri che ho già visto o letto e non mi sono ricordata, sentirete questo: SDENG!

E’ il rumore che fa la mia mano aperta battuta sulla fronte.

p.s. non trovate che ultimamente abbia difficoltà a mettere insieme le parole?

p.p.s O ce l’ho sempre avuta?

9 commenti:

  1. Beh... azzeccare l'assassino in Don Matteo non è roba da tutti!
    Io ad esempio non ci riesco, come puoi ben immaginare ;)

    Mi unisco agli auguri di BUON COMPLEANNO alla nostra cara MA'.
    Loviù Amica, ti voglio bene.

    RispondiElimina
  2. Leggere e' una delle mie passioni piu' grandi (oltre ai viaggi) ma devo ammettere che se dovessi fare una top 10 dei miei libri preferiti mi servirebbero un paio di mesi. Un po' perche' ho la memoria corta cortissima, un po' perche' ce ne sono troppi e gia' mi vedo di fronte alla libreria a dire, questo si, questo si, ah bello questo, e questo ancor di piu'... sarebbe una lista infinita!!!
    Al momento sono presissima con la trilogia di Stieg Larsson. Quello di Uomini che odiano le donne... non dormo la notte per leggere!!!
    Buona giornata

    RispondiElimina
  3. ciao Simo(mi prendo confidenza),i tuoi racconti sono troppo divertenti e scritti benissimo(potresti veramente scrivere,magari già lo fai?),anch'io come te ho un marito che si chiama Andrea ed una figlia di nome Agnese(che tutti però confondendosi chiamano Alice),niente..volevo (ri)farti i miei complimenti e dirti che quando posso seguo il tuo blog e mi diverto molto!baci e buon proseguimento di giornata!

    RispondiElimina
  4. Princispessa vedi che non sono sola?Mi fa piacere che anche te diventi matta puntando il ditino alla tua libreria!Vedrò di seguire il tuo consiglio di lettura,lì per lì non mi attirava, ma se me lo dici te...

    Chicca?DEVI prenderti confidenza.Sennò che padrona di casa sarei? Com'è che Alice a volte la chiamano Agnese? Oddiooooooo!!!!! :-D

    Pica...non avevo dubbi.Loviù. (vedete? E' colpa della Marika)
    Tra mezz'ora devo essere dal dentista.Non aggiungo altro.
    Anzi sì: un Grazie ad Annalisa, Sonia e Arianna.
    Dankescen!
    Perfetto, no?

    RispondiElimina
  5. un bacio e fammi sapere

    RispondiElimina
  6. uno è la gatta sul tetto che scotta
    no, quello è il post precedente...
    allora
    padronadicasasimo!!!
    dato che sei così perspicacie (o era perspicace?)
    era il etto che scottava o la gatta?
    però il film è bello
    poi
    grazie per avermi aggiustato lo scaldabagno ora riesco a fare la doccia rimandendo più di tre minuti sotto l'acqua senza morire congelato.
    allora
    prima che cominci, pooso fare una considerazione?
    lei è proprio ganza e parla passando di palo in frasca come piace tanto a me
    il titolo rigurda i libri fa gli auguri a marika e finisce con i film
    girava il sugo e intagliava la coperta a pizzo san carlo nel frattempo?
    già l'adoro
    poi
    sono rimasto un pò impressionato dalla qustione dei fagioli nella gattiera della gatta ( e di chi sennò)
    una domanda
    i fagioli dopo li butta via o li ripone nella scatola
    e poi
    i fagioli sono qualsiasi o debbono essere di un tipo particolare che ne so i borlotti e i cannellini.
    glielo dico perchè io adoro mangiare fagioli ma credo che da ora in poi avrò una strana sensazione ogni volta ch eli vedò, un pò come quando mi hanno detto cosa sono gli aromi naturali della nutella (cartilageni e ossa di vacca tanto per intenderci, così si addensa meglio)
    dicevo?
    la classifica?
    lo sa, durante il trasloco nell'appartamento dell asua stupenda casadisimo ho predisposto alcuni scatoloni con i libri che i sono piaciuti di più.
    beh, mi sono ritrovato a ripercorrere la mia vita nel rileggere alcuni titoli
    i superstiti di ragnarok, libro di fantascienza dell'urania 1974
    sandokan e le tigri di mompracen
    la dalia nera
    black dog
    colazione da tiffany
    il maestro e margherita
    trilogia sporca dell'avana
    una voce nella notte
    quando me ne torna in mente qualcuno altro gielo dico
    i libri sono belli da leggere sa?
    si si
    adesso mi ritiro nelle mie stanze
    buona lettura e mi raccomando
    non mi inviti mai a cena cercando di rifilarmi i fagioli!!!

    RispondiElimina
  7. Nino, adoro passare di palo in frasca!
    Come sta tua sorella?
    Appunto.

    RispondiElimina
  8. Miriam (YimWingChun)10 settembre 2009 18:57

    Ciao Fruzzè....!!!
    Beh, in fatto di film, durante il volo di ritorno da Tokyo, me ne sono drogata completamente. Ho visto 12 e dico ben 12 ore quel monitor come una pazza schizzofrenica. Atterrati a Fiumicino sembravo David, il bambino anestetizzato dal dentista( che, a proposito, ma che razza di anestesia gli hanno fatto povero bambino? Sembrava una scena di "Quacuno volò sul nido del cuculo"), e come lui dicevo, ondeggiando la testa, I can't see anything.....
    Comunque, tornando a noi, ho visto il film di Klint Eastwood "Gran Torino". Bello da morire Fruzzi mia, ma pure da piangere da morire.
    Con l'auricolare conficcato nei timpani e i singhiozzi che scendevano copiosi....Uh!....che spettacolo!
    Poi mi giro a vedere la mia amica seduta dietro di me e...Tadaaaaaaaaaaaaaaaa....
    Stessa scena stesso atto.
    Che belloooo!
    I Giapponesi seduti accanto a noi avranno pensato, ma in che razza di paese stiamo andando in vacanza..???'''
    Eeehhhh....! Che voi fà....sò soddisfazioni...!
    Passiamo al discorso libro.
    L'hai mai letto Tokyo Blues?
    ...Fallo Fruzzè....Fallo...!
    ..E giù quella mano! T'ho vista sà?....

    RispondiElimina
  9. Miriam (YimWingChun)10 settembre 2009 19:00

    ...E poi non si dice Top Ten.
    Mi meraviglio di te Fruzzè.
    Semmai TopaTen è più appropriato.
    Hihihi...
    ....Love You So Muchhhhhhhhhhhhhhh.....
    Smak!

    RispondiElimina

Nel frattempo, visto il periodo, vuoi una tazza di thè?

LinkWithin

Related Posts with Thumbnails