mercoledì 12 maggio 2010

APPARIZIONI (posso scegliere? Grazie)







Avete mai subìto un intervento chirurgico? Roba leggera, dico.Tipo quando vi siete fatti impiantare una capsula dal dentista, per esempio.Io fino a qualche tempo fa, no. Anche perché mi spaventava a morte non tanto l’intervento in sé (anche se una capatina dal chirurgo plastico la farei per farmi impiantare due pompelmi qua davanti), ma l’effetto che poteva farmi l’anestesia. Nella mia vita ne ho sentite di tutti i colori.

Nonna 1 per esempio, dopo un intervento, fece la dichiarazione d’amore al primario.E si tirò su la camicia da notte.

Nonna 2 ,invece, in una macchia d’umido sul soffitto ci vide raffigurato il volto di Padre Pio e manca poco mi si fa suora.

Una mia amica da ragazzina (e questa è quella che mi ha scioccato più di tutte, ma avevo 16 anni perdio!) dopo un intervento al naso sclerò di brutto.

“L’ho visto! L’ho visto!Ho avuto un’apparizione!Era proprio qui!”

“Tesoro stai calma. Chi? Gesù?”

“No!Era lui, mi teneva la mano!”

Sua mamma si strappava i capelli pensando che sua figlia fosse andata lì lì per abbandonarci e intraprendere il viaggio eterno.

“Bimbe, ma ci pensate?Oddio, oddio…!!!”

“Ma chi hai visto?” Intanto sgranavamo il rosario e qualcuno tirava fuori un santino “San Pietro?”

“No. Eros Ramazzotti”

Ora. Va bene che Baby era una fan sfegatata di Eros, va bene che aveva tutti i testi delle sue canzoni scritte sul diario, va bene che a quei tempi piaceva a molte, ma vi immaginate l’immensa figura di merda vedere una ragazzina fissare e baciare una flebo pensando che sia Eros Ramazzotti? Parliamone.

Potete immaginare il mio stato d’animo, tre anni fa, quando ho dovuto io affrontare un intervento. Già son scema di mio, figuriamoci con l’anestesia addosso. Che poi mi dicevano che con quella in vena, i tuoi freni inibitori vanno a farsi friggere e puoi rivelare a tutto il reparto i tuoi segreti più intimi, così, spiattellati su due piedi.Chessò…che i primi peli sulle gambe a 15 anni me li sono tagliati col trincetto uno per uno, per esempio.

Invece nessuno mi aveva detto che la cosa più terribile se devi fare un intervento chirurgico di una certa portata, è la purga. Na roba che non avete idea.

Qui mia madre interverrebbe dicendo “Tesoro, ti sembra il caso di parlare ai tuoi amici di merda?”

Ma siamo in confidenza, no?

Insomma dicevamo, la purga. Devo dire che non ero la sola.

Con me c’era una ragazza un po’…diciamo…cioè io non è che sia una strafiga, ma lei è sicuramente bella dentro e pure simpatica.Ci siamo?

Mi chiamano nello studio per preparare la cartella clinica: codice fiscale, bla bla bla, ultime analisi ecc ecc .

“Che letto mi date?” Squittisco come se fossi lì per farmi la pedicure. Loro mi hanno guardato come se ne avessi chiesto uno a baldacchino appartenuto a Luigi XVI.

“I posti letto non sono ancora pronti, intanto va in poltrona e beve la purga”

“Prego?”

“La purga” e mi hanno ficcato in mano due bottiglie da un litro e mezzo.

Ne annuso una e manca poco muoio.

“Sta scherzando?”

“Purtroppo no”

Do un sorso e non solo mi viene da vomitare (e lo avrei fatto volentieri nel taschino del camice della solerte infermiera), ma sono straconvinta che io non riuscirò mai a bere ‘sta brodaglia schifosa che sembra lemonsoda scaduta con aggiunta di sale e nasello al piatto.

“Guardi che la deve bere entro due ore”

“DUE OREEEEEE????” E’ pazza, completamente pazza. Sta delirando. “Due ore?” ripeto sventolandole l’indice e il medio sotto il naso “Anche se fossero tre litri di acqua minerale sarebbe un casino, figuriamoci ‘sta cosa. La mia paura era di morire sotto anestesia (che sarebbe comunque dignitoso) ma morire per la purga, no. Vedo già i titoli di giornale. GIOVANE DONNA MUORE A CAUSA DI UNA PURGA. Cioè, devo morire cagando?!”

L’infermiera mi ha guardato come dire “Son cazzi tuoi.Tanto, se muori, l’obitorio è a cento metri”

Intanto l’amica mia di sventura se n’era già bevuta mezza. Che cazzo si beve la gente normalmente lo sa solo il Signore. Però, insomma se ci riesce lei, perché non io. E mi son fatta forza. Però, porco cazzo tre litri sono tanti, e allora ho aperto la finestra e l’ho data un po’ ai piccioni,(quando scacazzano sulle macchine è perché all’ospedale più vicino non prendono tutta la purga, sappiatelo)e poi ne ho buttata via un altro po’ nel vaso di una pianta(quando sono stata dimessa ho notato che stava producendo fiori a forma di clistere)

L’amica mia mi ha confidato “Sai, è il mio primo intervento”

“Pure il mio”

“Hai paura?”

“Di morire sul cesso sommersa dalle mie stesse espletazioni corporali? Sì.”

“Ma no, dell’intervento”

“Macchè!Se sopravvivo a ‘sta tortura per me è fatta”

“Ci intuberanno”

Senti bellina, già siamo in ospedale e non a Salsomaggiore Terme, potresti evitare di rammentarmi tutto quello che ci faranno? “Eh bè, è la prassi…”

“Dicono che se ti intubano male poi la gola si irrita” Ma chi è, la figlia di Tonino Guerra? L’ottimismo è il profumo della vita.

“Ma no, vedrai che andrà tutto bene!” Corna?

E poi mi ha detto (testuali parole) “Sai,io ho paura dei medici e non mi faccio visitare mai. La mia gola, da quel punto di vista, è sempre vergine”

Le avrei voluto dire “Presumo non solo quella, tesoro”

Comunque l’intervento è andato bene, anche se era iniziato in modo un po’ tumultuoso visto che mentre mi portavano in sala operatoria, con la barella abbiamo scantucciato tre spigoli e preso in pieno una vecchietta.

Quando mi hanno svegliato prendendomi letteralmente a schiaffi (e c’è mancato poco che per reazione non gli ficcassi le dita negli occhi) stavo sognando il dottor House che copulava con Nonna Papera. Però non ho aperto bocca. Sono scivolata dalla veglia al sonno un’ottantina di volte, e ogni volta che mi svegliavo intorno a me c’era un parente diverso.Ma ero lucida, lucidissima.

“Zio Mario!”

“Sono Enzo”

“Che ore sono?Le 11?”

“Le cinque del pomeriggio, dormi Simona”

“Ma non ho son ZZZ ZZZZzzzzzz”

“Andrea, ho visto delle belle brocche in corridoio. Poi le compriamo?”

“Sono pappagalli per l’urina”

Insomma, meglio così di un’apparizione. Anche perché, in confidenza, vi svelo che la mia più grande paura, ma paura forte eh?, visti i precedenti con Eros, era che avessi l’apparizione di Al Bano.

Direi che mi è andata di lusso.

32 commenti:

  1. Ciao tesora! Buon mercoledì!

    RispondiElimina
  2. :-) MI FAI SCHIANTARE!!!Segreto:anch'io non mi sono mai operata di nulla(e speriamo che mai mi opererò),posso fare e vedere qualsiasi cosa in ospedale che non mi fa alcun effetto(sugli altri),ma se mi devo far fare anche solo un prelievo di sangue devo girami dall'altra parte!!!La tua supposizione sul pensiero dell'infermiera?che dire???Grandiosaaaaa!!!U-N-I-C-A!!!

    RispondiElimina
  3. Ahahahaha che ridere
    la mia amica vedeva un pappagallo che le volava sopra la testa! Sempre meglio di Eros comunque.

    RispondiElimina
  4. Ops....ho pauraaaaaaa!!!!Forse dovrò farne uno io!!!!!!!SOS!!!!!Ma davvero devi prendere la purga? Un abbraccio

    RispondiElimina
  5. Io di anestesie ne ho fatte due, a distanza di venticinque anni: la prima quando ne avevo undici. Secondo quanto avevano detto ai miei doveva essere molto leggera, in realtà ricordo che ero completamente stordita, non riuscivo a tenere tutti e due gli occhi aperti contemporaneamente e così ho dormito non so quante ore di seguito. Senza contare che ero ingessata stile Rock Hudson ne 'Lo sport preferito dall'uomo' e non riuscivo neanche ad alzarmi dal letto per via del peso del gesso...
    Per la seconda anestesia, una purga molto blanda, mentre le cose più sconvolgenti sono state:
    1. le firme pre intervento, dove manca poco mi chiedono dove seppellirmi in caso di esito sfavorevole dell'intervento (!!!), con la giovane dottoressa che alla mia richiesta di spiegazioni mi conforta con un 'Sa, non ho la sfera di cristallo...' (dovrebbero selezionre con più attenzione il personale medico e paramedico!!!)
    2. l'attesa interminabile del barelliere... Per il nervosismo quando sono venuti a prendermi mi sono mostrata allegra come se dovessi andare in gita scolastica :-)
    In sala operatoria trovo l'apprendista che mi sforacchia mezzo polso prima di venir cazziato dall'anestesista (vera) che in tre nanosecondi mi trova la vena (visibile ad occhio nudo, senza laccio emostatico!)
    Poi mi iniettano un liquido, faccio in tempo a dire 'E' freddo', sento la risposta 'Sì, è un po' freddo' e poi precipito nell'oblio.
    Al risveglio la voce dell'anestesista mi dice cosa NON mi hanno fatto, il tempo di riprendermi e chiedo COSA mi abbiano fatto e visto che la barelliera risponde che non lo sa, urlo per tutto l'ospedale finchè l'infermiera mi placa con un 'Tra un po' arriva il medico di turno'.
    Sì, il cretino di turno.
    Oltre a chiedere sottovoce all'infermiera cosa mi avessero fatto, poi mi dice 'Tanto adesso è sotto anestesia, non si ricorderà più niente'.
    Inutile dire che quando mi ha firmato LUI il foglio di uscita gli ho detto: 'Io sono quella che non si sarebbe ricordata niente delle sue parole, RICORDA?'
    :-D

    RispondiElimina
  6. Ahhhhh!! Troppo forte! Certo che avevi previsto proprio una "morte di merda"! Io sono stata operata di tonsille e adenoidi a soli 4 anni. Ovviamente non ricordo quasi nulla, ma mi hanno detto che, uscita dalla sala operatoria, mi arrampicavo alla testiera del letto urlando come una pazza a mia mamma di andarsene, perché non era mia mamma. Lei, dal canto suo, pensava che sarei rimasta per sempre cerebrolesa...non aveva mica tutti i torti...
    Ciao Simo...un abbraccio da Simo!

    RispondiElimina
  7. Va be ma dai con l'anestesia non potrai certo essere peggio di come sei di solito no??? Oh si?!?!? O mio dio... ;-D
    Sei sempre la più forte!
    Un abbraccio

    RispondiElimina
  8. che forza !!
    passavo di qua per caso e devo ammettere che mi sono spanzata !
    se tutti affrontassero i guai con il tuo spirito il mondo sarebbe decisamente migliore !
    complimenti!

    simo anch'io

    RispondiElimina
  9. oddio muoio dalle risate!!! Anch’io nel 2003 sono stata operata, mi hanno tolto 3 cisti alle ovaie grosse quanto 3 arance e da 3 mesi prima me la facevo sotto per l’anestesia… le mie peggiori paure erano: morire (ovvio) o svegliarmi intubata e soffocare (il chirurgo quando gli ho chiesto se c’era questa probabilità mi ha risposto di si come c’era la possibilità di rimanere soffocata con un boccone mentre mangio… molto gentile)… non mi parlare di purghe… l’hanno data anche a me quella schifezza densa come un succo di frutta alla pesca, al sapore di arancia e salata peggio dell’acqua del mare… no so come ma l’ho bevuta… le mie vicine di letto l’hanno buttata nel lavandino! Diciamo che sono entrata in sala operatoria piangendo poi non so, mi avranno dato qualche droga potente ma all’improvviso mi sono sentita tranquilla come se stessi dal parrucchiere e per non parlare del risveglio… avevo segni di nastro adesivo sulla bocca e sulle gambe, non avevo più la voce e mi sono svegliata urlando dal male!!

    RispondiElimina
  10. resistere alla purga è stata meno difficile che non scoppiare a ridere di fronte all'unicà verginità della tua compagna di avventura!!!
    bella storia colorata!!!!

    RispondiElimina
  11. La mia prima e (spero tanto) unica esperienza di intervento è stata piuttosto traumatica. Essendo stato un intervento d'urgenza non ho dovuto provare la gioia della purga....mi invidi vero? :)

    Questa è la parte bella! la parte brutta della cosa è che è stato un intervento subito di notte e in cui mi sono ritrovata sola come un cane in orspedale con un litro di sangue che girava tra le mie budella non si sa come non si sa perchè....chissà perchè cazzolina quando uno sta male non riesce mai a contattare nessuno :-/

    Al risveglio però ricordo che non ho avuto le visioni, ma mi ricordo bene che l'unica cosa che dicevo tra un risveglio e una dormita era "caz* che male alla pancia, ma che hanno fatto sti medici?"

    RispondiElimina
  12. Il mio unico intervento l'ho fatto a 16 anni, non ho visto Ramazzotti, ma ho quasi chiesto il numero di telefono ad uno dei portantini che era tantooooooo carino...e l'anestesia non me l'avevano ancora fatta O_o

    RispondiElimina
  13. Avevo 20 anni e mi sono operata d'appendicite. Invece della purga una suora malefica mi ha ficcato... un bel clistere da due litri. E poi cinguettando ha aggiunto "devi tenerlo dentro almeno mezz'ora" "Mezz'ora? Se resisto mezzo minuto è tanto!" Mi ribolliva la pancia...
    Mi fanno la preanestesia e, prima di entrare in sala operatoria, arriva un'urgenza. Che fortuna! Lì ad aspettare come una scema. I miei non sapevano nulla, avevano detto intervento da 30 minuti, dopo due ore non si sapeva ancora nulla. Mi credevano morta sotto i ferri.
    Finalmente entro in sala operatoria, proprio quando sta per scadere il turno di lavoro di medici e infermieri, che volevano il cambio. Il chirurgo urla come un pazzo che prima di andarsene bisogna operare e finire (ero l'ultima). Le ultime sue parole, che ricordo perfettamente, prima di piombare nel buio, sono state: "Ma guarda questi qui, che pretendono di dettare legge, e non sanno niente di anatomia"... Se avessi avuto anche solo un po' di forze avrei segnato con il ditino: "E' qui che dovete tagliare". Ma per fortuna è andata bene lo stesso, e poi è venuto a trovarmi un collega per il quale sbavavo da mesi... quasi quasi mi facevo rioperare.
    Elena
    P.S. Sara ringrazia per gli auguri

    RispondiElimina
  14. uh, mi fai ricordare il purgone per la colonscopia (quattro litri in quattro ore).. che schifo e che dolori!!

    RispondiElimina
  15. Avevo 22 anni e...mi hanno operato di cisti al coccige...ovvero al sedere...proprio sul codino.
    Già quando si era formato l'ascesso non era stato molto bello girare per l'ospedale dal PS fino in chirurgia a pancia basso sulla barella...
    Poi me lo drenano e l'anestesia locale non prende ergo mi hanno incisa e ripulita così...senza anestesia!
    Quando mi hanno poi operata per toglierle non mi hanno dato la purga perchè l'anestesista (che sapeva avevo richiesto la totale...ettecredo dopo il drenaggio chi voleva sentire ancora male?!!?) deve aver pensato "Ma questa la convinco io a fare la locale! Tzè!".
    Sì...non mi conosceva. Ovviamente ho avuto la mia bella anestesia totale, solo che siccome non mi hanno dato la purga me l'ha fatta leggera ergo...mi sono svegliata sognando di soffocare mentre mi stubavano ed ho dato un cazzotto nello stomaco al chirurgo.
    E per di più ho dovuto farmi contrabbandare da mia madre macine del Mulino Bianco e pastarelle alla frutta perchè dopo (sempre per via della non-purga) mi hanno dato solo brodino per 2 giorni.

    RispondiElimina
  16. Simo ! meno male che l'intervento no ti cambiato nell'umore e nella solarità così noi ne possiamo godere ! baicone

    RispondiElimina
  17. La mia unica (e spero che rimanga tale) esperienza sotto i ferri è stata piuttosto rapida e "indolore"...tunnel carpale in anestesia locale: arrivi, un tagliettino, 4 punti e ti rispediscono a casa! Cavolo...mi sono persa l'emozione della purga e non lo sapevo =)) !!!! In compenso ancora smetto di asciugarmi lacrime dalle risate! Ho deciso che i tuoi post devo leggerli la mattina presto, così è sicuro che mi sveglio in fretta e bella carica ^_^ Sei un portento =))

    RispondiElimina
  18. hahahahaah ...fenomenale! Pensa se al tuo risveglio vedevi Brad Pitt, gli saltavi addosso e poi hahaah era la tua amica di sventura!
    Io intanto...scusate...ma mi gratto, perché fino ad ora non ho mai avuto interventi. (Uno piccolissimo agli occhi non lo conto e l'ho rimosso perché subito dopo stavo svenendo)

    RispondiElimina
  19. Hahahahah Simona non ce la si può fare a leggerti...sono piegata in due dal ridere...
    Ti copio incollo parte di un mio post del 26 aprile scorso...

    Ore 17:00, dentista time per un'otturazione! Solita lunghissima attesa in una saletta tappezzata di poster di
    Vassily Kandinsky.Come mai i dottori, in genere, prediligano, per i loro studi, quest'astrattista russo non l'ho ancora capito.
    Dico solita attesa, perchè, nel giro di tre mesi, mi son già fatta estrarre un molare e un dente del giudizio.
    Finalmente,dopo circa un'ora, l'assistente Angela che ,per privacy, chiamerò Jamiroquai, mi fa accomodare nella stanza centrale.
    Il medico mi esorta a montare sulla giostra e tira giù il ribaltabile. Zic.. punturina di anestetico e via..
    Via dove?
    Dopo pochi minuti le mie mani cominciano a tremare ed io ad agitarmi parecchio. Scendo dal seggiolone e inizio a camminare nervosamente nel corridoio. Ho le gambe in preda a spasmi muscolari. Jamiro mi segue preoccupata. Io non sto male.. ANZI ..sono euforica..come se mi avessero iniettato stupidera mista a ridulera. Sparo cazzate a raffica e annuncio, very proud, che voglio andare fuori e correre i 100 metri in 9"92 come una FIGLIA DEL VENTO. Jamiro ride, mi canta Cosmic Girl e tenta di tranquillizzarmi dicendomi che è l'adrenalina a farmi quest'effetto.
    Ci raggiunge Dr. HauZ ..mi controlla le pulsazioni..mi rifà accomodare sul poltroncino ergonomico e mi intima di fare la seria, altrimenti non riesce a lavorare.
    Io SERIA? Già non lo sono normalmente..figuriamoci dopata..
    Fisso la lampada che mi sovrasta e dico..:"Come mai c'è un gufo bonsai incastrato nel neon lassù?"
    Il dentista mi guarda turbato e m'infila un affare rotante nella bocca...(il bello è che io il gufino lo vedevo sul serio!)

    Anestetico d'effetto...cantava la Rettore!
    ;-)

    RispondiElimina
  20. Tesori, lo so che non è bello ridere sulle disgrazie altrui...ma mi fate schiantà!E poi mal comune...mezzo claudio.
    Gaudio.

    RispondiElimina
  21. Mi sono scompisciata dalle risate a leggere il tuo racconto....però devo dirti una cosa.......io in mezzo a quello che hai raccontato ci vivo quotidianamente!!!Eh si lavoro in una sala operatoria pediatrica, peccato che tu siatroppo cresciuta altrimenti venivi da me cosi facevi fare due risate a tutta la nostra equipe!!!
    Ciao un bacione Leti

    RispondiElimina
  22. Mi hai fatta morire dal ridereeeeeeeee!Sei troppo comica, dovresti scrivere un romanzetto di quelle alla Sue Limb!!!
    Cmq nn sapevo dl purga O.o
    Il mio ragazzo si è operato alle corde vocali ma nn l'ha bevuta...mmm o forse sarà stato quel liquido bianco che ha detto credeva fosse latte? mmmmm
    Era già mezzo sedato poverino...
    cmq sei trp forteeeee

    RispondiElimina
  23. ahahahah esilarante come sempre.

    ho tolto le adenoidi a 7 anni, mi sono apparsi gli U.F.O. nel senso che l'ultima cosa che mi ricordo sono delle luci sopra la mia testa :)

    RispondiElimina
  24. :-D anche a me è toccata una quindicina d'anni fa una bella anestesia, ma niente purga, per carità!! Ma poi non ci hai detto se ha fatto effetto quella che ti sei bevuta!!
    Io ricordo che al risveglio dalla dormita credevo di essere assieme al ragazzo di allora di una mia amica e gli dicevo cose assurde, senza senso (mica sconcerie, tranquilla!) e c'era il medico vicino a me che se la rideva di brutto!!

    Mah..

    RispondiElimina
  25. Lo sapevo che non dovevo leggerlo... Ho un mal di gola terribile.... NON POSSO ridere.... heeeeeeeeelp!!!!!!!!

    RispondiElimina
  26. Ma lo sai che anche ho la stessa tua paura della purga????!!! M'hai fatto sbellicare dalle risate, come sempre! Baci

    RispondiElimina
  27. Ho riso pareccchio sì, ma anche un po' di quel riso nervoso, guardandomi alle spalle... perché un intervento l'ho fatto anche io, ma nessuna purga.

    *lo legano a una sedia a pile, con luce puntata in faccia*

    No, non mi hanno dato nessuna purgaaaaaAAARRGH!
    *sigaretta spenta sul naso*
    Non riuscirete a farmi parlare!

    RispondiElimina
  28. aaahahahaaahhhahaa Simo questo è uno dei tuoi post migliori (cosa? dici che è perché si parla di m***a? ma no dai...)
    Anch'io ho dovuto fare la purga, per una colonscopia (!!!), ma fortunatamente l'ho potuta fare nell'intimo di casa mia, senza infermiere e compagne di stanza "ottimiste"... il beverone è veramente una cosa imbevibile... ma farlo al gusto, che so, di fragola, no?
    Invece quando mi hanno operata al piede, ho fatto l'anestesia locale, punturina alla gamba, mi sono addormentata per quel poco di calmante che m'hanno dato, mi sono svegliata nel mezzo dell'operazione con a fianco l'anestesista, credo di aver biascicato qualcosa (non ricordo però cosa, spero nulla di compromettente...) e poi sono ricaduta in un sonno profondo... manco m'avessero fatto una totale!!
    Comunque anche il poco calmante che mi hanno fatto prima della colonscopia mi ha stesa, ho dormito tutto il giorno poi...
    p.s. per la cronaca, piuttosto della gastroscopia (terribile!), mille colonscopie!!! E ho detto tutto!!

    RispondiElimina
  29. Ma vi rendete conto? Siamo riusciti a parlare di cacchina e interventi chirurgici, ridendoci sù!
    Prendiamola così :-D

    RispondiElimina
  30. E a me piace la tua teoria dei profili, destro e sinistro, ma sono sicura che c'è pure un terzo, un quarto...tante Simone...è quello che ho appurato in tutta fretta leggendo un paio di posts, ma con calma mi leggerò il blog per conoscerti meglio.
    Grazie per il commento! Ora ti linko, e non ti mollo più...
    baci
    Giuliana

    RispondiElimina
  31. eh la cosa dei vasi visti in corridoio è davvero spettacolare!

    Laura - CheBirba

    RispondiElimina

Nel frattempo, visto il periodo, vuoi una tazza di thè?

LinkWithin

Related Posts with Thumbnails