mercoledì 12 gennaio 2011

SIMO STORY (capirai...)


Simona nasce in un sabato assolato di fine Marzo, all’ora di pranzo (12.45), dopo un travaglio durato 3 (tre) giorni. Per poco non si presenta di culo.Era il 1985 1980 1975 1973.

Sua madre, alla vista di questa popò di figliola sussurra felice al marito “Hai visto che bel regalo ti ho fatto per domani, visto che è il tuo compleanno?”. Pare che il padre abbia risposto “Lo sai che preferisco le cravatte”.

La piccola Simona, dai 3.150 kg cala a 2.900 kg e grazie ai suoi (sticazzi) 57 cm viene apostrofata dalla nonna con un “Mamma mia!Sembra un coniglio spellato. A proposito domani che facciamo? Il fagiano in umido con le olive?”.

Simona cresce esile e gracilina.Non dorme per ben tre anni, non mangia per quasi sei e non studia per ben quindici anni. Cresce libera e selvaggia in aperta campagna costruendo case sugli alberi, assistendo alla tosatura delle pecore, dando la caccia alle lucertole e perennemente scambiata per Simone, tranne la domenica quando mamma le mette il vestitino a festa. Assidua frequentatrice della messa domenicale sogna per anni di far parte del coro parrocchiale. Sul campanile ci sono ancora i segni lasciati da un acuto della piccola. C’è una crepa che nemmeno la migliore impresa della città riesce a sanare. Scartata dal coro cerca rifugio nello sport, che le riserverà non poche soddisfazioni. Primo fra tutti l’incontro col Santo che le appare nello spogliatoio all’inizio di un campionato. Lui, ergendosi sopra le docce (purtroppo vestito) le mormora “Non avrai altro santo all’infuori di me”.

Simona si sente in tutto e per tutto una suora che ripercorre il suo cammino. Questa è la sua chiamata e vista l’importanza di tale evento gli rimarrà fedele per un ventennio (e speriamo oltre). Vista la sua intelligenza fuori dal comune Simona si sente sprecata nello studio e decide di mettersi in proprio. Si compra un portafoglio e sentenzia “Questo è proprio mio e va riempito”.

Comincia la sua carriera lavorativa presso una ditta di vestiario per bambini, come disegnatrice di corredo per l’infanzia. Tra un coniglietto grasso e un porcellino strabico le viene proposto il lavoro di commessa presso un negozio di generi alimentari. Quando si dice la coerenza. Simona riesce a portare avanti entrambi i lavori, arrotondando pure lo stipendio come stiratrice a domicilio, fino a che il negozio chiude. Per niente sconfortata e abituata a rimboccarsi le maniche (leggasi: farsi il mazzo), nel giro di un mese trova lavoro presso una macelleria. L’orario e il lavoro è così massacrante che decide di lasciare il disegno. Come decide di non accettare la proposta di giocare in serie D. Tra il pagare la retta della società e il farsi pagare lo stipendio dalla ditta, sceglie la seconda. Il sogno di una casa dove vivere col Santo entra tra i suoi principali obiettivi. Ripetendosi come Rocky “Non fa male!Non fa male!” sposta quarti di bue, pulisce le celle frigorifere e asciuga il sangue che cola dalla testa degli agnelli. Da lì in poi, poche cose spaventeranno Simona. Nel 1997 finalmente, e grazie a questo sporco lavoro, il Santo e la Badessa convolano a nozze. Simona dalla felicità è arrivata a lanciare bistecche e infilzare i polli cantando “Nella vecchia fattoria”. Nel 1999 è in agguato una batosta. Un malore del padre, la morte del nonno e la perdita di un bambino segnano Simona. Nel 2000 si rialza e combatte. E da lì non smetterà più. Alla fine dello stesso anno riceve la lettera di licenziamento mentre è in ospedale a partorire. Denuncerà i titolari per appropriazione indebita della maternità e denuncerà il mancato pagamento della liquidazione. Arringando convinta, che manco Perry Mason, vincerà entrambe le cause. A colorare di rosa e d’amore la loro vita il 16 Dicembre nasce Alice. Nel frattempo Simona cerca di nuovo lavoro, mandando curriculum pure alla grande distribuzione, la quale (visto la sua esperienza nel campo alimentare) la contatta per offrirle un lavoro da banconista. Il direttore in persona, sentendo piangere la bambina, fa un passo indietro e si rimangia l’offerta asserendo “Ma lei signora ha un grande problema!Ha una bambina!” Simona, assumendo le sembianze di Linda Blair nell’esorcista, lo fanculizza con triplo carpiato e ringrazia il Signore di non avercelo davanti. Ma grazie al passaparola dei fornitori e di vari clienti che la raccomandano manco fosse la nipote del Presidente della Repubblica, riesce a trovare lavoro presso un altro alimentari (ormai è dentro sto tunnel) nel quale lavora tutt’oggi. Nel 2009 apre un blog che si rivelerà fonte di grandissime soddisfazioni e l’inizio di amicizie speciali. Ma questa è un'altra storia.

p.s. che percorso avete fatto per essere dove siete? Mica avete denunciato qualcuno, vero?

:-D

77 commenti:

  1. AHAHAHAH...senti Simo, ma perchè non scrivi veramente un libro! Mi fai morì!
    Che vitona, e che donna che sei!
    Brava brava brava!!!
    Baciotti

    RispondiElimina
  2. Che bello Simo adesso sì che mi sembra di conoscerti! Ho sempre pensato che sei una donna intelligente ed in gamba e adesso ne ho avuta la piena conferma. Un bacione spero di conoscerti di persona un giorno...mica la Toscana è tanto grande se ci troviamo a Firenze non facciamo tanta strada nessuna delle due! Bacioni

    RispondiElimina
  3. Nonostante la tua infanzia selvaggia sei venuta su bene....dai tue post traspare, a parte la simpatia...tutto l'amore e l'affetto che hai intorno e che naturalmente ricambi!!!La tua mamma non poteva aspettarsi di meglio...per quanto riguarda il tuo papa'...meglio una Simo pazzoide che una cravatta fucsia a pois gialli!!!!bacibaciotti

    RispondiElimina
  4. @Senti una cosina un giorno ti parlerò anche dell'editore...
    @ Pellegrine: sipoffà!!

    RispondiElimina
  5. Anche secondo me sono meglio di una cravatta a pois!!! :-DDD

    RispondiElimina
  6. purtroppo non ho mai denunciato nessuno... anche se la lista sarebbe lunga! come mai questo rigurgito biografico?
    :)

    RispondiElimina
  7. Certo che ne hai avute di avventure..tra una risata ed un nooo..mi son letta tutto d'un fiato..Brava Simo, hai tenuto duro e non ti sei lasciata abbattere..devo dire che anch'io ho le me belle avventure belle e brutte e pure un processo in corso per mobbing..!..Quanta brutta gente si incontra, ma questo serve a rinforzarci..anche se io personalmente ho perso fiducia negli altri..
    Brava!

    RispondiElimina
  8. Valepi ogni tanto parte l'embolo!Eccheneso!

    RispondiElimina
  9. Amora mia, ho i brividi e le lacrime agli occhi... sei sempre tu, fantastica, che ti racconti col sorriso e tanto tanto sentimento, ti voglio benissimo!!! Smakkkkkk!!!

    RispondiElimina
  10. ahahahahah!!!! noooooo m'hai fatto troppo ridere!!!!
    grazie Simo!

    RispondiElimina
  11. Simo che storia!!!!
    La racconti con la tua solita ironia anche nelle parti dure, sei una cosa preziosa.

    RispondiElimina
  12. Accipicchia che donna! Tanto di cappello. La vita ti ha tolto tanto ma ti ha anche dato tanto contornandoti di una famiglia bellissima, un marito premuroso e una bimba bella bella. Simo le esprerienze rafforzano e tu ne sei uscita più che bene. Brava!

    RispondiElimina
  13. Ancora una volta, grazie per la condivisione gratuita dei tuoi stupendi racconti.
    Qualora volessi toglierti la soddisfazione di pubblicare un libro, non hai bisogno di rivolgerti ad un editore perchè potresti finanziartelo con la prevendita. Son certo, infatti, che ciascuno di noi, lo acquisterebbe ancor prima della pubblicazione.
    Ti lovvo, Mimmo

    RispondiElimina
  14. Simo sei UNA GRANDE!!! e non per i 57 cm ;)

    RispondiElimina
  15. grande Simo.... quella che si dice una donna con le palle.... anzi no con le ovaie ;)

    RispondiElimina
  16. Ciao Simo,è una vita che manco dal web e dal tuo blog..ma sono tornata :) e vedo che sei simpaticissima come sempre :) mi sono aggiornata ed ora che sono tornata ti avviso che ho aperto un nuovo blog, non bello come il tuo ma...cercherò di renderlo interessante!!ciaooooooooo!! :) e complimenti,diventi sempre + brava ^^

    RispondiElimina
  17. Bello bello bello!!Più ti leggo e più mi piaci!!Penso anche io che te dovresti fare ASSSSSSULUTAMENTE la scrittrice!!!Io correrò subito in cartoleria e dirò a tutti "Io sego il blog di questa qua!!!" ^_^

    RispondiElimina
  18. Simooooooo!!!! Ma meno male che sei venuta fuori tu e non una cravatta!!! ^__^
    E come farei senza di te che mi rallegri le giornate con i tuoi post????
    Baciiiiiii!!!!

    RispondiElimina
  19. è bello conoscerti meglio...l'importante è godere della vita e mi pare che tra alti e bassi tu ci provi con tutta te stessa. baci

    RispondiElimina
  20. Enno, nono ho denunciato mai nessuno, mi sa che sono troppo buona, ricordiamoci la u perchè bona non è un aggettivo che mi si addice! :-D
    E sono arrivata fin qui studiando, lavorando e poi restando a casa con le mie pesti, nulla di sconvolgente...a parte che forse avrei fatto meglio a scappare quando il mio Santo si è presentato! :-DDD
    Baci stella e continuo a che sei una grande te l'ho già detto ma continuo, continuo, continuo....:o)))))
    cri

    RispondiElimina
  21. “Lo sai che preferisco le cravatte”.
    quando smetto di ridere commento a modo!

    RispondiElimina
  22. Una Simo al giorno toglie il medico di torno....e non aggiungo altro...che Dio ti benedica!!

    RispondiElimina
  23. Simo...sei una grande! Con due palle sferiche...così...(va beh fai conto che ho fatto il gesto) comunque...io aspetto un memorandum di quest'anno prima o poi..!!!! Perchè ragazza, sei fortissima.

    RispondiElimina
  24. Sei fortissima, e non dico altro...

    RispondiElimina
  25. Simooooo...amooo....come stai??? E' sempre uno spasso leggerti e...conoscerti meglio... Baci

    RispondiElimina
  26. non è che i tre giorni di travaglio li hai presi per caricarti visto quello che ti stava aspettando? continua così la vita è bella quando non è noiosa e mi sembra che dalle tue parti la noia non esiste Gio

    RispondiElimina
  27. Mia cara meglio te della cravatta...io di una cravatta che me ne fò!!!!!
    Tu invece rallegri le serate con i tuoi racconti e adesso che ho letto queste cose di te mi piaci ancora di più.
    Ciao Leti

    RispondiElimina
  28. e brava simò
    sei una tosta!

    e non te lo dico solo per paura di essere squartato come un coniglio spelacchiato! (ma ti riferivi al fatto che non ho più... peli in testa?)

    RispondiElimina
  29. Stef Grazie, ma mi sopravvaluti!Scrivacchio e niente più :-)
    Emotionally io sto bene, e che non si vede? :-DDD
    Al resto del cucuzzaro:siete fantasticiiiii!!!!
    Anche solo per il fatto che preferite me a una cravatta!Voglio dì... :-D

    RispondiElimina
  30. Sempre più convinto che a me e te ci hanno separato alla nascita................

    RispondiElimina
  31. Dario,mi spaventi. A te ha detto che preferiva un paio di calzini? :-D

    RispondiElimina
  32. Mamma mia ma sei bravissima e a dir poco terapeutica perchè sentire raccontare la vita degli altri, e in un modo così sincero e simpatico, è assolutamente una terapia per il buon umore, una caramella al gusto di nocciola, un maxi pop corn seduti davanti al televisore a guardare "Il tempo delle mele" Fantastica, complimenti.........posso venire a bussare alla tua porta qualche volta?
    Brava!!!!!Un abbraccio Valentina

    RispondiElimina
  33. ...no, mi voleva chiamare ET da tanto ero brutto..

    RispondiElimina
  34. Ecco quello che ci voleva!Un paragone a una caramella alla nocciola, è meglio della cravatta!Grazie Vale, vieni quando vuoi,in casa mia sei la benvenuta!
    Giù in basso c'è anche il divano, fai te...

    RispondiElimina
  35. questo post capita a fagiuolo!!!

    non ti conoscevo, visito per caso il tuo blog....e gia' mi sembra di conoscerti!

    se hai voglia ti invito a visitare anche il mio.

    www.dalbrucoallafarfalla.blogspot.com

    ciao e a presto

    RispondiElimina
  36. complimenti per la forza e la tenacia , certo che nessuno ti ha regalato nulla.
    ma se tutto questo ha fatto si di farti essere quello che sei adesso , e' valsa la pena.
    non cambiare
    baci

    RispondiElimina
  37. uè ma che bello averti incontrata, che donna...che donna.
    Simo è bellissimo leggerti, conoscere la Super Simo con il tuo bellissimo blog.
    Per essere dove sono, non ho denunciato nessuno. Ho fatto un concorso dopo aver lavorato e studiato facendo la bagnina e l'istruttrice di nuoto, ho lavorato i macelleria pure io (pulivo i banconi), ho lavorato per anni e anni in asilo nido e poi sono stata assunta nella pubblica amministrazione senza conoscere nessuno (politicamente parlando), studiando e passando il concorso senza conoscere già le risposte.
    Love U.
    Sei una tostissima!

    RispondiElimina
  38. Brava Simo! Ma io lo sapevo che eri una bella donna forte...e guai a chi la tocca!
    :D

    RispondiElimina
  39. Ma se noi lettori mandassimo.... chessò 10.000 firme ad un editore per spondorizzarti nella pubblicazione di un libro?
    Possibile che non ci sia uno del ramo (no, non un babbuino.......) a leggere queste meraviglie che scrivi?
    Ci sto lavorando Simo... appena mi esce un'idea te lo faccio sapere... nel frattempo solo una cosa: hasta la victoria... siempre!!!!

    RispondiElimina
  40. che palle che c'hai Simo...ops...si poteva dire palle? Non è che mi denunci adesso vero?
    Comunque, grande Simo!
    Ps: anch'io sono nata a fine marzo....vorrà dire qualcosa? Boh
    Baci baci

    RispondiElimina
  41. splendidi sia la confezione (il post) che il contenuto (Simo).
    La Forza scorre potente in te.

    RispondiElimina
  42. Chiara anche tu in macelleria?Brava per tutte le cose che hai fatto e che stai facendo, capisciammè.
    Giaina hai carta bianca ;-)
    Sì Viola, si può dire che palle, haivogliaaaaa!!
    Insight... il mio poeta preferito.

    RispondiElimina
  43. Adesso ti conosciamo ancora meglio, quando dici tu riunisci tutte le tue avventure ed la tua esperienza e ci fai un libro, notte.

    RispondiElimina
  44. Simo, lo sai che ho il vizio di piangere, che ci posso fare mi emoziono, e come sembre mi hai emozionato
    caspita quante disavventure, ma che bella persona che sei e che bella famiglia che hai
    ti voglio bene e ti abbraccio forte forte

    RispondiElimina
  45. Ti ci vedo proprio a prendere a schiaffi i filetti...Tesò, ma questi disegni noi li vogliamo vedere!!!!Io non ho mai denunciato il datore di lavoro, ma un ex psicopatico si...non te lo racconto sennò sai come mi dilungo!!!
    Ti abbraccio forte forte mia donna fortissimissima!!!!

    RispondiElimina
  46. Ah, ah che simpaticona che sei Simo, bravissima...dovresti scrivere un libro, grandeee, :)

    RispondiElimina
  47. wow Simo! che coincidenza...

    RispondiElimina
  48. Mai denunciato nessuno finora. Mai dire mai però!!!

    :DDD

    RispondiElimina
  49. è sempre un piacere conoscerti meglio... anche tu una donna abituata a penà mi sembra....e per farmi conoscere, un giorno scriverò pure io un post... non che interessi a molte persone ma essendo tu una donna curiosa.... almeno la tua curiosità posso soddisfarla.

    RispondiElimina
  50. smack!!!

    arrivato?

    ti lovvo tesò :)

    RispondiElimina
  51. Dimmi che ci saranno altre puntate... Aspettiamo.

    Sabrine

    RispondiElimina
  52. Sabrine ma che è, un film? :-DDDD
    Oh sì dai ne riparleremo.

    iIo donna curiosa?Naaaaaaaaaaa!!

    RispondiElimina
  53. Ecco lo sapevo, adesso passerò tutte le mie ore libere (poche) a leggere a ritroso il tuo blog!

    RispondiElimina
  54. Psycho (psycho?Era la donna che ci mancava!) prendila con calma, mica scappa nulla :-)
    Benvenuta!

    RispondiElimina
  55. una bella storia che ha fatto di te la persona che sei, e come al solito racconti di tutto in maniera unica! un bacione!

    RispondiElimina
  56. Simona, sei trooooppo simpatica, ma perchè non scrivi un bel libro???? Baci cara!

    RispondiElimina
  57. Grazie di essere passata nella mia "expo" di lavori! Un blog del tutto inutile, che ho dovuto aprire per causa di forza maggiore..SGRUNT! Anch'io aspetto altre puntate!

    RispondiElimina
  58. Fai morire dal ridere! Carinissimo il tuo blog...mi hai regalato il sorriso dopo una giornata devastante...mio figlio ha imparato oggi a gattonare e ho passato il pomeriggio a quattro zampe accanto a lui...sono distrutta, ma felice! Ti seguo così mi farai sempre divertire...Passa da me se vuoi.

    RispondiElimina
  59. Questo è sempre il profilo sinistro, vero?
    Anche io sono di fine marzo ma di una altro anno...per fare il conto degli anni che ci separano ho dovuto usare le dita........poi mi sono guardata le mani impegnate nella conta e mi sono vergognata chè il gatto mi stava guardando. Disgustato.

    RispondiElimina
  60. Favolosa!!!..nulla che dire!!!:)
    Vienimi a trovare http://selenia-levolchanel.blogspot.com
    Adesso una dei tuoi "F"
    Baci baci

    RispondiElimina
  61. Sei simpaticssima! E scrivi molto bene!

    RispondiElimina
  62. Ciao Simo!
    Oooooooooooh, finalmente ho un po' di tempo per commentare.
    No, perchè il post l'ho letto due giorni fa, ma figurati se mi lasciano (i miei uomini garndi e piccoli) il tempo per lasciarti due righe.
    Perchè io decisamente parlo poco e dunque mi sarebbero bastati pochi attimi per dirti ciò che mi passava per la testa.
    Ma i miei uomini, no, non si sono fidati!
    Che gente malfidata che mi gira per casa!!!!
    ...
    Cosa volevo dire???
    Ah, sì, che la tua story mi è piaciuta un sacco e che in certe occasioni abbiamo avuto cose in comune...almeno mi è parso.
    Se non ho capito male lo sport era la pallavolo, no?
    Beh anche io!!!
    E il mio ammmore l'ho conosciuto proprio per la pallavolo...solo che non mi allenava...il mio allenatore gli ha fregato il posto!UAHUAHUAH!...Ma poi lui giocava in una squadra maschile che si allenava giusto dopo di noi!♥_____♥
    Eppoi che dire, come ti racconti mi piace sempre e mi fai schiattare, tipo quando hai scritto: "Simona dalla felicità è arrivata a lanciare bistecche e infilzare i polli cantando “Nella vecchia fattoria”", AHAHAHAH!
    Come sono felice di passare di qua e anche secondo me sei decisamente meglio di una cravatta...decisamente!!!^___^
    Visto...alla fine che c'ho voluto a commentarti...giusto due righe...°____°
    ^___^
    Bacio.
    Nunzia

    RispondiElimina
  63. Tesò, premio per teee :-)
    http://atavolacon.blogspot.com/2011/01/ricetta-il-premio.html

    RispondiElimina
  64. ciao pazza! sai che sei troppo simpatica? ho lasciato un piccolo pensierino per te sul mio blog. Vai a vedere..ciao baci,Kiki

    RispondiElimina
  65. Simo, ci riprovo....se non riesco nemmeno stavolta mi impicco con la cordicella del mouse...sei una grande simo...sto leggendo il tuo blog (gli arretrati)ma quanto scrivi???;-)
    Mi firmo perchè non so come andrà a finire sto commento
    Irene(la rinco di fb)

    RispondiElimina
  66. ecco lo sapevo..mi impicco...vabbè Simo per te sono Info...
    Permettimi di usare lo stesso termine che usi tu con le tue amiche blogger...
    ...TI LOVVO Simo...
    ciao Irene anzi no Info

    RispondiElimina
  67. Pensavo di conoscerti, ma in realtá leggendo questo post ho conosciuto nuove cose di te.
    Ho sempre pensato che fossi in gamba ma accidenti..... Che storia la tua vita! Ora capisco perchè sei così tosta!
    Un bacio dalla Pica che ti vuole bene, anche se è ormai latitante

    RispondiElimina
  68. In questo periodo in cui sono molto giù e mi sento di aver perso le forze e la fiducia in me stessa ti dico che c'è sempre da imparare dalle donne combattive...grazie per quello che ho appena letto!!
    Elle

    RispondiElimina
  69. Ciao Simo, sono Maria Grazia del "Il Blog di Picetto", ti ho trovata per caso e da oggi divento una tua lettrice. Il tuo blog è splendido e tu sei una vera e propria simpaticona, leggere i tuoi racconti è un vero e proprio spasso! Saluti
    M.G.

    RispondiElimina
  70. Ciao! Sono approdata al tuo blog ora ora e già mi piace! Leggere la tua storia, realissima e scanzonata,mi ha fatto sorridere... prendere la vita di punta può anche far prendere delle belle legnate, ma dal racconto mi sembra che a te, dai e dai, abbia portato delle bellissime soddisfazioni! :) Un saluto, Letizia

    RispondiElimina
  71. Cara Simo, abbiamo cominciato a leggere dall'inizio la tua storia... troppo figa! A poco, a poco ripercorreremo tutte le tue storie... mica possiamo rischiare di perderci qualcosa!!! Comunque siamo d'accordo con molti altri, dovresti scrivere un libro, troppo brava.
    Un bacione

    RispondiElimina
  72. Sei troppo simpatica!!!Ti ho subito salvato tra i miei preferiti...come non farlo? Maria Grazia

    RispondiElimina
  73. Ciao, posso unirmi al cerchio intorno al camiono? Magari busso con i piedi e porto qualcosa da mangiare, che ne dici?
    Mi piace il tuo approccio alla vita, l'autoironia e la grinta.
    Tornerò.
    Raffaella

    RispondiElimina
  74. Complimenti per tutto_
    Anch'io sono stato alla prova del cuoco_
    bella esperienza_
    ciao.

    RispondiElimina
  75. Ma quanto mi piaci! Ritornerò assiduamente. Grazie per le risate che mi fai fare.

    RispondiElimina
  76. sono contenta di averti scoperta tornero mi fai sorridere!

    RispondiElimina

Nel frattempo, visto il periodo, vuoi una tazza di thè?

LinkWithin

Related Posts with Thumbnails